padovafotografia1.jpegE’ iniziato sabato 9 marzo il primo festival indipendente che Padova dedicato alla fotografia. il Padova Fotografia Festival arrivato al secondo “turno” di una ricca programmazione che da domani sabato 23 marzo al 6 aprile 2013 porterà il festival a raggiungere un programma complessivo di 46 mostre8 workshop9 incontri5 presentazioni.

Il festival, organizzato, promosso e curato dall’associazione culturale Sabspace è realizzato con la collaborazione del Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, con il patrocinio della Provincia di Padova e dell’Università degli Studi di Padova – Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell’Arte, del Cinema e della Musica. Media Partner Il Gazzettino. [Continua a leggere]

Alberto Botton

aboutme.abotton

 Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

Colli-Euganei-in-Veneto.jpg

Buongiorno a tutti, 

vi siete dimenticati di me? mi auguro di no! Sono di nuovo carica e pronta per saziare le vostre menti e i vostri stomaci raccontandovi un’altra puntata enogastronomica all’interno della rubrica di cui mi occupo da ormai più di 6 mesi, la quale continuo a ripetere, mi sta dando grosse soddisfazioni poiché riesco a tenermi legata (virtualmente) a casa tramite la scrittura e a quello che amo di più: i dolcissimi declivi  dei Colli Euganei.

Come già detto da Alberto, l’opportunità di poter parlare della nostra città e dei dintorni su questa piattaforma sta per svanire. Essa verrà dismessa e la maggior parte dei contenuti vecchi e nuovi la potrete ritrovare direttamente sul nostro nuovo sito: blogdipadova.it, indicativamente a Marzo. Il tutto ci sta tenendo un bel po’ impegnati, ma si sa.. senza sacrifici non si ottiene nulla.

Ritorno su un post scritto da me settimane fa in merito alle relazioni che si possono creare attraverso la rete, continuo a crederci costantemente e vivamente, la rete è un’infrastruttura che riesce a mettere in collaborazione tante teste e ogni giorno mi fa conoscere persone decisamente interessanti. Intatti, grazie alla community patavina di Google Plus, gestita da me ed Alberto ogni giorno riceviamo diverse interazioni con differenti soggetti: il turista, il ragazzo che è stato a Padova per l’esperienza Erasmus, alla piccola media impresa che pubblica i propri contenuti. E’ proprio su Google plus che ho conosciuto Letizia, lei si occupa della community Umbria 2.0 e la stessa mi ha raccontato della splendida iniziativa denominata “Umbria for #winelovers” l’evento per tutti i bloggers amanti del vino che in occasione della festa di San Valentino si sono riuniti a Terni per scoprire e far conoscere il nettare umbro. Sempre su Google plus mi è stato chiesto di provare ad immagine un viaggio attraverso il gusto, quindi pensare ad un periodo ed associarlo al piacere degustativo.

Lunedì mattina mi è venuta un’ottima idea, mentre mi allontanavo dal mio paesino in provincia di Padova e guardavo la pianura, perché non raccontare attraverso un contest un viaggio sui Colli Euganei? E la cosa che ha incrementato l’idea è stata la partecipazione alla Social Media Week a Milano, specificatamente ad un intervento sull’utilizzo dei Social Media applicato al settore food!

giuggiole_38543.jpg

I gotha del settore enogastronomico (giornalisti, critici enogastronomici, blogger) hanno dichiarato di amare facebook come utenti personali, ma per la professione trovano davvero interessante instagram. Quando ho sentito nominare il mio social preferito mi sono illuminati gli occhi, poiché instagrammare è uno dei miei hobby preferiti e siccome solitamente catturo su instagram cibo, vino e birra, non potevo che pensare di proporre a qualche azienda sui Colli Euganei e non solo di attivare un contest in un’ottica futura, ad esempio durante un evento come Cantine Aperte 2013. Ho già partecipato ad un contest organizzato da Alessandro Callegaro durante la Festa della Giuggiola ad Arquà Petrarca (foto AbanoMontegrottoSi) durante il quale ho anche vinto il famosissimo “giuggiolino” dell’azienda Agricola Scarpon (l’unica azienda sui Colli Euganei autorizzata a raccogliere flora spontanea) e produce olio extra vergine, il brodo di giuggiole e l’estregone: l’infuso di erbe officinali.

Tutta questa bella trafila di strane idee nella mia mente, per dirvi che nel nostro nuovissimo blogdipadova.it potrete trovare sia una sezione in cui continuerò ad occuparmi di enogastronomia con tutte le relative sottosezioni inerenti il territorio euganeo sia una sezione all’interno della quale potranno trovare spazio varie iniziative tra cui contest instagram dedicati alla nostra città e al paesaggio circostante.

Colli euganei, contest, blog di padova, viaggio colli euganei, padova

Mi auguro veramente di riuscire a coinvolgere le diverse realtà che ci circondano, poiché esse meritano una reale visibilità, e non c’è niente di meglio che il mondo social per realizzare tutto questo.

 


Salute!

S. 

http://about.me/silviatiberto

 

Socializza con il Blog di Padova!

 

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

 

orologio.jpgBuon venerdì è un piacere rivedervi. Tutto bene? “Sieti caldi?” come disse Madonna in uno dei suoi primi concerti in Italia? Molto bene, anche perchè ne avrete bisogno in questo fine settimana padovano. Mentre stavo per mettermi a scrivere, rivedendo gli appunti presi per questo post, improvvisamente ho avuto una sorta di allucinazione visiva. Avete presente un prisma triangolare? Per chi non fosse un patito di geometria ma fosse amante del rock è quella piramide che si trova raffigurata nella copertina di dell’album “The Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd. Se vi entra raggio di luce ne esce tutto lo spettro dei colori. Nel mio trip mentale, questi fasci colorati entravano a loro volta in altri prima generando nuovamente altri fasci di colore e così via all’infinito.
cromatica manifesto.jpgQuesta immagine rende piuttosto bene il numero di eventi, concerti e appuntamenti che avranno luogo in questo fine settimana di carnevale. Grazie a Cromatica possiamo tranquillamente dire che ce n’è veramente di tutti i colori e per tutti i gusti. Dell’iniziativa ne hanno già parlato diffusamente sia Silvia che Alberto per cui, un po’ pigramente, vi rimando ai rispettivi post per un approfondimento e soprattutto al molto ben curato e aggiornato sito www.carnevalepadova.com. Ma non perdiamoci ulteriormente in preamboli e tuffiamoci nel caleidoscopico mare di eventi del weekend da venerdì 8 a domenica 10 febbraio.

Parto dagli incontri con l’autore per segnalarvi che venerdì 8 febbraio alle 16.30 alla Libreria Laformadelibro di via XX Settembre sarà ospite l’attore teatrale, regista, scrittore e drammaturgo Ascanio Celestini che presenterà il suo ultimo libro “Pro patria” (Einaudi 2012), storia di un detenuto condannato alla reclusione ascanio-celestini-pro-patria-69-46.jpgfino al giorno 99 del mese 99 dell’anno 9999 e del suo “Discorso sulla controvertigine”, in compagnia del fantasma di Mazzini, di un secondino detto «l’intoccabile» e del «Negro Matto Africano», che ha trovato un sistema infallibile per evadere. Se al piacere di una buona conversazione volete unire anche la salutare attività della passeggiata culturale fatevi trovare alle 17.30 al Bar del Palazzo del Bo da dove partirà un minitour nel cuore della città, alla ricerca di aneddoti, curiosità e sapori di Padova con Paola Tellaroli, autrice di “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita” (Newton Compton Editori). Possiamo poi venendo verso il Liston fermarci alle 19.00 allo Spazio Superflash Store in piazza Cavour per assistere alla presentazione del libro “Il potere è nella mente” (Rizzoli) del mentalista italiano Francesco Tesei. Sempre venerdì, spostandoci però al San Gaetano alle 21.00, non possiamo perdere l’incontro con Gene Gnocchi condotto da Pierangelo Serio e Isacco Tognon. Quattro chiacchiere informali per parlare di lui, di noi e del mondo con un vero fuoriclasse della comicità. Domenica 10, sempre al San Gaetano, sarà ospite anche il regista-autore Enrico Lando che, dal 2009 dirige, per MTV, la fortunata serie televisiva, nonchè due fortunati film, de “I Soliti Idioti”.

Appnti-per-una-corretta-gestione_Federico-paino_2.jpgIn questo weekend non possiamo tralasciare anche il teatro. La programmazione sempre ricca del circolo Carichi Sospesi propone, venerdì 8 alle 21.30 il terzo appuntamento con la rassegna “Carichi di Scena”. Sul palco di vicolo portello lo spettacolo “Appunti per un’accorta gestione demografica”, monologo, di e con Federico Paino, vincitore del Next Generation Festival 2012. Un uomo solo con se stesso in una stanza vuota in un silenzio artificiale, fitto di rumori impercettibili e indeterminati in cui solo dalla segreteria arrivano gli unici segni umani dal mondo esterno. Nella vita perfettamente organizzata di un impiegato qualunque, che anonimamente coltiva in segreto ideologie razziste e violente, deliri apocalittici, ma anche tenere aspirazioni amorose, timori e premure infantili e comiche, irrompe un delitto compiuto “senza colpa”. Al Piccolo Teatro in via Asolo è in cartellone “Il marito di mio figlio” commedia degli equivoci di Daniele Falleri a cura di Teatro delle Lune di Montebelluna con la regia di Roberto Conte. Al Gran Teatro Geox, per tutto il aldo-giovanni-e-giacomo.jpgfine settimana è protagonista, invece, il trio comico più famoso d’Italia, Aldo Giovanni e Giacomo che, a sette anni dal successo di Anplagghed, spettacolo campione assoluto di incassi nella stagione teatrale 2005/2006, tornano a esibirsi nuovamente dal vivo.

Per la musica abbiamo solo che l’imbarazzo della scelta. Per gli appassionati musica classica, venerdì 8 febbraio alle 20.15, il Quartetto Auryn, accompagnato dalla viola di Volker Jacobsen, eseguirà all’Auditorium Pollini, il Quartetto in fa maggiore di Grieg, il Quintetto op. 97 di Dvorak e il Quintetto op. 88 di  Brahms.

Notevole anche il numero degli appuntamenti dedicati al jazz. Venerdì 8 febbraio al Pedrocchi suonerà un ensemble giovane ma ormai già affermato sulla scena jazz nazionale, gli Or-Crank Trio, con Enrico Di Stefano al sax tenore, Giulio Campagnolo all’organo hammond e Andrea Davì alla batteria. Sabato 9 proseguono, inoltre, gli appuntamenti con la rassegna “Ombre di Jazz” alla Risorta 2-guano_padano.jpgOsteria del Refosco di via Carlo Cassan che vedrà protagonista il trio “Standard Socks”, composto da Simone Massaron alla chitarra, Giulio Corini al contrabbasso e Nelide Bandello alla batteria. Il trio proporrà standard e improvvisazioni basate sull’interplay, concetto presente anche nella musica colta ma che nel jazz ha trovato la sua massima esaltazione. Domenica 10, invece, all’Osteria 3 Quarti di Riviera Mugnai jazz lunch con i Guano Padano, una band che vede Danilo Gallo al basso, Alessandro “Asso” Stefana alla chitarra e Zeno De Rossi alla batteria, questi ultimi in forza stabile alla band di Vinicio Capossela. Per il fine settimana, inoltre, lo  Spazio Gershwin, ha curato esibizioni live in via Santa Lucia e via Altinate, a base di swing e jazz da New Orleans a Chicago.

Il Terminal di Padova propone, venerdì 8 febbraio, una “pulp night” dedicata alle atmosfere, e alle colonne sonore, dei film di Quentin Tarantino. Sul palco di via Palestro si esibirà lo Stefano Silenzi Blues Trio. In questo progetto, Stefano Silenzi,  silenzi3.jpgtorna, alla chitarra elettrica, suo elemento naturale e alla voce accompagnato come sempre da musicisti d’eccezione: Ivan Prevedello al piano, Max Gagno al basso e Bob Parolin alla batteria. Una serata con rigoroso dress code in onore del regista di Pulp Fiction, Kill Bill e di Django Unchained. Sabato 9 sarà il turno degli Still Stones, gruppo di amici con la passione per la musica, che nel 2009 cominciano a proporsi al pubblico con gli energici e sempre attuali brani dei mitici Rolling Stones, riarrangiati per una band di cinque elementi: voce e armonica, due chitarre, basso e sassofono, batteria. Mentre domenica spazio alla musica rock a 360 gradi con il gruppo dei The Roller.

Al Fishmarket venerdì 8 febbraio si compirà un viaggio trentennale nel blues, al fianco di stelle come Etta James, Taj Mahal, John Mayall, Robben Ford e Brian Auger. Protagonista Rudy Rotta, un vero eroe delle sei corde che riproporrà dal vivo brani tratti dall’ultimo disco “Blue Inside” e le pietre miliari di una carriera che l’ha portato ad essere celebre anche negli Stati Uniti.

soft-pack-sito.jpgSe amate il sound dei Velvet Underground, The Stooges e dei The Strokes l’appuntamento è, invece, sabato 9 febbraio ore 21 al Bastione Alicorno in Piazzale Santa Croce con i The Soft Pack.  Canzoni veloci e dirette, costruite sui riff di chitarra con un’energia punk, suoni abrasivi figli del garage rock anni Sessanta e del lo-fi americano degli anni Novanta. Sempre sabato 9 febbraio alle ore 21,30 ai Carichi Sospesi il live ribollente dei Bube Sapràvie, una miscela originale, minestrone ribollente di vegetali ispirazioni da cui spuntano echi circensi, nostalgie Osteuropee e Sudamerindie, voli spaziali e molto altro ancora.

Si chiude, infine, domenica 10 in Piazza dei Signori con il grande concerto di Carnevale con Miki & Gio, i Tunatones, i Mannachi, Ska J e i Megahertz che accompagneranno l’aperitivo dalle 16.00 alle 21.00 Una festa musicale gratuita, un regalo per tutta la cittadinanza e i visitatori di Cromatica, il nuovo carnevale di Padova.

2013-granballo-pedrocchi.jpgNon si può tuttavia dimenticare una delle tradizioni carnevalesche per eccellenza: il ballo in maschera. Venerdì 8 febbraio, alle ore 20.30, nella splendida cornice del Caffé Pedrocchi, Team for Children ha organizzato un  Gran Gala di beneficienza a sostegno del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova. Dopo l’aperitivo, a cui sarà abbinata una selezione di degustazioni enogastronomiche proposte dal Caffè Pedrocchi, seguirà la cena di gala servita nella prestigiosa Sala Rossini accompagnata dalle note del Conservatorio Pollini. L’eleganza e la raffinatezza musicale del dj Fabio Parodo e la simpatia di Nanà Saturno chiuderanno la cornice di una notte indimenticabile dell’eleganza, tra maschere, colori e costumi d’epoca nel cuore della città. (per informazioni Team for Children T. 346-0027482 o Caffè Pedrocchi T. 049 878 123).

bellitalia-logo.jpgRimanendo in tema enogastronomico non posso esimermi dal segnalare che durante tutto il fine settimana nei moltissimi bar e caffè di Padova verranno proposti aperitivi e degustazioni a tema con il carnevale e con i colori di Cromatica. Tra le molte iniziative segnalo che venerdì 8 febbraio, al Ristorante Per Bacco di Pontecorvo la serata inizia con un aperitivo infuocato a base di Bloody Mary e prosecco. Per chi resta a cena il colore rosso farà da filo conduttore dal ragù al pomodoro che tingerà i primi piatti a quello dello spezzatino, passando per qualche chicca a sorpresa. Sabato 9, invece, alla Boutique del Gusto perbacco.JPGLa Fenice in via Santa Lucia, dalle 18.00 alle 20.00 avrà luogo una degustazione di vini accompagnata da musica dal vivo, racconti di cibo e di vino e delle vite di chi li produce. Evento clou della “Cromatica da Gustare” sarà, da domenica 10 a Martedì 12 in Prato della Valle, la manifestazione “Bell’Italia”, una grande esposizione enogastronomica che punta alla riscoperta di prodotti tradizionali ed a marchio certificato dalle Regioni italiane.

A rallegrare l’atmosfera vi saranno inoltre “presentazioni guidate al gusto”, spettacoli teatrali, giochi per bambini e musica.

E direi che con questo vi ho, come si dice, “conciati per le feste”. Non mi rimane che addentare l’ultima frittella e augurarvi un felice ed intenso fine settimana.

A venerdì prossimo

Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it

 

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

Buongiorno a tutti, padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova

come ben sapete, sono a Milano e in questa
lucente giornata – contrariamente da quanto si pensa, Milano,  sa essere soleggiata – , mi è venuta voglia di primavera. La primavera è la mia stagione preferita: poiché tutto rinasce, si risveglia, ricominciamo a sentire profumi, vedere i primi fiori e i primi colori. E quali sono i colori che ci vengono in mente in questo periodo? Noi del Blog di Padova ci cromatizziamo con il rosso, il giallo, il blu ed il verde di Cromatica 2013 – Il Carnevale di Padova – . Padova si colora e offre un carnet di eventi a dir poco entusiasmanti.

In questo post, data la pertinenza con la mia rubrica “enogastronomia e territorio” era giusto mi concentrassi sugli eventi green theme, e poi, lo ammetto è uno dei miei colori preferiti! Gli eventi all’interno del contenitore verde sono davvero molteplici, io vi parlerò solo di quelli che frequenterò e ovviamente racconterò, “instagrammerò”.. dopo averli vissuti e degustati, poiché essi sono di carattere enogastronomico e di promozione territoriale. (I miei preferiti, ma non ditelo a nessuno!)

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovaCon amarezza non potrò essere presente al Centro Culturale San Gaetano dove ci sarà un vero e proprio elogio-presentazione a/di Gene Gnocchi, il fuoriclasse della comicità Italiana ci racconta  che musica ascolta, cosa legge e soprattutto cosa mangia, poiché alla Trattoria Paccagnella e alla Trattoria Dante alle Piazze ci sarà il menu cromatizzato personalmente dal comico e guardate un po’, come primo ha scelto proprio i tortelli alle erbette. E dunque, io mi chiedo, si tratterà di erbette dei Colli Euganei  .

Sabato 9 Febbraio, dalle 18.30, il contenitore green si fa ancora più interessante, si parte con l’aperitivo presso il Bar “lo sfizio” accompagnato dalla mostra fotografica da Giovanni Stecca “questione instagram”, un’esposizione che vuole essere un invito a distinguere le fotografie scattate da uno smartphone da quelle scattate da una macchina, un aperitivo critica? O un aperitivo costruttivo/ev

olutivo? Lo scopriremo insieme!

Nello stesso orario, ci si può immergere in un’atmosfera bohèmienne: “uno stile di vita espresso attraverso rapporti sessuali extramatrimoniali, frugalità e povertà volontaria”… ecco no, limitiamoci ad assaporare la poesia del gusto e soddisfiamo i sensi con l’aperitivo dei poeti alla Caffetteria Pane e Miele di Riviera Tito Livio e proviamo l’assenzio servito alla francese, flambè o bohèmienne.

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovaE volete davvero immergervi nello charme francesce a 360° andate al Sogno d’Incanto, vicino a Prato della Valle, dove troverete promettenti abbinamenti (definiti tali da una vera degustatrice: Stefania Pompele) di pralineria francese e macarons accompagnati da birre artigianali belghe.

Domenica 10, invece, l’obiettivo e la parola d’ordine è: qualità e da non perdere è  l’esposizione/ manifestazione Bella Italia – il progetto organizzato da Explicom e dal Comune di Padova al quale parteciperanno cento operatori del settore per il sesto anno consecutivo nella più grande e suggestiva piatta Patavina: il Prato della Valle. 

Salute!

 

S.

 

http://about.me/silviatiberto

 

 

 

Socializza con il Blog di Padova!

 

 

 

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova

  

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevale

Finalmente ci siamo! Da domani, martedì 5 febbraio e per tutta la settimana fino a martedì 12, la città verrà investita da una mareggiata di colore grazie alla prima edizione di Cromatica, il nuovo (e primo) carnevale di Padova! Già vi avevo presentato questa iniziativa lunedì scorso (rileggi il post!) ma quest’oggi, alla vigilia, ho pensato di sottolineare nuovamente come con Cromatica, anche Padova,  grazie alla professionalità e alla creatività di Vintage Factory, voglia proporsi in modo originale ed innovativo come città in cui il carnevale possa essere vissuto e festeggiato in modo festoso coinvolgendo tutta la città facendo leva sulla sua voglia di esprimersi e di ergersi a protagonista.

E’ un momento di crisi e di difficoltà economiche per molti ma Cromatica può rappresentare quella forza rivitalizzante per fare scorta di energie positive, di creatività, di fantasia per affrontare anche le sfide più difficili. La negatività ed il grigiore non portano a niente…mentre il colore si!

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevaleIl centro storico diviso in 4 aree colorate, anche le porte della città saranno illuminate la luci colorate a tema. I colori che dipingeranno il Carnevale di Padova saranno quattro: l’energizzante rosso legato alle emozioni, passione ed energia, il verde simbolo dell’equilibro che rimanda alla natura e al riutilizzo, la scintilla del giallo che stimola creatività ed allegria e infine il blu del relax, riflessione ed armonia. L’obiettivo sarà dunque quello di colorare la città coinvolgendo cittadini, turisti ed esercenti.

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevale

Oltre l’80% di questi ultimi hanno già aderito e daranno il loro contributo in termini di organizzazione eventi presso i loro spazi piuttosto che con vetrine colorate e decorate a tema, oltre che con offerte promozionali (leggete il sito per informarvi su queste). Oltre 150 eventi già organizzati, la proposta ai cittadini di partecipare attivamente interpretando la filosofia del colore con un accessorio, un capo di abbigliamento, un nastro colorato, un cappello o qualunque cosa vi suggerisca la fantasia, piuttosto che un abbigliamento monocromatico…eheh. Poi ben accetti saranno quei cittadini che gireranno per la città con un costume tradizionale, vestiti da zorro, o da Arlecchino, da Brighella…speriamo di non sgamare una Banda Bassotti intenta davvero a rapinare una banca, eheh. 

Il centro organizzativo di Cromatica è e sarà per dura la settimana il sito web: www.carnevalepadova.com e la pagina facebook: https://www.facebook.com/CarnevalePadova.  Qui troverete il programma ma potrete anche carpirne la filosofia di questo festival carnevalesco che è riuscito a mettere in rete in modo ottimale realtà culturali ed associative della città, con gli esercenti e le istituzioni e le associazioni di categoria. Insomma un format e un’esperienza che credo saranno altamente formative per tutto il sistema cittadino. Insomma..si parla di vivacizzare il centro storico, i locali e creare alternative allo spritz? Bene, direi che un programma di eventi culturali popolari per tutti nel centro storico della città potrebbe/dovrebbe essere la regola tutto l’anno e così l’opportunità di valorizzare il protagonismo e la voglia di fare degli esercenti più virtuosi!

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevale

Per i giorni di Cromatica, il centro logistico di riferimento darà il centro culturale Altinate-S. Gaetano dove tutti coloro che vorranno mantenere la tradizione in maschera del carnevale potranna sfoggiare i loro costumi o i loro look cromatici durante live music, dj set e spettacoli di danza. Al centro culturale anche la mostra “Carnival: Lost in Fashion” (8-9-10 febbraio, Agorà – Centro Culturale San Gaetano dalle ore 11.00) organizzata dall’Antico Atelier, che offre una vasta escursione visiva tra modelli di abiti storici in seta, perle e pizzi fino ad arrivare all’interpretazione artistica dell’abito fashion con bustini scultorei in resina che racchiude in sé il desiderio del bello che “lascia senza fiato.”

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevale

Come detto gli eventi organizzati sono davvero tanti ed il sito rimarrà aperto ed aggiornato in tempo reale affinchè venga utilizzato per organizzare eventuali altri eventi. Guardate il programma! Ce n’è davvero per tutti i gusti, a tutte le ore del giorno e anche della notte visti i concerti e le serate nei locali notturni della città!

padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevaleCome ha segnalato anche il “Mattino di Padova”, tra gli eventi in programma da segnalare il minitour per Padova assieme a Paola Tellaroli, autrice del libro «101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita», le commemorazioni goliardiche dell’8 febbraio 1848, la vita notturna nei club della città come la serata al Q-Bar con l’atteso Tablao Flamenco a cura di Scuola Gershwin, gli aperitivi, i dj-set, i concerti jazz, gli appuntamenti con Sugarpulp, l’esclusivo Galà di beneficenza in costume d’epoca al Caffè Pedrocchi, con il supporto di Team for Children in favore del reparto di Oncoematologia Pedriatica di Padova, il grande concerto “Cromatica live” in piazza dei Signori con un susseguirsi di gruppi elettrizzanti tra cui gli Ska-J.

Per gli appassionati di fotografia con il cellullare, ed in particolare gli appassionati della community di Instagram, segnalo l’iniziativa degli @IgersPadova in collaborazione con lo staff di CromaticaColorate anche voi la città scattando le vostre foto con Instagram e taggatele con #cromaticapadova e #igerspadova. La foto più bella verrà premiata con un cromatissimo premio. http://instagr.am/p/VM3BFWBm1P/

A tutti i turisti in arrivo a Padova e volessero cogliere l’occasione per visitare la città segnalo la PadovaCard, uno strumento per visitare i monumenti, le attrazioni culturali in modo vantaggioso (molte gratuità!) ed approfittare delle promozioni sulle principali esposizioni aperte in città!

Dai che da domani “ne faremo di tutti i colori” (!!) e vi voglio tutti cromaticissimi! 😉

 padova,blog di padova,padova blog,carnevale padova,turismo padova,turismo veneto,veneto,cromatica,cromatica 2013,carnevale

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Internet ed i social network hanno conosciuto negli ultimi anni una diffusione impressionante tale da ricoprire oggi un ruolo fondamentale nella comunicazione e nel marketing, visto il gran numero di utenti che rappresenta ormai da tempo un bacino irrinunciabile dentro al quale aziende di tutti i tipi cercano di comunicare con la loro clientela, coltivare una relazione con loro e anche immettere sul mercato la propria offerta. Che si tratti di un locale notturno piuttosto che di un’azienda produttiva o di servizi, a prescindere dal settore, un’associazione culturale o un ente pubblico, un po’ tutti cercano di affiancare ai tradizionali strumenti di comunicazione anche quelli “digitali”, da quelli più semplici a quelli più avanzati, per diffondere informazioni, fidelizzare e relazionarsi con un cliente, attuare campagne e strategie di marketing. E’ evidente

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

D’altra parte, se è vero che i social network sono utilizzati un po’ da tutti è anche vero che non ci si può improvvisare social media manager ed esperti del settore solo perchè si è in grado di condividere qualche link o caricare qualche foto. “Facebook, infatti, rappresenta solo la punta dell’iceberg”, così come altri social network poichè questi solo una parte di una campagna di comunicazione e marketing e strumenti integrati all’interno di strategie ben più ampie e complesse. Quest’oggi vi segnalo la loro pagina! Così mi han detto i “ragazzi” di K-For Media. Per K-For-Media, una società padovana giovane ed in espansione che si occupa di business digitale, di comunicazione e marketing sul web e di social media, soluzioni e-commerce, web marketing, indicizzazione sui motori di ricerca, oltre a soluzioni dedicate al mobile, questi temi sono “pane per i loro denti”. Li ho incontrati qualche giorno fa, Alberto Antonello (Project Manager K-for Media), Caterina Teano (Community Manager K-for Media) e Gianluca Parisella (Web Strategist K-for Media) che si avvalgono di molti collaboratori per portare avanti le molte attività quotidiane.

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Di seguito vi presento con piacere da questo mio “osservatorio” una loro iniziativa che inserisco nella rubrica “Padova creativa” assieme ad altre proposte e realtà che testimoniano come a Padova ci sia un certo fermento “creativo”. Creatività nel settore del marketing e della comunicazione web che presuppone un’attività i cui risultati necessariamente debbano essere tracciati, misurati e quantificati in relazione alla prestazione richiesta dal cliente e al suo prezzo, per cui creatività non fine a se stessa ma come mezzo per raggiungere risultati concreti e tangibili per il cliente. In questo blog scrivo spesso di turismo e segnalo che K-For-Media è tra le “nomination” di Hospitality Social Awards, il primo premio italiano per le eccellenze del Social Media Marketing nel turismo! Votiamoli! http://www.hospitalitysocialawards.it/vote.html

Vi segnalo il nuovo sito di K-For-Media (presto on line) e quello attuale  http://www.k-for.it/ .Consiglio inoltre a tutte le persone interessate a queste tematiche di diventare fan della pagina facebook di K-For Media poichè è spesso aggiornato con approfondimenti, curiosità ed aggiornamenti grazie ai quali arricchire la vostro conoscenza/competenza su queste tematiche. 

L’iniziativa che volevo presentare oggi è fissata per il 9 novembre, presso il Centro Congressi Padova “A. Luciani” in via Forcellini 170/A, Padova; si tratta di un workshop dal titolo “SOCIAL BUSINESS & RELAZIONI DIGITALI”, organizzato per l’appunto da K-for-Media. Si tratta di un workshop formativo dedicato alle Aziende del Nordest per acquisire la consapevolezza degli strumenti digitali e delle nuove possibilità di Business. Parleremo di Social network e non solo…Il programma con il modulo di iscrizione è scaricabile a partire da qui: http://bit.ly/SocialBusinessPadova.

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Il programma della giornata, dalle 9,30 alle 18,00 prevede:

# Cos’è il Social Web: overview sui mezzi di comunicazione digitali e le opportunità per le aziende

# Non solo Facebook: tutti gli strumenti necessari per un piano di Marketing Mix nelle diverse dimensioni della comunicazione aziendale 

# Il Rapporto Agenzia/Azienda: analisi dei risultati, metriche di rilevazione e calcolo del ROI, workflow operativo e risk management

# Dalla Content Curation alla Content Creation: l’importanza del contenuto e i concetti del Marketing Virale

# Offline vs online: come tradurre in rete le attività reali e viceversa come adeguare la propria operatività nei confronti dei nuovi strumenti digitali

# Diritto della Rete: nomi a dominio, marchi, Copyright, Creative Commons e molto altro ancora

# Arcadia Consulting presenta i fondi interprofessionali per la Formazione

Il costo di iscrizione al workshop è di 120,00 € + iva e per iscriversi occorre effettuare il bonifico bancario e inviare via mail (a info@kformedia.it) o fax (allo 049/8079417) il modulo di adesione debitamente compilato (qui in download http://bit.ly/SocialBusinessPadova). E’ previsto lo sconto del 20% per l’iscrizione di un secondo eventuale partecipante della stessa azienda. Il termine ultimo per le iscrizioni è Lunedi 5 Novembre mentre l’effettivo svolgimento dell’evento sarà comunicato Venerdì 2 Novembre 2012. In caso di annullamento dell’evento le quote di iscrizione saranno interamente rimborsate.

Il programma con il modulo di iscrizione è scaricabile a partire da qui http://bit.ly/SocialBusinessPadovaPer informazioni potete scrivere a info@kformedia.it o chiamare il numero 049/8172909.



Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Questo settembre Padova dimostra, grazie a giovani dalle idee chiare, alla loro passione e alla fede in ciò che fanno di essere una città che può avere una sua centralità nella scena nazionale. Basta sentire giovani che parlano di Milano e/o Bologna come uniche realtà “cool” in opposizione a Padova che invece non offrirebbe nulla…Non se ne può più! Del Padova Vintage Festival in programma questo fine settimana vi ho scritto nel post di lunedì come di un evento di livello nazionale così come lo è senz’altro il Sugarpulp festival di cui vi parlo oggi in programma a fine mese. Dal settore della moda vintage e non solo alla letteratura noir e non solo due eventi pazzeschi che spero possano incoraggiare altri giovani ad intraprendere percorsi simili in altre nicchie o settori.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Sugarpulp Festival quindi, giunto alla sua seconda edizione, in programma il 28, il 29 ed il 30 settembre a Padova presso il centro culturale Altinate-S.Gaetano, il festival dedicato alla letteratura noir, pulp, thriller pensato ed ideato da Sugarpulp.it, sito di riferimento del giovane movimento letterario padovano di cui Laura Sicolo ha scritto nel post “Sugarpulp svela il lato noir di Padova”, Parliamo di un “movimento letterario che sta immaginando un Nordest diverso dal rassicurante quadretto economico-culturale a noi familiare. “Il Nordest è casa nostra, è la nostra terra. Il nome stesso del movimento, Sugarpulp si rifà alla polpa da zucchero della barbabietola, uno dei prodotti tipici del territorio veneto” – spiegano gli ideatori del Movimento.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

“Stiamo parlando di un territorio in cui il colore del noir si cela perfettamente dietro quello della barbabietola: qui anche la delinquenza ha la faccia pulita della borghesia che lavora; qui non si ostenta ma si nasconde, qui i grandi cortili delle case sono protetti, recintati, invisibili””. In effetti il Veneto ed i veneti come sono rappresentati dai media, o nel corso degli anni dai vari film? Pensateci un attimo e ditemi se quello del “Sior paron” o della “macchietta” capace di esprimersi solo in dialetto corrisponde al Veneto reale. Il Veneto reale è una terra che ospita una società molto complessa e frastagliata che il più delle volte emerge solo nei trafiletti della cronaca locale con fatti che con il “political correct” hanno ben poco con cui spartire. Quante storie possono emergere da una realtà di questo genere, finora nascosta solo dal pudore di generazioni afflitte da vincoli perbenisti da “basabanchi” che Sugarpulp spazzerà via! Leggete il manifesto di Sugarpulp! 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

“Più uno scrittore è dei suoi posti, più sono le possibilità che diventi universale”. La frase di Isaac B. Singer riassume la filosofia di Sugarpulp da cui si può capire come un piccolo sito di recensioni librarie sia diventato, in tre anni, uno dei fenomeni culturali più vivaci e interessanti a livello nazionale: movimento letterario, associazione, festival e network che produce contenuti, promuove autori e veicola idee. Basta visitare il sito ufficiale Sugarpulp.it , seguire Sugarpulp su facebook, seguire gli aggiornamenti di Sugarpulp su twitter, guardare i video, le interviste sula canale youtube di Sugarpulp, nonchè leggere il blog di Giacomo Brunoro (uno dei fondatori del movimento Sugarpulp assieme a Matteo Righetto e a Matteo Strukul che vedete nell’immagine sopra a destra assieme a Massimo Carlotto) all’interno del sito del corriere del Veneto per rendersi conto di quanta “polpa” ci sia dietro a questa realtà!

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Il festival Sugarpulp 2012 sarà anche l’occasione per presentare l’ultimo romanzo di Matteo Righetto “Savana padana” (già autore di “Bacchiglione Blues”), un western che Massimo Carlotto ha definito “una storia incendiaria” arricchita da “una scrittura arguta e dissacrante” e celebrare il recente riconoscimento di Matteo Strukul e Alessandro Vitti vincitori del Leone di Narnia come migliore serie a fumetti italiana per il 2012 con “Red dread“, la versione a fumetti del romanzo pulp “La ballata di Mila”. Tre giorni di incontri, tavole rotonde, feste, workshop, presentazioni, mostre fotografiche ed eventi: il primo e unico party culturale italiano torna per una seconda edizione ricca di sorprese e novità. 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Durante il festival saranno moltissimi gli workshop e le opportunità di incontrare autori, sia di libri, sia di fumetti. Il festival conferma anche quest’anno la sua vocazione internazionale portando a Padova autori del calibro di Linwood Barclay, Allan Guthrie, Maxim Jakubowski e Tim Willocks; insieme a loro anche grandi maestri del noir italiano come Maurizio De Giovanni, Fulvio Ervas e Alan Altieri (ecco l’elenco completo con link alle loro schede). Tra i protagonisti del festival anche un gigante del fumetto mondiale come Giorgio Cavazzano, sceneggiatori del calibro di Tito Faraci e Pasquale Ruju, “rockstar” del fumetto internazionale come Stefano Tamiazzo, Alessandro Vitti e Niccolò Storai, oltre agli sceneggiatori e ai disegnatori della Scuola Internazionale di Comics di Padova (scoprili tutti scoprili cliccando quì). Ci saranno anche una serie di corsi  della serie SugarLab molto interessanti su “scrittura”, “comics”, “editoria digitale”, “fotografia”, “sel publishing”, “traduzione”, “food”. Sono imbarazzato ed intimidito dalla ricchezza della programmazione sicchè per evitare di saltare qualcosa  scoprite voi stessi il programma completo del festival! 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

A me piace sottolineare piuttosto un aspetto organizzativo di questo festival. Tra le tante novità di quest’anno c’è la possibilità di contribuire direttamente al festival: come l’anno scorso infatti anche l’edizione 2012 verrà realizzata senza nemmeno 1 euro di contribuiti pubblici. Uno degli aspetti più innovativi per una realtà di questo tipo è stata la scelta di puntare anche sul crowdfunding, sistema molto comune in paesi come gli Stati Uniti ma che qui in Italia non ha ancora preso piede in maniera diffusa. Un sistema che vale la pena approfondire per quanto sia molto semplice: chiunque può donare 20 euro e finanziare il progetto Sugarpulp Festival 2012 attraverso Produzioni dal Basso, sito italiano specializzato in crowdfunding. I soldi verranno effettivamente versati soltanto se si raggiungerà il numero di quote stabilito in partenza (al momento sono già state comprate 84 quote su 250 disponibili). Per donare questi 20 euro cliccate quì!

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Il prossimo weekend (14-15-16 sett) sarà di scena al centro culturale Altinate-S.Gaetano la terza edizione del Padova Vintage Festival, una kermesse che è partito fortissimo e che sta continuando a crescere proponendo un’offerta nel settore della moda ma non solo, del design, dell’arte e della cultura di livello per lo meno nazionale. Gli organizzatori e lo staff del “nostro” Vintage Festival stanno facendo un lavoro pazzesco ed anche il blog di Padova ci teneva a presentare questa iniziativa con una punta di orgoglio tutto patavino, alla faccia di chi sostiene che a Padova c’è poco o nulla: giovani con idee ed in grado di realizzarle ci sono. Bravi!

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Come ci spiega Paolo Orsacchini, organizzatore con Andrea Tonello, in questo video, il Vintage Festival è strutturato con la grande mostra mercato nella piazza-agorà del centro culturale Altinate-S. Gaetano con i migliori espositori della moda vintage che condivideranno i loro ricercati archivi, accompagnati da DjSet e performances, mentre al primo piano ci saranno esposizioni e mostre interdisciplinari, Jeans History di A.N.G.E.L.O, Black Sheep di Bob Rifo, le opere di Obey Shepard Fairey, Things di Dario Tironi e Koji Yoshida. L’auditorium interrato, con vista sugli scavi romani, sarà  la cornice dei numerosi incontri, workshop e rassegne cui parteciperanno Elio Fiorucci, Diego Dalla Palma,Saturnino, Pif, Andrea Pezzi, Kris&Kris e Kledi tra i molti della nuova edizione del Festival. Musica live, dj set e party saranno  invece gli appuntamenti di fine giornata: serate dal sapore internazionale che abbracceranno la città di Padova nelle ore notturne. In primo piano l’evento serale di apertura, venerdì 14 settembre, nell’esclusiva location esterna del Caffè Pedrocchi con Vanessa Hayens, la voce degli Incognito, un live raffinato, energico e ritmato accompagnato dalla performance di danza del Ballet Center dedicata all’evoluzione del jeans. A seguire, sabato 15 settembre al Q-Bar, la serata “Million Dollar Disco” con Dr. Feelx, mitica voce del Chiambretti Night e Radio101, e Mr Al Kent, definito da Cosmopolitan “il più famoso e rispettato dj disco d’Europa”.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Nel corso della presentazione ai media, mercoledì scorso presso il Caffè Pedrocchi, il vicesindaco Ivo Rossi ha detto  “Siamo orgogliosi di questo evento che abbiamo visto muovere i primi passi impacciati e che già alla seconda edizione è diventato ribalta nazionale per la città” mentre l’assessore al commercio Marta Dalla Vecchia volendo sottolineare la massima disponibilità da parte dell’amministrazione per le buone idee ed iniziative giovanili ha ribadito  “Questi giovani ci mostrano un legame forte con la città, ci fanno vedere quanto è bella Padova e questa manifestazione al rientro dalla pausa estiva ci sembra un buon inizio”. L’intervento dell’assessore Dalla Vecchia è avvenuto proprio dopo la presentazione del bellissimo video-trailer che potete vedere a fondo pagina realizzato dal registra Stefano Scandaletti (vedi foto in basso con alcuni dei protagonisti del video) con la musica dei Versus (di cui il blog di Padova ha parlato nel post “Vi presento i Versus!” di Lara Aversano), scritta dal padovano Daniele Dupuis. Cinque episodi dove, uno stile semplice, un vestito, un modo esteriore, tenta di entrare nella profondità, nel singolo cuore di colui che sceglie e vuole vivere il vintage, il tutto sullo sfondo delle strade, delle piazze e dei luoghi di Padova. Ma non finisce qui, anche la fortuna veste vintage con QUATTRO CONCORSI APERTI A TUTTI: il concorso fotografico “Ritratti Vintage” in collaborazione con Il Mattino di Padova, Rce e Vodafone e “ricordi Vintage“. E ancora il concorso “Look for Berlin” in palio un weekend a Berlino al miglior look vintage indossato durante il festival offerto dall’agenzia viaggi Ividiesse; “Instagram Challenge” dedicato agli scatti con il tag #padovavintage e la “Lotteria Team for Childern” con favolosi premi per il sostegno al reparto di oncoematologia pediatrica di Padova.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Il festival introduce un approccio non convenzionale ai temi vintage, ben lontano da tendenze nostalgiche. Un Vintage moderno, trasversale tra, moda, comunicazione e musica, sarà il fil rouge anche dei numerosi appuntamenti in cui personalità di rilievo e alcuni tra i massimi esperti si avvicineranno al pubblico attraverso un confronto generazionale nella fusione tra tendenze passate e contemporanee, con lo scopo di rinnovare le prospettive future. “Non perdere il tempo” dice lo slogan, il passato non è mai stato così presente.

Per tutte le informazioni, le iscrizioni ai workshop, i concorsi ed il programma visitate il sito ufficiale del Padova Vintage Festival! Il Vintage Festival è anche su facebook.

Buon divertimento!

Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it

 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

 

tacheles1.jpeg

Torna quest’oggi la rubrica Padova Creativa con questo articolo curato da Laura Sicolo, dal 1983 appassionata talent scout di nuove idee e creatività all’ombra del Santo. Si tratta di un’intervista riguardante una realtà culturale di una grande città europea che potrebbe ispirare e dare un contributo al dibattito sulla gestione degli spazi culturali anche di Padova e che ho deciso di pubblicare in quanto “richiesta di sostegno” rivolta alla società civile e al mondo della cultura italiana.

Intervista a Barbara Fragogna, curatrice del Tacheles 

Siamo nel cuore di Berlino, più precisamente a Mitte, all’interno del Tacheles, uno dei maggiori centri culturali ed artistici della capitale tedesca. Ogni centimetro di mura di questo “cantiere creativo di 4 piani” racconta qualcosa: un pezzetto di vita di un artista, un’emozione diventata colore o un progetto onirico fatto di una combinazione di forme che – anno dopo anno, tag dopo tag – vive ormai di vita propria. 
Sono spesse le mura del Tacheles e a raccontarcele è proprio la curatrice del centro Barbara Fragogna, che da 4 anni organizza e gestisce le mostre e gli eventi di uno dei centri artistici più amati di Berlino e che – purtroppo – rischia la chiusura definitiva.

Originaria di Venezia, Barbara (quì sotto a sinistra assieme a me) è entrata nel Tacheles come pittrice e – come gli altri artisti del centro – ha trasformato uno dei 30 studi dell’edificio nel suo atelier e spazio espositivo, dove l’ho conosciuta ed intervistata e dove abbiamo parlato anche di Padova.

IMG_5425.jpgBarbara ci racconti un po’ com’è il Tacheles?
“Al Tacheles ci sono tra 50 e 80 artisti. Si tratta per lo più di visual artists, performers, musicisti e pittori. Lo stabile ha un totale di 30 studi e 2 spazi collettivi per lo più dedicati alle esposizioni artistiche internazionali. Nel 2011 abbiamo risposto all’appello del Direttore del Cam di Casoria Antonio Monfredi ed abbiamo ospitato in uno di questi spazi MAYBE 2011, una esposizione di denuncia che mirava a sensibilizzare sul tema della camorra nel sud italiano. Il progetto rischiava di non trovare nessun polo culturale pronto ad ospitarlo, visto il tema delicato e “scomodo” diciamo. Abbiamo così contattato Antonio Monfredi e messo a disposizione i nostri spazi e siamo davvero felici di averlo fatto perché la mostra ha avuto molto successo”.

Come sarebbe Berlino senza un centro così dinamico e creativo come questo?
“Berlino è oggi come era New York negli anni ’80, Londra negli anni ’60 e Parigi negli anni ’20, tutte città che hanno saputo attrarre artisti e creativi diventando dei veri e propri centri pulsanti di nuove concezioni culturali e correnti artistiche.
In queste metropoli è poi subentrata la speculazione: locali, affitti e vita in generale sono diventati più costosi, costringendo così questa classe creativa a spostarsi in altre città più accessibili e sostenibili per le proprie tasche. Ora queste città vivono delle eco di quello che erano in passato.
Allo stesso modo, tra 10 anni la gente probabilmente verrà a Berlino e vivrà l’eco dell’atmosfera underground e così alternativa che viviamo in questo momento.”

Tacheles_2.JPGCome nasce un polo culturale così diverso rispetto ai classici musei?
“Il Tacheles nasce 22 anni fa con la caduta del muro. In quel periodo interi edifici venivano abbandonati dai berlinesi che si spostavano nella parte ovest della città, rimanendo così inoccupati. In uno di questi stabili si è insediata una serie di artisti che ha iniziato ad utilizzare gli spazi come studi e laboratori. Con il passare del tempo parte dell’area ed anche lo stesso Tacheles sono stati venduti a privati e – dopo ulteriori passaggi burocratico-finanziario – sono di proprietà di una banca che chiede ora lo sgombero dell’edificio.
Il quartiere è oggi puntellato di tanti caffè, di locali alla moda ed eleganti palazzi ed il Tacheles è rimasto lì dove era, con il suo via-vai di artisti, creativi e turisti. E’ l’inevitabile processo di gentrification, la zona è ormai un quartiere alla moda ed il nostro stabile è considerato un pugno nell’occhio da eliminare”.

Continuando il colloquio, il tono di Barbara si fa più acceso. Racconta così degli appelli, delle speranze e della paura, perché ogni giorno potrebbe essere l’ultimo, lì al Tacheles.
“Abbiamo raccolto 175 mila firme contro lo sgombero ed ora stiamo attivando anche una raccolta di fondi tramite il nostro sito e la piattaforma di crowdfounding IndieGoGo (http://www.indiegogo.com/) per acquistare lo stabile e creare una fondazione pubblica che possa conservare il centro e la sua arte con lo spirito che li contraddistingue, vale a dire un luogo fatto dalla gente per la gente. Insieme a Claudia di Giacomo ci stiamo attivando anche a livello internazionale con delle campagne paese per paese, primi fra tutti Italia, Spagna ed Argentina, dove abbiamo molti contatti ed associazioni che ci sostengono.
Padova è stata tra le prime città a rispondere al nostro appello ed a rendersi parte attiva della campagna di sensibilizzazione. Alle associazioni della città che si dimostrate interessate invieremo un kit “speciale” contenente una serie di foto che ci sono arrivate tramite il nostro sito. In tutti gli scatti ci sono persone di ogni parte del mondo con in mano una cartolina con scritto I support Tacheles. Agli organizzatori dell’evento chiederemo di fare altrettante foto e di inviarcele perché verranno poi utilizzate in una mega installazione fotografica che faremo qui nel centro il prossimo Agosto. E’ poi a discrezione dell’associazione decidere se attivare durante la serata una raccolta di fondi o devolvere parte dell’incasso alla causa.”

Il 22 giugno ci sarà la sentenza del tribunale che renderà ufficiale ed esecutivo lo sgombero del Tacheles ma vi sono ancora delle speranze che le cose possano cambiare. Se volete anche voi sostenere la causa potete partecipare alle due serate di raccolta fondi che verranno organizzate questo mese a Padova: la prima si è tenuta il 6 Giugno ai Carichi Sospesi ed una seconda sarà organizzata durante il Festival di Radio Sherwood (leggi dal sito di sherwood.it). 

Sito: http://super.tacheles.de/cms/
Pagina Facebook: http://www.facebook.com/pages/Kunsthaus-Tacheles-Berlin/116751221717217
Per organizzare un evento di supporto al Tacheles: Barbara Fragogna amarantola@yahoo.it

Articolo curato da Laura Sicolo  

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

/p

blog di padova,padova blog,padova creativa,storming pizza,h-farm,padova,startup,innovazione digitale,palazzo santo stefano,rie forum,startcup veneto,veneto

Ciao, torna quest’oggi la rubrica Padova Creativa con questo articolo curato da Laura Sicolo, dal 1983 appassionata talent scout di nuove idee e creatività all’ombra del Santo.

/ Facebook / Linkedin / Segnala un evento o progetto (mail a Laura Sicolo).

Dopo l’ultima tappa di Firenze, arriva anche a Padova lo Storming Pizza, il format lanciato dal venture capital di Treviso H-FARM dedicato ai giovani imprenditori ed aspiranti startupper
L’appuntamento è solo uno fra le tante iniziative che stanno animando la città risvegliandola dal torpore invernale. Sono eventi che – come nel caso di StartCup Veneto – mirano a premiare studenti, giovani ed ambiziosi startupper che vogliono scommettere sui propri progetti o – come nel caso del RIE Forum – danno la possibilità di approfondire temi quali l’innovazione scientifica e il mondo della ricerca.
Il prossimo appuntamento con l’innovazione sarà così Mercoledì 11 Aprile alle 18.30 presso il Palazzo Santo Stefano il quale ospiterà lo Storming Pizza ed i suoi partecipanti che discuteranno di temi come web, startup, mobile e business digitale.blog di padova,padova blog,padova creativa,storming pizza,h-farm,padova,startup,innovazione digitale,palazzo santo stefano,rie forum,startcup veneto,veneto

L’evento è aperto al pubblico (basta iscriversi qui) e gli aspiranti imprenditori ed i giovani startupper possono partecipare semplicemente inviando la propria idea di business.  
I candidati i cui progetti saranno giudicati interessanti avranno la possibilità di presentare la propria idea alla platea formata da investitori e partner di H-FARM e di entrare a far parte del suo famoso ecosistema di digital startup. Per la tappa di Padova saranno selezionati 3 team, ciascuno dei quali avrà 6 minuti a disposizione per presentare la propria idea e 15 minuti per rispondere alle domande del pubblico convincendolo della bontà del proprio progetto.

Se volete presentare la vostra idea imprenditoriale o semplicemente conoscere più da vicino il mondo delle startup non perdetevi dunque lo Storming Pizza dell’11 Aprile.
Tutte le informazioni le trovate nel sito ufficiale.

Di seguito il video-intervista a Vladimiro Mazzotti, mentor e frontman di H-Farm, che risponde ad alcune domande inerenti lo Storming Pizza.

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 1200 “fans”. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton