Buongiorno a tutti, formaggio padova, villa formaggio, padova formaggio, villa formaggio padova, blog di padova, formaggio blog

quest’oggi vi parlerò di un evento che non si terrà a Padova, ma non mancherò nel menzionare una delle poche aziende padovane produttrici di formaggio  che esporranno i loro prodotti nei 3 giorni del cacio a Formaggio in Villa 2013 (2-4 marzo 2013).

Domenica 3 marzo avrò modo di conoscere e gustare un mondo a me ancora sconosciuto, che per motivi lavorativi e di piacere dovrò studiare, e quando si tratta di andare agli eventi enogastronomici per me risulta sempre un piacere poter approfondire le mie conoscenze.

Formaggio in Villa 2013 organizzato da Alberto Marcomini “il Signore dei Formaggi” e il free press Carta da Formaggio è giunto alla terza edizione e vedrà protagonisti le maggior aziende casearie d’Italia, all’interno delle splendida cornice di Villa Braida a Mogliano Veneto (TV).

formaggio padova, villa formaggio, padova formaggio, villa formaggio padova, blog di padova, formaggio blogLo slogan dell’edizione di quest’anno è “Il formaggio italiano al 100% protagonista in cucina” quindi solamente quel formaggio realizzato con solo latte e caglio italiano e che riesce ad arricchire numerosi e gustosi piatti della gastronomia italiana. All’evento potranno partecipare tutte le persone interessante al mondo del cheese, che vogliono conoscere i produttori, partecipare alle degustazioni guidate, ascoltare i consigli degli esperti del settore ed anche imparare quale formaggio abbinare ad una determinata tipologia di vino o ad una birra artigianale.

Quest’anno a differenza degli altri anni, si potrà sia degustare il formaggio al naturale, ma anche assistere al cooking show e percepire, imparare, capire il modo migliore di utilizzarlo in cucina.

All’evento della durata di tre giorni si susseguiranno chef del territorio di fama nazionale che realizzeranno dal vivo dei piatti squisiti che, ovviamente, potranno essere degustati dal pubblico della manifestazione una volta realizzati.

Un’altra gustosa novità sarà l’area della pizza, poiché lì si potranno trovare i migliori pizzaioli italiani che nelle loro creature utilizzeranno il formaggio e successivamente si potranno degustare.

L’obiettivo della manifestazione è quello di riportare in scena questo ingrediente in quanto non deve essere considerato un semplicemente sfizio di fine pasto, ma entrare nel concetto più ampio di ingrediente complementario.

Tra i produttori presenti ci sarà anche un’azienda di Due Carrare (PD): I fratelli Cecconello i quali desiderano, attraverso il loro lavoro trasferire la vera passione per prodotti unici per qualità e sapore, ponendosi una mission: diffonderli in quei locali e gastronomie che fanno dell’eccellenza della materia prima una delle priorità del loro lavoro.

Sul sito internet http://www.formaggioinvilla.it potete scaricare tutto il programma della manifestzione e la cosa che ho trovato più interessante è la sezione relativa ai laboratori, la quale consiglio vivamente di consultare a questo link.

 

formaggio padova, villa formaggio, padova formaggio, villa formaggio padova, blog di padova, formaggio blogVi ho fatto venire voglia di partecipare a Formaggio in Villa 2013 e non potete muovervi da Padova? Mi sento in obbligo di consigliare due ottimi posticini dove degustare ottimi formaggi abbinandoli ad un ottimi vini, quindi perché non proporvi la formaggeria del Tirabuchon, oppure La Goumetteria di via Zabarella?


Ed infine vi ricordo che si sta per concludere l’avventura del blog di Padova, ma solo sulla piattaforma di virgilio.it, eh sì perché Il nostro e vostro Blog di Padova continuerà a raccontarvi la città di Padova ed il suo territorio su www.blogdipadova.it ! Alberto, io e Giuseppe vi diamo appuntamento a lunedì per il primo post di benvenuto sul nuovo sito!


Salute!

S. 

http://about.me/silviatiberto

 

Socializza con il Blog di Padova!

 

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

 

padova,fotografia a padova,101 cose da fare a padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,concorso fotografico,concorso fotografico padovaCiao e buon  inizio settimana a tutti! Quest’oggi si parla di fotografia, una passione sempre più diffusa anche nella nostra città dove i corsi di fotografia sono sempre più numerosi così come le iniziative che la riguardano. In particolare con il presente post ho pensato di segnalarvi un nuovo concorso fotografico che riguarda Padova, che si sviluppa come naturale seguito dell’ormai famoso libro “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita” (ed Newton Compton) di Paola Tellaroli che anch’io avevo presentato tramite questo post-intervista all’autrice e anche dal vivo facendole da “spalla” alla presentazione presso il centro culturale Altinate-S.Gaetano.

padova,fotografia a padova,101 cose da fare a padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,concorso fotografico,concorso fotografico padovaIl 1 marzo apriranno le iscrizioni al concorso fotografico “101 Foto da fare a Padova”, promosso dal Circolo Culturale Carichi sospesi in collaborazione con il Consiglio di Quartiere 4 Sud Est di Padova, RCE foto, Libreria Pangea, e il Movimento del Buonsenso (leggi la mia intervista ad Elisabetta Beggio, portavoce del mdb). Il concorso si pone lo scopo di avvicinare il maggior numero possibile di persone agli eventi, ai segreti e alle curiosità storiche celate nella città di Padova, e nel contempo favorire la promozione dell’intero territorio Patavino ed è per questo che il blog di Padova è ben contento di segnalare questa iniziativa!

padova,fotografia a padova,101 cose da fare a padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,concorso fotografico,concorso fotografico padova

Ogni fotografia dovrà rappresentare almeno uno dei punti riportati nella guida “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita” di Paola Tellaroli, rivisitato o semplicemente riprodotto secondo le sensibilità del fotografo. Il libro è disponibile per consultazione presso il Centro Culturale “Carichi Sospesi”, in vicolo del Portello 12, Padova. I partecipanti al concorso riceveranno una mail di conferma tramite la quale potranno recarsi alla Libreria Pangea (via San Martino e Solferino 106, Padova) ed acquistare il libro con uno sconto del 15%.

padova,fotografia a padova,101 cose da fare a padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,concorso fotografico,concorso fotografico padovaLe foto saranno poi esposte in una mostra itinerante tra bar e locali del centro storico grazie all’organizzazione del Progetto Agorà del Movimento del Buonsenso la cui portavoce Elisabetta Beggio spiega: “L’evento si inserisce nel progetto Agorà che ha lo scopo di promuovere la funzione di bar e caffè come punti di riferimento culturale della città.

Il regolamento integrale e la scheda di partecipazione sono reperibili a questo indirizzo: http://101fotopadova.blogspot.it/p/regolamento-e-modulistica.html

padova,fotografia a padova,101 cose da fare a padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,concorso fotografico,concorso fotografico padovaPer tutte le informazioni e per gli aggiornamenti vi segnalo il blog ufficiale del concorsohttp://101fotopadova.blogspot.it/ e la pagina facebook

Beh, dopo il libro Paola Tellaroli, così come Davide Grazian, uno degli ideatori, ha trovato un altro bel modo per  per far conoscere Padova e stimolarci ad uscire con la nostra macchina fotografica per poi ritrovarci in primavera a vedere le foto di tutti! Sarà un’occasione per conoscere nuove persone, socializzare e vedere la nostra bella Padova attraverso gli occhi dei partecipanti! E poi ci sono dei bei premi…in attesa del nuovo libro e magari del nuovo concorso! 😉

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

193011-800x600-500x375pic2.jpg

Ciao a tutti! E’ Alberto che vi scrive ed in via eccezzionale prende il posto di Giuseppe Bettiol in questo post del venerdì dedicato agli appuntamenti del weekend padovano. Non potendo competere con i “postoni” di Beppe ho pensato di fare un po’ il punto della situazione e segnalarvi alcune delle proposte più significative che Padova offre questo fine settimana a padovani e turisti….sperando di non essere azzannati dall’Orso Polare! Non ho mai capito questa nuova moda di dare dei nomi ma tant’è che così han chiamato questa nevicata che ha iniziato a scendere poco fa, per voi che leggete ieri pomeriggio. Chissà se quest’orso polare ci farà compagnia per tutto il weekend o no!

Manifesto Mostra PLESSI.JPGIn ogni modo maglioni, cappotti pesanti, pantaloni di velluto, sciarpe e berretti per contrastare freddo e neve e farci amico l’orso polare! Nonostante il clima è terminata la rassegna autunnale-invernale RAM (Ricerche Artistiche Metropolitane) con la sua ricca offerta di arte contemporanea e in attesa dell’inizio di UNIVERSI DIVERSI, il contenitore di eventi culturali della primavera padovana, vi ricordo che domenica 24 febbraio sarà l’ultimo giorno utile per vedere all’interno del Salone di Palazzo della Ragione, la mostra di Fabrizio Flessi, il “Flusso della Ragione”. Venerdì 22 febbraio alle ore 17.45 è prevista una visita guidata al costo di 3 euro più il costo del biglietto d’ingresso (info@rossodimarte.it).

mostrepd.jpeg

La mostra di Plessi lascerà il posto libero per allestire l’attesa mostra dedicata ai Veneti Antichi che aprirà ad aprile ma fin da subito e se già non l’avete fatto il consiglio per gli appassionati d’arte (ma il consiglio va esteso a chiunque) è quello di visitare le due grandi mostre attualmente aperte a Padova: De Nittis presso Palazzo Zabarella e la Mostra “Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento” presso il Palazzo del Monte di Pietà. Avevo presentato queste 3 grandi mostre già con il primo post di questo 2013: rileggetelo qui per avere maggiori dettagli.

334.jpg

Domenica 24 sarà la Giornata Internazionale della guida turistica e quindi, per l’occasione, le guide turistiche abilitate vi danno appuntamento per una visita guidata gratuita. Ritrovo alle ore 15 sul sagrato del Duomo per poi partire alla scoperta della Padova di Pietro Bembo. Si potrà visitare la mostra di Bembo ad un prezzo scontato (6 euro) oppure il Museo Diocesano (3 euro).

Le  visite guidate con ingresso alle mostre sono riservate ad un numero massimo di 30 persone, la passeggiata guidata ad un massimo di 50 persone.Per Info e prenotazioni: visitapadova@gmail.com tel. 389 3144108. L’iniziativa è proposta da Assoguide Veneto Confesercenti, Guide Padova Ascom, Guide Elena Cornaro Piscopia.

6883130560_b3f68c16eb_z.jpgPer domenica 24 vi segnalo la seconda tappa dei tour guidati lungo le mura di Padova con i quali il Comitato Mura di Padova vuole far conoscere ai Padovani (ma non solo) il “più grande” monumento della città: le mura appunto. Questa domenica è prevista una passeggiata “Da porta San Giovanni al torrione  Ghirlanda”. Si parte alle 9,30 con ritrovo in piazzale San Giovanni; la passeggiata termina in via Pio X angolo via Marco Polo, presso il ponte pedonale di ferro (leggi le info). Nella foto a destra, presa dall’account flickr di Ivan Furlanis è ritratto il torrione Ghrilanda.

stefano_andreatta.jpg

Nel corso dell’ultima edizione del Festival di Sanremo abbiamo potuto apprezzare la giovane pianista padovana Leonora Armellini ed è pensando a lei e a molti giovani musicisti che ho deciso di proporvi una storica rassegna padovana dedicata alla musica classica e cioè le “Domeniche in musica”, con i concerti domenicali organizzati dagli Amici della Musica di Padova presso la Sala dei Giganti al Liviano. Domenica 24 febbraio alle ore 11 sarà la volta del pianista Stefano Andreattavincitore di numerosi primi premi assoluti in concorsi nazionali ed internazionali.

Padova è una città piuttosto vivace per cui sarà comunque piacevole passeggiare per il centro storico, fermarsi per uno spuntino ed un bicchiere nei bar ed enoteche delle piazze e magari scoprire qualche appuntamento per la serata parlando con gli altri avventori del bar. Se volete sapere dove sarò io tenete sott’occhio l’account FourSquare del “blogdipadova“!


padovacard.jpgCome sempre per i turisti ed i visitatori l’invito è quello di guardare il sito “Turismo Padova Terme Euganee“, quello della “PadovaCard
“, un valido strumento per vivere Padova in modo vantaggioso e Padova Cultura per le varie iniziative in programma! Se vi rivolgerete a noi tramite i nostri “social network” (guarda le iconcine in basso) saremo felici di rispondere alle vostre domande.

Buon fine settimana!


Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

Colli-Euganei-in-Veneto.jpg

Buongiorno a tutti, 

vi siete dimenticati di me? mi auguro di no! Sono di nuovo carica e pronta per saziare le vostre menti e i vostri stomaci raccontandovi un’altra puntata enogastronomica all’interno della rubrica di cui mi occupo da ormai più di 6 mesi, la quale continuo a ripetere, mi sta dando grosse soddisfazioni poiché riesco a tenermi legata (virtualmente) a casa tramite la scrittura e a quello che amo di più: i dolcissimi declivi  dei Colli Euganei.

Come già detto da Alberto, l’opportunità di poter parlare della nostra città e dei dintorni su questa piattaforma sta per svanire. Essa verrà dismessa e la maggior parte dei contenuti vecchi e nuovi la potrete ritrovare direttamente sul nostro nuovo sito: blogdipadova.it, indicativamente a Marzo. Il tutto ci sta tenendo un bel po’ impegnati, ma si sa.. senza sacrifici non si ottiene nulla.

Ritorno su un post scritto da me settimane fa in merito alle relazioni che si possono creare attraverso la rete, continuo a crederci costantemente e vivamente, la rete è un’infrastruttura che riesce a mettere in collaborazione tante teste e ogni giorno mi fa conoscere persone decisamente interessanti. Intatti, grazie alla community patavina di Google Plus, gestita da me ed Alberto ogni giorno riceviamo diverse interazioni con differenti soggetti: il turista, il ragazzo che è stato a Padova per l’esperienza Erasmus, alla piccola media impresa che pubblica i propri contenuti. E’ proprio su Google plus che ho conosciuto Letizia, lei si occupa della community Umbria 2.0 e la stessa mi ha raccontato della splendida iniziativa denominata “Umbria for #winelovers” l’evento per tutti i bloggers amanti del vino che in occasione della festa di San Valentino si sono riuniti a Terni per scoprire e far conoscere il nettare umbro. Sempre su Google plus mi è stato chiesto di provare ad immagine un viaggio attraverso il gusto, quindi pensare ad un periodo ed associarlo al piacere degustativo.

Lunedì mattina mi è venuta un’ottima idea, mentre mi allontanavo dal mio paesino in provincia di Padova e guardavo la pianura, perché non raccontare attraverso un contest un viaggio sui Colli Euganei? E la cosa che ha incrementato l’idea è stata la partecipazione alla Social Media Week a Milano, specificatamente ad un intervento sull’utilizzo dei Social Media applicato al settore food!

giuggiole_38543.jpg

I gotha del settore enogastronomico (giornalisti, critici enogastronomici, blogger) hanno dichiarato di amare facebook come utenti personali, ma per la professione trovano davvero interessante instagram. Quando ho sentito nominare il mio social preferito mi sono illuminati gli occhi, poiché instagrammare è uno dei miei hobby preferiti e siccome solitamente catturo su instagram cibo, vino e birra, non potevo che pensare di proporre a qualche azienda sui Colli Euganei e non solo di attivare un contest in un’ottica futura, ad esempio durante un evento come Cantine Aperte 2013. Ho già partecipato ad un contest organizzato da Alessandro Callegaro durante la Festa della Giuggiola ad Arquà Petrarca (foto AbanoMontegrottoSi) durante il quale ho anche vinto il famosissimo “giuggiolino” dell’azienda Agricola Scarpon (l’unica azienda sui Colli Euganei autorizzata a raccogliere flora spontanea) e produce olio extra vergine, il brodo di giuggiole e l’estregone: l’infuso di erbe officinali.

Tutta questa bella trafila di strane idee nella mia mente, per dirvi che nel nostro nuovissimo blogdipadova.it potrete trovare sia una sezione in cui continuerò ad occuparmi di enogastronomia con tutte le relative sottosezioni inerenti il territorio euganeo sia una sezione all’interno della quale potranno trovare spazio varie iniziative tra cui contest instagram dedicati alla nostra città e al paesaggio circostante.

Colli euganei, contest, blog di padova, viaggio colli euganei, padova

Mi auguro veramente di riuscire a coinvolgere le diverse realtà che ci circondano, poiché esse meritano una reale visibilità, e non c’è niente di meglio che il mondo social per realizzare tutto questo.

 


Salute!

S. 

http://about.me/silviatiberto

 

Socializza con il Blog di Padova!

 

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

 

padova,veneto,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo veneto,turismo social,social media

Ciao a tutti! Come fatto per il post di lunedì (rileggi) anche oggi voglio comunicare che dopo oltre 3 anni e mezzo di blog e 570 posts, il blog di Padova su virgilio.it così come gli altri local blog del progetto “VirgilioCittà” si sta avviando alla sua conclusione. Da inizio marzo (salvo imprevisti) non troverete più i nostri post all’indirizzo virgiliopadova.myblog.it/ bensì sul nostro nuovo sito “Il blog di Padova” all’indirizzo www.blogdipadova.it.

Finchè scrivo sto ascoltando musica jazz in streaming su una qualche radio così probabile verrà fuori un post improvvisato. L’avete capito, no che ora come ora siamo concentrati sul passaggio al nostro nuovo blog e vorremmo utilizzare questi ultimi post su virgilio.it per approffitare di ogni spazio per far sapere a più gente possibile che da marzo non saremo più ospiti di virgilio.it ma partiremo con un’iniziativa tutta nostra ed indipendente. 

Come avete intuito già dal blog come lo avete letto finora, stiamo dando ai nostri post un taglio che sia aperto a 360° rispetto a chi vive la città e quindi anche ai turisti, a chi già conosce Padova, a chi vorrà conoscerla, a chi sta pensando di venirla a visitare oltre che ai cittadini stessi che, come ho già avuto modo di spiegare, sono i primi turisti e promotori turistici della loro città. Una città come Padova è vissuta dai residenti ma non solo ovviamente; ci sono i pendolari, siano essi lavoratori o studenti, ci sono uomini d’affari o lavoratori in trasferta, i turisti culturali e i cosiddetti “city users”. Il turismo è quindi un settore a cui vogliamo dare uno spazio importante, un po’ come lo dovrebbe avere in tutte le politiche pubbliche o le attività culturali che riguardano la città pensando alle esigenze di tutte le persone che la frequentano, quindi torno a sottolineare, residenti ma non solo…

padova,veneto,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo veneto,turismo social,social media

Come? Lo vogliamo fare scrivendo e imparando a raccontare storie, cercando di migliorarci sempre e cercando di  sfruttare le potenzialità comunicative e di coinvolgimento delle nuove tecnologie e dei social network e non fine a stesse. Non a caso qualche mese ho presentato il nuovo master in Pianificazione e gestione del prodotto turistico con un post dal titolo “Social media e storytelling nel nuovo master in Pianificazione e gestione del prodotto turistico” che ci piacerebbe seguire magari ospitando qualche post direttamente da docenti e studenti del master stesso…L’ho fatto perchè ci credo, perchè sono argomenti che mi appassionano e ovviamente perchè Padova ed il nostro territorio hanno vocazione turistica…oh si se ce l’hanno! Ed è giusto che sempre più persone la apprezzino, a partire dai padovani stessi, forse un po’ troppo spesso concentrati sulle cose che non vanno rispetto agli aspetti positivi…anche se ho capito che lo fanno in ottica di un continuo miglioramento!

padova,veneto,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo veneto,turismo social,social media

Il nuovo blogdipadova.it vorremmo andasse oltre i nostri 3 post settimanali che diventeranno una sezione del nuovo “Blog di Padova”…l’intenzione è di lasciare spazio ad eventuali  collaborazioni, a progetti in cui dovessimo essere coinvolti, cosa che ci piacerebbe molto…Io, Silvia e Giuseppe abbiamo compotenze diverse e ci piace sfidarci nel fare cose nuove per cui, perchè no? Insomma è un “work in progress” che speriamo ci porti a costruire qualcosa di valido! Noi ci contiamo! 😉

Continuate a seguirci e cantate “I will follow” con un giovanissimo BonoVox: non c’entra niente ma sto improvvisando come ho detto all’inizio!  

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

IMG_0298.JPGBuon venerdì, come state? Siete ancora vivi dopo la giornata ad alto tasso di trigliceridi e zuccheri firmata San Valentino? O avete cominciato una dieta a base di odio puro per arrivare sani e salvi alla prova costume? Comunque sia andata il consiglio che vi posso dare questo fine settimana, da venerdì 15 a domenica 17 febbraio è di tenere le luci soffuse- al romanticismo gioverà senza dubbio- e partecipare a che voi a “M’illumino di meno”, meritoria Giornata del Risparmio Energetico lanciata da Caterpillar che, giunta alla nona edizione, venerdì 15 febbraio, simbolicamente spenerà anche Padova. Qualora decideste di trascorrere la serata a casa, vi ricordo di spegnere gli apparecchi dotati di stand-by e tenere il riscaldamento ad una temperatura di 19 gradi centigradi. Ma se volete veramente passare una magica serata, a impatto quasi zero ma al massimo del divertimento, uscite in strada e gustatevi e iniziative organizzate dal Comune e dagli esercenti di Padova.

locandina-millumino3.jpgDalle 18.00 alle 19.30 veranno infatti spente le luci in alcuni dei luoghi simbolici di Padova quali Palazzo Moroni, Palazzo della Ragione, piazzetta Pedrocchi, piazza dei Frutti, piazza delle Erbe, piazza dei Signori, Prato della Valle, la Specola nonchè la Basilica di Sant’Antonio con  il convento e il piazzale antistante. Ad accompagnare lo spegnimento delle luci, a partire dalle 18.00, lungo il Liston davanti a Palazzo Moroni l’Associazione El Filò ha organizzato lo spettacolo “M’illumino di danza”, ballo a lume di lanterna aperto a tutti accompagnato in acustico da Michela Furin al violino e Mauro Vianello all’organetto diatonico. Alle 19.00, invece, la Scuola di Musica “G.Gershwin” proporrà in Sala Rossini al Caffè Pedrocchi un aperitivo a lume di candela con musica jazz con il duo Danilo Memoli al pianoforte e Lorenzo Conte al contrabbatto. Il tutto accompagnato da degustazioni enogastronomiche a tema.
Il buio potrebbe essere anche la scusa migliore per altri due suggestivi appuntamenti in programma per la serata. Il Planetario di Padova, in via Cornaro, apre gratuitamente le sue porte, alle 17.30, 18.00, 18.30 e 19:00, per “illuminare meglio per rivedere più stelle” (Ingresso gratuito previa prenotazione al numero  049 773677). Inoltre, alla Specola, l’Osservatorio Astronomico di Padova darà l’opportunità di fare una visita guidata alla torre, suggestivamente illuminata da sole candele e torce elettriche (Attenzione: è necessario acquistare in anticipo il biglietto, presso l’Oratorio di San Michele nei seguenti orari: da martedì a venerdì dalle 10:00 alle 13:00, sabato e domenica dalle 15:00 alle 18:00. Per informazioni: email museo.laspecola@oapd.inaf.it).

Ts_Il Deserto dei Tartari_low3.jpgAppuntamento a lume di candela anche ai Carici Sospesi di Vicolo Portello dove alle 21.00 andrà in scena “Il deserto dei tartari” di Dino Buzzati, adattamento teatrale a cura di Maura Pettorruso, con Woody Neri e la regia di Carmen Giordano. Tutta la parte bar sarà completamente illuminata dal solo barlume delle candele e lo spettacolo teatrale utilizzerà un’illuminazione elettrica minima. Luci spente anche alla Mela di Newton in via della Paglia dove Andrea Grossi, cantautore imolese della scuola di Fabrizio De André e Giorgio Gaber, presenterà il suo ultimo disco “Senza occhiali, cappello e stivali”.

Se vi muovete in macchina e volete essere veramente green potreste anche utilizzare il sistema di mobilità condivisa realizzato per “M’Illumino di meno” da Flootta, in macchina.jpgcollaborazione con il Comune di Padova. Chiunque può mettere a disposizione la propria auto o cercare un passaggio verso le tre più importanti destinazioni di Padova: la zona Portello (università), il quartiere direzionale PadovaUno e il capolinea sud del tram. E’ possibile pubblicare la propria richiesta o offerta di passaggio sul sito www.flootta.com/milluminodimeno.

Anche se non tutti gli appuntamenti di questo fine settimana sono dichiaratamente ad impatto zero, sicuramente molti avranno un impatto decisamente positivo sul vostro buon umore e sulla vostra “Joie de vivre”. 

saccenti locandina.jpgA cominciare dal teatro. Venerdì 15 febbraio il Gruppo teatrale Il Canovaccio porta in scena al Piccolo Teatro Don Bosco di via Asolo lo spettacolo “Le Donne Saccenti” di Moliere, adattato e diretto da Antonello Pagotto. Saccenti, Intellettuali, Sapienti Queste le differenti aggettivazioni attribuite al genere femminile del testo originale di Molierè, la penultima delle sue commedie, scritta un anno prima della sua scomparsa, al termine di una lunga e sofferta carriera di commediografo, attore, impresario teatrale. Una commedia dalla partitura farsesca, tipica del teatro di Molière, imperniata nel dissidio tra la consuete pratiche familiari e la prorompente saccenteria dettata dal lento e progressivo incalzare di una nuova pratica anti-convenzionale, ovvero la frenetica presa di coscienza da buona parte delle donne in famiglia di quanto sia affascinante, appagante e per certi versi “impareggiabile status” lo studio in generale, il procacciarsi cultura anche all’interno delle mura domestiche.

Dedicata a Fabrizio de Andrè è la serata di sabato 16 febbraio dalle 21.30 ai Carichi Sospesi per la sesta edizione del “Mastica e Sputa” aperta a chiunque abbia voglia di dedicare una canzone o un testo al grande poeta. Open live anche ai gruppi musicali o teatrali che vogliono ricordare a loro modo la musica e la poesia del cantautore genovese (Per i gruppi che vogliono iscriversi: carichisospesi@libero.it carichisospesi@gmail.com 347.4214400).

EL CUENTO DE LA CHICA Y LA TEQUILA.jpgIn sapiente bilico tra Beatles e mexican-roots il fine settimana del Terminal di via Palestro che venerdì sera propone il live dei The Bitters, tribute band che nei suoi concerti e spettacoli ripropone in maniera fedele i brani del ricco repertorio dei Fab Four coinvolgendo il pubblico e ricreando le atmosfere del periodo magico fra il 1962 e il 1970. Protagonisti di sabato 16 febbraio saranno invece le sonorità gipsy-rock-grunge di El cuento de la chica y la tequila, band nata da da “un vero e proprio colpo di fulmine artistico tra il cantante Davide Artusato, il chitarrista Stefano Silenzi il pianista  Ivan Prevedello, il batterista Roberto Parolin e il bassista Andrea Ghion. Domenica 17 saranno invece gli artisti di punta del noto festival padovano “Bacchiglione Beat” ad invadere il Terminal, inaugurando una serie di appuntamenti dedicati al periodo in cui Padova barts2.jpgveniva soprannominata la “Liverpool italiana”. Aprono la serata i “The White Blues”, storica tribute band dedicata ai Beatles nata a Padova nel lontano 1965, anno in cui ci fu l’unica tournée italiana dei Fab Four. A chiudere saranno i “The Bart’s Group”, altra storica banda del panorama musicale italiano, fondata nel 1967 e  composta da Roberto Lughi alle tastiere, Claudio Galazzo voce e batteria, Renato Jacopetti alla chitarra,  Alfredo Frizzarin al basso e  Alberto Bettin al piano. Un tuffo nel Pop-Rock anni ’60 in compagnia di, Procol Harum, Eric Clapton, Creedence Clearwater Revival e naturalmente i Beatles.

1436270-negrita.jpgRock protagonista nella programmazione del fine settimana del Gran Teatro Geox che ospita venerdì 15 febbraio i Negrita che eseguiranno non soltanto i classici cavalli di battaglia e quelli dell’ultimo album “Dannato Vivere”, ma anche brani che da anni non vengono eseguiti dal vivo, il tutto riarrangiato e rivisitato in chiave teatrale per regalare uno spettacolo inedito e dal sound rinnovato.

matt_loc.jpgUn pò di soul, un pò di funk, una spolveratina di blues condito con molto groove sono gli ingredienti del concerto della Matt Sicchieri Band venerdì 15 febbraio al Fishmarket, che vedrà come ospite Sara Zaccarelli, talento assoluto del soul in Italia. Il sabato sarà, invece dedicata esclusivamente al clubbing al femminile con l’appuntamento “Light & Shadow” organizzato da Cipria che rifarà le luci al Fish sostituendo le teste mobili con abat-jour recuperate nei mercatini delle pulci, facendovi tornare un po’ bambini con un angolo dedicato alle Ombre Cinesi.
Se desiderate, infine, un «indie pop cantautoriale e un’elettronica effettata da microdettagli tra scie colorate» non mancate sabato 16 febbraio alla Mela di Newton per Azure Blue, progetto solista di Tobias Isaksson, uno dei pezzi da novanta della scena indie pop svedese.

scarpis-maffeo.jpgCari amici amanti della musica classica non mi sono dimenticato di voi. Vi segnalo infatti sabato 16 febbraio alle 16.00 all’Auditorium Pollini il settimo appuntamento della XX Stagione Concertistica Internazionale 2012-2013 organizzata dall’Agimus di Padova. Con l’Orchestra di Padova e del Veneto diretta dal Maestro Maffeo Scarpis si esibiranno i finalisti del Concorso Internazionale di esecuzione musicale Premio Città di Padova. In programma musiche C.M.Weber (concerto n. 2 op. 74 per clarinetto e orchestra), Ciaikovsky (concerto per violino e orchestra op. 35), Brahms (concerto per violino e orchestra op. 77) e Saint-Saens (concerto per violoncello e orchestra op. 33 n. 1).

Voglio chiudere il post di oggi segalandovi anche un’iniziativa enogastronomica, sempre che tra la fine di Carnevale e San Valentino il vostro medico non vi abbia proibito qualunque cosa abbia più gradi dell’acqua di rubinetto. Sabato 16 dalle 17.30 alle 20.00 alla Boutique del Gusto “La Fenice” al 48 di via Santa Lucia, Marco 744px-Padova_antica.jpgPerco, titolare dell’azienda vitivinicola Roncus di Capriva del Friuli in piena zona del Collio, racconterà i suoi vini, la sua terra e la sua passione. Un’azienda che da anni riceve  prestigiosi riconoscimenti come Vino dell’eccellenza con Le Guide dell’Espresso, i Cinque Grappoli di  Duemila Vini e i Tre Bicchieri del Gambero Rosso.

Nel caso il buon vino non bastasse ad attenuare i sensi di colpa, vi viene in aiuto il Comitato Mura di Padova che, domenica 17, riparte con i tour guidati per far conoscere ai Padovani (ma non solo) il “più grande” monumento della città: le mura. La partenza è alle 9.30 in via Raggio di Sole per una passeggiata dal torrione Impossibile al baluardo San Prosdocimo.

Buon fine settimana

Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blogCiao a tutti! Come fatto per il post di lunedì (rileggi) anche oggi voglio comunicare che dopo oltre 3 anni e mezzo di blog e 570 posts, il blog di Padova su virgilio.it così come gli altri local blog del progetto “VirgilioCittà” si sta avviando alla sua conclusione. Da inizio marzo (salvo imprevisti) non troverete più i nostri post all’indirizzo virgiliopadova.myblog.it/ bensì sul nostro nuovo sito “Il blog di Padova” all’indirizzo www.blogdipadova.it.

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blogIn questi anni di blog, una delle rubriche che mi ha dato maggiori soddisfazioni, nel curare e nel diffonderne i contenuti è stata senz’altro quella de “Le strade di Padova”, ispirate dall’omonimo libro di Giuseppe Toffanin (Jr), principale fonte dei miei stessi approfondimenti come scrissi nel primo post di questa rubricanoto giornalista e scrittore (Padova, 1932- Grisignano di Zocco 1994), ha scritto moltissime pagine sulla città di Padova, la sua storia, suo costume, la sua cultura. E’ stata una soddisfazione ricevere una mail di approvazione dal figlio di Giuseppe Toffanin, il signor Paolo, così come quelle di altri padovani che in questa rubrica hanno rispolverato curiosità e aneddoti raccontati loro da nonni e genitori. Ho avuto pure la soddisfazione di essere contattato da due scrittori in cerca di approfondimenti per “costruire” il contesto della Padova storica su cui far muovere i personaggi dei loro prossimi romanzi.

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blog

Strade di Padova” eVecchia Padova, due rubriche che ho a cuore e ho intenzione di riportare nel nuovo sito (blogdipadova.it) perchè, come ho ripetuto più volte in questo blog, a mio avviso la cultura popolare, la vita della gente comune, i mestieri e gli stili di vita (che cambiano con il cambiare degli anni, con il cambiamento dell’economia, e il cambiamento anche fisico della città stessa), sono questi elementi ad esprimere e a narrare l’autenticità di una città e a disvelarne l’identità.”

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blog

Parlando di turismo, ritengo che i residenti, i cittadini siano i primi turisti della propria città e lo possono essere se sono persone curiose e se sentono un certo senso di appartenenza, di orgoglio civico. In questo caso i residenti possono essere anche i primi promotori turistici come ho sostenuto nel corso della presentazione al centro culturale Altinate-S. Gaetano (altra bella soddisfazione!) del libro “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita”, di Paola Tellaroli. Ritengo infatti che per quanto le punte di diamante, le grandi attrazioni culturali di Padova siano quelle note, anche una maggior diffusione e valorizzazione della storia locale e della cultura popolare della città possa avere una duplice valenza: turistica ma prima di tutto un’operazione per favorire un maggior attaccamento alla propria città ed orgoglio civico da parte dei padovani.

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blog

Un esempio di come anche un episodio di storia locale possa avere valenza turistica, secondo me è  l’8 febbraio 1848. Ritengo sia un delitto venga festeggiato solo da qualche decina di goliardi, con turisti attorno ignari di cosa stia succedendo e di quali fossero le ragioni di tali celebrazioni. Una giornata in cui studenti e popolani della città si sono sollevati, tra i primi in Europa, per reagire all’oppressione straniera e costruire un’Italia unita, penso meriti maggior visibilità: non a caso la via più centrale, più importante della città, tra Municipio, Palazzo del Bo (sede dell’Università) e Caffè Pedrocchi è proprio via 8 febbraio 1848, la prima via a cui ho dedicato un post nella mia rubrica. 

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blog

Luigi Nardo al termine del suo libro “Ma quando penso a Padova…” lanciò già anni addietro una suggestione o forse solo un suo sogno e cioè quello di un museo della civiltà cittadina di Padova, così come ci sono quelli della civiltà contadina. Al di là di saltuarie esposizioni manca un Museo di Padova, uno spazio in cui venga mostrata la storia della città…Se i bellissimi Musei Civici coprono la parte relativa all’antichità manca un spazio in cui venga presentata la vita cittadina fino ai giorni nostri, includendo il ‘900, i cambiamenti urbanistici, lo sviluppo della città fuori le mura, i mezzi di trasporto pubblico, il passaggio dalle osterie e vecchie trattorie popolari, ai bar da fighetti di oggi, piuttosto che i segni della nuova città multiculturale.

padova,veneto,turismo padova,turismo veneto,le strade di padova,padova popolare,vecchia padova,cultura popolare,blog di padova,padova blogUn esempio che ho visto ed apprezzato con i miei occhi è il “People’s Palace” di Glasgow in cui vengono esibite con grande rispetto anche immagini ed episodi storici, ritagli di giornali, fotografie in merito alla storia delle squadre di calcio della città e dei principali club sportivi della città quando invece da noi, il tema calcio e parlando di Calcio Padova vengano considerati con un atteggiamento snob come una “questione” per trogloditi…la rubrica “Vecchia Padova (cultura popolare)” contiene di fatto anche i post delle “Strade di Padova” così come alcuni post relativi alla rubrica “Calcio Padova 1910” poichè anche la squadra di calcio fa parte della storia e della vita vissuta dai padovani, di generazione in generazione. Un luogo in cui un anziano possa mostrare al nipotino com’era la Padova della sua infanzia, in cui si possa ricordare il passato e progettare il futuro… 

Nello scrivere i post della rubrica le “Strade di Padova” non ho preteso di essere esaustivo…Qualche altra via importante del centro storico l’avrei potuta presentare ma per ora accontentavi di queste. 😉 Dalla pagina facebook del blog di Padova potete vedere qualche immagine della Padova che fu. Buona visione e buona lettura!  http://virgiliopadova.myblog.it/le-strade-di-padova/

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

padova,padova blog,blog di padova,virgiliopadova,alberto botton,blog,local blogGià, è proprio così! Dopo oltre 3 anni e mezzo di blog e 570 posts, il blog di Padova su virgilio.it così come gli altri local blog del progetto “VirgilioCittà” (15 blog su altrettante città italiane curate da altrettanti “local bloggers”) si sta avviando alla sua conclusione. 

E’ stato un lungo periodo, impegnativo ma ricco di soddisfazioni, per tutta la durata del quale ho cercato di mettere per iscritto quella che è la mia passione per la città ed il territorio (parlo di Padova ma anche in senso lato), le curiosità, gli aneddotti, le molte sfaccettature di una Padova dalle multiple identità…L’ho fatto da cittadino di Padova e come persona che si è formata per poter lavorare in settori quali il marketing territoriale e la promozione turistica di una destinazione, pur non essendoci (finora) riuscita. E’ stata l’occasione per cimentarmi ed imparare nuove tecniche di comunicazione legate alle nuove tecnologie, in particolare mi riferisco ai social network tramite i quali cerchiamo di dar maggiore visibilità ai nostri post e diffondere altri contenuti.

In questi anni ho conosciuto diverse persone tramite questa attività e varie realtà della “scena” culturale, e non solo, cittadina che fanno di Padova, checchè ne dicano i soliti qualunquisti o denigratori a tempo perso, una città viva e che lasciano intravedere grandi potenzialità ancora inespresse. 

padova,padova blog,blog di padova,virgiliopadova,alberto botton,blog,local blog, turismo, turismo padova,

Il blog sul portale virgilio.it chiuderà definitivamente a fine febbraio ma fin da subito colgo l’occasione per salutare i colleghi “local blogger” d’Italia, in particolare quelli con cui mi sono confrontato di più e che come me hanno portato avanti dall’inizio (giugno 2009) alla fine questo progetto e cioè Marlene di Modena, Marileda di Bari, Massimo di Salerno ed il “vicino di casa” Lorenzo di Venezia e ringraziare Tiziana Ferrando e Massimo Dalmazzi di Bitness, società responsabile del progetto, per avermi scelto tre anni e mezzo fa come blogger di Padova, sopportato e supportato in quest’avventura.

padova,padova blog,blog di padova,virgiliopadova,alberto botton,blog,local blog,turismo,turismo padova

Ma…C’è un “ma” nel titolo ed è un “ma” grande come una casa che vuole esprimere un forte “cambio di atmosfera”, di “mood”! Infatti, se pensate che stiamo mollando così, vi state sbagliando di grosso! Infatti, d’accordo con i nuovi compagni di meren…ops d’accordo con Silvia e Giuseppe che da 6 mesi e più stanno condividendo con me questa esperienza, abbiamo deciso che non dovevamo chiudere un bel niente ma semmai rilanciare! Per un velo di tristezza di un progetto che chiude c’è  infatti l’entusiasmo per un altro che sta per nascere. 

padova,padova blog,blog di padova,virgiliopadova,alberto botton,blog,local blog,turismo,turismo padovaVogliamo quindi continuare a scrivere di Padova, del suo territorio, della storia, dell’enogastronomia e a proporvi gli eventi del weekend e lo faremo con un sito tutto nostro in cui troveranno spazio i nostri post e quelli di chi ci vorrà dare una mano cercando di dare visibilità a vari progetti ed iniziative che ci verranno in mente. Intanto abbiamo comprato il dominio come vedete nella foto a fianco (blogdipadova.it) e sarà a questo indirizzo che ci troverete indicativamente dal 1 marzo!

Come dalle iconcine che trovate in basso sotto alla mia firma, siamo presenti in vari social network e, in particolare la pagina facebook che gode di buona salute, è diventata la piattaforma e lo spazio per poter interagire e proporre argomenti che non hanno trovato spazio sul blog.

Che dire? Continuate a seguirci quindi sui social network e prossimamente sul nostro nuovo sito dove continueremo ad inondarvi con il nostro “fiume di parole”! 😀

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

 

orologio.jpgBuon venerdì è un piacere rivedervi. Tutto bene? “Sieti caldi?” come disse Madonna in uno dei suoi primi concerti in Italia? Molto bene, anche perchè ne avrete bisogno in questo fine settimana padovano. Mentre stavo per mettermi a scrivere, rivedendo gli appunti presi per questo post, improvvisamente ho avuto una sorta di allucinazione visiva. Avete presente un prisma triangolare? Per chi non fosse un patito di geometria ma fosse amante del rock è quella piramide che si trova raffigurata nella copertina di dell’album “The Dark Side of the Moon” dei Pink Floyd. Se vi entra raggio di luce ne esce tutto lo spettro dei colori. Nel mio trip mentale, questi fasci colorati entravano a loro volta in altri prima generando nuovamente altri fasci di colore e così via all’infinito.
cromatica manifesto.jpgQuesta immagine rende piuttosto bene il numero di eventi, concerti e appuntamenti che avranno luogo in questo fine settimana di carnevale. Grazie a Cromatica possiamo tranquillamente dire che ce n’è veramente di tutti i colori e per tutti i gusti. Dell’iniziativa ne hanno già parlato diffusamente sia Silvia che Alberto per cui, un po’ pigramente, vi rimando ai rispettivi post per un approfondimento e soprattutto al molto ben curato e aggiornato sito www.carnevalepadova.com. Ma non perdiamoci ulteriormente in preamboli e tuffiamoci nel caleidoscopico mare di eventi del weekend da venerdì 8 a domenica 10 febbraio.

Parto dagli incontri con l’autore per segnalarvi che venerdì 8 febbraio alle 16.30 alla Libreria Laformadelibro di via XX Settembre sarà ospite l’attore teatrale, regista, scrittore e drammaturgo Ascanio Celestini che presenterà il suo ultimo libro “Pro patria” (Einaudi 2012), storia di un detenuto condannato alla reclusione ascanio-celestini-pro-patria-69-46.jpgfino al giorno 99 del mese 99 dell’anno 9999 e del suo “Discorso sulla controvertigine”, in compagnia del fantasma di Mazzini, di un secondino detto «l’intoccabile» e del «Negro Matto Africano», che ha trovato un sistema infallibile per evadere. Se al piacere di una buona conversazione volete unire anche la salutare attività della passeggiata culturale fatevi trovare alle 17.30 al Bar del Palazzo del Bo da dove partirà un minitour nel cuore della città, alla ricerca di aneddoti, curiosità e sapori di Padova con Paola Tellaroli, autrice di “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita” (Newton Compton Editori). Possiamo poi venendo verso il Liston fermarci alle 19.00 allo Spazio Superflash Store in piazza Cavour per assistere alla presentazione del libro “Il potere è nella mente” (Rizzoli) del mentalista italiano Francesco Tesei. Sempre venerdì, spostandoci però al San Gaetano alle 21.00, non possiamo perdere l’incontro con Gene Gnocchi condotto da Pierangelo Serio e Isacco Tognon. Quattro chiacchiere informali per parlare di lui, di noi e del mondo con un vero fuoriclasse della comicità. Domenica 10, sempre al San Gaetano, sarà ospite anche il regista-autore Enrico Lando che, dal 2009 dirige, per MTV, la fortunata serie televisiva, nonchè due fortunati film, de “I Soliti Idioti”.

Appnti-per-una-corretta-gestione_Federico-paino_2.jpgIn questo weekend non possiamo tralasciare anche il teatro. La programmazione sempre ricca del circolo Carichi Sospesi propone, venerdì 8 alle 21.30 il terzo appuntamento con la rassegna “Carichi di Scena”. Sul palco di vicolo portello lo spettacolo “Appunti per un’accorta gestione demografica”, monologo, di e con Federico Paino, vincitore del Next Generation Festival 2012. Un uomo solo con se stesso in una stanza vuota in un silenzio artificiale, fitto di rumori impercettibili e indeterminati in cui solo dalla segreteria arrivano gli unici segni umani dal mondo esterno. Nella vita perfettamente organizzata di un impiegato qualunque, che anonimamente coltiva in segreto ideologie razziste e violente, deliri apocalittici, ma anche tenere aspirazioni amorose, timori e premure infantili e comiche, irrompe un delitto compiuto “senza colpa”. Al Piccolo Teatro in via Asolo è in cartellone “Il marito di mio figlio” commedia degli equivoci di Daniele Falleri a cura di Teatro delle Lune di Montebelluna con la regia di Roberto Conte. Al Gran Teatro Geox, per tutto il aldo-giovanni-e-giacomo.jpgfine settimana è protagonista, invece, il trio comico più famoso d’Italia, Aldo Giovanni e Giacomo che, a sette anni dal successo di Anplagghed, spettacolo campione assoluto di incassi nella stagione teatrale 2005/2006, tornano a esibirsi nuovamente dal vivo.

Per la musica abbiamo solo che l’imbarazzo della scelta. Per gli appassionati musica classica, venerdì 8 febbraio alle 20.15, il Quartetto Auryn, accompagnato dalla viola di Volker Jacobsen, eseguirà all’Auditorium Pollini, il Quartetto in fa maggiore di Grieg, il Quintetto op. 97 di Dvorak e il Quintetto op. 88 di  Brahms.

Notevole anche il numero degli appuntamenti dedicati al jazz. Venerdì 8 febbraio al Pedrocchi suonerà un ensemble giovane ma ormai già affermato sulla scena jazz nazionale, gli Or-Crank Trio, con Enrico Di Stefano al sax tenore, Giulio Campagnolo all’organo hammond e Andrea Davì alla batteria. Sabato 9 proseguono, inoltre, gli appuntamenti con la rassegna “Ombre di Jazz” alla Risorta 2-guano_padano.jpgOsteria del Refosco di via Carlo Cassan che vedrà protagonista il trio “Standard Socks”, composto da Simone Massaron alla chitarra, Giulio Corini al contrabbasso e Nelide Bandello alla batteria. Il trio proporrà standard e improvvisazioni basate sull’interplay, concetto presente anche nella musica colta ma che nel jazz ha trovato la sua massima esaltazione. Domenica 10, invece, all’Osteria 3 Quarti di Riviera Mugnai jazz lunch con i Guano Padano, una band che vede Danilo Gallo al basso, Alessandro “Asso” Stefana alla chitarra e Zeno De Rossi alla batteria, questi ultimi in forza stabile alla band di Vinicio Capossela. Per il fine settimana, inoltre, lo  Spazio Gershwin, ha curato esibizioni live in via Santa Lucia e via Altinate, a base di swing e jazz da New Orleans a Chicago.

Il Terminal di Padova propone, venerdì 8 febbraio, una “pulp night” dedicata alle atmosfere, e alle colonne sonore, dei film di Quentin Tarantino. Sul palco di via Palestro si esibirà lo Stefano Silenzi Blues Trio. In questo progetto, Stefano Silenzi,  silenzi3.jpgtorna, alla chitarra elettrica, suo elemento naturale e alla voce accompagnato come sempre da musicisti d’eccezione: Ivan Prevedello al piano, Max Gagno al basso e Bob Parolin alla batteria. Una serata con rigoroso dress code in onore del regista di Pulp Fiction, Kill Bill e di Django Unchained. Sabato 9 sarà il turno degli Still Stones, gruppo di amici con la passione per la musica, che nel 2009 cominciano a proporsi al pubblico con gli energici e sempre attuali brani dei mitici Rolling Stones, riarrangiati per una band di cinque elementi: voce e armonica, due chitarre, basso e sassofono, batteria. Mentre domenica spazio alla musica rock a 360 gradi con il gruppo dei The Roller.

Al Fishmarket venerdì 8 febbraio si compirà un viaggio trentennale nel blues, al fianco di stelle come Etta James, Taj Mahal, John Mayall, Robben Ford e Brian Auger. Protagonista Rudy Rotta, un vero eroe delle sei corde che riproporrà dal vivo brani tratti dall’ultimo disco “Blue Inside” e le pietre miliari di una carriera che l’ha portato ad essere celebre anche negli Stati Uniti.

soft-pack-sito.jpgSe amate il sound dei Velvet Underground, The Stooges e dei The Strokes l’appuntamento è, invece, sabato 9 febbraio ore 21 al Bastione Alicorno in Piazzale Santa Croce con i The Soft Pack.  Canzoni veloci e dirette, costruite sui riff di chitarra con un’energia punk, suoni abrasivi figli del garage rock anni Sessanta e del lo-fi americano degli anni Novanta. Sempre sabato 9 febbraio alle ore 21,30 ai Carichi Sospesi il live ribollente dei Bube Sapràvie, una miscela originale, minestrone ribollente di vegetali ispirazioni da cui spuntano echi circensi, nostalgie Osteuropee e Sudamerindie, voli spaziali e molto altro ancora.

Si chiude, infine, domenica 10 in Piazza dei Signori con il grande concerto di Carnevale con Miki & Gio, i Tunatones, i Mannachi, Ska J e i Megahertz che accompagneranno l’aperitivo dalle 16.00 alle 21.00 Una festa musicale gratuita, un regalo per tutta la cittadinanza e i visitatori di Cromatica, il nuovo carnevale di Padova.

2013-granballo-pedrocchi.jpgNon si può tuttavia dimenticare una delle tradizioni carnevalesche per eccellenza: il ballo in maschera. Venerdì 8 febbraio, alle ore 20.30, nella splendida cornice del Caffé Pedrocchi, Team for Children ha organizzato un  Gran Gala di beneficienza a sostegno del reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova. Dopo l’aperitivo, a cui sarà abbinata una selezione di degustazioni enogastronomiche proposte dal Caffè Pedrocchi, seguirà la cena di gala servita nella prestigiosa Sala Rossini accompagnata dalle note del Conservatorio Pollini. L’eleganza e la raffinatezza musicale del dj Fabio Parodo e la simpatia di Nanà Saturno chiuderanno la cornice di una notte indimenticabile dell’eleganza, tra maschere, colori e costumi d’epoca nel cuore della città. (per informazioni Team for Children T. 346-0027482 o Caffè Pedrocchi T. 049 878 123).

bellitalia-logo.jpgRimanendo in tema enogastronomico non posso esimermi dal segnalare che durante tutto il fine settimana nei moltissimi bar e caffè di Padova verranno proposti aperitivi e degustazioni a tema con il carnevale e con i colori di Cromatica. Tra le molte iniziative segnalo che venerdì 8 febbraio, al Ristorante Per Bacco di Pontecorvo la serata inizia con un aperitivo infuocato a base di Bloody Mary e prosecco. Per chi resta a cena il colore rosso farà da filo conduttore dal ragù al pomodoro che tingerà i primi piatti a quello dello spezzatino, passando per qualche chicca a sorpresa. Sabato 9, invece, alla Boutique del Gusto perbacco.JPGLa Fenice in via Santa Lucia, dalle 18.00 alle 20.00 avrà luogo una degustazione di vini accompagnata da musica dal vivo, racconti di cibo e di vino e delle vite di chi li produce. Evento clou della “Cromatica da Gustare” sarà, da domenica 10 a Martedì 12 in Prato della Valle, la manifestazione “Bell’Italia”, una grande esposizione enogastronomica che punta alla riscoperta di prodotti tradizionali ed a marchio certificato dalle Regioni italiane.

A rallegrare l’atmosfera vi saranno inoltre “presentazioni guidate al gusto”, spettacoli teatrali, giochi per bambini e musica.

E direi che con questo vi ho, come si dice, “conciati per le feste”. Non mi rimane che addentare l’ultima frittella e augurarvi un felice ed intenso fine settimana.

A venerdì prossimo

Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it

 

Socializza con il Blog di Padova!

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova 

 

Buongiorno a tutti, padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova

come ben sapete, sono a Milano e in questa
lucente giornata – contrariamente da quanto si pensa, Milano,  sa essere soleggiata – , mi è venuta voglia di primavera. La primavera è la mia stagione preferita: poiché tutto rinasce, si risveglia, ricominciamo a sentire profumi, vedere i primi fiori e i primi colori. E quali sono i colori che ci vengono in mente in questo periodo? Noi del Blog di Padova ci cromatizziamo con il rosso, il giallo, il blu ed il verde di Cromatica 2013 – Il Carnevale di Padova – . Padova si colora e offre un carnet di eventi a dir poco entusiasmanti.

In questo post, data la pertinenza con la mia rubrica “enogastronomia e territorio” era giusto mi concentrassi sugli eventi green theme, e poi, lo ammetto è uno dei miei colori preferiti! Gli eventi all’interno del contenitore verde sono davvero molteplici, io vi parlerò solo di quelli che frequenterò e ovviamente racconterò, “instagrammerò”.. dopo averli vissuti e degustati, poiché essi sono di carattere enogastronomico e di promozione territoriale. (I miei preferiti, ma non ditelo a nessuno!)

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovaCon amarezza non potrò essere presente al Centro Culturale San Gaetano dove ci sarà un vero e proprio elogio-presentazione a/di Gene Gnocchi, il fuoriclasse della comicità Italiana ci racconta  che musica ascolta, cosa legge e soprattutto cosa mangia, poiché alla Trattoria Paccagnella e alla Trattoria Dante alle Piazze ci sarà il menu cromatizzato personalmente dal comico e guardate un po’, come primo ha scelto proprio i tortelli alle erbette. E dunque, io mi chiedo, si tratterà di erbette dei Colli Euganei  .

Sabato 9 Febbraio, dalle 18.30, il contenitore green si fa ancora più interessante, si parte con l’aperitivo presso il Bar “lo sfizio” accompagnato dalla mostra fotografica da Giovanni Stecca “questione instagram”, un’esposizione che vuole essere un invito a distinguere le fotografie scattate da uno smartphone da quelle scattate da una macchina, un aperitivo critica? O un aperitivo costruttivo/ev

olutivo? Lo scopriremo insieme!

Nello stesso orario, ci si può immergere in un’atmosfera bohèmienne: “uno stile di vita espresso attraverso rapporti sessuali extramatrimoniali, frugalità e povertà volontaria”… ecco no, limitiamoci ad assaporare la poesia del gusto e soddisfiamo i sensi con l’aperitivo dei poeti alla Caffetteria Pane e Miele di Riviera Tito Livio e proviamo l’assenzio servito alla francese, flambè o bohèmienne.

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovaE volete davvero immergervi nello charme francesce a 360° andate al Sogno d’Incanto, vicino a Prato della Valle, dove troverete promettenti abbinamenti (definiti tali da una vera degustatrice: Stefania Pompele) di pralineria francese e macarons accompagnati da birre artigianali belghe.

Domenica 10, invece, l’obiettivo e la parola d’ordine è: qualità e da non perdere è  l’esposizione/ manifestazione Bella Italia – il progetto organizzato da Explicom e dal Comune di Padova al quale parteciperanno cento operatori del settore per il sesto anno consecutivo nella più grande e suggestiva piatta Patavina: il Prato della Valle. 

Salute!

 

S.

 

http://about.me/silviatiberto

 

 

 

Socializza con il Blog di Padova!

 

 

 

padova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padovapadova blog,padova,colli euganei,provincia di padova,turismo padova,veneto,turismo veneto,enogastronomia,turismo enogastronomico,mangiare a padova