blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,padova,zucca

Mercoledì 31 Ottobre, tutti si preparano al ponte di Ognissanti e alla festa di Halloween, io, invece ho in cantiere da diverse settimane un post su un prodotto “dolce e scherzoso” come la zucca, dolce per la sua polpa zuccherina e scherzoso poiché intagliandola si possono ottenere simpatiche decorazioni da mettere sul davanzale durante la notte più magica dell’anno. Mi piacerebbe menzionare anche tutti gli eventi correlati a questo frutto, ma sono davvero tanti e mi limiterò ai più importanti della nostra zona.

Quando dico Halloween penso subito al frutto simbolo di questo periodo: la Curcubita, ossia la zucca, chiamata così perché appartiene alla famiglia delle Cucurbitacee. La zucca è originaria dell’America Centrale, in Messico, e ce ne sono di svariate forme, tipologie e colori. In botanica, le zucche si dividono in quattro categorie: Cucurbita maxima, Cucurbita moscata, Cucurbita pepo, Cucurbita melanosperma, o più semplicemente zucche da inverno e zucche da zucchini. In questo post vi parlerò della zucca marina di Chioggia, la quale appartiene alla famiglia della curcubita maxima e viene anche coltivata a Sud- Est di Padova, esattamente a Piove di Sacco e Arzergrande. La zucca viene detta anche “baruffa” per la citazione fatta da Carlo Goldoni nella commedia “Le baruffe chiozzotte”Per saperne di più, sulle altre specie, vi suggerisco la spiegazione sul sito www.giallozafferano.it in questo dizionario del cibo.

La zucca marina di Chioggia: ha un fusto molto lungo, è frutto tondo e molto grosso schiacciato ai poli e dagli spicchi molto pronunciati di colore verde e polpa gialla-arancione, viene coltivata con facilità nei nostri orti. Essa viene largamente utilizzata in cucina, ma anche come medicina naturale in quanto ha degli effetti benefici per la nostra salute, i suoi semi vengono impiegati per creare olio che può essere utilizzato per condimenti, ma anche per emulsionare e lenire la pelle. I vantaggi di questo frutto sono molteplici: previene i tumori, placca, l’insonnia, elimina i parassiti intestinali, ha proprietà antiossidanti perché riduce i radicali liberi, favorisce la regolarità dell’intestino.

blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,padova,zucca,ortanti,sale in zucca

Penso che ogni pretesto sia buono per fare festa (soprattutto per noi Veneti) ed è per questo motivo che in questo post goloso vi menziono alcune feste (passate e future) dedicate alla zucca. Una delle feste paesane più conosciute è la “Festa dea suca baruca col mocolo impissà” che si è tenuta domenica 21 Ottobre a Piove di Sacco e ha richiamato migliaia di visitatori con i suoi banchetti dedicati alle svariate forme e tecniche di intaglio del frutto. La giornata ha visto anche la presenza della gara di intaglio da parte dei bambini e una mostra d’arte ispirata alla zucca.
Domenica 28 Ottobre si è tenuto presso il Parco degli Orti di via Mammiani a Padova l’evento: “Senza Sale in Zucca” per accogliere questa prima Domenica corta, organizzato da gli OrTanti, gente appassionata – appunto –  di orti (la manifestazione, in caso di pioggia, si terrà questo Mercoledì pomeriggio alle ore 16.30). Per chi si fosse perso gli eventi sopra citati c’è comunque un modo per recuperare, Domenica 4 Novembre, a Campodarsego presso Piazza Europa si terrà la Festa della Zucca: viaggio nelle tradizioni e nella cultura del mondo contadino

blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,padova,zucca,notte nera terme, terme euganee, abano, montegrotto

Con tutti questi eventi culinari sarebbe il caso di dire “zucca vuota e pancia piena”, ma è certamente meglio dire che “la cultura è cibo per la mente” ed è per questo motivo che vi invito a trascorrete la notte del 31 Ottobre ad Abano e Montegrotto Terme alla Notte Nera delle Terme. I San Pietrini e gli Aponensi si preparano alla notte più magica dell’anno, dove si può entrare in contatto con un mondo soprannaturale e festeggiare il Capodanno Esoterico. Ecco il programma dettagliato.

blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,padova,zucca

Grazie al corso di cucina ho appreso come si fa un buon risotto con zucca e radicchio, vi saluto e spero trascorrete un lungo e delizioso “food weekend”.

 Salute!

S.

Follow me on twitter: @la_tibby 

 

 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter@BlogDiPadova

 

padova,blog di padova,padova blog,padova jazz festival 2012,padova jazz festival,padova jazz,turismo padova terme euganee,padovacard,padova eventi,musica a padova,ram padova 2012,ram padova,associazione miles,enrico rava

Continuano a susseguirsi uno dopo l’altro eventi di grande interesse a Padova. Dopo Vintage festival, Sugarpulp festival, Fiera delle parole, Detour, il festival del cinema di viaggio è la volta della 15° edizione del Padova Jazz Festival 2012 in programma dal 12 al 17 novembre prossimi, ideato e prodotto da Gabriella Piccolo Casiraghi con l’Associazione Miles (pagina su facebook “Padova suona jazz”) (in collaborazione con il Comune di Padova, con la Fondazione Antonveneta, Veneto Jazz, con il contributo della Regione del Veneto e il patrocinio della Provincia di Padova).

padova,blog di padova,padova blog,padova jazz festival 2012,padova jazz festival,padova jazz,turismo padova terme euganee,padovacard,padova eventi,musica a padova,ram padova 2012,ram padova,associazione miles,enrico rava

Padova vanta una certa tradizione jazzistica e da tempo si susseguono ogni anno iniziative e concerti dedicati a questo genere musicale. Il jazz è una storia di persone, spesso geniali e non categorizzabili, di interazione tra generi e tradizioni diverse, tra musica e altre arti: questo è il suo fascino e quello che l’ha reso una musica unica, diversa dalle altre, capace di nutrirsi di ispirazioni diverse e di accoglierle al suo interno senza deformarle in modo irriconoscibile. Grandi maestri e nuove leve celebrano le diverse anime del jazz. Anche il Padova Jazz festival è oramai una tradizione per la nostra città che accoglie i grandi autori del jazz, sia italiani che internazionali, tra i più amati dal pubblico. Padova diventa luogo della musica: gli eventi si articoleranno non solo negli spazi teatrali ma anche nei locali della città, proponendo oltre agli eventi musicali anche progetti collaterali al jazz. Non è una coincidenza, che tale rassegna sia inserita nell’ambizioso contenitore RAM (Ricerche Artistiche Metropolitane) che raccoglie le diverse espressioni del contemporaneo. 

Un genere musicale che può incontrare il gradimento di un pubblico trasversale, una musica che per le atmosfere che riesce a suggerire, più colte e raffinate, potrebbe diventare davvero una proposta culturale che vada al di là dei singoli eventi o festival e che potrebbe, qualora ci fosse la possibilità di suonarla maggioramente nei locali del centro città, connotare Padova come città del jazz così come lo è Praga ad esempio…Con l’occasione ricordo la rassegna Storie di Jazz e la proposta della Risorta Osteria del Refosco di via Cassan che ospita invece la rassegna  “Ombre di Jazz”. Un connubio quello tra il centro storico ed il jazz che ben si sposerebbe, credo, con l’idea di proporre una vita notturna cittadina compatibile con l’esigenze dei residenti di non sentire eccessivo baccano. 

padova,blog di padova,padova blog,padova jazz festival 2012,padova jazz festival,padova jazz,turismo padova terme euganee,padovacard,padova eventi,musica a padova,ram padova 2012,ram padova,associazione miles,enrico rava

Si parte l’11 novembre con l’Anteprima Festival (Caffè Pedrocchi ore 21.00) e gli artisti Enzo Pietropaoli Julian Mazzariello Duo, per proseguire nei giorni successivi con un programma intenso. Il fulcro del festival sarà, come sempre, sugli eventi del Teatro Verdi che ospiterà i progetti di maggior rlievo. Giovedì 15 uno straordinario David Murray, sassofonista che meglio rappresenta l’avanguardia americana con una introduzione del giovane pianista Giovanni Guidi; venerdi 16 con un altro sassofonista, Terence Blanchard, figura fondamentale del cosiddetto “rinascimento del jazz” degli anni Ottanta con una introduzione del pianista toscano Riccardo Arrighini, sabato 17 sarà dedicato a uno dei jazzisti italiani più amati dal pubblico e apprezzati a livello internazionale, Enrico Rava (foto a destra), impegnato in uno speciale tributo a Michael Jackson, re del pop con una introduzione del talentuoso Claudio Filippini.

padova,blog di padova,padova blog,padova jazz festival 2012,padova jazz festival,padova jazz,turismo padova terme euganee,padovacard,padova eventi,musica a padova,ram padova 2012,ram padova,associazione miles,enrico ravaCi saranno anche due concerti all’Auditorium San Gaetano, con due eccellenze della musica internazionale: martedì 13 con Gretchen Parlato (foto a sinistra), cantante jazz vera rivelazione degli ultimi anni e mercoledì 14 con Shai Maestro giovane pianista israeliano.
La città si anima con la partecipazione di numerosi locali del centro e della periferia, che per tutta la durata del festival avranno una programmazione dedicata e articolata con appuntamenti all’ora dell’aperitivo e in seconda serata fino a tarda notte.
L’Hotel Plaza si conferma il jazz club del festival con in programma maestri come Claudio Fasoli e Gianni Cazzola ed emergenti come Giovanni Guidi e Dino Rubino, nonché prestigiosi musicisti padovani come Marcello Tonolo e Marco Strano con progetti originali. Per “Jazz at bar” con concerti in diversi bar e locali della città ingresso libero fino ad esaurimento dei posti. Per info contattare direttamente il locale.

padova,blog di padova,padova blog,padova jazz festival 2012,padova jazz festival,padova jazz,turismo padova terme euganee,padovacard,padova eventi,musica a padova,ram padova 2012,ram padova,associazione miles,enrico rava

Infine, non solo musica, ma anche letteratura e fotografia, con la presentazione del libro “Claudio Fasoli – Note interiori” di Francesco Martinelli (12 novembre) e:
– workshop di fotografia Jazz diretto da Lorenzo Scaldaferro (Phocus Agency)(Nikon school)
– una mostra fotografica di “Giorgio Cattani” all’hotel Plaza in collaborazione con il Torrione Jazz club di Ferrara; ed infine, presso le Scuderie di Palazzo Moroni una mostra fotografica “Attimi di Jazz” di Michele Giotto, fotografo ufficiale del festival (22 dicembre – 13 gennaio).

Per tutte le info sugli eventi, sui prezzi e sulla prevendita vi rimando alla pagina di Padova Cultura.

Vi saluto con una vecchia performance datata 1986 di David Murray, uno degli ospiti di maggior prestigio del festival, un’occasione anche per i neofiti per avvicinarsi a questo fascinoso mondo musicale e “Per fortuna che c’è la musica” come dice l’organizzatrice del festival Gabriella Piccolo Casiraghi e come dico anch’io e sono sicuro direste anche voi! 😉


Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

Padova.jpgQuando ho scelto questo titolo per il post degli eventi del fine settimana non stavo delirando, come potrebbero pensare i più. “Sudo” non è infatti la prima persona singolare del verbo che ci tiene compagnia per tutta l’estate, ma un è un programma di Unix che permette di eseguire altri programmi assumendo l’identità di altri utenti. In pratica, vi sto ordinando di non rimanere spiaggiati sul divano e di approfittare di tutte le possibilità che affollano il fine settimana patavino da venerdì 26 a domenica 28 ottobre.

linuxday.jpgL’ispirazione è arrivata da un evento che si terrà sabato 27 ottobre dalle 8.30 alle 19.30 al Liceo Modigliani: il Linux Day 2012. Organizzato dal Free Software Users Group Padova, per tutta la giornata sarà possibile partecipare a conferenze e laboratori dedicati al sistema operativo GNU/Linux e al Software Libero, per vederli in funzione ed avere la possibilità di incontrare chi li usa tutti i giorni, senza trasformarsi inevitabilmente in pinguini. Il programma della giornata è disponibile a questo indirizzo. L’ingresso è libero e gratuito.

Se il computer non è il vostro forte – anche se, visto che state leggendo questo post, un minimo di rudimenti li avete- non c’è comunque da annoiarsi. Anche se il tempo atmosferico non sarà dei migliori, stando a quanto dice lArpav, armati del provvidenziale ombrello d’emergenza, potremmo comunciare il nostro fine settimana con un’interessante conferenza dedicata al problema dell’acqua dal titolo “Ecoidrologia: dialogo sul futuro dell’ambiente“ al Centro Congressi Papa Luciani (via Forcellini) venerdì 26 ottobre alle 17.45. Inserito nella edizione 2012 di Segnavie, organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, l’incontro vedrà protagonisti David King, direttore della Smith School of Enterprise and Environment dell’Università di Oxford, e Ignacio Rodríguez-Iturbe, uno dei massimi esperti di idrologia a livello mondiale. Entrambi saranno intervistati Intervistati da Antonio Cianciullo, esperto di temi ambientali e inviato de La Repubblica. Tutte le informazioni le trovate sul sito www.segnavie.it.

kramer.jpgUna piacevole alternativa potrebbe essere fare un salto allo Studio GR.20, in via dei Soncin 27 dove prende il via, venerdì 26 ottobre alle 16.00, l’esposizione “Vetro contemporaneo–Sculture, installazioni, gioielli”, mostra collettiva con opere di Beate Eismann, Iris Nieuwenburg, Evert Nijland, Ruudt Peters, Katja Prins, Andrea Wagner e Maria Grazia Rosin. Per informazioni www.gr20.it. In aggiunta vale la pena un giro anche alla Galleria laRinascente di piazza Garibaldi per visitare la personale dell’artista Andreas Kramer “Idoli”, due cicli di lavori di xilografie su tela realizzati tra il 2011 e il 2012 a Berlino. Info su padovacultura.padovanet.it.

Che abbiate partecipato alla conferenza o che vi siate dati all’arte siamo arrivati all’ora dell’aperitivo. Cosa c’è di meglio che abbinarlo ad un piacevole concerto jazz? Questa la proposta, venerdì 26 ottobre, al Caffè Pedrocchi dove, per la rassegna Storie di Jazz 2012, suonerà il duo Antonio Ongarello alla chitarra e Enrico Dal Bosco al sax tenore. Il programma completo della rassegna è scaricabile a questo link.

slash.jpgAmpia la scelta musicale anche per il dopocena. Al Santuario della Madonna Pellegrina, ultimo appuntamento della rassegna Concerti di Ottobre organizzato dal Centro Organistico Padovano. Il Coro della Cappella Musicale del Santo accompagnato all’organo da Massimo Dal Prà e diretto da Valerio Casarin e le due voci soliste del soprano Daniela Segato e del basso Luigi Varotto, proporranno alcuni dei brani più significativi e suggestivi tratti dal repertorio corale di Mendelssohn-Bartholdy, Saint Saens, Bossi, Vierne, Betta, Dalla Vecchia, Jenkins,  Zarpellon e Frisina. (Centro Organistico Padovano: 049 685716).  Alla Sala dei Giganti di Palazzo Liviano si rende omaggio alle nascite di Claude DebussyXavier Montsalvatge con ‘Uno sguardo occidentale’. Il concerto vedrà la presenza di Claudia Rondelli al pianoforte e la voce di Bianca Simone. (Ingresso libero  previa prenotazione al 335 8309022 o via mail).
Gli appassionati di jazz non possono che andare al Teatro Verdi per “il Classico nel Jazz”, concerto di beneficenza a favore di “Città della Speranza” che vedrà sul palco l’Orchestra di Fiati di Cadoneghe con due ospiti d’eccezione: il trombettista Marco Tamburini e il pianista Michelangelo Stregapede. (Info www.orchestradicadoneghe.org)
Se la vostra anima è, invece, rock non potete mancare al concerto, al Gran Teatro Geox, al concerto di Slash. Lo storico chitarrista dei Guns’n’Roses, insieme ai Myles Kennedy and The Conspirators, proporranno brani dall’album “Apocalictic Love” insieme ai pezzi che hanno reso i Guns una pietra miliare dell’hard rock. Per informazioni www.granteatrogeox.com).

plessi.jpegSe il venerdì vi è sembrato particolarmente denso di impegni aspettate a vedere cosa si prospetta sabato 27 ottobre. A cominciare dalle esposizioni che inaugurano a Padova.  Apre infatti, a Palazzo della Ragione l’evento saliente dell’edizione 2012–2013 del RAM–Ricerche Artistiche Metropolitane. Ovvero la mostra “Il Flusso della Ragione” di Fabrizio Plessi, artista di fama internazionale e veneziano d’adozione. Una grande videoinstallazione, da un punto all’altro del salone, viene percorsa nella sua intera struttura da due diverse “correnti”. L’una è creata dall’affastellarsi di centinaia di fogli, che registrano la nascita delle opere dell’artista il cui lavoro principale, secondo Plessi, è quello della progettazione; l’altra da un’ininterrotta sequenza di monitor, che rimanda all’incessante fluire dell’acqua, del fuoco e della lava. A pochi metri di distanza apre al pubblico, nelle Scuderie di Palazzo Moroni la personale di Ennio Toniato “Luminose trasparenze” (tutte le informazioni su padovacultura.padovanet.it).

Vale la pena, tempo atmosferico permettendo, anche fare una passeggiata sul Liston per assistere alla “Halloween Parade 2012“, una sfilata (dalle 16.00 alle 18.00) organizzata dal Centro Studi Forcole d’Oro e Fondazione Antonveneta. Fin dalla mattina, a partire dalle 10.00, davanti al Comune verrà allestito il “Il mercatino del cuore”, una raccolta fondi in favore delle associazioni di volontariato che daranno vita al corteo. Il gruppo giovani della Croce Rossa Italiana organizza, invece, il “truccabimbi”.

The_Pains_of_Being_Pure_at_Heart.jpgComincia ormai a farsi sera e bisogna quindi pensare come organizzare cena e dopocena. Una buona idea ce la propone la Risorta Osteria Del Refosco di Via Carlo Cassan che ospita il secondo appuntamento della rassegna “Ombre di Jazz”. Tra buona cucina e un bicchiere di vino il pianista Fabrizio Puglisi, il bassita Stefano Senni e il batterista Tommaso Cappellato rendono omaggio le icone della storia del jazz con un’ospite d’eccezione: la cantante Alessia Obino. (per informazioni e programma della rassegna ombredijazz.blogspot.it).
Per la musica classica consiglio di spostarsi in provincia. Alla Chiesa di San Rocco di Piove di Sacco concerto conclusivo della rassegna dei concerti d’organo con un recital solistico del M. Silvio Celeghin che eseguirà composizioni di Picchi, Frescobaldi, Galuppi, Haendel per concludere con la Fantasia e fuga in la minore BWV 561 di Bach. Ingresso libero e gratuito. Per ogni informazione si può contattare il numero 3476936584.
europe.jpgPassando dall’organo alle tastiere elettroniche, qualcuno ricorda “The Final Countdown”, con quella sua storica intro? Molto bene, cotonate i capelli e rispolverate i jeans strappati perchè al Gran Teatro Geox tornano gli Europe. Un’occasione per scoprire le novità della band, ma anche per riascoltare quelle canzoni che hanno segnato un’epoca e dato il via ad un’avventura che non è ancora finita. Per informazioni e biglietti, ancora disponibili, http://www.granteatrogeox.com. Passando dal rock all’indie pop,  al Bastione Alicorno di Piazzale Santa Croce il Looop Club propone il concerto del quartetto newyorkese The Pains Of Being Pure At Heart, dream pop adolescenziale con influenze new wave anni Ottanta e noise degli anni Novanta. Apre il concerto il trio londinese dei Flowers (informazioni e acquisto biglietti http://www.looopclub.it).

Beppe-Palombarini1.jpegPreferite una serata all’insegna del pattinaggio? Padova è in grado di accontentrarvi anche se le temperature non sono ancora così rigide! Al Palaghiaccio di Padova, via Geremia a fianco dello stadio di rugby, sabato 27 ottobre alle 21.00 (in replica domenica 28 ottobre alle 18.30) Colors on ice presenta “Ice gala world”, spettacolo sul ghiaccio con grandi campioni del pattinaggio internazionale, accompagnati da musicisti e artisti acrobatici. (www.palaghiacciopadova.com).
Sempre la danza, anche se questa volta, più o meno, con i piedi sulla terra, è protagonista sabato 27 ottobre alle 21.00 al Teatro Sanclemente, ex chiesa delle Granze, per la rassegna “Salti di Tono”, organizzata dal gruppo “Teatrocontinuo”. Apre la serata la performance “Tenco d’Amore” della compagnia Benessere Danza, con le coreografie del maestro e ballerino Beppe Palombarini. A seguire “Zolfo” di Paola Ponti e la presentazione del libro di Paolo Carniello “Equinox-l’oro degli innocenti” a cura di Abracalam. (www.teatrocontinuo.it).

Potremmo però aver voglia di concludere la nostra serata con un musical. Dobbiamo quindi spostarci al Palazzetto Polivalente di Abano Terme per il secondo spettacolo del concorso “Sognando Broadway 2012”. La compagnia Question Mark mette in scena “Life in Plastik”. Un mondo non rosa, ma Fuxia! (www.sognandobroadway.it).

luca simoncini.jpgEccoci a Domenica 28 ottobre. Spero abbiate riposato bene perchè la nostra full immersion negli eventi del fine settimana continua. Si comincia alle 11.00 con il consueto appuntamento con i “Concerti della Domenica” dei Solisti Veneti di Claudio Scimone all’Auditorium Pollini di Padova. In programma la “Gloria Del Walzer Viennese dal Romanticismo al Novecento” con la partecipazione Paul Badura Skoda al pianoforte. Una selezione di walzer da J. Strauss a Schubert. (www.solistiveneti.it).
Se preferite camminare ammirando le meraviglie del sistema bastionato di Padova, fatevi trovare alle 9.30 all’ingresso dei giardini dell’Arena in via Porciglia da dove parte la quinta tappa del tour organizzato dal Comitato Mura di Padova. Il percordo di domenica va dal Torrione dell’Arena al Torrione della Gatta. (info www.muradipadova.it).
Nel pomeriggio altro concerto di classica da non perdere. Alle 17.00 la Rassegna ‘Città di Padova’, organizzata dai Musici Patavini in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova, ospita il violoncellista Luca Simoncini con “Tris Cello Piano Quartet”, insieme a Alberto Baldo, Giacomo Cardelli e Davide Furlanetto al pianoforte. In programma “Trascrizioni d’autore”, a cura di David Vicentini, con musiche di Popper, Brahms, Mahler e Mendelssohn. (www.imusicipatavini.it).

01_starck.jpgPrima assicuratevi però di non trascurare una visita al Centro Culturale San Gaetano dove inaugura “il mondo di Starck” seconda anteprima di pezzi del celebre designer Philippe Starck, selezionati dalla Collezione Bortolussi. (padovacultura.padovanet.it). Sempre al San Gaetano, alle 21.00 va in scena lo spettacolo teatral-musicale “Voi che vivete sicuri”. A partire dal verso tratto dalla famosa poesia di Primo Levi, la compagnia Teatro a Sud Est  compie un‘incursione in musica e parole, sopra un treno lungo una vita. Composizione artistica di Sandra Cattaneo, Cosimo Gallotta, Mario Arcari.

Grande musica live anche domenica sera. Al Bastione Alicorno il dream pop dei Lotus Plaza (www.looopclub.it) mentre al Palafabris chiudiamo quello che potremmo chiamare il “momento amarcord” di questo fine settimana con il concerto dei Cranberries, di nuovo in cima alle classifiche con il nuovo album Roses, dopo i grandi successi ottenuti negli anni novanta e lo scioglimento nel 2003. (www.granteatrogeox.com).

Con l’impegno di non ritrovarsi “Zombie” lunedì mattina!

Buon fine settimana
Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it

 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

padova,padova blog,blog di padova,territorio padova,bastia sostenibile,comune di rovolon,parco regionale dei colli euganei,forum della sostenibilità,sostenibile responsabile

Il ritmo frenetico di tutti i giorni, la caoticità del traffico urbano e il desiderio di respirare aria sana a contatto con la natura mi ha portato, Sabato 20 Ottobre, a trascorrete la mattinata al Forum della Sostenibilità, sul versante nord occidentale del Parco Regionale dei Colli Euganei.

Bastia di Rovolon è una frazione del Comune di Rovolon a vocazione vinicola situata ai piedi del Monte Cereo. La location scelta per l’evento era l’edificio attualmente ristrutturato accanto alla torre medioevale denominata “Colombara”.

Negli ultimi anni, Rovolon ha fatto piccoli importanti passi, che le hanno permesso di migliorare la qualità della vita dei cittadini creando e valorizzando il territorio attraverso iniziative “green” come: passeggiate, gite in bicicletta, iniziative enogastronomiche a Km 0 e proposte quali il primo forum della sostenibilità e la presentazione del progetto Bastia Sostenibile. All’appuntamento, oltre ai rappresentanti delle Istituzioni del luogo, erano presenti associazioni, giornalisti ed esperti del settore dell’edilizia i quali hanno coinvolto i presenti su temi quali la sostenibilità in termini di benessere psicofisico, socialità, salubrità e risparmio economico, qualità della vita, architettura sostenibile e valorizzazione del territorio dei Colli Euganei.

Relatori 1.jpgAd introdurre i lavori e a moderare gli interventi era presente Maurizio Melis, giornalista scientifico e conduttore della trasmissione Mr. Kilowatt su Radio 24. Ad accompagnarlo, l’architetto Roberto Ervas – vicepresidente dell’Associazione Italiana di Ecologia Umana, Giorgio Osti – professore di Sociologia dell’ambiente e del Territorio dell’Università di Trieste, Matteo Civiero – docente all’Università Ca’ Foscari di Venezia ed infine il geometra Luciano Baccarin e Francesco Migotto, rappresentati dell’Associazione Ca’ Filiera i quali hanno presentato il progetto Bastia Sostenibile in un’ottica di scelte ed attività costruttive trasparenti.

bastiasost.jpeg

Questo incontro è stato la giusta occasione per presentare un progetto ambizioso, denominato Bastia Sostenibile ideato dall’Associazione Ca’ Filiera e volto a creare un complesso residenziale che vuole essere profondamente vicino alla comunità di Bastia di Rovolon e alle zone limitrofe, mirando alla trasparenza e certificando tutto il processo costruttivo fornendo una vera e propria Carta d’Identità, garantendo così ogni investimento effettuato. Il piano di lavoro prevede l’integrazione di termini come ecologia, tecnologia ed economia e mira ad una “co-alizione” tra gli attori: progettisti, produttori, finanziatori e persone/consumatori con lo scopo di trasmettere il concetto di “vivere di qualità”.

Sono rimasta colpita da concetti come “Ecoquartiere e Co-ndivisione”. Concetti non nuovi, ma che mettono al centro l’individuo e le persone che gli vivono accanto, creando sinergie e condizioni ottimali secondo i valori espressi tramite i concetti chiave di co-abitare, co-ltivareco-mobilitare (condividere l’auto), co-llaborare e co-working.

Il Comune di Rovolon è uno dei comuni più attivi dei Colli Euganei e riesce ad offrire occasioni di incontro e poli attrattivi sia per giovani, sia per gli sportivi e i turisti.

Lo ammetto, se Bastia Sostenibile prenderà presto forma, mi informerò sul costo delle case.

Salute!

S.

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter@BlogDiPadova

 

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Internet ed i social network hanno conosciuto negli ultimi anni una diffusione impressionante tale da ricoprire oggi un ruolo fondamentale nella comunicazione e nel marketing, visto il gran numero di utenti che rappresenta ormai da tempo un bacino irrinunciabile dentro al quale aziende di tutti i tipi cercano di comunicare con la loro clientela, coltivare una relazione con loro e anche immettere sul mercato la propria offerta. Che si tratti di un locale notturno piuttosto che di un’azienda produttiva o di servizi, a prescindere dal settore, un’associazione culturale o un ente pubblico, un po’ tutti cercano di affiancare ai tradizionali strumenti di comunicazione anche quelli “digitali”, da quelli più semplici a quelli più avanzati, per diffondere informazioni, fidelizzare e relazionarsi con un cliente, attuare campagne e strategie di marketing. E’ evidente

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

D’altra parte, se è vero che i social network sono utilizzati un po’ da tutti è anche vero che non ci si può improvvisare social media manager ed esperti del settore solo perchè si è in grado di condividere qualche link o caricare qualche foto. “Facebook, infatti, rappresenta solo la punta dell’iceberg”, così come altri social network poichè questi solo una parte di una campagna di comunicazione e marketing e strumenti integrati all’interno di strategie ben più ampie e complesse. Quest’oggi vi segnalo la loro pagina! Così mi han detto i “ragazzi” di K-For Media. Per K-For-Media, una società padovana giovane ed in espansione che si occupa di business digitale, di comunicazione e marketing sul web e di social media, soluzioni e-commerce, web marketing, indicizzazione sui motori di ricerca, oltre a soluzioni dedicate al mobile, questi temi sono “pane per i loro denti”. Li ho incontrati qualche giorno fa, Alberto Antonello (Project Manager K-for Media), Caterina Teano (Community Manager K-for Media) e Gianluca Parisella (Web Strategist K-for Media) che si avvalgono di molti collaboratori per portare avanti le molte attività quotidiane.

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Di seguito vi presento con piacere da questo mio “osservatorio” una loro iniziativa che inserisco nella rubrica “Padova creativa” assieme ad altre proposte e realtà che testimoniano come a Padova ci sia un certo fermento “creativo”. Creatività nel settore del marketing e della comunicazione web che presuppone un’attività i cui risultati necessariamente debbano essere tracciati, misurati e quantificati in relazione alla prestazione richiesta dal cliente e al suo prezzo, per cui creatività non fine a se stessa ma come mezzo per raggiungere risultati concreti e tangibili per il cliente. In questo blog scrivo spesso di turismo e segnalo che K-For-Media è tra le “nomination” di Hospitality Social Awards, il primo premio italiano per le eccellenze del Social Media Marketing nel turismo! Votiamoli! http://www.hospitalitysocialawards.it/vote.html

Vi segnalo il nuovo sito di K-For-Media (presto on line) e quello attuale  http://www.k-for.it/ .Consiglio inoltre a tutte le persone interessate a queste tematiche di diventare fan della pagina facebook di K-For Media poichè è spesso aggiornato con approfondimenti, curiosità ed aggiornamenti grazie ai quali arricchire la vostro conoscenza/competenza su queste tematiche. 

L’iniziativa che volevo presentare oggi è fissata per il 9 novembre, presso il Centro Congressi Padova “A. Luciani” in via Forcellini 170/A, Padova; si tratta di un workshop dal titolo “SOCIAL BUSINESS & RELAZIONI DIGITALI”, organizzato per l’appunto da K-for-Media. Si tratta di un workshop formativo dedicato alle Aziende del Nordest per acquisire la consapevolezza degli strumenti digitali e delle nuove possibilità di Business. Parleremo di Social network e non solo…Il programma con il modulo di iscrizione è scaricabile a partire da qui: http://bit.ly/SocialBusinessPadova.

padova,padova blog,blog di padova,k-for-media,social media marketing,social business & digital relations

Il programma della giornata, dalle 9,30 alle 18,00 prevede:

# Cos’è il Social Web: overview sui mezzi di comunicazione digitali e le opportunità per le aziende

# Non solo Facebook: tutti gli strumenti necessari per un piano di Marketing Mix nelle diverse dimensioni della comunicazione aziendale 

# Il Rapporto Agenzia/Azienda: analisi dei risultati, metriche di rilevazione e calcolo del ROI, workflow operativo e risk management

# Dalla Content Curation alla Content Creation: l’importanza del contenuto e i concetti del Marketing Virale

# Offline vs online: come tradurre in rete le attività reali e viceversa come adeguare la propria operatività nei confronti dei nuovi strumenti digitali

# Diritto della Rete: nomi a dominio, marchi, Copyright, Creative Commons e molto altro ancora

# Arcadia Consulting presenta i fondi interprofessionali per la Formazione

Il costo di iscrizione al workshop è di 120,00 € + iva e per iscriversi occorre effettuare il bonifico bancario e inviare via mail (a info@kformedia.it) o fax (allo 049/8079417) il modulo di adesione debitamente compilato (qui in download http://bit.ly/SocialBusinessPadova). E’ previsto lo sconto del 20% per l’iscrizione di un secondo eventuale partecipante della stessa azienda. Il termine ultimo per le iscrizioni è Lunedi 5 Novembre mentre l’effettivo svolgimento dell’evento sarà comunicato Venerdì 2 Novembre 2012. In caso di annullamento dell’evento le quote di iscrizione saranno interamente rimborsate.

Il programma con il modulo di iscrizione è scaricabile a partire da qui http://bit.ly/SocialBusinessPadovaPer informazioni potete scrivere a info@kformedia.it o chiamare il numero 049/8172909.



Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

padovapiccolo.jpgEccoci anche questo venerdì a intraprendere il nostro viaggio tra gli eventi culturali del fine settimana di Padova e Provincia. Cominciamo con il dire che l’Arpav prevede un fine settimana senza precipitazioni. Ragion per cui non avete alibi per non partecipare, domenica 21 ottobre, alla FAIMARATHON una maratona culturale promossa dal FAI e da Il Gioco del Lotto che attraverserà 70 città italiane. Un viaggio tra strade, piazze e monumenti alla ricerca della bellezza che non siamo abituati a osservare: quella dei luoghi dove viviamo. A Padova l’appuntamento è al Castello Carrarese, con ritrovo ore 9.15 e partenza ore 10.00. Arrivo a Porta e Ponte di San Giovanni delle Navi. (tutte le informazioni su www.fondoambiente.it). Sempre in tema di tematiche green, da non perdere il convegno “Forum della sostenibilità: Salute, benessere ed economia” organizzato dall’associazione Bastia Sostenibile alla Colombara di via Monte Cereo a Rovolon sabato 20 ottobre a partire dalle ore 9.30. La giornata di studi intende affrontare sia il concetto di vivere sostenibile, inteso come migliore qualità della vita per la persona e per il suo benessere psicosico. Sia, dal punto di vista economico, il risparmio economico che nasce costruire secondo i dettami dell’edilizia eco-sostenibile. A chiusura del convegno spettacolo teatrale per i bambini delle scuole H2oro: l’acqua è un diritto della comunità, una produzione della Compagnia teatrale Itineraria diretta da Roberto Carusi. Tutte le informazioni le trovate sul sito www.bastia-sostenibile.it.

Tornando in città, anche i più pigri potranno approfittare della clemenza del tempo atmosferico   scegliendo di muoversi a piedi tra mostre, concerti e rassegne cinematografiche, senza doversi portar dietro l’intrigo dell’ombrello.

Traviata piccolo.jpgI melomani non potranno rinunciare ad almeno uno dei tre appuntamenti con la Stagione Lirica 2012, venerdì 19 e sabato 20 ottobre alle 20.45, domenica 21 ottobre alle 16.00, al Teatro Verdi di Padova. In scena uno dei capolavori della Lirica più amato e conosciuto in assoluto, la Traviata di Giuseppe Verdi, tratta dal celebre romanzo La Dame aux camélias di Alexandre Dumas. L’opera inaugura una nuova collaborazione tra il Comune di Padova e il Teatro di Maribor, capitale europea della cultura. La città slovena ha scelto Padova come partner per dare il via ad un sodalizio artistico che porterà nella città del Santo la straordinaria mise en scene della Traviata con la regia, le scene e i costumi dell’argentino Hugo de Ana. A cui si aggiungono un cast di altissimo livello e la presenza di Steven Mercurio, bacchetta d’eccezione sul podio alla guida dell’Orchestra, Coro e Ballo del Teatro Nazionale di Maribor. Per informazioni padovacultura.padovanet.it.
Rimanendo sempre nell’ambito della musica colta, venerdì 19 ottobre alle 21.00, al Santuario della Madonna Pellegrina, un “concerto in rosa” vedrà protagonista l’Ensemble Patavino, una formazione tutta al femminile, che farà rivivere le musiche di Corelli, Porpora, Vivaldi, Bach, Telemann, Mozart. Per informazioni è possibile contattare il Centro Organistico Padovano, promotore del ciclo di concerti, allo 049 685716.
bronzi.jpgSabato 20 ottobre, ore 17.00, all’Auditorium Pollini di via Cassan, prende vita il secondo appuntamento di OPV Family & Kids, progetto di sensibilizzazione verso il mondo-orchestra rivolto alle famiglie, organizzato dall’Orchestra di Padova e del Veneto con il sostegno dell’Associazione Amici dell’OPV. Un pomeriggio dedicato a Haydn e al violoncello di Enrico Bronzi accompagnato dall’OPV, e accostato alla voce di Elisabetta Garilli e alle illustrazioni di Serena Abagnato. (per informazioni opvorchestra.it). Consiglio, inoltre, agli appassionati del jazz, la conferenza che Cristina Zavalloni terrà alle ore 11.00 sempre al Pollini di Padova. “Cristina Zavalloni e le sue voci” è il titolo della conversazione in cui la cantante rivelerà origini e segreti delle sue scelte estetiche e della sua versatilità d’artista. Ad accompagnarla sarà il sassofonista Cristiano Arcelli. L’evento si inserisce nella rassegna di musica, teatro e danza “Musikè” promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.
Doppio appuntamento con la musica classica domenica 21 ottobre. Si comincia alle 11.00 all’Auditorium Pollini con “I Concerti della Domenica” dei Solisti Veneti di Claudio Scimone che propongono “Attendendo il 2013”, concerto dedicato ad alcune fra le numerose grandi celebrazioni del 2013: gli anniversari di Richard Wagner, Giuseppe Verdi, Pietro Mascagni e Arcangelo Corelli. (www.solistiveneti.it)
Zavalloni web.jpgAlle ore 17.00 nella Sala dello Studio Teologico della Basilica di Sant’Antonio, nell’ambito della XVII Rassegna Musicale “Città di Padova”, l’Orchestra Venezia Concerto propone un “Omaggio a Mozart” con l’esecusione dell’Ouverture da “Le nozze di Figaro”, il Concerto per pianoforte e orchestra K 488 e  arie per soprano da “Don Giovanni” e “Così Fan Tutte”. (Per informazioni www.imusicipatavini.it).
In provincia, invece, a Carceri venerdì 19 ottobre ore 21.00 all’Abbazia di Santa Maria delle Carceri, l’orchestra da camera Conserto Musico, rende omaggio alla musica di Baldassare Galuppi con il terzo di una serie di eventi denominato “Le Humane Passioni”. (devotaetaffettuosa.com). A Villa da Ponte – Vergerio a Cadoneghe, venerdì 19 ottobre 2012 ore 21.00, il trio Malipiero eseguirà il Trio in Si maggiore Op. 8 di Brahms e il Trio in Mi minore Op. 67 di Shostakovich. (www.venerdimusicali.it).

Dola-J.Chaplin-foto-di-Arianna-Fiore.jpgLa musica leggera è ben rappresentata a Padova dal concerto di Banco del Mutuo Soccorso e Orme al Gran Teatro GEOX di Padova sabato 20 ottobre 2012 alle 21.15. Un appuntamento che sa di storia della musica, con il meglio di quell’avventura musicale che fu il progressive italiano. (www.granteatrogeox.com).  Il Fishmarket di via Sarpi propone in concerto, venerdì 19 ottobre, l’Istrice, uno stravagante pop folk composto da filastrocche ballate reggae roots, spruzzate di tango e flamenco.  (www.fishmarket.it) Doppio appuntamento musicale alla Mela di Newton in via della Paglia. Venerdì 19 ottobre sul palco Dola J. Chaplin, un passato di chitarrista e bassista punk, oggi nei panni di un artista Bohemien, chitarrista, autore, poeta ed esteta in continuo divenire. Sabato 20 ottobre i Rythmes Gitans propongono un repertorio di Swing anni ’30 e ’40 suonati nello stile del celebre chitarrista Django Reinhardt. (www.meladinewton.it).

marco-paolini-nel-documentario-piazza-garibaldi-214000.jpgAnche gli amanti della Settima Arte non potranno lamentarsi dell’offerta patavina. Al PORTOastra entra nel vivo il Detour. Festival Internazionale del Cinema di Viaggio che offre, oltre alla proiezione dei film in concorso, una serie di eventi collaterali cui assolutamente non mancare. A cominciare da venerdì 19 alle 21.45 con la proiezione di “Piazza Garibaldi”, documentario del regista Davide Ferrario (Italia, 2011, 100’) che vede protagonisti attori del calibro di Toni Servillo, Salvatore Cantalupo, Filippo Timi, Marco Paolini e Luciana Littizzetto. In viaggio sulle orme della spedizione dei Mille, il documentario affronta un interrogativo assillante: perché noi italiani non riusciamo più a immaginarci un futuro? Una possibile risposta potremmo trovarla al Teatro Ruzante il giorno successivo, sabato 20 ottobre alle 10.30, partecipando all’incontro “Viaggio in Italia”, con Davide Ferrario, Marco Paolini, e Giorgio Tinazzi. Uno sguardo disincantato sul passato e presente del nostro paese. Da segnalare, inoltre, domenica 21 ottobre alle 19.00 al cinema PORTOastra, l’incontro “Padova incontra il cinema”, appuntamento speciale per conoscere e ascoltare alcuni tra i più importanti registi, sceneggiatori, attori e professionisti del cinema padovani. All’incontro seguirà la premiazione dei film vincitori. Per il programma completo del Festival il sito di riferimento è www.detourfilmfestival.com.

teatro_24.jpgPassando dal cinema al Teatro, sabato 20 ottobre alle ore 21.00 al Teatro de LiNUTILE, in via Agordat,  andrà in scena “Maria Stuarda”, liberamente tratto da “Maria Stuart” di Schiller, per la regia di Stefano Eros Macchi con Marta Bettuolo. La Maria Stuart è una delle opere più intensamente teatrali dello scrittore tedesco, in cui Schiller sottolinea l’inconciliabilità di politica e morale: non è possibile vivere nel mondo della politica e aspirare ad un tempo al vero amore. L’evento inaugura la Stagione teatrale 2012-2013, in partenza a Padova a gennaio. (per informazioni www.teatrodelinutile.com).
Sempre a Padova, al Teatro ai Colli di via Monte Lozzo, il Teatro Immagine presenta sabato 20 ottobre alle 21.00 “Il Barbiere di Siviglia” di Pierre Augustin Caron de Beaumarchais e Cesare Sterbini. Regia di Benoit Roland (per approfondimenti www.teatrofuorirotta.it).

Diversi anche gli appuntamenti dedicati alla danza. Il Piccolo Teatro Don Bosco, via Asolo, propone, venerdì 19 ottobre alle 21.00 lo spettacolo “Libri animati, passi danzanti” in cui Il corpo di ballo DanzaCity e l’attore Guido Laurjni presentano uno spettacolo di danza e recitazione in un ideale viaggio tra i libri. L’esibizione è organizzata dall’associazione Un mondo per Alessia onlus che si occupa di realizzare progetti nel villaggio di Guiembè in Costa d’Avorio.
C_1_Immagini_10029_Immagine.jpgProsegue, inoltre, la seconda edizione della Rassegna Salti di Tono organizzata da Teatrocontinuo al Teatro Sanclemente, ex chiesa delle Granze. Gli spettacoli vogliono offre uno sguardo sulla danza occidentale e orientale alternando tradizione e contemporaneità in un percorso di ricerca e conoscenza con interpreti cultori e rinnovatori della tradizione. Sabato 20 ottobre va in scena lo spettacolo “Antropomonnezza” di Abracalam con Marco Bettin, Elisa Coradazzi, Tiziana Maiuro, Chiara Minoja, Cristina Minoja, Michela Rampazzo, Michela Tognazzo e Fabrizio Zanutto. Partecipa alla serata la scuola Dance Sky Land con la direzione di Monia Masiero (per info: www.teatrocontinuo.it).
Infine, la IX Edizione del Festival Danza delle Terme 2012 offre alle ore 21.00 al Palaturismo lo spettacolo “Il Risorto – The musical” organizzato dalla Compagnia PadovaDanza e dall’associazione Arena Artis. Scritto e musicato da Daniele Ricci il musical è un’appassionante opera rock che ripercorre la storia della passione e resurrezione di Gesù attraverso canzoni e coreografie. (per informazioni www.lasferadanza.it).

tintoretto piccolo.jpgNon possiamo chiudere il nostro appuntamento con gli eventi di Padova e Provincia senza segnalare le mostre in apertura nel comune di Padova. A partire da venerdì 19 ottobre ai Musei Civici agli Eremitani sarà nuovamente visibile dopo il restauro, il dipinto “Crocifissione”, di Jacopo Robusti detto il Tintoretto. Per l’occasione è stato allestito uno spazio espositivo apposito, per fornire ai visitatori approfondimenti sull’artista, sull’opera, sugli esiti delle indagini e sull’intervento di restauro.
La Galleria Sottopasso della Stua ospita, invece, dal 19 ottobre al 10 novembre la mostra fotografica Trans-paesaggi. La realtà tra percezione e provocazione di Giampaolo Lucato. Una raccolta di riproduzioni fotografiche, di stralci di parchi o campagne, laghi o marine, ville venete: siti solitari e suggestivi trasformati radicalmente dall’elaborazione di un gioco di luci e ombre a più strati secondo schemi geometrici.
Tanzola-Bordin-Rinaldi-Minotto picolo.jpgInaugura venerdì 19 ottobre 2012 alle ore 18.00 al Centro Culturale Altinate San Gaetano la Mostra “Incontri all’inizio del mondo (Bordin-Minotto-Rinaldi-Tanzola)”, collettiva degli artisti Mauro Bordin, Raffaele Minotto, Alessandro Rinaldi e Pierantonio Tanzola. I quattro, differenti nelle forme espressive e nella ricerca, sono accomunati da un orizzonte poetico e da un legame con il territorio che diventa elemento chiave dell’elaborazione teorica.

Per tutte le informazioni sulle mostre in corso e in chiusura questa settimana rimando al sito internet padovacultura.padovanet.it.

“Nasca il giorno, o il giorno muoia” siamo arrivati al termine di questo intenso fine settimana patavino. Visto che “a diletti sempre nuovi. Dee volare il mio pensier” non mi rimane che augurarvi un buon fine settimana.

A venerdì prossimo.

Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

padova,montagnana,città murata montagnana,provincia di padova,birrificio estense,blog di padova,padova blog,birra artigianale,turismo veneto,turismo padova terme euganee,birra,enogastronomia e territorio

Per chi ancora non lo sapesse, sto frequentando un corso del Fondo Sociale Europeo, che mi permette di conoscere “bevande”  a me sconosciute, e che “sorseggiavo”, senza mai immaginare che tipi di lavorazioni si celassero dietro. Ebbene sì, oltre che essere appassionata del mondo del vino, ho scoperto che il mondo del “nettare biondo” ossia la birra è a dir poco interessante. In questo corso ho avuto la possibilità di incontrare una bravissima docente: Stefania Pompele, sommelier e scrittrice sul suo portale luppoloparlante.it – non vi dico che è brava così sarò premiata eh! Ma perché proprio lo è – sono quei casi in cui si dice: “ci mette la passione in quello che fa”, ecco, lei condivide il suo sapere con la gente che incontra. Dopo 8 ore di teoria e una visita aziendale ho scoperto un po’ di più sulla birra e ora posso dire di apprezzarla ancora di più. La birra è una bevanda barbara, nata come il vino in paesi Egizi, Assiri, Babilonesi, all’epoca veniva chiamata “pane liquido”. Attualmente in Italia sono presenti oltre 400 i birrifici artigianali, un vero e proprio “boom”.

padova,montagnana,città murata montagnana,provincia di padova,birrificio estense,blog di padova,padova blog,birra artigianale,turismo veneto,turismo padova terme euganee,birra,enogastronomia e territorio

In questo post vi parlerò di un birrificio nato due anni fa, il Birrificio Estense, ve ne parlo perché si trova proprio nella nostra provincia, esattamente a Montagnana, una delle città murate (foto Danesin) della provincia di Padova e del Veneto, cinta da una cerchia di mura tra le meglio conservate d’Europa (vedi anche qui), dove ogni anno si svolge il Palio dei 10 Comuni che attrae un gran numero di visitatori e famoso per il suo prodotto d’eccellenza, il prosciutto crudo di Montagnana e che quindi gode di una notevole attrattiva turistica. Grazie al sito “Magico Veneto” a questa pagina è possibile approfondire ulteriormente la conoscenza di questo bel borgo medievale.

padova,montagnana,città murata montagnana,provincia di padova,birrificio estense,blog di padova,padova blog,birra artigianale,turismo veneto,turismo padova terme euganee,birra,enogastronomia e territorio

Turismo, cultura, prodotti tipici, paesaggio e ora anche birra cruda artigianale a Montagnana, grazie al Birrificio Estense. Ho avuto il piacere di conoscere Nicola Innocenti (foto a destra), il birrario nonché imprenditore e tecnologo alimentare che dal 2011 dedica il suo tempo a far quadrare i conti e a brassare (dal francese “brasser” in gergo produrre birra) 5 tipi di birra, tradotti in 55.000 ettolitri all’anno, nella “profumata” sala cottura del suo birrificio. Con passione ci ha illustrato tutto il processo produttivo, che parte dalla selezione dei cereali (come ad esempio il Monaco e il Saaz) a quella dei luppoli, che ho scoperto essere i fiori dei famosi “bruscandoli” che noi padovani conosciamo bene all’interno del risotto. Si procede poi con l’ammostamento (nella sala cottura), la fase di bollitura in cui l’orzo viene miscelato con l’acqua per ottenere appunto il mosto. Le trebbie esauste vengono quindi separate dal mosto, che ora è pronto per essere amaricato e aromatizzato con il luppolo. Una ulteriore e grossolana filtrazione separa il luppolo ed eventuali trebbie dal mosto che ora viene aggiunto di lieviti selezionati ed inizia così la fermentazione. Arriviamo infine al tank dove la birra viene lagerizzata, ossia fatta maturare in modo da ottenere e affinare i  aromi e sapori.

padova,montagnana,città murata montagnana,provincia di padova,birrificio estense,blog di padova,padova blog,birra artigianale,turismo veneto,turismo padova terme euganee,birra,enogastronomia e territorio

Le materie prime impiegate nella produzione della birra sono: i cereali (malto d’orzo, di frumento, riso, mais) che contengono gli zuccheri che si trasformeranno in alcol per opera dei lieviti. L’acqua, importantissima perché in base alla presenza dei carbonati in essa contenuti, renderà la birra più o meno morbida (e quindi a seconda dello stile che si intende produrre occorreranno acque più o meno ricche in carbonati). Il luppolo impiegato ovviamente per conferire amaro e aroma, ha inoltre un effetto sanificante sui batteri, migliora la stabilità della schiuma e ha un’azione distensiva – non a caso è un lontano parente della marijuana (“facciamoci una risatina dai!”) ed infine il lievito, determinante per il corredo aromatico e il sapore. La produzione della birra è un lungo processo che a volte richiede la presenza del birraio in sala cottura dalle 7 alle 15 ore al giorno (in base allo stile prodotto e a quanti ettolitri si intende produrre), ma è un processo affascinate che richiede attenzione e precisione perché un solo errore o meglio un solo batterio comprometterebbe l’intera lavorazione.

Alla fine del tour ho assaggiato una delle sue birre la “Red Ale” che consiglio vivamente di provare in quanto è una birra ben bilanciata, corposa, fresca che ci ricorda l’autunno che sta arrivando. Le birre prodotte da Nicola sono diverse: dalla Pils alla Munich con la quale il birrificio Estense si è classificato 4° al Concorso Nazionale di Unionbirrai. E’ stato inoltre l’unico birrificio padovano ad avere una menzione nella guida alle birre d’Italia di Slow Food. Posso concludere dicendo che in tutto ciò ho trovato precisione, cordialità e umiltà e devo solo dire grazie e complimenti alla caparbietà di chi ci crede e ci vede “lungo” come Nicola Innocenti.

Salute!

S.

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,detour,detour festival internazionale del cinema di viaggio,cinema,cinema di viaggio

Buon lunedì! Si è conclusa giusto ieri la “Fiera delle Parole”, una sei giorni dedicata alla cultura che ha riscosso un gran successo di pubblico e partecipazione e subito Padova si prepara ad ospitare il prossimo fine settimana un’altra grande iniziativa di ampio respiro e di richiamo. Come ricordato nei post precedenti, dopo l’estate Padova si è presentata ricchissima di eventi e di proposte culturali che stanno richiamando in città moltissime persone, Dopo il Vintage Festival, lo Sugarpulp festival, la Fiera delle Parole, dal 18 al 21 ottobre sarà la volta della prima edizione di DETOUR, Festival internazionale del Cinema di Viaggio che si svolgerà presso il cinema PortoAstra (Guizza, fermata del tram Assunta). 

DETOUR è diretto dal regista padovano Marco Segato, presieduto dal produttore Francesco Bonsembiante, presidente di JoleFilm, e si avvale del patrocinio e della collaborazione di Istituzioni quali Comune di PadovaRegione del VenetoProvincia di Padova e Università degli Studi di Padova. Il main partner è il gruppo Trivellato, concessionario Mercedes Benz e sarà sostenuto anche due main sponsor come lo spazio Superflash e la Cassa di Risparmio del Veneto.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,detour,detour festival internazionale del cinema di viaggio,cinema,cinema di viaggio

Padova è una città di cinema in cui molti sono gli appassionati, importante la sua storia fatta dai suoi storici cineclub e cineforum e realtà che il cinema l’hanno insegnato, lo insegnano, lo promuovono, una città il cui centro storico pullulava letteralmente di sale, ora tristemente sparite (come il chiuso cinema Altino nella foto a sinistra), è la città adottiva del grande cinefilo, Piero Tortolina, “l’uomo che amava il cinema”, titolo del documentario con cui è stato omaggiato dal regista Marco Segato, direttore artistico di questo Detour, la città che ogni estate ospita rassegne importanti  come il Portello Film Festival e l’Euganea Film Festiva. DETOUR è il nuovo festival cinematografico che la Fondazione March per l’arte contemporanea ha organizzato e promosso intorno al grande tema del viaggio come esperienza personale e collettiva, fisica, spirituale, simbolica. La sede principale del festival sarà il nuovo cinema PortoAstra affiancato da altre sedi cittadine. Il viaggio quindi sarà il tema portante del festival, declinato secondo varie sfumature in film di ambientazione e di genere molto vari tra loro, dal dramma, al road movie ai film di animazione, al documentario con una particolare attenzione alle opere sia italiane sia straniere dell’ultima stagione non distribuite in Italia. All’interno della programmazione del festival ci sarà infatti l’evento: Padova Incontra il Cinema, promosso dal Comune di Padova, un omaggio alle personalità di maggior rilievo legate al mondo del cinema e alla città.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,detour,detour festival internazionale del cinema di viaggio,cinema,cinema di viaggio

Un festival quindi di cultura cinematografica, aperta ai diversi linguaggi del lungometraggio che avrà al centro della manifestazione il Concorso Internazionale, che riunisce tutte le opere in concorso a prescindere dal genere, proprio per mostrare le molte modalità con le quali è possibile sviluppare il tema del viaggio. Le opere ammesse sono 11, provenienti da diversi paesi del mondo con una particolare attenzione alle nuove cinematografie emergenti come quelle del Sud-America e dell’Asia. Si tratta di pellicole di alta qualità già transitate per i più prestigiosi festival internazionali come il festival di Cannes, il Festival di Berlino, il Sundance Film Festival , il San Sebastian Film Festival.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,detour,detour festival internazionale del cinema di viaggio,cinema,cinema di viaggio

In questa prima edizione, Detour omaggia il grande regista tedesco Werner Herzog, che nella sua opera ha saputo interpretare al meglio il senso del viaggio. Verranno proiettati i suoi ultimi film documentari: “Encounters at the End of the World (2007)” ,”Cave in Forgotten Dreams (2010)” in 3D e “Into the Abyss (2011)”. Sono previsti una serie di Eventi Speciali, tra cui il film documentario “Piazza Garibaldi (2011)” di Davide Ferrario, “Viaggio verso Agartha (2011)” film d’animazione di Makoto Shinkai e “La rabbia giovane (1973)”, road movie ormai cult di Terrence Malick, che andranno ad approfondire il tema del viaggio, attraversandone generi ed epoche.  A chiudere il programma ci saranno alcuni Incontri, un’occasione per potersi avvicinarsi ai professionisti del mondo del cinema: “Viaggio in Italia”, un appuntamento speciale con Davide Ferrario e Marco Paolini per ragionare sull’Italia di oggi.

Il festival si aprirà giovedì 18 con il convegno “Film induced tourism”, un evento organizzato da Turismo Padova Terme Euganee, Padova Film Commission e Risposte Turismo Srl pensato per riflettere su come il cinema possa incentivare un turismo ad esso dedicato e su come in un periodo di ristrettezze economiche e scarsa disponibilità di risorse, una destinazione turistica possa utilizzare il cinema come strumento di promozione. L’inaugurazione avverrà nel tardo pomeriggio con il Detour Party!

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,detour,detour festival internazionale del cinema di viaggio,cinema,cinema di viaggio 


Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

Padova rid.jpg«Parole parole soltanto parole, parole tra noi». Di questo si lamentava Mina nella sua celeberrima canzone. Certo è che, se venisse a Padova nel fine settimana da venerdì 12 a domenica 14 ottobre, di parole ne troverebbe veramente in abbondanza. Non vane promesse ma parole scritte, viste, lette e raccontate da chi è in grado di fare della parola una forma d’arte, un arma da scagliare contro il nemico, un atto d’amore.
Come avrà capito chi segue questo blog – Alberto ne ha già parlato ampiamente e diffusamente qui– mi sto riferendo alla Fiera delle Parole, inaugurata a Padova il 9 ottobre, che giunge alla sua conclusione in questo fine settimana con grandi appuntamenti dedicati alla letteratura, il giornalismo, la poesia, l’arte e la musica. Raccontare e descrivere tutti gli appuntamenti della Fiera sarebbe un’impresa titanica. Visto, quindi, che il Festival ha un bellissimo sito internet dove potete trovare il programma completo, molto arbitrariamente mi limito a segnalare gli appuntamenti a cui spero di poter partecipare “di persona personalmente”.

paolini.jpgVenerdì 12 ottobre la mia giornata comincia alle 11.00 a Palazzo della Ragione per ascoltare la conferenza, organizzata dall’Associazione Sulle Regole per gli studenti delle scuole superiori ma aperta anche agli “alternogiovani” come il sottoscritto, Educare alla Legalità che vedrà la partecipazione di Gherardo Colombo. A rischio di farmi scambiare dall’ex magistrato di Mani Pulite per uno stalker penso proprio che assisterò, sempre a Palazzo della Ragione alle 17.00, alla presentazione del suo libro Il perdono responsabile, cui parteciperà anche Marco Paolini.  Nonchè all’appuntamento Democrazia e legalità dopo Mani Pulite, alle ore 21.00, con, oltre a Gherardo Colombo, Piercamillo Davigo e Marco Travaglio. A questo proposito penso approfitterò del maxischermo in Piazza della Frutta. Ho come la sensazione che, analogamente a quando guardo Report, avrò bisogno di fumare parecchie sigarette (ma voi non fatelo che fa male!).  Non voglio mancare, inoltre, alle 15.30, sempre Palazzo della Ragione, alla presentazione in anteprima nazionale del libro Quattro gialli del nordest del giornalista Lino Lava, con Angelo Cimarosti, Nicoletta Cozza e Cristina Genesin. Una serie in quattro volumi indipendenti che vuole fornire una ricostruzione storica di altrettante ingiustizie sociali e giudiziarie.

Beatrice Greggio 2.jpgPer gli amanti della musica classica segnalo, sempre venerdì alle ore 21.00,  il concerto organizzato dal Centro Organistico Padovano al Santuario della Madonna Pellegrina. Il gruppo da camera Nova Musicorum Arcadia, accompagnati all’organo da Ruggero Livieri, sosterranno la splendida voce del soprano Beatrice Greggio in un programma tutto dedicato alla musica barocca che spazia tra Buxtehude, Corelli, Bomporti, C.P.E. Bach, J.S.Bach, Vivaldi, Mozart. Per informazioni: www.madonnapellegrina.it. Gli amanti dell’organo che si trovassero, invece, a Piove di Sacco possono approfittare del concerto Nuovi colori per un organo antico, alle 21.00 nella Chiesa di San Rocco. L’evento inaugura la rassegna dei Concerti d’organo con due prime esecuzioni assolute del moncalierese Riccardo Piacentini e del bustocco Alessandro Solbiati e le immagini dell’artista inglese, ma padovana di adozione, Hannah Gauntlett. In programma le Quattro stagioni di Vivaldi nella versione per violino e organo di S. Gervasoni. (per ogni informazioni si può contattare il numero 3476936584). Alla Chiesa Parrocchiale di Baone, in località Calaone, ore 21.00,  gli artisti Francesco Padovani al flauto e Ilaria Barbagin al clavicembalo eseguiranno musiche di Barsanti, Valentini e Scarlatti in occasione di Armonie dell’Intelletto n. 5.

Se capitate ad Abano Terme e vi sale l’appetito per l’arte contemporanea consiglio invece una visita alla Galleria ARTissima di Silvia Prelz che dal 12 ottobre al 6 novembre 2012 ospita una Monografica dedicata all’artista Gianfranco Perulli, dal titolo Cupole. Il soggetto amato da Perulli e protagonista di questa Personale è universalmente riconoscibile: il profilo delle Cupole di San Marco, così profondamente identificativo per chi nasce in una città icona di storia e memoria come Venezia. Al vernissage, venerdì 12 alle 18.00, saranno presenti l’artista e la curatrice della mostra Chiara Marangoni.

Anche chi volesse passare la serata a teatro troverà delle ottime occasioni da cogliere. Al Piccolo Teatro (via Asolo, 2, zona Paltana) alle 21.15 la Compagnia Treviso Teatro porta in scena Sior Todero Brontolon di Carlo Goldoni. La Compagnia Barabao di Piove di Sacco propone, invece, alle 21.00 alla Sala Polivalente San Carlo (via Carlo Agostini), lo spettacolo VII non rubare, piece teatrale di Matteo Destro, Mirco Trevisan, Romina Ranzato, Ivan Di Noia e Cristina Catto incentrata sul tema del furto.
Chi invece fosse in vena di scatenarsi al ritmo di funk e soul può andare sul sicuro al Fishmarket Club di via Paolo Sarpi 37. Sul palco The Soul feat. Chiara Luppi in un omaggio alle grandi interpreti della musica soul mede in USA.

OPV F&K 3 marzo 2012 SMALL.jpgSopravvissuti al venerdì sera? Molto bene. Consiglio di farvi una suntuosa colazione perchè anche sabato 13 ottobre, quanto ad appuntamenti, non scherza. Ripartendo dalla Fiera delle Parole due sono gli appuntamenti che ho fissato in agenda. Alle 17.00 chiederò in prestito il bimbo di cinque mesi di una cara amica per partecipare, all’Auditorium Pollini di Padova, al primo degli appuntamenti di OPV Families & Kids, ciclo di concerti dedicato a bambini e famiglie curato da Elisabetta Garilli e reso possibile grazie al sostegno dell’Associazione Amici dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Per l’occasione I fiati dell’OPV diretti da Maffeo Scarpis proporranno La Cenerentola, uno spettacolo su musiche tratte dall’omonima opera di Gioachino Rossini adattate da Mario Folena per dodici strumenti a fiato e contrabbasso. Una tra le più grandi attrici del teatro italiano, Ivana Monti, leggerà la fiaba di Charles Perrault nella raffinata traduzione italiana di Carlo Collodi. I biglietti sono in vendita alla Libreria Pel di Carota (via Boccalerie 29) e, il giorno stesso, al botteghino dell’Auditorium, a partire dalle 16.00. Tutte le informazioni le trovate su www.opvorchestra.it. Alle 21.00 conto di spostarmi a Palazzo della Ragione per Le parole del tempo, dialogo tra il direttore di Repubblica Ezio Mauro e i cantautori Francesco Guccini e Roberto Vecchioni.

Bruno antonello.jpgSe vi state chiedendo come passerò tutte le ore tra un evento e l’altro la risposta è semplice: mostre. Sono, infatti, diversi gli spazi padovani che inaugurano nuove esposizioni sabato 13 ottobre. Alla Sala della Gran Guardia in Piazza dei Signori apre la Personale dell’artista Bruno Antonello Eterea psicomachia. Con uno stile a cavallo l’illustrativo e il favolistico l’artista di Cittadella conduce l’osservatore in un mondo visionario e negli abissi della psiche umana. La Mostra Il Corpo Parla, alla Galleria Samonà in via Roma, propone, invece, un percorso con opere di artisti contemporanei che si esprimono per mezzo di due forme d’arte, il gioiello contemporaneo e la fotografia, mettendo a confronto i loro linguaggi per raccontare il rapporto con il corpo. Informazioni su www.gioiellodentro.it.
Alle 18.00 all’Ex Macello di via Cornaro, la Performance Mater-Genesi dà il via all’esposizione collettiva Mater in fuoco-Le arti della Ceramica, ideata e curata da Mara Ruzza in collaborazione con Associazione Artemisia. Lo spettacolo teatrale –Progetto e Direzione artistica di Mara Ruzza; Testi poetici di Carla Collesei con Valentina De Lello, danzatrice e performer e Emiliano De Lello, attore– riprende, in chiave simbolica, il farsi dell’opera dalla gestazione alla realizzazione e che coinvolgendo nel processo l’azione del pubblico presente.
Segnalo infine Metamorfosi. Miti d’amore e di vendetta nel mondo romano al Centro di Ateneo per i Musei (Via Orto Botanico, 15), percorso espositivo ispirato alle Metamorfosi di Ovidio.  Dei e eroi, mortali e immortali arricchivano con le loro storie d’amore, di tradimenti, di vendetta, di morte violenta o accidentale, ma soprattutto di fantasiose trasformazioni, la vita quotidiana dell’uomo romano. Nel mondo antico si viveva letteralmente circondati dai personaggi del mito: rappresentati all’interno delle case in articolate composizioni parietali o sulle gemme che impreziosivano i gioielli, o ancora eternati sulle casse dei sarcofagi o all’interno delle tombe. (www.beniculturali.unipd.it).

antonello-venditti-biglietti.jpgMusica protagonista anche sabato 13 ottobre. Gli amanti del bel canto troveranno pane per i loro al Concerto dei finalisti del XXVI Concorso Lirico Internazionale Iris Adami Corradetti al Teatro Verdi. Gli aspiranti vincitori saranno accompagnati dall’Orchestra Filarmonia Veneta diretta da Francesco Rosa. Mattatore della serata l’attore Alberto Terrani.
Se alla Classica preferite la musica leggera il concerto di Antonello Venditti al Gran Teatro Geox  di Padova fa proprio al caso vostro. Il calabre cantautore romani torna in scena con un concerto tra passato e presente, con la passione di sempre e la voglia di cantare per il suo pubblico. In scaletta i nuovi pezzi come Unica o Forever, ma anche i suoi grandi successi.
Se invece la vostra passione sono i musical bisogna assolutamente che corriate al Palazzetto Polivalente di Via Luigi Pirandello ad Albignasego dove entra nel vivo la seconda edizione del concorso Sognando Broadway,  sei appuntamenti con i musical, messi in scena da tre compagnie provenienti da Padova, Vicenza e Verona. Sabato il primo spettacolo in concorso: Arriva Mary Poppins, della compagnia vicentina, La Giostra di Arcugnano. Sempre rimanendo in provincia, se vi piace il balletto, al Palaturismo di Montegrotto, ore 21.00, la Compagnia Khorakhané Danza porta sul palco Yerma. Tratto dall’opera di opera di Garcia Lorca, lo spettacolo, con la Regia Luciano Firi e le coreografie di Giovanni Cilluffo, racconta di una donna avvelenata dalla sua frustrazione materna che invoca e maledice il suo sposo perché poco fecondo. Yerma umiliata come donna e madre, gusta la vita con una rivolta interna che non ha fine nel suo cuore, sino alla perpetuazione del sacrifico.

malabrenta_video.jpgAnche gli spettacoli teatrali non mancano in questo sabato di metà ottobre.  Alle 19.00, al Teatro Ruzante in Riviera Tito Livio 45, l’attore Andrea Pennacchi porta in scena Quel veneto di shakespeare, un racconto semi-serio sul Grande Bardo e il suo tempo sul filo di una personale e assai stravagante teoria storiografica. Musiche e canzoni di scena sono eseguite da Giorgio Gobbo della Piccola Bottega Baltazar.
In provincia si segnalano, all’Auditorium Ramin di Cadoneghe, ore 21.00, Malabrenta della compagnia ‘Teatro Bresci”, vincitore del 2° Premio al Premio Off 2011 del Teatro Stabile del Veneto. Mentre al Teatro Sociale di Cittadella sono protagoniste “Le Donne Saccenti” di Molière  con il  Gruppo Teatrale Il Canovaccio di Sarmeola per regia di Antonello Pagotto (www.arteven.it). Al Teatro ‘San Giorgio’ di San Giorgio in Bosco lo spettacolo La scelta di Marco Cortesi e Mara Moschini, patrocinato da Amnesty International e Rai Segretariato Sociale ricorda, infine, i 20 anni dall’inizio della guerra in Bosnia Herzegovina.

dario-vergassola.jpgEccoci arrivati a domenica 14 ottobre. Giornata che ho preventivato relativamente tranquilla. Uscita di casa alle 11.00 per andare all’Auditorium Pollini dove Corrado Augias terrà una conversazione con I Solisti veneti su Raccontare Verdi. La vera storia di Traviata, accompagnato da Giuseppe Modugno al pianoforte. Utile ripasso in preparazione del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, ma sopratutto della Prima della Stagione Lirica di Padova 2012 al Teatro Verdi di Padova venerdì 19 ottobre per la regia di Hugo De Ana e la direzione di Steven Mercurio, una bacchetta d’eccezione sul podio alla guida dell’Orchestra, Coro e Ballo del Teatro Nazionale di Maribor. Appuntamento poi sul lungargine Piovego, alla base del nuovo ponte ciclo-pedonabile su via Venezia, per la quarta tappa del giro completo delle mura di Padova, organizzato dal Comitato Mura. Il percordo di questa domenica va dal Torrione Venier al Torrion Piccolo. Commiato all’ingresso dei giardini dell’Arena in via Porciglia.
Visto che il tempo atmosferico promette se non sole almeno non pioggia (pensavate mi fossi dimenticato dell’ Arpav, dite la verità!), vale la pena passeggiare per le vie del centro facendo tappa al Centro Culturale Altinate per la mostra mercato della piccola editoria, organizzata dalla Fiera delle Parole e Progetto Giovani.
Conclusione in bellezza alle 19.00 a Palazzo della Ragione per la presentazione del libro Panta Rai di Dario Vergassola.

Poi tutti a letto presto che lunedì, nostro malgrado, si torna a lavorare!

Buon fine settimana!

Giuseppe Bettiol
finesettimana@giuseppebettiol.it

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

padova,blog di padova,padova blog,enogastronomia e territorio,arquà petrarca,colli euganei,turismo padova terme euganee,padovacard,festa della giuggiola,giuggiola,brodo di giuggiole

Uno dei Borghi più belli d’Italia, Arquà Petrarca, abitato da circa 1870 abitanti è incastonato come una pietra che definirei di rara bellezza tra i verdi Colli Euganei, ai piedi del Monte Piccolo e del Monte Ventolone. Nel Trecento era divenuta una moda poterci abitare, soprattutto dopo la residenza del Poeta Francesco Petrarca che prese dimora dal 1370 al 1374 (anno della sua morte). Per fortuna, dopo il Cinquecento, la crescita edilizia rallentò molto e si preservò così l’originario aspetto, la bellezza e la tranquillità che la contraddistinguono dagli altri comuni circostanti. Domenica 7 Ottobre, sono andata alla festa delle giuggiole, una delle feste che danno il “benvenuto” all’autunno che sta (cercando) di arrivare, in quanto ero ancora in maniche corte. Quando passeggiavo tra le strette vie in salita e gli austeri palazzi nobiliari mi sembrava di essere in una poesia, tanto che mi sono dimenticata in un istante della frenesia di tutti i giorni.

padova,blog di padova,padova blog,enogastronomia e territorio,arquà petrarca,colli euganei,turismo padova terme euganee,padovacard,festa della giuggiola,giuggiola,brodo di giuggioleNon potevo non parlare delle “zizoe” in dialetto veneto, le quali mi ricordano un po’ le arrampicate sugli alberi con mio fratello – che le raccoglieva e poi ci facevamo la guerra a chi ne trovava e mangiava di più -. Il giuggiolo è un antico albero da frutto importato dalla Siria dai Romani, ma le antiche preparazioni risalgono ad Egizi e Fenici, inizialmente veniva utilizzato come pianta ornamentale, oggi è invece considerato un frutto abbastanza raro perché la sua coltivazione avviene per lo più in ambito familiare e soprattutto in una ristretta area. Un vero e proprio prodotto di nicchia della zona collinare di Arquà Petrarca. La giuggiola è un frutto piccolino e rotondo come un’oliva che solitamente “mangiucchiamo” senza sosta dopo cena (una tira l’altra) di cui ne sottovalutiamo le potenzialità perché queste piccole “perle” sono: diuretiche, emollienti, lassative, hanno proprietà medicinali poiché contengono vitamina C (10 giuggiole contengono la stessa vitamina C di 2 arance), vitamine B1, PP, B2 e sono epatoprotettive, ipocolesterolemiche, antipiretiche, anti-infiammatorie ed espettoranti, insomma bontà che stuzzicano il palato e che hanno un effetto terapeutico a 360°.
Le giuggiole si consumano fresche, appena raccolte dall’albero, oppure leggermente raggrinzite. Al palato sono un frutto né dolce né aspro, in cucina sono utilizzate per creare marmellate, dolci o biscotti (i fantastici zaeti) e sono, per esempio,abbinabili ad un passito. Ho chiesto un consiglio ad un docente del corso che sto frequentando, nonché insegnante della Dimora Ca’ Edimar di Padova, della quale vi consiglio di visitare il sito web (www.operaedimar.org) se siete interessati a mettere le “mani in pasta” e  grazie a lui nelle prossime lezioni proverò ad abbinare le giuggiole ad una carne creandone il ripieno.

padova,blog di padova,padova blog,enogastronomia e territorio,arquà petrarca,colli euganei,turismo padova terme euganee,padovacard,festa della giuggiola,giuggiola,brodo di giuggioleIl famoso proverbio “andare in brodo di giuggiole” deriva proprio da questo frutto ed esiste il vero e proprio brodo omonimo: un liquore che si trova in vendita nei negozi tipici del Borgo di Arquà  e che si ottiene a partire dalla giuggiole appassite, si snocciolano si cuociono in un tegame assieme alle mele cotogne, uva bianca, zucchero e scorza di limone e si fanno bollire finché il tutto non diviene una purea dolce. Alla fine si passa tutto il composto al setaccio e si conserva il liquido chiuso in bottiglie in cantina.
Domenica pomeriggio non ho fatto moltissime foto, così colgo l’occasione di postarne alcune di una cara amica che mi ha fatto da “assistente” e altre splendide immagini scattate da una fotografa professionista di Este, di nome Elisa Ravagnani , la quale ama la natura e gli animali e attraverso le fotografie trasmette le proprie emozioni (www.elisaravagnani.it).
La festa continua anche la prossima domenica (14 Ottobre) e sono certa che se vi recherete ad Arquà Petrarca andrete letteralmente e praticamente in brodo di giuggiole!

Salute!
S.

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova