Palazzo della ragione.jpgCari lettori, emergenza! E’ stato ritrovato un cadavere a Padova al Centro Culturale San Gaetano/Altinate. Informazioni certe ci dicono che il colpevole si aggira per Padova e Provincia e che presumibilmente lascerà la città entro domenica. Abbiamo quindi tre giorni di tempo, da venerdì 28 a domenica 30 settembre, per cercare il Signor Colpevole tra gli eventi che avranno luogo sia al chiuso che all’aperto. Con l’accortezza, in quest’ultimo caso, di portarsi per precauzione via un ombrello visto che il nostro informatore metereologico privilegiato (nome in codice “Arpav”) non promette un weekend tutto «sole cuore e amore» (www.arpa.veneto.it).

sugarpulp.jpgIl corpo è stato scoperto durante il “Sugarpulp Festival. Territori Noir”, appuntamento cult di questi ultimi giorni di settembre, per gli appassionati di noir e thriller, seconda edizione della manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale Sugarpulp e patrocinata dal Comune di Padova e dalla Regione Veneto. Una tre giorni di eventi, workshop, feste, presentazioni e mostre fotografiche, sparse per tutto il centro storico. La  scena del crimine principale è situata al Centro Culturale San Gaetano/Altinate. Se vi è ancora oscuro il significato di termini quali “noir”, “hard-boiled”, “spy” e “pulp” è giunto certamente il momento di farvi una cultura. Per gli approfondimenti e una descrizione dettagliata vi segnalo il post del nostro Investigatore Capo Alberto su questo blog e il sito ufficiale del festival.

Avete visitato la scena del crimine ma vi occore l’aiuto degli esperti per le analisi approfondite? Nessun problema. Ci viene in aiuto la Commissione Europea con “La Notte Europea dei Ricercatori” in cui studiosi di tutta Europa si danno appuntamento per incontrare il grande pubblico con spettacoli, esperimenti, conferenze, mostre, visite guidate, laboratori. Anche Padova partecipa all’iniziativa, venerdì 28 settembre, con “Venetonight” contenitore di molteplici eventi dedicati alla scienza in tutte le sua articolazioni in un programma pensato per solleticare tutti i cinque sensi. Il programma completo lo trovate qui. Per una notte, chiunque può essere uno scienziato. Quindi anche anatomopatologo, se piace.

Ma ricapitoliamo. Abbiamo scoperto il delitto e studiato la Crime Scene con tutti  gli strumenti che la scienza ci mette a disposizione. Non ci rimane che cercare il colpevole.

logo_europeo_giornate.jpgE se per caso stesse approfittando delle Giornate Europee del Patrimonio 2012 per visitare monumenti storici e collezioni artistiche di Padova? In questo caso potrebbe trovarsi, sabato 29 o domenica 30 settembre, a Palazzo Zuckermann dove, dalle 10:00 alle 19:00, è possibile accedere gratuitamente alle collezioni del Museo di Arti Applicate e Decorative e alle numismatiche del Museo Bottacin, magari partecipando alle visite guidate organizzate ad hoc. Oppure potrebbe nascondersi alla Scoletta del Carmine, in apertura straordinaria con visita libera dalle 10:00 alle 18:00. O ancora all’Archivio di Stato di Via dei Colli per partecipare ad una lezione gratuita di paleografia sulle pergamene di San Bernardo di Padova. Magari, invece, è al Museo Diocesano di Piazza del Duomo, dove dalle 10:00 alle 18:00, la visita con accesso libero è accompagnata da momenti musicali ed uno spettacolo di danze rinascimentali in costume d’epoca. Un testimone attendibile ha dichiarato che un indizio importante sui suoi possibili spostamenti è stato trovato qui.

Non possiamo tuttavia escludere che il Nostro si trovi all’aperto invece che in un luogo chiuso. Proviamo quindi a verificare se venerdì 28 settembre non faccia la sua comparsa a «Passaggi Artistici 2012» alle 21.00 al Bastione Alicorno in Piazzale Santa Croce in occasione dello spettacolo “Odissea, la voce e la  Musica”, performance musicale e lettura testuale in tre tempi, a cura dell’Associazione Artemisia che vedrà la partecipazione di Marcello Mauro al pianoforte e di Fabio Gemo come voce recitante.  Per approfondimenti controllate qui.

Se non siete riusciti a trovarlo ma ritenete che in ogni caso che i Bastioni e le Mura di Padova siano un ottimo rifugio dove nascondersi, occorre organizzare una squadra di ricerca. Ci viene in aiuto il Comitato Mura di Padova che, domenica 30 settembre, organizza una caccia all’uomo (ops, intendevo “una passeggiata”), con partenza alle 9.30 all’incrocio tra via Sanmicheli e via D’Acquadendente, dal Torrione Santa Giustina al Bastione Cornaro. Per informazioni www.muradipadova.it).

ciondolo-botteghe.pngAttenzione però, potrebbe cammuffarsi e nascondersi tra le modelle che, venerdì alle 18.00, presenteranno la nuova collezione di abiti nel negozio di paolaPrata in via Altinate, invitando invitando amici e clienti a bere un tè in vetrina o a degustare un calice di bollicine, come nei più classici happy hours. Durante l’evento sarà presentato il nuovo catalogo indossato dalle 4 modelle vincitrici del concorso lanciato direttamente su Facebook. E se fosse una di loro? (www.paolaprata.it).
Oppure potrebbe anche decidere di confondersi tra la folla che parteciperà domenica 30 settembre, dalle 9:00 alle 19:00, alla manifestazione “Botteghe storiche in piazza”, scoprendo ed apprezzando la professionalità e le capacità degli artigiani, dei commercianti e dei ristoratori, grazie a degustazioni di piatti tipici e prodotti di pasticceria, all’esposizione di antichi oggetti ed utensili da lavoro. Tutte le info su www.padovanet.it.

In attesa di domenica possiamo, tuttavia, proseguire le indagini nel “sordido” mondo della musica di Padova e Provincia. Se appassionato del sound degli Smiths, contaminato con le vibrazioni underground di Arcade Fire e The Girls, il nostro colpevole potrebbe trovarsi venerdì 28 settembre, al Circolo Arci La Mela di Newton, in via della Paglia, per il concerto del cantautore Ed.  (www.meladinewton.it). Oppure, se preferisce la musica classica, a Villa dei Vescovi a Torreglia, dove, sempre venerdì alle ore 20.45, Francesco Manara, Primo violino solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala, e il pianista Francesco De Zan, Direttore artistico del Festival internazionale di musica Veneto Concertante, interpreteranno alcune delle più celebri sonate del periodo classico-romantico.

Mostra IORI-immagine.JPGI nostri informatori ben inseriti nel mondo dell’arte hanno “spifferato”, inoltre, due inaugurazioni cui il Signor Colpevole potrebbe partecipare. Alle ore 18.00 di venerdì 28 settembre inaugura, in Galleria Cavour, “Giacimento di Passioni” del pittore Marcello Jori, con una selezione di opere significative per un viaggio che comincia dalla scrittura e finisce nella scrittura. Al primo piano del Centro Culturale San Gaetano/Altinate a Padova, è invece visibile, la mostra “Maffeo D’Arcole. Pitture di guerra”. La personale dell’artista veronese si concentra sui più recenti approdi della sua avventura creativa, rappresentati nell’occasione da circa 20 dipinti di grande formato. Vale la pena farci un salto. Ricordiamoci che il colpevole torna sempre sul luogo del delitto. (per informazioni http://padovacultura.padovanet.it).

Un’utile segnalazione sul carattere del nostro Colpevole è che, pur capace di efferati delitti, è sensibile agli eventi di solidarità. Ecco quindi che potrebbe trovarsi, venerdì 28 settembre, alle 20.30, al Piccolo Teatro Don Bosco, in via Asolo, per la presentazione della raccolta “Poeti per l’Emilia”, iniziativa editoriale e di solidarietà organizzata da PensieriParole, primo sito di letteratura in Italia per numero di visite e importante casa editrice nazionale, in collaborazione con l’Associazione Culturale Khorakhan. La serata vedrà la partecipazione dell’attrice Clelia Sedda. Parte del ricavato delle vendite verrà devoluto alla raccolta fondi istituita dalla Regione Emilia Romagna per le vittime colpite dal terremoto. (www.pensieriparole.it).

Nosferatu-photo-3-400x300.jpgCari lettori dobbiamo agire in fretta. Il nostro Signor Colpevole potrebbe decidere di fuggire da Padova in ogni momento, magari approfittando di un mezzo di trasporto trovato sul posto. Per esempio un’auto d’epoca, come quelle che sfileranno a Padova domenica 30 settembre in occasione del Concorso d’Eleganza “Stelle sul Liston”, organizzato dal Registro Italiano Veicoli Storici. Nel corso della manifestazione potrebbe far perdere le sue tracce durante uno degli eventi collaterali a cura dell’ACSI Veneto, oppure in uno degli stand enogastronomici per la degustazione delle eccellenze vitivinicole del territorio padovano e veneto a cura dell’Associazione Italiana Sommelier. (www.stellesulliston.it). Oppure abbandonare definitivamente la città via aria prendendo in ostaggio un pilota durante il Salone del Volo, fiera dedicata al mondo dell’aviazione leggera e da diporto che si terrà all’aeroporto “Gino Allegri” di Padova, dal 28 al 30 settembre. (www.festivaldellaria.it).

Come avrete sicuramente capito abbiamo bisogno del vostro aiuto per fermare l’assassino! Dateci una mano cliccando “mi piace” sulla nostra pagina facebook. Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova. Seguiteci!

Buon fine settimana!

Giuseppe Bettiol
giuseppe@giuseppebettiol.it

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padova

Con il post di oggi ho pensato di presentarvi una nuova guida per padovani e turisti in uscita nelle librerie di Padova da domani, giovedì 27 settembre. Non si tratta di una guida qualunque ma della collana delle “101 cose da fare..” della Newton Compton Edizioni, a tiratura nazionale, e per questo si potrà ordinare ovunque in Italia, nonché acquistare online o come ebook. “101 cose da fare a Padova almeno una volta nella vita” è il titolo esatto di questa guida che si propone come una pubblicazione agile e veloce per conoscere la città attraverso esperienze, cose concrete da fare, luoghi da visitare e risponde così a quel modo di promuovere una destinazione turistica attraverso leve emozionali.

In realtà attendevo questa nuova pubblicazione perchè già lo scorso anno, tramite facebook, avevo conosciuto Paola Tellaroli (paola.tellaroli@gmail.com), l’autrice del libro che aveva iniziato a raccogliere materiale per realizzare questo suo progetto. Ricordo ancora che mi contattò lei stessa per pormi una sfilza di domande a molte delle quali ammetto di non aver saputo rispondere neppure io che mi ritengo un buon conoscitore di Padova. Questo a riprova che sono davvero moltissimi gli aspetti nascosti di questa città e le sfiziose curiosità che la impreziosiscono, ragion per cui questo libro saprà rivelare conoscenze e suggerire esperienze al turista più curioso ed esigente così come al padovano che vorrà approfondire la conoscenza della propria città…e sono sicuro che proprio i padovani rimarranno sorpresi e troveranno alcune di queste “101 cose da fare…” come vere e proprie scoperte. Ho incontrato Paola qualche mese fa ad una visita guidata al Parco Treves (in seguito della quale scrissi questo post) con penna e quaderno degli appunti in mano, pronta a chiedere informazioni alla guida che ci accompagnava, dimostrazione che questo suo lavoro è frutto di mesi di impegno e di ricerca rigorosa e non di certo superficiale. Qualche giorno fa Paola stessa ha annunciato sempre tramite la rete, l’imminente uscita nelle librerie del libro e la realizzazione del suo sogno! Un progetto ed un impegno costante che mi erano sembrati un po’ “strani” per una ragazza mantovana, quasi una sfida, ma che ho poi compreso rivolgendo direttamente a lei alcune domande.

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padova

“Innanzitutto, ciao Paola. Vuoi presentarti ai lettori del blog? Chi è Paola Tellaroli?”

Paola Tellaroli non è una scrittrice, ma una ragazza che ha sempre avuto la passione di scrivere e finalmente ha realizzato un sogno. Sono una ragazza normale, se così si può chiamare una dottoranda in statistica! 
Ho cambiato diverse città nel mio percorso di studi: nata in provincia di Mantova, mi sono trasferita a Bologna per iniziare l’Università, ho fatto un Erasmus in Francia e poi mi sono spostata a Milano. Poi per puro caso ho trovato lavoro qui a Padova, dove mi sono trasferita senza mai averla vista una volta prima di arrivare con le valigie! Qui dovevo scrivere la tesi con l’idea di fermarmici solo un anno per poi volare all’estero. Ma così non è stato: forse grazie al fatto che venivo da una città che non faceva per me com’era Milano, tutto di Padova mi è sembrato più bello e ho apprezzato ogni singola – anche banale – cosa, grazie alla città e alle persone magnifiche che ho incontrato.

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padova
“Come ti è nata l’idea di questa guida e come mai proprio le “101 cose da fare a Padova…”?”

Quando sono arrivata a Milano ero spaesata e la guida “101 cose da fare a Milano almeno una volta nella vita” mi ha fatto conoscere la città, riuscendo quasi a farmela piacere, pensa! Poi, curiosa, ho letto quella di Bologna, per l’affetto che mi lega a questa città. Così, arrivata a Padova, non conoscendo niente e nessuno, d’istinto mi sono messa a cercare questa guida per conoscere la città in cui mi ritrovavo a vivere, e ho scoperto che non esisteva! La cosa non mi ha stupita, visto che – come ripeto allo sfinimento anche nel libro – Padova è terribilmente sottovalutata! Perciò ho stilato una mia personale lista con l’aiuto di un’amica che abitava qui da più tempo e ho mandato una mail all’editore consigliando di sviluppare questa idea. E in pratica mi hanno risposto: “Interessante, fallo tu!”.

“Quali sono state le difficoltà che hai incontrato e i tempi di realizzazione di questo tuo progetto?”

Inizialmente ho temuto, come tutti gli increduli continuano a sostenere, che non ci fossero così tante cose da fare a Padova, che mi fossi fatta un po’ prendere dal sentimento per questa città. E invece poi è stato molto più facile di quanto credessi, le cose sono venute da sé e anche i tempi sono stati piuttosto brevi. Da quando ho iniziato seriamente a scriverlo ci ho impiegato circa sei mesi, senza ovviamente contare la fase di progettazione, documentazione e interviste.

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padovaEh già, come sostengo da tempo, penso che i primi increduli sul valore della propria città siano proprio i padovani….Attraverso il tuo lavoro di ricerca quali delle 101 cose ti hanno sorpresa e meravigliata di più?”

Ammetto che alcune cose quando ho iniziato a scrivere il libro non le conoscevo, ma poi sai, si innesca un fenomeno per il quale amici o amici di amici mi contattavano dandomi consigli o idee e il gioco è stato fatto. Pensa che ho dovuto anche scartare diversi punti per rientrare nel format dei 101! 

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padova

Il lavoro di ricerca di informazioni è stato davvero uno spasso! Il punto che mi ha sorpresa di più è stato certamente scoprire che esiste una copia di Padova in Polonia, mentre il punto che mi ha più divertita scrivendolo è stato quello in cui parlo delle innumerevoli targhe sparse per la città..ci avevi mai fatto caso? Poi non potevo credere alle mie orecchie quando mi hanno detto che il personaggio di Indiana Jones è ispirato a un padovano (Belzoni qui a fianco ndr), ho trovato molto divertente la storia della falsa tomba di Antenore, ho scoperto la bellezza di Parco Treves (foto sopra a sinistra) – dove mi sembra di capire che la maggior parte dei padovani non ha mai messo piede, sono entrata nella casa di Galileo, ho passeggiato nei sotterranei della città, mi ha fatto molto ridere la storia del Club Ignoranti e ho scoperto che in città esiste una camera marziana… questo non lo sapevi nemmeno tu, vero!? 

padova,blog di padova,padova blog,guida turistica di padova,guida padova,101 cose da fare a padova almeno una volta nella vita,newton compton,newton compton editori,guide newton compton,turismo padova

Eh si, come dicevo all’inizio questa è una delle cose che ho scoperto anch’io solo grazie alle tue ricerche. Come dire una garanzia che tra le 101 cose da fare più di qualcuna sarà senz’altro una scoperta anche per i padovani.

Si, tra le 101 esperienze proposte nel libro ci sono: prendere un Polifonico nel bar più goliardico di Padova, restare a bocca aperta di fronte all’opera di Giotto e ai luminosi misteri degli Scrovegni, toccare il cielo con un dito in cima alla Specola, fantasticare lungo le riviere, prendere il sole stesi sull’isola della città, affinare i cinque sensi nel roseto di Santa Giustina, fare un salto indietro nel tempo con il precinema, percorrere la via di Indiana Jones, imparare l’inglese a suon di spritz, intrufolarsi nei luoghi della Padova che non si vede, inseguire le opere di Kenny Random etc etc. Quindi esperienze che hanno a che fare con la Padova antica, con la città d’arte ma anche con la vivace città universitaria che è oggi. 

“E tu, da padovana d’adozione quale idea di Padova ti sei fatta?”

Io adoro questa città. Elegante e vivacemente studentesca com’è, nasconde e offre tanto, e questo la rende affascinante e interessante al tempo stesso. Però, al contrario di altre città, non ho dovuto cercare molto per trovare le cose di cui avevo bisogno. Forse è stata fortuna nelle coincidenze, come in tutto, ma anche merito delle persone che vivono qui, oltre che alla città in sé. Ma in fondo, una città non è le persone che la costituiscono?

Eh si Paola, penso anch’io sia così! Complimenti per questo tuo lavoro e soprattutto grazie da parte di un padovano, il sottoscritto, che ci tiene affinchè la propria città venga conosciuta ed apprezzata il più possibile!

Da domani in libreria!! Acquistatela oppure prenotatela e poi Acquistatela! 😉

Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittà
Ciao a tutti, dopo oltre 3 anni e più di 500 posts pubblicati in questo spazio, sono a presentare un cambio di rotta, un cambiamento di questo blog che continua a darmi delle belle soddisfazioni.
 
Se fino a poco fa, i contributi extra rispetto ai miei post sono stati apportati con lo spazio “guest blogger”, che continuerà ad esserci, e per alcuni post dalla rubrica “Padova creativa” curata da Laura Sicolo, d’ora in avanti ad affiancare il sottoscritto nella stesura dei 3 posts settimanali ci saranno due nuovi compagni di avventura. La bravura e la precisione di Giuseppe Bettiol li avete già potuti apprezzare negli ultimi tre posts del venerdì, quelli tradizionalmente incentrati sulle proposte per il  “weekend a Padova”  mentre con questo post inizierete a conoscere anche Silvia Tiberto che curerà una rubrica tutta nuova, “territorio ed enogastronomia”, una rubrica che riprende in parte la mia vecchia e storica categoria “El cantòn del cogo” e con la quale vi saprà deliziare! Ma lascio che siano loro stessi a presentarsi in questo stesso posts più in basso.
 
Prima però volevo sottolineare come l’intenzione sia quella di continuare a tenere ben aperto anche lo spazio “guest bloggers” a chi volesse presentare aspetti interessanti riguardanti Padova, l’attività di una qualche associazione culturale del territorio, o il punto di vista di una qualche realtà cittadina (per cui proponetevi) così come cercherò di individuare altre persone volenterose e competenti, come Silvia e Giuseppe, per trattare altri aspetti e/o far emergere realtà cittadine in cerca di visibilità o lati meno noti della città. Un blog che quindi, da personale, vuole essere sempre più espressione di nuovi punti di vista e quindi sempre più collettivo! La pagina facebook del blog (“Il blog di Padova”) è quasi giunta a 1800 fans (che ringrazio ed invito a partecipare ed interagire il più più possibile) dimostrazione che in questi 3 anni qualcosa di buono si è fatto. D’altra parte sono certo che grazie alla qualità, alla serietà ma anche alla simpatia dei nuovi colleghi blogger patavini, questa attività continuerà a regalarmi/ci ancora diverse soddisfazioni.
 
Seguiteci e condivideteci! A presto!
 
Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it

padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittà
“Ciao a tutti, sono Giuseppe! Mi sono laureato in filosofia in storia della logica ma solo per scoprire che la logica era storia e tutto sommato una visione fuzzy della vita è molto più interessante. Come tutti i laureati in materie umanistiche ho sfogato la mia naturale propensione alla logorrea lavorando nei call center.

Finalmente approdo ad un lavoro che, come si dice negli ambienti colti(vati) è “ coerente con il mio percorso di studi” cominciando a lavorare come addetto stampa in un ufficio padovano dove ho scoperto, tra le altre cose, quanto può essere divertente continuare a passare le giornate al telefono cercando di “vendere” eventi culturali piuttosto che piani telefonici.

Leggendo compulsivamente, per lavoro,  le pagine degli spettacoli finisce che sono sempre in giro a concerti, mostre e inaugurazioni. Per questo motivo quando Alberto mi ha chiesto di collaborare al blog per raccontare gli eventi del fine settimana padovana, non ho esitato ad accettare di buon grado. Ed eccomi qui” (Giuseppe Bettiol– giuseppe@giuseppebettiol.it)


padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittà
“Mi presento…

sono Silvia, per le amiche e gli amici detta “Tibby” e grazie al gentile Alberto, conosciuto praticamente grazie alla rete, ho da oggi la possibilità di parlare di argomenti di mio interesse: cibo, vino, birra artigianale, eventi enogastronomici e territorio. Voi direte: L’ennesima rubrica che parla di enogastronomia – che va tanto di moda ora -, Ecco No! Io voglio parlare delle esperienze che si possono vivere a Padova e dintorni in maniera molto umile, fornire consigli e in maniera non del tutto “professionale” ma amchevole in quanto non sono né sommelier né laureata in Scienze Gastronomiche, anzi … magari lo fossi! Sono solo una persona molto curiosa, voglio provare (per) credere, fotografare,  raccontare e soprattutto annusare, testare, mangiare, bere bene!
Sono laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità, mi sono occupata di contenuti e Pr online per diverse realtà, ma quelle che mi hanno colpito di più, sono certamente le aziende  vitivinicole venete dalle quali ho imparato davvero moltissimo. Mi sono occupata di community e social media marketing (le fan-page di facebook sono il mio pane quotidiano e live twitting è una “droga giornaliera”  dove racconto e mi informo ogni giorno, se voleste followarmi mi trovate qui: @la_tibby).

padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittàAmo il “nostro” territorio euganeo (ne ho scoperto l’attaccamento solo dopo 5 anni di viaggi per studio e lavoro), quando vedo i “Colli Euganei” dalla mia finestra mi ripeto sempre che un giorno andrò a viverci davvero – per il momento mi accontento di osservarli e passarci i weekend con gli amici – tra eventi, manifestazioni e lavoro.
Prossimamente mi piacerebbe raccontarvi cosa faccio in giro per il centro e aiutarvi nella scelta di qualche pietanza, locale o posticino dove passare il vostro tempo libero. Perché ve lo dico chiaro e tondo: “ non c’è amore più sincero di quello che si prova per il cibo e il buon vino”.

Prosit! (Salute!)

S.

—————————————————————————————————

Silvia che si presenta anche con questo suo primo post dedicato a “Pedrocchi Delice”, l’iniziativa benefica che si è tenuta lo scorso weekend in piazzetta Pedrocchi che aveva al centro la degustazione di gelati! Slurp!

padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittà

Vi piacerebbe tornare bambini anche solo per un’ora? Ecco! C’è chi c’è riuscito con me, ma anche con tanti altri adulti, per ben tre giorni questo weekend (21-23 Settembre) in occasione del Festival Nazionale del Gelato Artigianale con l’iniziativa denominata Pedrocchi Delice: prima edizione che mira a diffondere le risorse, la cultura, le tradizioni e la professionalità dei maestri gelatieri della Regione Veneto e di tutta Italia, il cui ricavato andrà totalmente devoluto in beneficienza all’AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie). Sabato mattina mi ero ripromessa di alzarmi relativamente presto e recarmi in centro, tralasciando i problemi di parcheggio della città di Padova, alle 10.30 ero davanti al Caffè Pedrocchi e alla vista di tutte quelle bontà l’arrabbiatura è svanita. Caffè Pedrocchi faceva da splendida cornice e donava un aspetto grazioso alla tensostruttura esterna che ospitava una decina di frigoriferi, i quali non si possono comunemente chiamare così poiché il loro vero nome è “tonda” e sono le prime gelaterie rotonde e rotanti, tre di queste erano dedicate ai 30 gusti in concorso e si potevano assaggiare e poi votare grazie all’hostess/steward  che si trovava dietro di quest’ultime, in realtà mi aspettavo di trovarci un produttore, perché mi sarebbe piaciuto sapere gli ingredienti all’interno di qualche fredda delizia.

padova blog,blog di padova,blog life,virgiliopadova,alberto botton,virgilio local blog,padova urban blog,virgiliocitta,virgiliocittàLa degustazione di un cucchiaino di gelato era libera e una coppetta costava solo un euro, tra i gusti in concorso, ho dato la precedenza a quelli padovani e ne ho assaggiati una decina partendo da gusti più delicati come “ricotta miele e mandorle” a quelli più particolari come il “riso thai” o il “ricotta fichi e sfogliatine”. Era impossibile degustare 30 tipologie di gusti infatti dopo un po’ mi sono fermata e ho chiesto al maestro gelatiere vestito di rosso se potevo seguire uno dei loro laboratori che dovevano essere in programma dalle ore 10 alle ore 12, il quale mi ha detto che non erano riusciti ad organizzarli e lì potete immaginare la mia faccia – una bambina con il broncio non mi avrebbe superata mai –.
Tutto sommato devo dire che l’iniziativa è stata carina, sicuramente migliorerà con le prossime edizioni, se ci saranno. Lo ammetto, da padovana, alla fine (verso mezzogiorno) ho concluso con un bel gelato allo spritz dal colore rosa ma con un retrogusto Aperol!

Alla Salute!

S.

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

Novità: Ora il blog di Padova è anche su twitter: @BlogDiPadova

 

blog di padova,padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova artepadova,padova arte,solidarietà padovaUn fine settimana senza auto tra biciclette, aperitivi slow food e mongolfiere a Padova e Provincia da venerdì 21 e domenica 23 settembre.

Ricco programma a impatto zero quello che aspetta i padovani nel fine settimana da venerdì 21 a domenica 23 settembre. Seppure con le temperature in leggero calo, le previsioni del tempo promettono un weekend soleggiato (www.arpa.veneto.it). Vale quindi la pena uscire di casa e godersi gli eventi presenti sul territorio, caratterizzati da una decisa sensibilità ecologica, essendo questa la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile promossa dalla Commissione Europea (www.mobilityweek.eu).

blog di padovaSiete preoccupati di non disporre di un mezzo di trasposto per muovervi il domenica 23 settembre quando a Padova sarà in corso la domenica ecologica? Forse sarebbe il caso di portar fuori dal garage la vostra vecchia bicicletta oppure approfittare dell’occasione per prenderne una nuova. Vi viene in aiuto la Fiera di Padova, che dal 22 al 24 settembre ospita la 5° edizione di “ExpoBici, Salone Internazionale della bicicletta”, tre giorni dedicati ai produttori e agli amanti delle due ruore che avranno l’occasione di toccare con mano e sperimentare direttamente le performance dei prodotti che si troveranno nei negozi nel 2013 (per informazioni www.expobici.it). Se invece il vostro timore è di dimenticare il vostro mezzo da qualche parte o, peggio ancora, di vederverlo sottrarre, vi segnalo un’iniziativa organizzata dall’Ufficio Biciclette del Comune di Padova dal nome sigificativo di “La bici e mia e guai chi me la ruba”. Sabato 22 settembre dalle 10:00 alle 12:00, all’esterno dell’ingresso del padiglione 15 della Fiera all’angolo via Tommaseo e via Goldoni, sarà possibile usufruire del servizio di marcatura del codice fiscale sul telaio della propria bicicletta. Con l’occasione vi sarà consegnato anche un biglietto ridotto per l’ingresso alla Fiera. (Attenzione, è necessario compilare un modulo online, tutte le informazioni su www.padovanet.it).

blog di padovaRisolto il nostro problema di mobilità non resta che addentrarci negli eventi del fine settimana. Gli appassionati d’arte possono scegliere tra un ampio catalogo di mostre, sia tra quelle in corso sia tra quelle che aprono in questi giorni. Tra le inaugurazioni segnaliamo la curiosa esposizione “Essenzialmente la mano” che apre sabato 22 settembre, alle ore 18.00 al Piano Nobile del Caffè Pedrocchi (fino al 14 ottobre). Nata dalla collaborazione tra il dipartimento di Neuroscienze e il dipartimento dei Beni culturali dell’Università di Padova, la mostra ospita sculture di artisti internazionali, tra i quali Dalì, Breton, Picasso, Mirò, Finotti e Paladino, che nel corso del ‘900 hanno avuto come tema ispiratore la mano, nelle sue varie declinazioni espressive e simboliche. Per chi volesse arrivare preparato al vernissage, inoltre, venerdì 21 settembre alle ore 18:00, il professor Renzo Mantero, primario emerito di chirurgia della mano, sempre al Piano Nobile del Caffè Pedrocchi, terrà la conferenza “Mani, musica e stelle nel Cenacolo di Leonardo”. (Mostra ad ingresso gratuito, per informazioni ulteriori www.padovanet.it).
blog di padovaSempre sabato 22 settembre prende il via al Bastione Alicorno di via Goito “Passaggi Artistici. Il contemporaneo nei luoghi storici. Porte e bastioni di Padova”, rassegna di eventi d’arte, performances di teatro e poesia, che vuole costruire un ponte ideale tra il ricco patrimonio monumentale e storico di Padova, con le forme espressive del linguaggio artistico contemporaneo. Alle ore 18.00, all’interno del Bastione, l’Associazione A&T design apre l’esposizione collettiva Viaggi, mostra di scultura, pittura e disegni ispirati al tema scelto per questa terza edizione, il viaggio appunto, inteso come ricerca di sé stessi, avventura, scoperta degli altri, nel tempo e nello spazio. Seguirà, alle ore 21.00, lo spettacolo “In Viaggio con Garcia Lorca. Tra Poesia e Flamenco” con la Compagnia Duendarte e Teatro Laterale, in cui la musica e le danze tradizionali del flamenco si fondono con brani tratti dalle opere del poeta granadino. (info e programma su padovacultura.padovanet.it).
blog di padovaSe il vostro motto è invece sempre stato “Diamonds Are a Girl’s Best Friend” o, in generale, “preferite le bionde”, un’idea potrebbe essere fare un salto alla Galleria “Città di Padova” in vicolo Santa Margherita 2 dove si celebra il mito di Marilyn Monroe a 50 anni dalla sua prematura scomparsa. QueenArtStudio ha infatti organizzato l’esposizione “50° Marilyn”, raccolta, a cura di Maria Grazia Todaro, di immagini di dipinti e memorie, scatti fotografici, opere di grafica, scultura e installazioni visive dedicate alla grande attrice americana. (Attenzione, la mostra è chiusa di domenica. Per informazioni e orari 50marilyn.blogspot.it).
Un’ampia reatrospettiva del pittore trevigiano Paolo del Giudice è invece in corso all’Ex Macello di via Cornaro. Una scelta di oltre cento dipinti, in gran parte di grandi dimensioni, che spazia nella sua produzione dal 1986 al 2012. Per farvi già un’idea dell’opera dell’artista vi segnalo il sito www.paolodelgiudice.com.
Proseguono, infine, la mostra collettiva “Liquidi Mondi” alla Galleria sottopasso della Stua in Largo Europa, e la personale “La Luce di Padova” del pittore padovano Luigi Ferro al Centro Culturale Altinate/San Gaetano (per informazioni http://padovacultura.padovanet.it).
In provincia, alla Galleria Artissima di Silvia Prelz ad Abano Terme continua la mostra di Carla Rigato “La Forza nel colore” (www.artissimacontemporanea.it).

Spostandoci in Provincia, vale la pena segnalare un’iniziativa sapientemente al confine tra cultura e gioco dedicata ai più piccoli. A partire da sabato 22 settembre il Castello del Catajo di Battaglia Terme inaugura “Un Castello per bambini”, sei appuntamenti per esplorare con gli occhi di un bambino uno dei castelli più affascinanti e insoliti del Veneto. Sabato pomeriggio, a partire dalle 14.30 fino alle alle 18.30, visite guidate alla scoperta delle coloratissime sale interne e un laboratorio per imparare a realizzare un affresco da portare a casa. Domenica 23 mattina, dalle 10.30 alle 12.30, invece si gioca provando i giochi che nei secoli passati facevano divertire i bambini al castello. Per informazioni (www.castellodelcatajo.it).

blog di padovaDal verde siamo partiti e al verde ritorniamo, segnalandovi per prima cosa due iniziative a scopo benefico.
Collaterale alla mostra «Artcibò-con l’arte si mangia», in corso alla Galleria laRinascente di Padova, in piazza Garibaldi, la Condotta Slow Food di Padova organizza venerdi 21 settembre dalle ore 18.00 alle ore 20.00 una degustazione di prodotti dei presidi Slow Food veneti. Non solo un’occasione per assaggiare o riassaggiare sapori e profumi che rischiano di essere dimenticati, ma anche un’opportunità concreta per aiutare, attraverso le offerte libere che verranno raccolte, il progetto “1000 orti in Africa” di Terramadre, rete delle comunità del cibo che riunisce tutti coloro che fanno parte della filiera alimentare e sono impegnati nella difesa dell’agricoltura, della pesca e dell’allevamento sostenibili, per preservare il gusto e la biodiversità del cibo.
Una volta preso l’aperitivo, perchè non spostarsi di pochi metri e partecipare al Gran galà di Beneficenza a favore dell’Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma? Il menu è cura della Nazionale italiana cuochi calcio. Il soprano Monica Voltan e il tenore Florio Pedron si occuperanno dell’intrattenimento musicale. (La partecipazione richiede la prenotazione, per informazioni www.caffepedrocchi.it).

Ed eccoci finalmente arrivati a giustificare il titolo scelto per questo post sul fine settimana padovano. Domenica 23 settembre lasciamo a casa le nostre amate automobili e muoviamoci a piedi o in bicicletta per la nostra amata città. Tanti gli eventi previsti per ravvivare la giornata anche a chi di malavoglia si stacca dalle quattro ruote.
Si comincia alle ore 9.00, alla Fiera di Padova, con la partenza del “Tour Ciclo Zero 2012”, pedalata ecologica intorno a Padova con rientro verso le 12.30 (attenzione, le prenotazioni, obbligatorie, scadono oggi. Per informazioni www.amici-della-bicicletta-pd.it).
blog di padovaSe preferite, invece,  rimanere con i piedi per terra, dalle 9.00 alle 19.00, nella Piazzetta del Ghetto  prende vita “Le Muse in Ghetto”, mostra all’aperto di pittura, scultura, grafica e ceramica, che durante tutta la giornata vedrà l’esibizione di poeti, di attori e di artisti veneti. Pochi passi più in là, si svolge anche quest’anno “GECO. Generazioni in Gioco”, festa del volontariato e della solidarietà promossa dal Centro Servizio Volontariato provinciale e dal Comune di Padova, dedicata al mondo del Terzo Settore, per rendere note alla cittadinanza le attività messe in campo dai volontari al territorio provinciale. La festa coinvolgerà l’area estesa di Piazza dei Frutti, Piazza dei Signori, Piazza delle Erbe, Piazza Capitaniato, l’intero Liston a dimostrazione della vitalità dell’associazionismo che opera a Padova e Provincia. Il programma completo lo potete scaricare qui.
Divertente l’idea della “Festa delle Bande Musicali e Majorettes” che, con partenza da Piazza dei Signori, vedrà esibizione itinerante di gruppi musicali in tutto il centro storico per approdare, intorno alle ore 15.00, in Prato della Valle per un intero pomeriggio di musica e allegria.
Direttamente alle tematiche ambientali è dedicata la “Festa del recupero e dell’energia pulita” promossa da Legambiente Padova sempre in Piazza dei Signori. Giunta quest’anno alla nona edizione, a partire dalle ore 9.00 proporrà per tutta la giornata spazi di gioco e momenti creativi per i bambini e interessanti visite guidate alla Torre dell’Orologio. (Ore 9.50-11.50-15.50-17.50) nonchè spazi informativi dedicati all’ambiente. Chiude la giornata alle ore 18.00 il concerto degli Ajde Zora, collettivo di musicisti che propone e rivisita il repertorio musicale dei Balcani. (per il programma completo visita www.legambientepadova.it).
Se passando da una piazza all’altra vi viene voglia di mangiare qualcosa di fresco, passate al Pedrocchi dove, partire da venerdì 21 , è in corso la «Pedrocchi Delice, primo Festival Nazionale del Gelato Artigianale» a una tre giorni golosa dove il protagonista indiscusso sarà il gelato artigianale, e dove i maestri gelatieri metteranno la loro abilità ed esperienza a servizio della solidarietà (informazioni sul sito www.caffepedrocchi.it).
Da segnalare, infine, alle ore 18.00 sul palco allestito di fronte a Palazzo Moroni, la premiazione dei vincitori del concorso regionale “Premio Impatto Zero” dedicato a cittadini ed associazioni che si sono distinti per le loro azioni di contenimento del proprio impatto ambientale. Mattatore dell’evento l’attore Vasco Mirandola. Chiudono la cerimonia un aperitico ecosostenibile e il concerto della Piccola Bottega Baltazar.

Non vi ho ancora convinto ad uscire di casa? Molto bene, rimanete tranquilli sul divano. Con un buon libro però! Se siete indecisi su cosa leggere la Libreria Laformadellibro (www.laformadelibro.it), inaugura, venerdì 21 settembre alle ore 21.00, la stagione autunnale degli incontri con l’autore. Ospite di questa settimana Carmine Abate, vincitore del Premio Campiello 2012, che presenterà al pubblico “Collina del vento”, suo ultimo romanzo.

Direi che la vostra agenda di appuntamenti per il fine settimana è bella piena. Non rimane che augurarci un buon weekend!

Giuseppe Bettiol
giuseppe@giuseppebettiol.it


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova,turismo urbano padova
Quest’oggi vi propongo semplicemente qualche considerazione da cittadino che legge quotidianamente la stampa locale e che rimane spesso quantomeno perplesso alla lettura di alcune notizie riguardanti la gestione del territorio e la sua promozione. Chi legge questo blog, interamente dedicato a Padova (foto Padova24ore.it) avrà capito che nutro un certo interesse per tematiche legate al turismo, alla cultura e alle varie iniziative messe in campo per valorizzare il nostro territorio, interesse nato da studi fatti in passato e da qualche esperienza lavorativa.
Con il post di oggi, che inserisco nello spazio “la città che cambia”, a partire da alcuni “vizi” duri da sconfiggere, mi sono lasciato prendere la mano provando ad esprimere qualche mia riflessione su temi che riguardano si il turismo ma più generalmente lo sviluppo ed il futuro della città, sperando di non risultare troppo banale al giudizio di persone più esperte e professionalmente preparate sull’argomento. 
 
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova
Quali sono queste notizie che  ancora non riesco a digerire? Quelle che certificano il fatto che determinati problemi, vizi e abitudini non si riescano a superare…E’ di qualche settimana fa la grave dichiarazione del sindaco di Montegrotto contro l’attività dell’ente turistico Turismo Padova Terme Euganee, reo secondo il sindaco Bordin, di gravare sul bilancio della collettività. Una dichiarazione assurda se pensiamo all’importanza dell’attività di un ente turistico in una località che di turismo ha sempre vissuto come l’area termale, attività che dovrebbe essere quantomeno rispettata. Altra questione i tagli da parte della Regione che mettono a rischio molti posti di lavoro degli addetti agli uffici turistici di informazione. Su questo tema avevo scritto questo post, qualche mese fa: “Turismo è accoglienza. Gli uffici turistici vanno migliorati, non chiusi!”. Anche qui, sappiamo delle difficoltà economiche del nostro paese ma la professionalità di chi lavora in un settore “chiave” come il turismo dovrebbe essere forse maggiormente tutelata. Altra questione la continua litigiosità tra diversi enti territoriali, magari divisi da opposti schieramenti politici che bloccano progetti ed iniziative utili per il territorio. Qui mi direte che scopro l’acqua calda, che si sa che in Italia funziona così etc etc ma nonostante questo ogni tanto mi vien da pensare che non sia normale. Da quanto tempo Comune e Provincia sono in conflitto per via del nuovo Ospedale e ancor di più per il Centro Congressi? La scorsa estate c’è stata l’Europeade, il festival del Folklore, e pure questo ha destato polemiche, perchè pare che una fazione politica debba necessariamente, e a prescindere, mettere in cattiva luce chi sta dall’altra parte. Ora non voglio dire che si debba bloccare l’esercizio della democrazia ma se le iniziative, i progetti fossero più partecipati ed orientati ad un progetto più ampio, forse ci sarebbero meno occasioni di conflitto.
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova
 
Tutta questa premessa per tirare fuori vecchi ragionamenti o concetti di cui molti amministratori del territorio sembrano riempirsi la bocca in occasione dei vari momenti istituzionali o davanti alle telecamere. Quali sono? Sempre quelli! “E’ necessario mettere a sistema le nostre eccellenze (non mi piace il tono spesso autoreferenziale di questa espressione)”, piuttosto che parlare di rete o governance. Per carità ci sono le buone pratiche, le eccellenze e le buone iniziative ci mancherebbe, sono processi difficili da mettere in atto, ma a questo punto mi chiedo se ci sia la volontà di superare questa frammentazione, questa dispersione di energie ed obbiettivi. Ho infatti la sensazione (sono anche un po’ sarcastico) che come sistema territoriale non ci sia una “vision” condivisa dai vari attori del territorio verso cui tendere obiettivi, risorse ed energie. Non voglio fare il saputello che ha studiato sui libri e non conosce la realtà concreta di come funzionino le cose ma continuo a chiedermi perchè non emerga e non venga comunicato un piano, un’idea di città futura. Pensare che questo possa essere utile al territorio è solo una mia idea strampalata? Non credo… Si vuole puntare sul turismo ad esempio? Credo di si! ma allora perchè un sindaco della zona termale se ne esce con certe battute? Perchè si deve attendere così tanto per il centro congressi? Perchè l’accoglienza ed il servizio degli uffici turistici deve essere trattato quasi come un servizio “superfluo”? Sono domande le mie…
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova
 
Ed è un peccato perchè secondo me Padova ed il suo territorio avrebbero enormi potenzialità da esprimere ma forse, a questo punto, riuscire a creare queste condizioni non è una priorità per tutti. Dal punto di vista della cultura e dei giovani, avverto una gran voglia di fare, partecipare, sentirsi protagonisti. 
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova,turismo urbano padova
 
Giovani dell’università con il progetto CAM (Con Altri Mezzi) hanno pubblicato un volume dal titolo “La città dei senza” (a destra il vicesindaco Ivo Rossi impegnato a leggerlo) in cui hanno interrogato molti esponenti della cultura padovana, abbiamo visto lo scorso weekend il successo di un evento come il Vintage Festival, il prossimo weekend ci sarà il festival della letteratura noir e pulp nata da una bellissima realtà tutta padovana, quella di Sugarpulp. Appassionati di fotografia trovano associazioni ed opportunità per esprimersi come Arte laterale, Padova Fotografia oltre agli storici fotoclub, idem per quelli che amano il teatro (Teatro de Linutile, TAM) e la danza, la formazione, la consulenza, la produzione in materia di audiovisivi e new media di AntennaLab e molte altre realtà interessanti e dinamiche. Notevolissimo il lavoro fatto in questi anni anche dall’assessorato alla cultura nel proporre format di eventi sempre accattivanti ed in linea con l’identità mutevole della città come RAM, Universi Diversi, Estate Carrarese, etc etc.
 
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova
Nonostante tutto questo, alla città forse manca ancora una certa coscienza di sè. Forse alla domanda, com’è Padova, quali sono i tratti distintivi della città, si farebbe fatica a trovare un accordo perchè è una città dalle mille identità. D’altra parte forse manca proprio un progetto, una visione a lungo termine che possa anche trasmettere sia all’esterno sia ai cittadini un’immagine più omogenea della città stessa. Padova avrà mai un suo “brand” unitario per proporsi proprio come “prodotto” ai visitatori e ai potenziali investitori così come un po’ tutte le città del mondo stanno cercando di fare? Quando uno sta tanto sui libri come il sottoscritto, certi argomenti gli rimangono in testa ed il tema del Turismo Urbano a Padova è stato l’oggetto della mia tesi di Master in Governance delle Risorse Turistiche Territoriali qualche anno fa (della mia tesi si parla qui in un mio vecchio blog ancora on line Scarica qui la presentazione in powerpoint della mia tesi) che ho avuto l’opportunità di presentare con mia grande soddisfazione al centro culturale Altinate- S.Gaetano in un convegno organizzato dall’associazione “La Specola delle Idee”, incentrato proprio sul tema dell’immagine di Padova.
 
padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova
Una prima domanda che mi incuriosirebbe fare ai padovani sarebbe proprio questa “Come vedi la tua città?”. All’esterno, da uno studio fatto qualche anno fa da Espon, un importante progetto europeo sul tema della “visione” territoriale comunitaria, Padova viene vista come una città che accoglie funzioni di livello “trasnazionale” e caratterizzata da un’economia diversificata. Il dimensionamento ottimale viene fatto coincidere con una popolazione di 506.000 abitanti, numero superiore a quello del totale dei comuni dell’attuale Conferenza Metropolitana afferenti al Pati. Altro che i 210.000 abitanti del comune di Padova: secondo questo studio i comuni della cintura dovrebbero essere accorpati in un’unica grande Padova. Se non altro, forse, la si smetterebbe di pesare certi problemi della città come stessimo parlando di una “cittadina”. Tutti temi attinenti al progetto di ricerca “Free writing” promosso dalla Fondazione Menato nato per creare in maniera condivisa il futuro della città di Padova, delineando le traiettorie di sviluppo, cambiamento e crescita dell’area metropolitana.
Mi piacerebbe, insomma, vedere iniziative volte a favorire uno sviluppo omogeneo e condiviso nel medio-lungo periodo. Insomma aggregare tutte le energia che emergono verso un obiettivo comune per valorizzare al meglio le potenzialità e le vocazioni della città, potenzialità ed opportunità che in passato sono state forse perse. Non tutti sanno, ad esempio che Padova è stata un luogo importante per la nascita dell’industria automobilistica italiana e che la Fiat avrebbe potuto insediarsi da queste parti come scrive Gianni Trivellato in questo suo post.

padova,padova blog,blog di padova,alberto botton,padova espon,area metropolitana padova,turismo padova terme euganee,provincia di padova,pianificazione strategica,territorio padova,governance padova


Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !


 

padova,padova blog,padova cultura,padova eventi,turismo padova terme euganee,mura di padova,arte padova,arte contemporanea padova,passaggi artistici 2012 il contemporaneo nei luoghi storici port,passaggi artistici 2012

Con il post di quest’oggi ho pensato di presentare una rassegna davvero interessante a partire dal concetto che la ispira. Mi riferisco a Passaggi Artistici 2012, giunta alla sua terza edizione, un progetto artistico che vuole mettere in relazione la storia ed il patrimonio monumentale di una città d’arte come Padova con le forme espressive del linguaggio artistico contemporaneo. Il tema scelto per questa edizione è quello dei “Viaggi”: il viaggio inteso come viaggio interiore, ricerca di sé stessi nella dimensione emozionale, viaggio di avventura, viaggio di scoperta degli altri, viaggio nel tempo e nello spazio. All’interno di Passaggi Artistici sono previste installazioni, performances di teatro e poesia e, in genere, le opere d’arte che verranno realizzate attraverso linguaggi e codici non convenzionali, hanno l’ambizione di proporre un differente approccio nei confronti delle peculiarità architettoniche, di come la città “fisica” fatta di pietre pregne di storia si inseriscano nella vita civile e cittadina, un differente approccio nei confronti del dialogo tra realtà storiche e culturali differenti, i ngrado di aggiungere ulteriori sguardi e consapevolezze. Di seguito, grazie alla pagina di Padova Cultura, vi elenco il programma della rassegna che si svilupperà dal 22 settembre al 14 ottobre in varie zone della città e che farà da apertura alla programmazione del format RAM 2012-2013 (Ricerche Artistiche Metropolitane) dedicato all’arte contemporanea! Scaricatevi il pieghevole-invito!

padova,padova blog,padova cultura,padova eventi,turismo padova terme euganee,mura di padova,arte padova,arte contemporanea padova,passaggi artistici 2012 il contemporaneo nei luoghi storici port,passaggi artistici 2012

Il progetto prevede il coinvolgimento delle associazioni di artisti padovani al fine di creare delle interazioni, all’interno di questi luoghi, tra i segni del patrimonio culturale cittadino che testimoniano la sua storia millenaria e le forme espressive del linguaggio artistico contemporaneo che ne discendono come una necessaria conseguenza. Le installazioni, le performances di teatro e poesia, ed in genere le opere d’arte che saranno realizzate proporranno un differente approccio nei confronti delle peculiarità architettoniche, dell’inserimento nella vita civile e cittadina, del dialogo tra realtà storiche e culturali differenti.

padova,padova blog,padova cultura,padova eventi,turismo padova terme euganee,mura di padova,arte padova,arte contemporanea padova,passaggi artistici 2012 il contemporaneo nei luoghi storici port,passaggi artistici 2012
BASTIONE ALICORNO

Sabato 22 settembre ore 18: VIAGGI
A cura dell’Associazione “A&T design”. All’interno del Bastione Alicorno saranno esposte sculture, pitture e disegni di: A. Andreose, A. Chiffi, T. Pegoraro, F. Querenghi, R. Sutera, C.D. “Il Battello” IRPEA. Scultura: R. Tonon, G. Gasparoli, D. Rebecca, S. Lorini, M. Pornaro, A. Paladin, M. Antonelli, E.Belesso, A.Cavallini, M. De Paoli, V. Fabris, M. Silvestrin. Inaugurazione sabato 22 settembre, ore 18. Aperto i venerdì, sabato, domenica, ore 15.30 – 19.

Sabato 22 settembre ore 21: In Viaggio con GARCIA LORCA. Tra Poesia e Flamenco
Compagnia di Flamenco DUENDARTE e Teatro Laterale

Lunedì 24 settembre ore 16: SEGNI. Installazione-laboratorio di ceramica raku
Realizzata da Giovanni Omodeo, Viviana Zorzato, Ibrahim Al Khalil. Il pubblico potrà partecipare attivamente alla loro realizzazione.

Mercoledì 26 settembre ore 20.30: LA MEDIA COMMEDIA
Spettacolo teatrale degli alunni della scuola media Copernico del Quinto Istituto Comprensivo di Padova, opera liberamente ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri.

Giovedì 27 settembre ore 21: Nel cammino di Santiago, la bestia e il mistero della madre
Presentazione del libro da parte dell’autore Giannino Scanferla con proiezione di foto.

Venerdì 28 settembre ore 21 VIAGGI-TIME MACHINE
A cura dell’Associazione Artemisia Dal mito, al contemporaneo…nel futuro.
ODISSEA: LA VOCE E LA MUSICA Performance musicale e lettura testuale in tre tempi

Venerdì 5 ottobre: ore 16 – VIAGGIO NEL TEMPO.

Laboratorio di scultura e dimostrazione pratica per la realizzazione di semplici opere in legno.
ore 21 – MITO, STORIA, ATTUALITA’, STORIA, NELLA POESIA DI ALESSANDRO CABIANCA
A cura dell’Associazione “A&T design”

Domenica 7 ottobre: VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO NATURALISTICO DELLA CITTA’ DI PADOVA
ore 18 Conferenza – dibattito; ore 20.30 – Eventi artistici di musica, danza, arti visuali e poesia. A cura dell’Associazione Artemisia

padova,padova blog,padova cultura,padova eventi,turismo padova terme euganee,mura di padova,arte padova,arte contemporanea padova,passaggi artistici 2012 il contemporaneo nei luoghi storici port,passaggi artistici 2012
PORTA PONTECORVO – PORTA PORTELLO – PORTA SAVONAROLA – PORTA SAN GIOVANNI – PORTA SANTA CROCE

dall’1 al 5 ottobre, ore 21 RAPTUS PROSERPINAE: LA FUGA
A cura dell’Associazione Artemisia, con: Elena Candeo, Federica Tavian Ferrighi,Giulio Escalona, Paolo Calzavara, Manuel Cecchinato e le associazioni LET’S e No Sign

PORTA SAN GIOVANNI

Martedì 9 ottobre ore 21 VIAGGIO NELLA MEMORIA CON BOGDAN BOGDANOVIC; Videoproiezione di Bruno Maran – Gruppo Controluce

PORTA PORTELLO

Dal 27 settembre al 14 ottobre APPUNTI DI VIAGGIO E-VENTO
Progetto di sostenibilità estetica urbana di Alessio Brugnoli e Donatella Edini a da dove viene questa nave, da quali mondi…? Inaugurazione il 27 settembre ore 18,30. Il viaggiatore e l’uomo fermo intervento scenico di Guido Rigatti – voce narrante, violoncello, bozouki, Luisa Ereno – voce e percussioni, Michela Furin – violino, Luigi Parise – violoncello e contrabbasso, Enrico Milani – Violoncello

Per Info rivolgersi al Settore Attività Culturali – Servizio Mostre
tel 049 8204546-fax 049 8204503
infocultura@comune.padova.it
caporellop@comune.padova.it
http://padovacultura.padovanet.it/

 
Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !


 

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova arte

“Let’s go outside” cantava George Michael in una sua celebre canzone. E se, come promette l’Arpav Regionale (www.arpa.veneto.it), ci  aspetta un fine settimana all’insegna del bel tempo, vale la pena godersi gli ultmi scampoli d’estate approfittando degli eventi offerti da Padova e provincia da venerdì 14 a domenica 15 settembre.

Partendo dalla provincia, gli amanti della storia non possono perdersi gli eventi promossi dal Comune di Este in collaborazione con “Terra e Storia. Rivista estense di storia e cultura” a latere del convegno “Gli Estensi nell’Europa Medievale: potere, cultura e società” organizzato sabato 15 settembre (Este, Accademia dell’ Artigianato, dalle 9.00 alle 12.30) in occasione dell’ottavo centenario della morte di Azzo VI Marchese d’Este. Sempre sabato, alle 15:30, con partenza dall’ingresso principale su  via Guido Negri, l’architetto Antonio Draghi condurrà una visita guidata al Castello e alla celebre Rocca. Domenica 16 si camminerà, invece, sulle orme degli Estensi. L’appuntamento è fissato alle 09.00 nel parcheggio antistante il cimitero di Calaone di Baone (via Cero di Mezzo), da dove partirà una passeggiata fino a Salarola in compagnia del naturalista Anonio Mazzetti e dello storico Francesco Tognana, allietata dagli interventi musicali a cura di Calicanto. (per informazioni http://comune.este.pd.it).

In città, l’Associazione Comitato Mura di Padova prosegue, sabato 15 settembre, con le visite guidate agli ambienti ipogei del sistema bastionato di Padova, per dimensioni, il più grande monumento della città.  Per sabato il punto di ritrovo è, alle ore 10.00, al cancello d’ingresso dei Giardini della Rotonda in piazza Mazzini per ammirare il «Torrione Impossibile», la cui progettazione risale, con buona approssimazione, al 1513, epoca del ritorno di Bartolomeo d’Alviano, detto anche “Liviano” (1455 – 1515), alla guida delle milizie venete. (per informazioni www.muradipadova.it).

Se poi il caldo poi dovesse diventare opprimente, cosa c’è di meglio di una visita guidata ai, sicuramente più freschi, sotterranei di Palazzo della Ragione? Il recente restauro del mercato sotto il Salone, che ha interessato anche l’interrato del Palazzo, permette ora di apprezzarne i resti medievali e romani (Le visite sono gestite dal Settore Musei e Biblioteche e in collaborazione con l’associazione ARC.A.DIA. per informazioni e prenotazioni www.arcadia-web.it).

Domenica 16 settembre, l’appuntamento è invece alle 10.00 all’Odeo Cornaro (Padova, via Cesarotti, 37) per una “Vita sobria ma non troppo”, itinerario culturale organizzato dall’Associazione Culturale la Torlonga che, partendo dalla Loggia e dall’Odèo, passando per le porte monumentali delle mura cinquecentesche, giunge a Villa dei Vescovi presso Luvigliano, dove «indugiare in un quieto e piacevole ozio tra la dolcezza dei colli ed il fascino dell’antica dimora rinascimentale». (per informazioni www.latorlonga.it).

Chiudono infine gli appuntamenti con la storia, domenica 16 settembre, due visite “animate”, riprettivamente alle 16.00 e alle 18.00, al piano nobile del Caffè Pedrocchi, in occasione dei 180 anni di vità dello storico «Caffè senza Porte». Un percorso guidato attraverso le varie sale del Caffè, introdotte da personaggi in costume per raccontare l’isola Felice di Antonio Pedrocchi e dell’edificio da lui ideato (Per informazioni e prenotazioni è possibile scrivere all’indirizzo info@caffepedrocchi.it).

Sempre all’aperto l’Associazione Progetto Portello propone, domenica 16 settembre a partire dalle 10.00 del mattino, per il terzo anno consecutivo, una serie di eventi culturali e ricreativi nel cuore del quartiere Portello con l’obbiettivo di sperimentare l’utilizzo della piazza priva di traffico come ambiente di socializzazione e cultura. 

Se invece che di storia preferite abbuffarvi d’arte Padova e la sua provincia sicuramente non vi deluderanno.

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova arte

A cominciare dalla mostra personale dell’artista padovano Renato Pengo, dal significativo titolo “Shock”, che inaugura venerdì 14 settembre ai Musei Civici degli Eremitani. Settanta opere d’arte contemporanea invaderanno lo spazio del museo confrontandosi e mescolandosi con le collezioni museali dal XV al XIX secolo. Nelle parole dell’artista «L’immagine è ridotta ad un sistema ed è quindi necessario allora provocare uno shock per approdare nell’universo spirituale. Si arriva dunque alla sublimazione, che non cancella la memoria, ma corrisponde ad una continuità ad un altro livello, introducendo dei salti di visione».

Sempre venerdì inaugurano in città due mostre collettive dedicate ai mondi liquidi e al connubio tra arte e cibo. Alla Galleria laRinascente di Padova, in piazza Garibaldi, l’associazione di artisti A&T design presenta «ARTCIBò – con l’arte si mangia», affronta la tematica del cibo come bisogno primario dell’uomo e come fonte di piacere e occasione di socializzazione, nella consapevolezza che la preparazione del cibo e la cucina sono considerate un’arte in ogni cultura del mondo e, dall’altra parte, le malattie alimentari e la malnutrizione sono effetti evidenti delle contraddizioni esistenti nella nostra società. (per ulteriori informazioni sulle mostre http://padovacultura.padovanet.it).

Il Sottopasso della Stua, in Largo Europa, ospita invece «Liquidi mondi», collettiva di Renata Berti, Giorgio Fiorenzato, Carla Andreoli, Mario Ciufo, Helene Foata e Laura Gerosa, che indaga il concetto dell’ “esser liquido” così come possono essere i sogni, la memoria e i pensieri (informazioni su www.padovanet.it).

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova arte

Ad Abano Terme, è da segnalare la mostra personale, “La Forza del colore” della pittrice padovana Carla Rigato alla Galleria ARTissima di Silvia Prelz, in via A. Volta 26. Diciotto dipinti tra i quali un trittico di grandi dimensioni, a rappresentare un linguaggio pittorico caratterizzato dal vigore emotivo di getti di colore puro sulla tela. La velocità di esecuzione, datale dall’uso acrilici che permettono di lavorare con tempi più veloci rispetto ai pastosi e densi colori a olio, conferisce alle opere della Rigato una grande forza espressiva e una spontaneità avulsa da ogni regola. (Per informazioni www.artissimacontemporanea.it). 

I cinefili non possono mancare ai tre giorni di chiusura dell’ Etnofilmfest di Monselice, diretto da Fabio Gemo, che domenica 16 settembre al Cinema Corallo, premierà  i vincitori della Quinta edizione della mostra del cinema documentario etnografico. (www.etnodramma.it). 

Anche il teatro, la musica e la danza sono protagonisti di questo ricco fine settimana. Venerdì 14 settembre il Circolo culturale Carichi Sospesi (vicolo Portello 12, Padova) propone, alle 21.30 lo spettacolo, a cura dell’Associazione culturale A.T.A Teatro,  «Storie di donne e della loro vagina». Liberamente tratto da ‘I monologhi della vagina’ di Eve Ensler, lo spettacolo nasce all’interno del corso tenuto da ATA Teatro “La verità dell’attore”, condotto da Vittorio Attene, attore e regista. (Ingresso riservato ai soci Arci, per informazioni www.carichisospesi.com).

A chi ama la danza, la compagnia Tocnadanza propone  il balletto “Vestita di terra e di mare”, sabato 15 settembre al Palaturismo di Montegrotto Terme. (www.tocnadanzavenezia.com).

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova arte

Doppio appuntamento in provincia e in città per gli appassionati di musica classica. Il Festival internazionale di musica Veneto Concertante, promosso dall’Associazione Quadrivium e dall’Assessorato alla Cultura della Regione del Veneto, propone venerdì 14 settembre, ore 20.45,  nella prestigiosa cornice del Castello del Catajo, i capolavori di tre protagonisti del Classicismo in musica: Franz Joseph Haydn, Wolfgang Amadeus Mozart e Ludwig van Beethoven. Protagonista del concerto l’Ensemble Ellipsis, formato da Alberto Cesaraccio, oboe, Alessandro Puggioni, violino, Gioele Lumbau, viola, Fabio De Leonardis, violoncello. Sabato 15 settembre in Sala dei Giganti a Padova, il duo composto dal celebre violinista Francesco Manara, e dal pianista  Francesco De Zan eseguiranno le grandi sonate del periodo classico-romantico. (Per informazioni e prenotazioni www.venetoconcertante.it).

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,vintage festival,comitato mura di padova,padova arte

I jazz addicted non possono, infine, mancare al concerto di chiusura della prima giornata del Vintage Festival 2012 che inaugura venerdì 14 settembre alle ore 15.00, la sua terza edizione al Centro Culturale San Gaetano di Padova. Nell’esclusiva location esterna del Caffè Pedrocchi, a partire dalle ore 21:00, si esibirà Vanessa Haynes, voce degli “Incognito”, la più famosa jazz-funk band inglese di sempre, considerati tra i primi a proporre il genere acid jazz. L’ingresso al concerto e gratuito. (per informazioni www.vintagefestival.org). 

Non c’è che dire. Sicuramente non saremo a Roma o  Milano. Ma quanto a possibilità di cultura e divertimento non possiamo di certo lamentarci. Buon fine settimana! 

Giuseppe Bettiol

giuseppe@giuseppebettiol.it


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Questo settembre Padova dimostra, grazie a giovani dalle idee chiare, alla loro passione e alla fede in ciò che fanno di essere una città che può avere una sua centralità nella scena nazionale. Basta sentire giovani che parlano di Milano e/o Bologna come uniche realtà “cool” in opposizione a Padova che invece non offrirebbe nulla…Non se ne può più! Del Padova Vintage Festival in programma questo fine settimana vi ho scritto nel post di lunedì come di un evento di livello nazionale così come lo è senz’altro il Sugarpulp festival di cui vi parlo oggi in programma a fine mese. Dal settore della moda vintage e non solo alla letteratura noir e non solo due eventi pazzeschi che spero possano incoraggiare altri giovani ad intraprendere percorsi simili in altre nicchie o settori.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Sugarpulp Festival quindi, giunto alla sua seconda edizione, in programma il 28, il 29 ed il 30 settembre a Padova presso il centro culturale Altinate-S.Gaetano, il festival dedicato alla letteratura noir, pulp, thriller pensato ed ideato da Sugarpulp.it, sito di riferimento del giovane movimento letterario padovano di cui Laura Sicolo ha scritto nel post “Sugarpulp svela il lato noir di Padova”, Parliamo di un “movimento letterario che sta immaginando un Nordest diverso dal rassicurante quadretto economico-culturale a noi familiare. “Il Nordest è casa nostra, è la nostra terra. Il nome stesso del movimento, Sugarpulp si rifà alla polpa da zucchero della barbabietola, uno dei prodotti tipici del territorio veneto” – spiegano gli ideatori del Movimento.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

“Stiamo parlando di un territorio in cui il colore del noir si cela perfettamente dietro quello della barbabietola: qui anche la delinquenza ha la faccia pulita della borghesia che lavora; qui non si ostenta ma si nasconde, qui i grandi cortili delle case sono protetti, recintati, invisibili””. In effetti il Veneto ed i veneti come sono rappresentati dai media, o nel corso degli anni dai vari film? Pensateci un attimo e ditemi se quello del “Sior paron” o della “macchietta” capace di esprimersi solo in dialetto corrisponde al Veneto reale. Il Veneto reale è una terra che ospita una società molto complessa e frastagliata che il più delle volte emerge solo nei trafiletti della cronaca locale con fatti che con il “political correct” hanno ben poco con cui spartire. Quante storie possono emergere da una realtà di questo genere, finora nascosta solo dal pudore di generazioni afflitte da vincoli perbenisti da “basabanchi” che Sugarpulp spazzerà via! Leggete il manifesto di Sugarpulp! 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

“Più uno scrittore è dei suoi posti, più sono le possibilità che diventi universale”. La frase di Isaac B. Singer riassume la filosofia di Sugarpulp da cui si può capire come un piccolo sito di recensioni librarie sia diventato, in tre anni, uno dei fenomeni culturali più vivaci e interessanti a livello nazionale: movimento letterario, associazione, festival e network che produce contenuti, promuove autori e veicola idee. Basta visitare il sito ufficiale Sugarpulp.it , seguire Sugarpulp su facebook, seguire gli aggiornamenti di Sugarpulp su twitter, guardare i video, le interviste sula canale youtube di Sugarpulp, nonchè leggere il blog di Giacomo Brunoro (uno dei fondatori del movimento Sugarpulp assieme a Matteo Righetto e a Matteo Strukul che vedete nell’immagine sopra a destra assieme a Massimo Carlotto) all’interno del sito del corriere del Veneto per rendersi conto di quanta “polpa” ci sia dietro a questa realtà!

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Il festival Sugarpulp 2012 sarà anche l’occasione per presentare l’ultimo romanzo di Matteo Righetto “Savana padana” (già autore di “Bacchiglione Blues”), un western che Massimo Carlotto ha definito “una storia incendiaria” arricchita da “una scrittura arguta e dissacrante” e celebrare il recente riconoscimento di Matteo Strukul e Alessandro Vitti vincitori del Leone di Narnia come migliore serie a fumetti italiana per il 2012 con “Red dread“, la versione a fumetti del romanzo pulp “La ballata di Mila”. Tre giorni di incontri, tavole rotonde, feste, workshop, presentazioni, mostre fotografiche ed eventi: il primo e unico party culturale italiano torna per una seconda edizione ricca di sorprese e novità. 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

Durante il festival saranno moltissimi gli workshop e le opportunità di incontrare autori, sia di libri, sia di fumetti. Il festival conferma anche quest’anno la sua vocazione internazionale portando a Padova autori del calibro di Linwood Barclay, Allan Guthrie, Maxim Jakubowski e Tim Willocks; insieme a loro anche grandi maestri del noir italiano come Maurizio De Giovanni, Fulvio Ervas e Alan Altieri (ecco l’elenco completo con link alle loro schede). Tra i protagonisti del festival anche un gigante del fumetto mondiale come Giorgio Cavazzano, sceneggiatori del calibro di Tito Faraci e Pasquale Ruju, “rockstar” del fumetto internazionale come Stefano Tamiazzo, Alessandro Vitti e Niccolò Storai, oltre agli sceneggiatori e ai disegnatori della Scuola Internazionale di Comics di Padova (scoprili tutti scoprili cliccando quì). Ci saranno anche una serie di corsi  della serie SugarLab molto interessanti su “scrittura”, “comics”, “editoria digitale”, “fotografia”, “sel publishing”, “traduzione”, “food”. Sono imbarazzato ed intimidito dalla ricchezza della programmazione sicchè per evitare di saltare qualcosa  scoprite voi stessi il programma completo del festival! 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,sugarpulp,sugarpulp festival,crowdfounding

A me piace sottolineare piuttosto un aspetto organizzativo di questo festival. Tra le tante novità di quest’anno c’è la possibilità di contribuire direttamente al festival: come l’anno scorso infatti anche l’edizione 2012 verrà realizzata senza nemmeno 1 euro di contribuiti pubblici. Uno degli aspetti più innovativi per una realtà di questo tipo è stata la scelta di puntare anche sul crowdfunding, sistema molto comune in paesi come gli Stati Uniti ma che qui in Italia non ha ancora preso piede in maniera diffusa. Un sistema che vale la pena approfondire per quanto sia molto semplice: chiunque può donare 20 euro e finanziare il progetto Sugarpulp Festival 2012 attraverso Produzioni dal Basso, sito italiano specializzato in crowdfunding. I soldi verranno effettivamente versati soltanto se si raggiungerà il numero di quote stabilito in partenza (al momento sono già state comprate 84 quote su 250 disponibili). Per donare questi 20 euro cliccate quì!

Alberto Botton

Mail to: vpadovablog@virgilio.it

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

 

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Il prossimo weekend (14-15-16 sett) sarà di scena al centro culturale Altinate-S.Gaetano la terza edizione del Padova Vintage Festival, una kermesse che è partito fortissimo e che sta continuando a crescere proponendo un’offerta nel settore della moda ma non solo, del design, dell’arte e della cultura di livello per lo meno nazionale. Gli organizzatori e lo staff del “nostro” Vintage Festival stanno facendo un lavoro pazzesco ed anche il blog di Padova ci teneva a presentare questa iniziativa con una punta di orgoglio tutto patavino, alla faccia di chi sostiene che a Padova c’è poco o nulla: giovani con idee ed in grado di realizzarle ci sono. Bravi!

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Come ci spiega Paolo Orsacchini, organizzatore con Andrea Tonello, in questo video, il Vintage Festival è strutturato con la grande mostra mercato nella piazza-agorà del centro culturale Altinate-S. Gaetano con i migliori espositori della moda vintage che condivideranno i loro ricercati archivi, accompagnati da DjSet e performances, mentre al primo piano ci saranno esposizioni e mostre interdisciplinari, Jeans History di A.N.G.E.L.O, Black Sheep di Bob Rifo, le opere di Obey Shepard Fairey, Things di Dario Tironi e Koji Yoshida. L’auditorium interrato, con vista sugli scavi romani, sarà  la cornice dei numerosi incontri, workshop e rassegne cui parteciperanno Elio Fiorucci, Diego Dalla Palma,Saturnino, Pif, Andrea Pezzi, Kris&Kris e Kledi tra i molti della nuova edizione del Festival. Musica live, dj set e party saranno  invece gli appuntamenti di fine giornata: serate dal sapore internazionale che abbracceranno la città di Padova nelle ore notturne. In primo piano l’evento serale di apertura, venerdì 14 settembre, nell’esclusiva location esterna del Caffè Pedrocchi con Vanessa Hayens, la voce degli Incognito, un live raffinato, energico e ritmato accompagnato dalla performance di danza del Ballet Center dedicata all’evoluzione del jeans. A seguire, sabato 15 settembre al Q-Bar, la serata “Million Dollar Disco” con Dr. Feelx, mitica voce del Chiambretti Night e Radio101, e Mr Al Kent, definito da Cosmopolitan “il più famoso e rispettato dj disco d’Europa”.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Nel corso della presentazione ai media, mercoledì scorso presso il Caffè Pedrocchi, il vicesindaco Ivo Rossi ha detto  “Siamo orgogliosi di questo evento che abbiamo visto muovere i primi passi impacciati e che già alla seconda edizione è diventato ribalta nazionale per la città” mentre l’assessore al commercio Marta Dalla Vecchia volendo sottolineare la massima disponibilità da parte dell’amministrazione per le buone idee ed iniziative giovanili ha ribadito  “Questi giovani ci mostrano un legame forte con la città, ci fanno vedere quanto è bella Padova e questa manifestazione al rientro dalla pausa estiva ci sembra un buon inizio”. L’intervento dell’assessore Dalla Vecchia è avvenuto proprio dopo la presentazione del bellissimo video-trailer che potete vedere a fondo pagina realizzato dal registra Stefano Scandaletti (vedi foto in basso con alcuni dei protagonisti del video) con la musica dei Versus (di cui il blog di Padova ha parlato nel post “Vi presento i Versus!” di Lara Aversano), scritta dal padovano Daniele Dupuis. Cinque episodi dove, uno stile semplice, un vestito, un modo esteriore, tenta di entrare nella profondità, nel singolo cuore di colui che sceglie e vuole vivere il vintage, il tutto sullo sfondo delle strade, delle piazze e dei luoghi di Padova. Ma non finisce qui, anche la fortuna veste vintage con QUATTRO CONCORSI APERTI A TUTTI: il concorso fotografico “Ritratti Vintage” in collaborazione con Il Mattino di Padova, Rce e Vodafone e “ricordi Vintage“. E ancora il concorso “Look for Berlin” in palio un weekend a Berlino al miglior look vintage indossato durante il festival offerto dall’agenzia viaggi Ividiesse; “Instagram Challenge” dedicato agli scatti con il tag #padovavintage e la “Lotteria Team for Childern” con favolosi premi per il sostegno al reparto di oncoematologia pediatrica di Padova.

padova,blog di padova,padova blog,turismo padova,turismo padova terme euganee,vintage festival,vintage festival 2012

Il festival introduce un approccio non convenzionale ai temi vintage, ben lontano da tendenze nostalgiche. Un Vintage moderno, trasversale tra, moda, comunicazione e musica, sarà il fil rouge anche dei numerosi appuntamenti in cui personalità di rilievo e alcuni tra i massimi esperti si avvicineranno al pubblico attraverso un confronto generazionale nella fusione tra tendenze passate e contemporanee, con lo scopo di rinnovare le prospettive future. “Non perdere il tempo” dice lo slogan, il passato non è mai stato così presente.

Per tutte le informazioni, le iscrizioni ai workshop, i concorsi ed il programma visitate il sito ufficiale del Padova Vintage Festival! Il Vintage Festival è anche su facebook.

Buon divertimento!

Alberto Botton
Mail to: vpadovablog@virgilio.it

 

PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !

 

padova blog,blog di padova,padova weekend,padova cultura,turismo veneto,turismo padova terme euganee,padovacard,estate carrarese,portello river festival,sherwood festival

Il post di oggi porta la firma di Giuseppe Bettiol, collaboratore di un prestigioso ufficio stampa ed addetto stampa per aziende ed eventi che d’ora in avanti curerà i post dedicati alle proposte per il fine settimana. Benvenuto Giuseppe!

Un fine settimana all’insegna degli eventi culturali all’aperto, della musica dal vivo e del teatro quella che si prospetta da venerdì 7 a domenica 9 settembre a Padova e in Provincia.  Prima di iniziare segnalo come di consueto due riferimenti utili per i turisti e per chiunque stia pensando di trascorrere un week end a Padova e provincia: il sito Turismo Padova Terme Euganee  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie! 

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,luigi ferro,mura disvelate,comitato mura,orlando orlando

Apre gli appuntamenti culturali,venerdì 7 settembre alle ore 21.00,  nella suggestiva cornice di Palazzo Zuchermann a Padova, la performance teatrale Orlando-Orlando, monologo dedicato alla scrittrice Virginia Wolf, vincitore del Premio Off del Teatro Stabile del Veneto, come miglior spettacolo. Il gruppo teatrale Indigena Teatro con l’attore padovano Stefano Scandaletti, diretto dal regista veneziano Stefano Pagin, porta in scena un allestimento teatrale che si concentra sul tema del tempo cronologico. Tempo che viene reso incalcolabile da una vicenda amorosa che ha dell’infinito. La battaglia di Orlando diventa una lotta interiore contro il doloroso senso dell’abbandono e della solitudine. (Per informazioni www.indigenateatro.com)

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,luigi ferro,mura disvelate,comitato mura,orlando orlando

Per coloro che al teatro preferissero la musica dal vivo sarà sufficiente attraversare Corso Garibaldi.  Ai giardini dell’Arena, Giorgio Conte (foto a destra), fratello di Paolo, sempre alle ore 21.00,  propone lo spettacolo ‘C.Q.F.P. – Come Quando Fuori Piove’, dal titolo dell suo ultimo disco uscito nel 2011. Una scelta dei brani che lo hanno reso uno tra i compositori più ricercati, tra gli altri, da Mina. (Per informazioni (www.giorgioconte.com)

In provincia, gli appassionati di jazz non possono perdere la serata conclusiva dell’edizione 2012 di Jazz by The Pool, rassegna che ha accompagnato questa calda estate con dodici appuntamenti, con protagonisti artisti nazionali e internazionali, nella cornice delle Piscine Preistoriche di Montegrotto. Nel corso della serata, che vedrà protagonisti Aisha Ruggieri & Kubopower -un originale mix che sfuma tra soul, pop, funk e tango-, avverrano anche le premiazioni  del concorso Jazz By The Pool Competition con il “Premio Hotel Terme Preistoriche” il “Premio Consorzio Terme Euganee” e il “Premio Associazione Dolce Vita”. Mattatore della serata sarà il veronese Alberto Grezzani, tra i migliori cabarettisti di Zelig Circus. (per informazioni www.jazzbythepool.it)

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,luigi ferro,mura disvelate,comitato mura,orlando orlando

L’evento, che vedrà anche la Presidente dell’Associazione Albergatrici Abano Montegrotto Terme, Nadia Albertin consegnare il Premio Donne Eccellenti 2012, sarà anche l’occasione per dare ufficialmente il via alla seconda edizione della Notte Rosa delle Terme di sabato 8 settembre. Una lunga notte di teatro, musica ed enogastronimia nei comuni di Abano e Montegrotto Terme con negozi e mercatini aperti tutta la notte (per informazioni e programma www.lanotterosadelleterme.it).

Ai cinefili non si può non segnalare l’inaugurazione, sempre venerdì, a Monselice dell’ETNOFILMfest 2012, mostra del cinema documentario etnografico giunto alla sua quinta edizione,  organizzata dal Centro Studi sull’Etnodramma sotto la direzione di Fabio Gemo, fino al 16 settembre (per informazioni www.etnodramma.it).

Sabato 8 settembre, “Vivi il Parco”, contenitore promosso dal settore verde, parchi, giardini e arredo urbano del Comune di Padova propone due appuntamenti da non perdere. Al Parco del Lungargine Terranegra alle 21.30 una serata dedicata alla musica balcanica con gli Ajde Zora, che  affronteranno  il repertorio tradizionale delle musiche tipiche dei paesi dell’est Europa con le loro danze frenetiche e coinvolgenti. Al Parco Venturini Natale di via Ognissanti, sempre alle 21.30, si rende invece omaggio al cantautore americano Jim Croce, a quasi quarantanni dalla sua scomparsa prematura, con Barbara Belloni e i Four Fried Fish che presenteranno in anteprima il disco-tributo “Photographs and memories”, in uscita per Velut Luna.  (per informazioni www.padovanet.it).

Maratona jazz in Piazza della Frutta domenica 9 settembre a partire dalle ore 16:00 con la finale del Concorso Porsche Live. Giovani e Jazz 2012, organizzato in collaborazione con la Scuola di Musica “G. Gershwin” di Padova. Le sei jazz band emergenti selezionate da una giuria che poteva vantare come presidente Paolo Fresu e composte da studenti di Conservatori e Scuole di Musica, si sfideranno per aggiudicarsi il III Premio Padova Carrarese. Verrà inoltre consegnato il premio della giuria “Lucio Dalla” alla band che si aggiudicherà la menzione speciale. Premiazione alle ore 21.30. (per informazioni www.porscheitalia.it).

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova,luigi ferro,mura disvelate,comitato mura,orlando orlando

Da segnalare, infine, due eventi particolari, dedicati alla riscoperta dell’architettura urbana e industriale. Sabato 8 settembre a Villanova di Camposampiero singolare iniziativa promossa dalla Pro Loco Villanova e l’Associazione Club Tre che propongono “Voci tra i capannoni”, una passeggiata notturna tra le fabbriche, in ascolto delle storie e dei suoni del lavoro. La performance organizzata da Teatro Invisibile con la partecipazione di Vittorio Riondato si terrà nella zona Industriale della frazione di Murelle in via Marcon. (per informazioni http://www.comune.villanova.pd.it).

A Padova, domenica 9 settembre a partire dalle 10.30 prenderà il via la manifestazione Le Mura disvelate, giornata promossa dall’Assessorato alla Cultura, a cura del Comitato Mura di Padova, con la collaborazione di TAM Teatromusica. Una giornata fra suoni e parole, dentro e intorno al monumento più grande e sconosciuto di Padova, le sue mura. Nove gli spazi interessati dalla manifestazione, scelti fra quelli meno noti e quelli invece più frequentati: il Torrione Santa Giustina, il Torrione Pontecorvo, il Castello Carrarese, Porta S. Giovanni, il Torrione Impossibile (via Raggio di Sole 2), Torrione della Gatta. Chiude la serata alle ore 21, sotto il torrione Venier di via Ognissanti, il Concerto Controcorrente  (Galeas Par Montes) che vedrà protagonista il famoso gruppo etnofolk Calicanto (foto qui sopra a sinistra) con Titino Carrara e Giorgia Antonelli (per informazioni www.muradipadova.it).

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova

Per concludere volevo segnalarvi la mostra di Luigi Ferro, “La luce di Padova” aperta fino al 30 settembre presso il Centro Culturale Altinate-S. Gaetano. Gli scorci urbani dipinti da Luigi Ferro e ben rappresentati in questa mostra, richiamano con efficacia la luminosa storia della città di Padova, come è stata nei secoli, ricca di arte e cultura. Luigi Ferro è nato a Padova nel 1918; da giovane ha frequentato l’Istituto d’Arte “Pietro Selvatico”, dove ha imparato ad educare e coltivare la sua poliedrica passione artistica, poi emersa nella pittura e nella dedizione continua anche alla musica, in particolare alla chitarra classica. Negli anni della sua produzione artistica ha adottato prevalentemente la tecnica delicata dell’acquerello coniugandola con pennellate precise e lineari che danno quasi una resa fotografica, vedutistica dei luoghi prescelti. Luigi Ferro ha sempre amato Padova, la pittura, la musica e nelle pause del lavoro ha testimoniato nei vari luoghi più significativi e caratteristici della città il suo amore, la dedizione e la passione per il disegno, la luce ed in particolare la prospettiva di strade, portici, facciate, palazzi e monumenti. Ha adottato prevalentemente la tecnica delicata dell’acquerello coniugandola con pennellate precise e lineari che danno quasi una resa fotografica, vedutistica dei luoghi prescelti.

padova,padova blog,estate carrarese,turismo padova terme euganee,padova cultura,turismo padova

Luigi Ferro è nato a Padova nel 1918. Ha un’infanzia tutt’altro che facile: con la perdita della madre si ritrova piccolissimo ad essere il primo ospite del ‘Rifugio Minorenni’ del Portello a Padova.
In questo raro esempio di welfare illuminato dei primi anni ’20, riesce comunque ad emergere nello studio, diplomandosi all’Istituto d’Arte Pietro Selvatico. E’ proprio questa esperienza ad avviare ed educare la sua poliedrica passione per le arti, in seguito focalizzata nella pittura, ma testimoniata anche dalla dedizione continua alla musica ed alla chitarra classica. Nel dopoguerra, dal fortunato incontro con quella che diventerà sua moglie Norina Minesso, e da cui avrà tre figli, nasce un’importante esperienza imprenditoriale artigiana che durerà per più di trent’anni. Dopo la morte prematura della moglie, avvenuta nel 1977, Luigi Ferro ha ricominciato a prendere in mano matita e pennelli. Da allora, ha manifestato l’amore per la sua città e la passione per la pittura rappresentando luoghi di Padova che ognuno può riconoscere. Dall’esperienza scolastica giovanile ha ripreso in particolar modo i suoi studi sulla prospettiva che ritroviamo elegante nella restituzione pittorica di strade, portici, facciate, palazzi e monumenti, e di cui riconosciamo ancor più l’importanza negli studi che conducono alle opere compiute (fonte Padova Cultura). 

Buon weekend a Padova!

Giuseppe Bettiol


PS: Non sei ancora fan della pagina facebook del blog di Padova? Che aspetti? Clicca per entrare nella pagina de “Il blog di Padova” e clicca “mi piace” !