il blog di padova,alberto botton,virgiliocittà,blogger alberto botton,arte laterale,instagram,instagram italia,instagramers padova,#padovachecambia,contest fotografico padova,padova eventi,padovanet,turismo padova terme euganee,foto con i-phone,foto con iphone,padova città in divenire,ivo rossi,trasformazione urbana padova,padova città che cambia

A Padova, come un po’ in tutto il mondo, c’è un gruppo di appassionati di un genere nuovo di fotografia, quella con l’iphone. Sono gli Instagramers Padova che amano fotografare la propria città e qualsiasi altra cosa utilizzando i filtri dell’applicazione Instagram, una sorta di nuova polaroid per smartphone, e condividendo questa passione con gli membri della community virtuale che diventa però reale ogni qualvolta organizzano momenti di incontro e di socializzazione. E c’è un’associazione di appassionati di fotografia, quella classica, aperti però a progetti ed iniziative nuove ed interessanti in grado di stimolare la creatività dei propri amici e seguaci. Mi riferisco ad Arte Laterale. Ad entrambe lascierò questo spazio aperto per raccontarci di loro e delle loro iniziative future.

il blog di padova,alberto botton,virgiliocittà,blogger alberto botton,arte laterale,instagram,instagram italia,instagramers padova,#padovachecambia,contest fotografico padova,padova eventi,padovanet,turismo padova terme euganee,foto con i-phone,foto con iphone,padova città in divenire,ivo rossi,trasformazione urbana padova,padova città che cambia

E poi ci sarei io che ho messo in contatto queste due belle realtà, appassionato di città in generale e di Padova in particolare, fotografo della “domenica” ma interessato a tutte le novità che ci danzano attorno, e la mia idea che con Arte Laterale stiamo sviluppando, relativa ad un progetto fotografico denominato “Padova, una città in divenire”. A questo proposito invito chi è interessato a partecipare e a fotografare con noi il cambiamento della città di Padova a contattarmi pure.

Quella che voglio presentare oggi con questo post (che inserisco nella categoria di questo blog denominata “la città che cambia”) è un’iniziativa comune di Instagramers Padova ed Arte Laterale, realtà che ho pensato di far conoscere l’una all’altra per intraprendere un pezzetto di strada in compagnia, per unire le forze, per valorizzare gli interessi comuni ma soprattutto perchè la collaborazione tra realtà diverse è sempre e di per sè arricchente.

il blog di padova,alberto botton,virgiliocittà,blogger alberto botton,arte laterale,instagram,instagram italia,instagramers padova,#padovachecambia,contest fotografico padova,padova eventi,padovanet,turismo padova terme euganee,foto con i-phone,foto con iphone,padova città in divenire,ivo rossi,trasformazione urbana padova,padova città che cambia

Si tratta di un contest di quelli che il gruppo degli Instagramers Padovani lanciano spesso e che di solito culminano in feste e mostre fotografiche (stay tuned! ;)), gruppo che questa volta invita tutti i propri amici e chiunque ami fare fotografie con l’i-phone ad essere insta-reporter protagonisti dei cambiamenti della nostra città. Da una parte foto di vecchi magazzini industriali in decadenza, manufatti urbani prossimi all’abbattimento, prati verdi destinati a diventare una città (notare la citazione della canzone di Celentano…:)) per fermare il tempo e trattenere qualche traccia della città di una volta prima che venga cancellata del tutto. Dall’altra foto di nuove opere, ponti, viadotti, edifici moderni, nuova viabilità, cantieri in corso di opere che modificheranno per sempre il volto della città e tutto quanto vi rimanda alla nuova Padova! il blog di padova,alberto botton,virgiliocittà,blogger alberto botton,arte laterale,instagram,instagram italia,instagramers padova,#padovachecambia,contest fotografico padova,padova eventi,padovanet,turismo padova terme euganee,foto con i-phone,foto con iphone,padova città in divenire,ivo rossi,trasformazione urbana padova,padova città che cambia

Taggate le vostre foto vecchie e nuove che ritraggono momenti di trasformazione con #padovachecambia e le foto entreranno nel database di immagini che parteciperanno a questo contest. A chi, leggendo, pensa stia scrivendo in arabo, dico di star tranquillo e sereno che è normale. Io pure ho scoperto da poco questo modo simpatico e divertente di fare foto, foto che poi possono essere collocate sulla mappa della città e condivise utilizzando tutti i social network più conosciuti come facebook, twitter e foursquare.

Usiamo Instagram e testimoniamo questa fase di cambiamento urbano della città di Padova! 

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Ciao e bentrovati al post dedicato al fine settimana padovano, ultimo di questo gennaio. Oggi, 27 gennaio, si celebra il Giorno della memoria, giornata in cui la Repubblica  ricorda le vittime della Shoa, dei campi di concentramento e delle leggi razziali. Rileggete il mio post di mercoledì “27 gennaio. Giorno della memoria”, con il quale vi ho presentato anche le celebrazioni e le iniziative in programma, tra cui anche interessanti proposte culturali che vi segnalo all’interno del post. 

Ora subito con qualche altra proposta per trascorre questo fine settimana in modo dinamico ed interessante, spero! 

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura,sonics in meraviglia,the musical box

Inizio con le proposte che la città di Padova sa offrire a padovani come ai visitatori e ai turisti in termini di arte e cultura. Per questo tipo di offerta a Padova città vi segnalo innanzitutto il sito di Padova Cultura! C’è tempo fino a lunedì 30 gennaio per visitare la mostra “L’Hermitage a Padova. Un omaggio a Rembrandt”, frutto di una “partnership” culturale tra il prestigioso museo di San Pietroburgo e i Musei Civici agli Eremitani e di cui potte leggere il seguente articolo sul “Quotidiano Arte. Il giornale del patrimonio culturale”. Fino al 12 febbraio, invece, presso Palazzo Zabarella della Fondazione Bano, sarà possibile visitare l’altrettanto bella mostra de  “Il Simbolismo in Italia”. Per gli appassionati di arte il ricchissimo programma di  RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“) la rassegna culturale “invernale” dedicata all’arte contemporanea va pian piano esaurendosi.

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura,sonics in meraviglia,the musical box

Domenica 29  presso la galleria civica di Piazza Cavour sarà l’ultimo giorno per visitare la mostra di Claudio Onorato “Intorno a noi tutto si muove” mentre è stata inaugurata ieri ed aprire oggi la straordinaria ed ultima mostra Ram2011/2012 di Jacques Villeglè “Lettere e Frammenti”.  Artista di fama internazionale, che ha posto il fulcro della sua attività artistica proprio nella ricerca dei linguaggi urbani a lui contemporanei. “Jacques Villeglé-Lettere e Frammenti” è una retrospettiva di circa 80 opere décollages d’affiches, dagli anni ’60 agli ultimi manifesti strappati nel 2000. Oltre ai manifesti, una ventina di tele presentano il lavoro recente dell’artista: i segni socio-politici che raccontano, secondo un’interpretazione anarchica e allo stesso tempo poetica, il nostro mondo. Tema della mostra è, per espressa volontà dell’artista, la “Lettera”, ideogramma di base della nostra scrittura, che occupa un posto importante nella costruzione delle opere di Villeglé. In occasione della mostra l’artista realizzerà in esclusiva un’opera grafica dedicata alla Città di Padova.

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura,sonics in meraviglia,the musical box

Il 29 gennaio 1910 nasceva in Piazzetta delle Garzerie presso il Caffè Borsa il l’Associazione Calcio Padova che quindi domenica compirà 112 anni! Tanti auguri caro e vecchio Padova! 🙂 Intanto sabato pomeriggio alle ore 15 presso lo Stadio Euganeo andrà in scena il “derby” padovano tra Padova e Cittadella! Entrambe le squadre sembrano essere in un buon momento di forma nonostante qualche infortunio di troppo da parte di alcuni giocatori del Padova e quindi ci auspichiamo che ne esca una bella partita, spettacolare, intensa ma pur sempre corretta sperando che alla fine a vincere sia il Padova, ovviamente! le prevendite chiudono sabato alle ore 12,00 e le biglietterie dello stadio apriranno alle 13,00. Per info clicca quì!  😉

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura

Al Gran Teatro GEOXsabato 28, “The Musical Box”, una delle più sorprendenti “Tribute Band” al mondo, arriva finalmente in Italia e porta in scena uno dei più affascinanti spettacoli della storia del rock, ossia il capolavoro dei Genesis “The Lamb Lies Down On Broadway”, messo in scena per la prima volta nel 1974. Peter Gabriel abbandonò la band poco dopo chiudendo di fatto un’epoca d’oro per il gruppo di Phil Collins. A partire dal 1992 The Musical Box ha ottenuto un successo a livello internazionale. Gli stessi ex componenti dei Genesis hanno speso parole di lode nei confronti di questo concerto, realizzato studiando approfonditamente tutto il materiale d’archivio disponibile. The Musical Box è composto da Denis Gagne, Mark Laflamme, Sebastien Lamothe, Francois Gagnon e Dave Myers. La band è nota in tutto il mondo per la capacità di ricreare in maniera estremamente dettagliata e realistica i concerti dei Genesis e la loro rappresentazione di Selling England Tour rimane uno dei live più emozionanti degli ultimi anni. I fans dei Genesis potranno dunque rivivere emozioni altrimenti perse nel tempo e la scaletta permetterà anche a coloro che, per motivi anagrafici, non hanno avuto modo di amare la band inglese, di compiere una scoperta altrimenti impossibile. Guardate il video-trailer! (fonte sito ufficiale del Gran Teatro).

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura

Domenica 29 gennaio. Spettacolo dei “Sonics in Meraviglia”! Dopo anni di show all’aperto i SONICS sono lieti di presentarvi il loro spettacolo MERAVIGLIA a teatro: acrobazie aeree e macchine sceniche imponenti creano un insieme di immagini intrecciate, di sogni vissuti dentro a un altro sogno più grande; la storia di come ognuno di noi spesso si affidi a pozioni magiche o a falsi santi per affrontare il quotidiano dimenticando che l’unico vero “elisir” della vita risiede dentro noi stessi, dentro le nostre emozioni che vengono dallo stupore per le cose semplici. Adrenalina e stupore sono gli ingredienti di questo spettacolo che non disdegna riflessioni ambientali e che strizza l’occhio alla condivisione tra popoli, una favola moderna e senza presunzione se non quella di trasportare lo spettatore in spazi surreali e indefiniti della fantasia umana, luoghi animati da animali anomali in cui un fiore proveniente da un altro pianeta lotta contro lo smog provocato dall’uomo o dove una carezza si trasforma in una straordinaria storia d’amore sospesa per aria. “Meraviglia” è una delle grandi performance a cui ha dato vita la creatività visionaria ed onirica di Alessandro Pietrolini fondatore insieme ad Ileana Prudente dei Sonics, una compagnia di acrobati tutta italiana protagonista di eventi magici e di grande effetto. Guardate il video-trailer e rimarrete strabiliati! (fonte sito ufficiale del Gran Teatro). 

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura

Domenica mattina, alle ore 11 presso la Sala dei Giganti del Liviano, appuntamento con la rassegna delle Domeniche in musica 2012, curata e promossa dagli Amici della Musica di Padova. Nata accanto alla prestigiosa stagione serale e tradizionalmente dedicata ai giovani musicisti vincitori dei più importanti concorsi musicali, la rassegna si è rapidamente imposta come ciclo a sè, grazie al quale il pubblico padovano ha potuto ascoltare per la prima volta moltissimi interpreti che successivamente hanno trovato una meritata affermazione nel panorama concertistico nazionale e internazionale. Quest’anno verranno presentati sette giovani pianisti che si sono distinti in Italia e all’estero. Dopo l’apertura con Gloria Campaner è la volta del concerto del pianista Francesco Carletti.

tour-bicicletta1.jpg

Per domenica 29 propongo due appuntamenti per scoprire Padova con attività all’aria aperta, sperando sia una bella giornata di sole! Il primo. “Alla scoperta della Padova invisibile in bicicletta” . Ogni domenica fino al 4 marzo 2012, dalle 9.30 alle 12.30 sono in calendario una serie di appuntamenti per scoprire Padova in bicicletta, proposti dall’associazione “Amici della bicicletta” e promossi dall’Assessorato alla cultura del Comune di Padova. I percorsi previsti sono facili e di circa 10 km ciascuno, l’iniziativa è rivolta a tutti. I percorsi si snodano in città. TRA LE VIE MEDIEVALI DEL GHETTO EBRAICO. A cura di Monica Zussa – Assoguide.

MuraVeneziane-119.jpg

Il secondo appuntamento per scoprire Padova cui facevo riferimento è quello delle Visite guidate alle mura di Padova.  Le visite sono organizzate e riservate ai soci del Comitato Mura ma è possibile iscriversi al momento. Per info sul tesseramento leggi quì. Le visite prevedono  il giro completo delle mura rinascimentali e delle mura di età comunale, ripetuto interamente per due volte, in modo che ogni tappa possa essere percorsa in due differenti date, dando la possibilità di partecipare alle visite in momenti diversi e/o di recuperare tappe eventualmente perdute. Le visite comprendono le passeggiate lungo le mura e l’ingresso agli ambienti interni attualmente visitabili. Domenica 29: Dal Torrione Impossibile al bastione San Prosdocimo.
Ritrovo di fronte alla sede del Comitato Mura in via Raggio di Sole, 2, commiato alla breccia di via San Prosdocimo.

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura,sonics in meraviglia,the musical box

Il terzo appuntamento è con le “Domeniche al Parco dei Colli Euganei”. Ritorna, anche per il periodo invernale e primaverile, il cartellone di escursioni domenicali sui sentieri dei Colli Euganei organizzato dagli escursionisti di Battaglia Terme.  DOMENICA 29 GENNAIO MONTEGROTTO TERME “VILLA DRAGHI”. Partenza escursione da Villa Draghi. Lungo i sentieri di Monte Alto. Ritrovo al parcheggio presso Villa Draghi.

jacques villeglè,calcio padova,il blog di padova,padova blog,turismo padova terme euganee,padovacard,turismo veneto,gran teatro geox,padova cultura,sonics in meraviglia,the musical box

La mia è solo una stringente selezione delle molte proposte per il weekend  ma molte altre sono le iniziative per questoinizio d’anno, in giro per città e provincia, per tutti i gusti e tutti gli interessi. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana non mi stancherò mai di segnalarvi il portale Padova Eventi dove potete anche scoprire altri appuntamenti ed eventi di questo fine settimana da me non segnalati: venerdì 27, sabato 28, domenica 29. Per finire segnalo come sempre ricordo due riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere questo o i prossimi week end: il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie!

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,giorno della memoria,27 gennaio giorno della memoria,giardino dei giusti di padova,giorgio perlasca

Ci sono fatti nel corso della storia che fanno da spartiacque e che impongono ad una società di fare delle scelte e di schierarsi da una parte piuttosto che dall’altra. Di fronte alle grandi tragedie del Novecento, per fortuna, le società occidentali nel corso dei decenni hanno maturato una coscienza tale da dire no a movimenti politici e a ideali criminosi che queste tragedie hanno determinato. 

“La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.” (Legge n. 211 del 20 luglio 2000).

padova,giorno della memoria,27 gennaio giorno della memoria,giardino dei giusti di padova,giorgio perlasca

E’ una giornata che è giusto celebrare, anno dopo anno, decennio dopo decennio, attraverso eventi e cerimonie per ricordare quanto è avvenuto e ricordarci, da cittadini attivi, di promuovere nella quotidianeità valori che oggi diamo come assodati, come la democrazia, il rispetto del prossimo e della dignità umana ma che assodati non sono mai e vanno difesi costantemente.  Frasi un po’ retoriche? No! Frasi pesate parola dopo parola…Valori difesi a richio della propria stessa vita dai Giusti delle Nazioni (il più famoso dei quali è senz’altro Giorgio Perlasca, padovano, anche se d’adozione, che salvò la vita di oltre cinquemila ebrei ungheresi strappandoli alla deportazione nazista, fingendosi un diplomatico spagnolo) che a Padova vengono ricordati nel Giardino dei Giusti di cui ho parlato lo scorso anno nel post “Il Giardino dei Giusti del Mondo”.

Padova propone una serie di eventi ed iniziative per valorizzare questo 27 gennaio-Giorno della Memoria a partire dalla serata di oggi 25 gennaio alle ore 21 con lo spettacolo teatrale “Vedrai che bello vivere”,  a cura della Compagnia Bel Teatro presso Museo dell’Internamento in zona Terranegra.

Domani giovedì 26 gennaio presso la Sala Paladin di Palazzo Moroni (Municipio), alle ore 17:00 ci sarà la presentazione del libro “Il posto delle capre” di Sarah Parenzo. Presso le Scuderie di Palazzo Moroni alle ore ore 18:30 ci sarà invece l’inaugurazione mostra fotografica-documentaria “Padova. Il Giorno della Memoria”. La mostra descrive con immagini di ieri e di oggi alcuni dei campi di concentramento e di sterminio nazisti, con particolare riguardo alla tragedia della comunità ebraica padovana. All’interno è previsto uno spazio multimediale e una sezione documenti. La mostra rimarrà aperta sino all’11 marzo 2012 con orario: 9:00/13:00 – 14:30/18:30 tutti i giorni, eccetto i lunedì non festivi.

padova,giorno della memoria,27 gennaio giorno della memoria,giardino dei giusti di padova,giorgio perlasca

Venerdì 27 gennaio alle ore 9,30 la cerimonia commemorativa presso il Tempio dell’Internato Ignoto, in zona Terranegra. Preghiera di Don Alberto Celeghin, rettore del Tempio dell’Internato ignoto. Interventi di Flavio Zanonato, sindaco di Padova, Davide Romanin Jacur, presidente della Comunità ebraica, gen. D. Enrico Pino, comandante Comando militare Esercito “Veneto”. Accompagnamento musicale a cura della fanfara dei Bersaglieri in congedo, sezione di Padova.

A seguire, alle ore 10,30 presso il Museo dell’Internamento, Sala Polivalente “Paride Piasenti”, viale Internato Ignoto, Terranegra, Il prefetto di Padova Ennio Mario Sodano consegna le medaglie d’onore a militari e civili deportati ed internati nei lager nazisti mentre alle 11,45 a Palazzo Moroni, “La memoria per il futuro”, a cura di Paolo Caporello: Azioni drammaturgiche liberamente ispirate a “Se questo è un uomo” di Primo Levi e realizzate con la partecipazione degli studenti delle scuole medie superiori di Padova e provincia. Musiche dal vivo eseguite da Francesco Socal, Guido Rigatti e Luca Piovesan.

padova,giorno della memoria,27 gennaio giorno della memoria,giardino dei giusti di padova,giorgio perlasca

Sabato 28 gennaio alle ore 11,00 presso l’Auditorium del centro culturale Altinate/San Gaetano: Reading musicale dal titolo “Alice Herz-Sommer, quando la musica spezza il filo spinato”, a cura di Valeria Palumbo.
Alice Herz Sommer era una promettente pianista praghese di famiglia ebraica e lingua tedesca. L’invasione nazista e le deportazioni sconvolsero la sua vita. Ma la sua musica e il suo ottimismo le permisero di sopravvivere al lager e di far sopravvivere suo figlio. Una storia luminosa nell’orrore della Shoah, raccontata da Valeria Palumbo e Irene Turri, tra prosa e poesia. Con l’esecuzione al piano delle musiche più amate dalla pianista da parte di Ramona Munteanu e la proiezione degli acquerelli di Charlotte Salomon, concessi dal Jewish Museum di Amsterdam e montati in video da Carlo Rotondo. 

Domenica 29 gennaio presso il centro culturale Altinate/San Gaetano alle ore 21,00, l’Associazione Culturale “La Bottega Teatrale” presenta “Signore e signori, da questa parte per il gas-Testimonianze dei sopravissuti nei campi di concentramento tedeschi”. Scritto e diretto da Fabio Zito. Con Fabio Zito, Gioia D’Angelo, Edoardo Fainello, Loris Contarini.

Voi che vivete sicuri/Nelle vostre tiepide case,/Voi che trovate tornando a sera/Il cibo caldo e visi amici:/Considerate se questo e’ un uomo/Che lavora nel fango/Che non conosce pace/Che lotta per mezzo pane Che muore per un si’ o per un no./Considerate se questa e’ una donna,/Senza capelli e senza nome /Senza piu’ forza di ricordare /Vuoti gli occhi e freddo il grembo/Come una rana d’inverno./Meditate che questo e’ stato: /Vi comando queste parole. /Scolpitele nel vostro cuore/Stando in casa andando per via, /Coricandovi alzandovi; /Ripetetele ai vostri figli./0 vi si sfaccia la casa,/La malattia vi impedisca,/I vostri nati torcano il viso da voi (Primo Levi, Per non dimenticare)

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 900 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,turismo padova terme euganee,padova blog,turismo veneto,regione veneto,ita veneto,uffici turistici,uffici turistici veneto,accoglienza turistica,turismo accoglienza

E’ della scorsa settimana la notizia che nella bozza di bilancio presentata in Giunta Regionale, tra le voci di spesa del settore turistico non risulta più la voce di spesa relativa alla rete di uffici di informazione turistica IAT ne risultano altre voci sostitutive. Si tratta di una notizia che sta preoccupando molto i vari enti provinciali regionali che gestiscono questi uffici e sconcertando un po’ tutti gli operatori turistici e chi opera in questo settore. L’assessore regionale Finozzi, dice che “non ci sono soldi”, che “la crisi colpisce tutti comprese aziende e IAT” e che, essendo il costo “vivo” dei dipendenti di circa 8 milioni e mezzo non resterebbero soldi per le altre manifestazioni o eventi… 

padova,turismo padova terme euganee,padova blog,turismo veneto,regione veneto,ita veneto,uffici turistici,uffici turistici veneto,accoglienza turistica,turismo accoglienza

E’ una questione di priorità. Come la scelta di investire molto su ampliamento di tangenziali e autostrade e non dare maggiore impulso a Smfr, al sistema della metropolitana di superficie cui puntano molto anche i sostenitori della candidatura di Venezia e del Nordest a capitale europea della cultura 2019. Sono scelte che fanno capire la “visione” che ci sta dietro…Il tema dell’accoglienza è un tema centrale per chi si occupa di turismo. C’è anzi chi sostiene che l’accoglienza sia l’essenza stessa dell’esperienza turistica. Resta il fatto che tradizionalmente, a questo tema in Italia si dedicano poca attenzione, poca progettualità e poche risorse. Siamo abituati a pensare che nelle problematiche turistiche sia la Promozione ad essere centrale. Eppure vi sono destinazioni che hanno turismo anche senza fare promozione, destinazioni cioè che sono state scoperte dai turisti, e che possono contare su flussi turistici senza verli promossi. Sarà forse una provocazione ma mi sembra che il turismo possa vivere senza promozione, ma non possa vivere senza Accoglienza“, così scrive nel suo blog Giancarlo Dall’Ara, ideatore e coordinatore dell’Assise Italiana dell’Ospitalità ed uno dei massimi esperti italiani in tema di “Accoglienza Turistica”, che da il titolo al suo blog.

padova,turismo padova terme euganee,padova blog,turismo veneto,regione veneto,ita veneto,uffici turistici,uffici turistici veneto,accoglienza turistica,turismo accoglienza

Va da sè, penso lo capirebbe chiunque che la prima operazione di promozione turistica è proprio l’accoglienza. Una città o una qualsiasi destinazione turistica può vantare tutte le bellezze di questo mondo, può essere uno straordinario giacimento di opere artistiche, paesaggistiche ma senza “accoglienza” si  rischia che il turista torni a casa insoddisfatto con il duplice effetto negativo che in primis non tornerà più e poi si sentirà in dovere di fare una pubblicità negativa presso amici e parenti. Effetto negativo che poi sarà difficile recuperare, “forse” neanche con le Bit, le borse del turismo, le missioni all’estero, per le quali si invece vengono destinate cospicue somme di denaro. Tutti i territori e le destinazioni turistiche hanno i loro punti di forza, nonostate si sentano spesso amministratori pontificare in modo autoreferenziale sulle “eccellenze” e sugli straordinari prodotti tipici dei loro territori. Per certe destinazioni, l'”eccellenza” (termine che non mi piace quando usato in modo autoreferenziale) è rappresentata proprio dall’accoglienza in sè degli operatori turistici ma anche e soprattutto delle persone del posto. Ci sono località che fanno dell’accoglienza e dell’ospitalità le loro bandiere. E’ una questione di priorità. Non ci sono soldi per garantire il servizio di informazione turistica mentre ci sono per le fiere e per le missioni all’estero... Probabilmente andrebbe trovato un equilibrio… Il turismo è una competizione su scala locale ma anche internazionale e si è visto come negli anni il nostro paese, a lungo il primo paese turistico del mondo sia stato superato da altri. Proprio perchè tutte le destinazioni hanno punti di forza, la vera differenza la fanno i prezzi ragionevoli, i servizi e l’accoglienza.

Considerata la crisi posso capire non ci possano essere fondi per investire ma addirittura tagliare i fondi destinati a questa rete minima di uffici al servizio del turista mi sembra davvero una pessima idea, per dire un eufemismo. Dico “minima” non per sminuirne la funzione (anzi leggete quì le funzioni degli uffici IAT) ma perchè, avendone le risorse, si potrebbe fare molto di più, come ad esempio pensare al coinvolgimento della popolazione locale così come di tutte le realtà del commercio in progetti a favore di una destinazione turistica dall’accoglienza diffusa affinchè tutti siano in grado di essere ospitali ed orgogliosi nel raccontare e dare informazioni al turista riguardo a cosa c’è da fare e/o vedere sul territorio. Si potrebbe mettere una segnalatica anche in lingua inglese, laddove manca, delle principali attrazioni, così come la didascalia all’interno delle varie mostre bilingue per i turisti stranieri…etc etc etc etc. A Liverpool nel 2008, in occasione delle celebrazioni di Liverpool, capitale europea della cultura, all’aeroporto intitolato a John Lennon, ho visto personale dei trasporti pubblici girare su e giù, avanti ed indietro, lungo le pensiline degli autobus avvincinando i turisti con zaini e valigie per, piantina alla mano, chiedere in quale struttura avessero soggiornato e spiegare loro quale fosse l’autobus giusto da prendere e quale la fermata alla quale scendere. 

padova,turismo padova terme euganee,padova blog,turismo veneto,regione veneto,ita veneto,uffici turistici,uffici turistici veneto,accoglienza turistica,turismo accoglienza

A Padova abbiamo 3 di questi uffici gestiti da Turismo Padova Terme Euganee, vicino alla Basilica di Sant’Antonio, dietro il Caffè Pedrocchi, il principale, il più spazioso (anche se in una posizione un po’ infelice..) e quello in stazione laddove da metà dicembre dello scorso anno trovo posto anche il “Mobility Center” (di cui ho parlato nel post “Il Mobility Center ti mette le ali!“): diamo e daremo informazioni su come muoversi con mezzi sostenibili in giro per la città e non diciamo al turista che arriva quali mostre sono aperte, quali musei, non diamo informazioni su come richidere una guida? Si vogliono rendere più moderni e funzionali, giustamente, i Musei Civici agli Eremitani e poi chiudiamo gli uffici che li possono segnalare? Solo nel 1° semestre del 2011 sono entrati negli uffici Iat di Padova ben 202.377 turisti!! Nel 2010, il numero annuale di visitatori è stato di 446,156, in tutto il Veneto oltre 2 milioni! E il prossimo anno dove le mandiamo tutte queste persone? Vedremo turisti vagare per le città alla ricerca di alberghi, musei, chiederanno informazioni nei bar o alla gente che incroceranno “Scusi, dov’è l’ufficio turistico?” “Mi dispiace, non esiste più” dovremo dire? O rimandare tutto al pur efficace modulo di rischiesta informazioni via web?

padova,turismo padova terme euganee,padova blog,turismo veneto,regione veneto,ita veneto,uffici turistici,uffici turistici veneto,accoglienza turistica,turismo accoglienza

L’assessore Finozzi prova a dare la soluzione: “I Comuni devono adottare la tassa di soggiorno per coprire i costi degli Iat”. Una soluzione che diverse amministrazioni prenderanno in considerazione per forza di cose. Nella speranza che dal bilancio salti fuori qualche euro,magari prelevato dai quei 4milioni che sono stati suddivisi tra iniziative di promozione del turismo e di valorizzazione del marketing. D’altra parte credo che partire oggi da 0 in un contesto economico, sociale e istituzionale fortemente mutato e avendo fatto altre scelte di priorità significa contrapporre IAT a trasporti e sociale, laddove i primi rischiano di essere considerati l’effimero diventa dura. L’anno scorso inizialmente si è passati da 11 milioni di euro per la rete IAT regionale a una prima ipotesi di 4,5 milioni poi portata a 8.890.000 grazie a un emendamento presentato dal PD e fatto proprio dalla maggioranza consigliare. E quest’anno si parte da zero? 

Gli uffici turistici andrebbero migliorati, i loro spazi diventare anche punti vendita di merchandising ufficiale, centro prenotazioni di mostre, concerti e spettacoli e ricoprire un ruolo sempre più da protagonisti e quindi rappresentano un servizio irrinunciabile come sostiene lo stesso Giancarlo Dall’Ara che ho citato all’inizio: “L’accoglienza è il vero punto di forza del nostro Paese e che il ruolo degli Uffici Informazione per lo sviluppo turistico dei territori è strategico”

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Ciao e bentrovati al post dedicato al fine settimana padovano. Finalmente negli ultimi giorni sembra essere arrivato il “generale inverno” con freddo e gelo tipiche di questo periodo dell’anno…manca giusto una bella nevicata…Ma noi non ci faremo certo intimorire dal clima, no? Basta vestirci un po’ più del solito e saremo comunque pronti ad uscire e a goderci questo fine settimana. Al limite dopo una passeggiata per le vie del centro e/o una visita guidata alla scoperta di Padova e/o del territorio provinciale avremo il pretesto per rifugiarci in qualche bar e berci una buona cioccolata calda con la panna! Slurp! 😉

galileo.jpg

Questa mattina, ore 10, presso il centro culturale Altinate-S.Gaetano è previsto il primo atto dell’importantissimo e sempre più prestigioso premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica. Si riunirà infatti, in seduta pubblica, la giuria scientifica della VI^ edizione del premio. per selezionare la cinquina delle opere che parteciperanno alla fase finale. A presiede la giuria sarà Piergiorgio Odifreddi, matematico di calibro internazionale e apprezzato divulgatore scientifico, vincitore della scorsa edizione del premio. La riunione dei sedici componenti della giuria si terrà nella sala Paladin di Palazzo Moroni a partire dalle ore 10,00 alla presenza delle autorità, della stampa e della classe IV del liceo scientifico Cornaro di Padova che quest’anno rappresenta la provincia di Padova nella giuria popolare. Intenso il lavoro dei giurati che dovranno selezionare la cinquina finalista tra i circa settanta volumi segnalati. Il secondo e finale atto sarà in occasione della proclamazione del vincitore il 3 maggio. A decretarlo sarà la giuria popolare degli studenti di 110 classi in rappresentanza di tutte le province italiane. Tra questi due momenti una serie di incontri degli autori della cinquina finalista con gli studenti e la cittadinanza.

schermata_2011_10_05_a_11_43_09_1.jpeg

Sempre questa sera, venerdì 20, un classico del teatro shakespeariano in scena al Gran Teatro GEOX reinventato con sapienza e mestiere da Gioele Dix nel suo “Sogno di una notte di mezza estate”. Come è noto, nella magia notturna del suo Sogno, Shakespeare intreccia abilmente i destini di molti personaggi eterogenei. L’altezzoso principe di Atene in procinto di sposare la sua regina delle Amazzoni. I quattro giovani innamorati confusi e in costante conflitto fra loro. Il re e la regina delle Fate più che mai umorali e sfuggenti. Gli sprovveduti artigiani componenti una bizzarra compagnia amatoriale. In un gioco teatrale e poetico ricchissimo di equivoci, sberleffi, allusioni e colpi di scena, prende forma uno scenario fantastico di ineguagliabile potenza evocativa, che è da sempre occasione per le più svariate interpretazioni registiche.
Gioele Dix ha deciso di affrontare la sua regia del Sogno formando una compagnia composta interamente da giovani comici di successo e coinvolgendo nella messinscena un duo musicale di straordinaria e raffinata versatilità. In questa versione del Sogno, ambientata in una sorta di selva periferica post industriale, le tradizionali gerarchie fra i personaggi vengono sovvertite. È la compagnia dei comici artigiani a dominare la scena, a impadronirsi a sorpresa di tutti i ruoli e a diventare il perno essenziale attorno a cui ruota l’intera vicenda. E così il gruppo di fragili, ma combattivi mestieranti della risata cercherà di mantenersi integro nella lunga e famigerata notte di metà estate, fra esuberanze giovanili e promesse non mantenute, oscuri presagi e provocazioni, colpi di genio e cialtronerie, amori che muoiono troppo in fretta e sostanze proibite che minacciano il loro già precario equilibrio. Lo spettacolo è dunque nel segno della fedeltà e della continuità con Shakespeare, senza tradimenti al testo, alla sua carica vitalistica, alle sue preziose ambiguità, alla sua fantasiosa e dirompente comicità. Ma, nel contempo, grazie alle qualità dei protagonisti, alla loro singolare sensibilità, all’originalità del loro stile espressivo, ne re-inventa il linguaggio e lo smarca dal rischio della convenzione. Una sfida teatrale alla quale – non a caso – tutti i partecipanti hanno aderito con disponibilità ed entusiasmo. (fonte sito ufficiale del Gran Teatro). Guardate il video trailer dello spettacolo!

ritratto di vecchio ebreo.jpg

Per la giornata di sabato potreste approfittare della ricca offerta culturale che potrete scorrere nel sito di Padova Cultura! Per gli appassionati di arte, invece, c’è il ricco programma di  RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“) la rassegna culturale “invernale” dedicata all’arte contemporanea. Questo sarà l’ultimo weekend a disposizione per visitare la mostra “Pensieri preziosi. Gioielli d’Italia”  che chiuderà domenica 22. Fino al 12 febbraio sarà possibile visitare l’altrettanto bella mostra de   “Il Simbolismo in Italia” presso Palazzo Zabarella della Fondazione Bano e fino al 30 gennaio  “L’Hermitage a Padova. Un omaggio a Rembrandt”, frutto di una “partnership” culturale tra il prestigioso museo di San Pietroburgo e i Musei Civici agli Eremitani. 

magagaia2little.jpg

Nel pomeriggio di sabato 21, alle ore 16,30 al Teatro de Linutile di via Agordat ci sarà lo spettacolo per bambini “Spettacolo di magia con Maga Gaia”. Tra una risata e un colpo di bacchetta magica, Maga Gaia trasporterà i bambini in un mondo fantastico dove tutto accade per una sola ragione: quella di farli sorridere, stupire e sentire gli unici veri protagonisti di un’avventura incredibile. Solo grazie al loro aiuto, infatti, Maga Gaia riuscirà a non essere vittima ma in controllo delle cose bizzarre che succederanno. “Spettacoli di magia per sognare in allegria”: questo è il motto della Maga Gaia; se volete tornare a casa con un sorriso stampato nel volto, non perdetevi il suo spettacolo!
La Maga Gaia all’anagrafe è Gaia Germani. Nata a Padova il 16/04/1981, da alcuni anni intrattiene adulti e bambini con i suoi spettacoli di magia dove ironia e coinvolgimento del pubblico hanno un ruolo fondamentale.

Ensemble Vivaldi.jpg

Per gli amanti della musica classica o per chi semplicemente vuol passare un pomeriggio alternativo e godere di musiche e atmosfere dalle suggestioni d’altri tempi, sabato 21 alle ore 17,30 presso la Sala dei Giganti del Liviano c’è il concerto dell’”ENSEMBLE VIVALDI” de “I SOLISTI VENETI” che inaugurerà musicalmente il nuovo anno 2012 con un importante appuntamento musicale realizzato per beneficenza in favore dell’Istituto Oncologico del Veneto. Il programma del concerto di questo affermato Ensemble traccerà un bellissimo itinerario musicale di respiro europeo, librato sulle ali della melodia e del virtuosismo, virtusismo che sarà appunto l’autentico filo conduttore della serata padovana. Il concerto si aprirà nel segno della bellezza melodica con le note della più celebre serenata di tutti i tempi: “Eine kleine Nachtmusik” (Piccola serenata notturna) K 525, capolavoro terminato da Wolfgang Amadeus Mozart il 10 agosto 1787, alla vigilia della sua partenza per Praga ove avrebbe completato il ben più ampio “Don Giovanni”. Per il programma completo ed ulteriori info cliccate quì!

Gloria Campaner1.jpg

Sempre presso la Sala dei Giganti del Liviano, il giorno dopo, inizia la rassegna delle Domeniche in musica 2012. Nata accanto alla prestigiosa stagione serale e tradizionalmente dedicata ai giovani musicisti vincitori dei più importanti concorsi musicali, la rassegna si è rapidamente imposta come ciclo a sè, grazie al quale il pubblico padovano ha potuto ascoltare per la prima volta moltissimi interpreti che successivamente hanno trovato una meritata affermazione nel panorama concertistico nazionale e internazionale. Quest’anno verranno presentati sette giovani pianisti che si sono distinti in Italia e all’estero. Apertura il 22 gennaio 2012, ore 11 con la giovane pianista Gloria Campaner.

tour-bicicletta1.jpg

Per domenica 22 propongo due appuntamenti per scoprire Padova. Il primo. “Alla scoperta della Padova invisibile in bicicletta” . Ogni domenica fino al 4 marzo 2012, dalle 9.30 alle 12.30 sono in calendario una serie di appuntamenti per scoprire Padova in bicicletta, proposti dall’associazione “Amici della bicicletta” e promossi dall’Assessorato alla cultura del Comune di Padova. I percorsi previsti sono facili e di circa 10 km ciascuno, l’iniziativa è rivolta a tutti. I percorsi si snodano in città. ALLA SCOPERTA DEL MUSEO ESAPOLIS E ARCHIVIO DI STATO. visita: Archivio di Stato, a cura della dott.ssa Francesca Fantini – direttore Archivio di Stato. Visita: Esapolis, a cura delle guide naturalistiche. La visita viene effettuata anche in caso di maltempo.

MuraVeneziane-119.jpg

Il secondo appuntamento per scoprire Padova cui facevo riferimento è quello delle Visite guidate alle mura di Padova.  Le visite sono organizzate e riservate ai soci del Comitato Mura ma è possibile iscriversi al momento. Per info sul tesseramento leggi quì. Le visite prevedono  il giro completo delle mura rinascimentali e delle mura di età comunale, ripetuto interamente per due volte, in modo che ogni tappa possa essere percorsa in due differenti date, dando la possibilità di partecipare alle visite in momenti diversi e/o di recuperare tappe eventualmente perdute. Le visite comprendono le passeggiate lungo le mura e l’ingresso agli ambienti interni attualmente visitabili. Domenica 22: Dal Bastione Moro I al Torrione Impossibile. Ritrovo all’incrocio tra viale Codalunga e via Fra Paolo Sarpi, presso la colonna Massimiliana, commiato alla sede del Comitato Mura in via Raggio di Sole, 2.

Per la vita notturna a Padova delego al sito specializzato PadovaByNight

images.jpegLa mia è solo una stringente selezione delle molte proposte per il weekend  ma molte altre sono le iniziative per questoinizio d’anno, in giro per città e provincia, per tutti i gusti e tutti gli interessi. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana non mi stancherò mai di segnalarvi il portale Padova Eventi dove potete anche scoprire altri appuntamenti ed eventi di questo fine settimana da me non segnalati: venerdì 20, sabato 21, domenica 22. Per finire segnalo come sempre ricordo due riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere questo o i prossimi week end: il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie!

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,musica,rock,musica live,versus,daniele dupuis,megahertz,spazio "guest blogger"

Ciao a tutti, spazio “guest blogger” dedicato alla musica quest’oggi. Lara Aversano ci presenta i Versus, band padovana di indubbio spessore artistico.

Mi è stato proposto di parlare dei Versus, di presentarli a chi non li conosce. Bene, la prima cosa che posso dire è che per me scrivere e parlare dei Versus è sempre un piacere oltre che un onore. Il blog di Padova. Bel nome, mi piace. Il redattore mi ha scritto “chi meglio di te potrebbe parlarne?”. Bhe, devo dire che è bellissimo sentirsi dire una frase simile. In realtà ci sono persone che hanno avuto occasione di scoprirli molto molto tempo fa, parecchio tempo prima di me ovvero fin dalla loro formazione. Tra questi anche Andy Fluon (questo il suo nome d’arte attuale), musicista incredibile che iniziando a suonare a sedici anni fondò con Morgan quelli che poi sarebbero stati gli incredibili Bluvertigo e che ora porta avanti con successo la sua carriera di pittore lanciando in contemporanea il suo nuovo progetto musicale, i Fluon appunto. Quando l’ho intervistato ci siamo detti molte cose ma, parlando di Versus, la prima frase in assoluto che mi ha detto è stata “I Versus sono fantastici”.

padova,musica,rock,musica live,versus,daniele dupuis,megahertz,spazio "guest blogger"

Non a caso per il loro album d’esordio “Retròattivo”, pubblicato a dieci anni dalla loro formazione hanno dato vita a un intreccio geniale tra pop, rock, poesia, modernità e gusto per il “retrò”. Descriverli è davvero difficile ragazzi, solo sentirli può dare davvero l’idea di cosa hanno fatto e di cosa stanno facendo questi quattro musicisti. Daniele Dupuis (conosciuto anche come Megahertz: progetto laterale, elettronica analogica d.o.c.g., nonché alter ego di Daniele. Megahertz ha portato l’artista alla pubblicazione dell’album “Estetica” con Sony Italia – girando l’Italia e non solo in lungo e in largo, riscuotendo ovunque grande successo) ha costruito nel tempo una strada eccezionale fatta di progetti musicali, collaborazioni e produzioni fino a che nel febbraio 2011 ha lanciato con gli altri quello che è ora, a mio avviso, il miglior album pubblicato in Italia negli ultimi anni. Qui, Daniele scrive i testi, suona il basso e canta, con una voce dolce, calda, pulita. Andrea Dupuis alla batteria, l’intensità fatta a persona: basta guardarlo negli occhi mentre suona, guardare il suo viso ascoltando attenti ciò che fa. Sandro Martino, hammond e piano. Si, è un hammond ed è un piano e credo così di aver detto tutto. Francesco Costantino, un chitarrista che, ad occhi chiusi e ad occhi aperti, ti può davvero portare in un altro mondo. In realtà è proprio questo che fanno i Versus: ti sanno portare in un altro mondo, il loro, dal quale una volta entrati non si vuole più uscire. Mai. Sanno fartelo entrare dentro fino al midollo.

padova,musica,rock,musica live,versus,daniele dupuis,megahertz,spazio "guest blogger"

La grande competenza musicale, la grande passione, l’esperienza maturata nei live, il loro sound, così unico e internazionale, miscela di ascolti anglossassoni intrecciati a minimali interventi elettronici con l’importante presenza di una voce come quella di Antonio DeCurtis che parla… con le loro parole. Il giorno e la notte, il tempo che rincorre se stesso, la superficialità e le cose che fanno male, che fanno arrabbiare, imprecare e poi dire “no, non ci sto! io continuo a lottare perché è giusto così”; tutto quell’amore per la vita, per l’autenticità, l’onestà, per la musica come arte e come cura del mondo, per la bellezza, rara ma esistente perché … è “ovunque” e “negli spazi più nascosti” e dobbiamo saperla cogliere, dobbiamo prendercene cura. Collaboro con loro da circa un anno e mi hanno sconvolto la vita. Lo faranno anche con voi, credetemi. Al di là del fatto che con questa collaborazione ho avuto occasione di conoscerli e di rendermi conto di che splendide creature siano… la loro musica, che è quella che davvero può arrivare a tutti coloro che decideranno di seguire il loro percorso, è come un apeiron dal quale prende vita qualcosa che, ripeto, è difficile spiegare a parole, ma è certamente unico e geniale. Più ascolterete “Retròattivo” e più avrete voglia di ascoltarlo, più li sentirete suonare live e più sarà impossibile farne a meno. Valerio Soave, produttore a capo della Mescal, li ha voluti con se… Morgan, al quale aprono i concerti e col quale suonano per il resto della serata ad ogni live, li vuole con se … addetti ai lavori, appassionati di musica, poeti, persone che li scoprono per caso, persone che li stanno scoprendo ora… tutti, si sono resi conto di cosa possa significare l’espressione “mondo Versus” e chi si avvicinerà a cuore aperto a questo mondo… è certo… li vorrà con se. Ed ora, non vi resta che andarli a sentire.

            Versus sito ufficiale      Versus pagina facebook        Versus canale youtube

“Lara Aversano è nata a Brescia, nell’85. Incontra la musica dei Versus circa un anno fa e da allora collabora con loro come webmaster occupandosi anche della promozione sul web; per passione e perché crede con tutta l’anima nella musica e in questi ragazzi. Scrive, ha un suo blog chiamato “Il Cammino” (http://laracammina.blogspot.com/) (nome scelto dopo una serie di esperienze che l’hanno convinta dell’importanza del percorso più che della meta) in cui pubblica poesie, prose, articoli e interviste (Alberto Fortis, Donatella Rettore, Claudia Endrigo – figlia del grande Sergio – Andy, intervistato per il sito Versus e tanti altri). Varie le pubblicazioni sul web e le collaborazioni. Prosegue il suo cammino con un buon seguito di lettori e continua ad essere attiva nel sostegno della musica di qualità e soprattutto dei Versus. Crede nell’autenticità, vive di poesia e musica e crede fermamente che i sogni si possano realizzare e che sia fondamentale crederci fino allo stremo delle forze e sudare con entusiasmo per poterli rendere realtà.” 

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanet

Qualche giorno fa mi è capitato di leggere un articolo dedicato ai parchi urbani e all’importanza che il verde ha per le città e sopratutto per i suoi abitanti. Puliscono l’aria, stimolano l’attività fisica, facilitano le relazioni sociali. I parchi urbani, secondo nuovi studi, allungano l’aspettativa di vita e abbassano il tasso di mortalità per le malattie cardiovascolari. Di città ci si può ammalare, e morire: è vero. Per l’inquinamento dell’aria, per gli incidenti che coinvolgono sempre più pedoni e ciclisti, per le strade senza marciapiedi che impediscono di camminare, per la discarica sotto casa. Ci si ammala non solo per la chimica e l’asfalto, ma anche per il brutto, la fretta, la rabbia che ti prende a vivere in una città inospitale. Eppure di città si può vivere e prosperare, rifiorire addirittura. Se il quartiere in cui si vive è ricco di parchi e aree gioco, se marciapiedi e piste ciclabili ben separati dalle strade consentono di muoversi quotidianamente con le proprie gambe, e se le case si alternano a negozi, spazi pubblici, cinema e uffici in quartieri gradevoli, e vivi a tutte le ore. 

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanetUn gruppo di sociologi e urbanisti olandesi ha proposto di chiamare questo nuovo ricostituente urbano “Vitamina V”, dove V sta per verde. E indica un insieme di servizi pubblici di cui, per la prima volta nella storia, si studiano in modo quantitativo i possibili effetti sulla salute fisica e psichica degli abitanti. Di fatto, una buona architettura e una buona urbanistica possono rappresentare una nuova medicina, in un certo senso, fondata sulla nuova scienza della città sostenibile che si sta facendo strada fra i pianificatori europei che da centralità agli interventi di sanità pubblica e recupero urbano, che dovrà riportare al centro alberi e biciclette, e avere la forza di moderare o addirittura fermare il traffico privato ai confini delle metropoli, attraverso un piano Marshall di investimenti dedicati al potenziamento del trasporto pubblico. Sono diversi gli studi che mostrano come le aree verdi, ripulendo l’aria, incentivando l’attività fisica e riducendo i livelli di stress, hanno effetti benefici sulla salute respiratoria, cardiaca e psichica della popolazione.

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanet

E Padova? Per chi viene a Padova da turista e gira per il centro storico forse non avrà la sensazione di una città particolarmente verde, anche perchè la caratteristica di Padova è proprio quella dei giardini privati nelle corti interne dei vari palazzi chiaramente non visibili dall’esterno, se escludiamo ovviamente i “landmark” più conosciuti ed evidenti come il Prato della Valle, l’Orto Botanico dell’Università, e i Giardini dell’Arena, prossimi ad una delle più grandi attrattive del turismo culturale padovano e cioè la Cappella degli Scrovegni con gli affreschi di Giotto. Ma…Osservando più attentamente, ci sono parecchi parchi e giardini appena fuori dal centro storico (come ad esempio il nuovo Parco d’Europa in zona Stanga con il Giardino di Cristallo che ospita una ricca collezione di piante grasse e di cui potete vedere un’immagine quì sopra con i due cagnolini. Foto di Sergio Vollono, Arte Laterale) e filari alberati lungo il Bacchiglione e i canali cittadini così come lungo le mura. A proposito di mura, ricordo l’area golenale di via S. Massimo dove spesso vengono organizzate varie manifestazioni e quello che sarà il nuovo parco delle mura, ampliato in seguito alla nuova strada che conduce al nuovo cavalcaferrovia Sarpi-Dalmazia. Per avere però una visione completa dei parchi, dei giardini e dei percorsi fluviali di Padova (di cui ho già parlato per via del loro valore turistico e di scoperta del territorio, oltre che sportivo) scopritene il “patrimonio verde”!

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanet

Entrando nella sezione “Padova Verde” del comune su padovanet si può avere una panoramica completa anche riguardo agli eventi, iniziative ed attività e a tutto quanto concerne l’attività dell’assessorato competente compresi tutti i riferimenti con le tematiche ambientali. Tra le iniziative proposte segnalo in particolare le visite guidate al Parco Treves (vedi un’immagine quì a fianco), un giardino romantico che è davvero un gioiello forse poco conosciuto anche ai padovani stessi e il roseto di S. Giustina. Oltre alla cura e all’incremento del patrimonio, infatti, sono numerose e importanti le manifestazioni realizzato a partire da “Vivi il parco” che dal 1 maggio al 28 settembre scorso ha coinvolto 50mila persone e la tre giorni di Arbord day, manifestazione che ha trasformato Padova nella capitale italiana della cura degli alberi con grande soddisfazione dell’assessore al Verde Andrea Micalizzi. A fine marzo ci sarà inoltre VerdeCittà, evento che si propone di valorizzare il paesaggio urbano attraverso azioni orientate alla creatività e all’attenzione per l’ambiente. Molto articolata è stata l’attività del settore Verde nel 2011: dai parchi giochi ai giardini, dal patrimonio arboreo alle rotatorie, dai parchi di quartiere ai concorsi, agli orti urbani, all’inventario informatizzato delle aree verdi, al coinvolgimento dei volontari per la sicurezza nei parchiLeggi quì un resoconto sull’attività svolte nel 2011! Leggi un ulteriore approfondimento!

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanet

Tra le sezioni del sito c’è la gallery fotografica con immagini un po’ datate a dir la verità e la sezione video con le presentazioni di alcune opere realizzate come il Giardino di Cristallo, la nuova piazza Azzurri d’Italia all’Arcella e il Parco Basso Isonzo (guarda il video). Il “Campo dei Girasoli” rappresenta il primo stralcio del parco del Basso Isonzo, il primo parco agricolo di Padova ed il più grande parco pubblico del Veneto. Il parco del Basso Isonzo, situato tra il Bacchiglione ed il quartiere della Sacra Famiglia, risulta il più importante polmone verde della città. Con una vasta area dedicata all’agricoltura e al mantenimento delle coltivazioni, delle specie naturali e del paesaggio della campagna veneta, oltre ad un’area dedicata alle attività ricreative, il parco rappresenta un importante patrimonio culturale per la conservazione della biodiversità in città.

padova,padova verde,parco basso isonzo,verde pubblico padova,parchi a padova,padovanet

Non avremo in città una grandissimo polmone verde (sperando lo possa diventare il Parco del Basso Isonzo), come il Phoenix Park di Dublino, come la Forêt de Soignes di Bruxelles o i grandi parchi limitrofi alla città di Praga ma ritengo che anche Padova abbia un importante patrimonio di verde pubblico e valide sono le iniziative dell’amministrazione per incrementarlo e valorizzarlo. Quello di un grande parco urbano con boschi e colonie di animali allo stato brado d’altra parte è giusto un sogno che però, temo, non sarebbe rappresentativo del territorio padovano. Senza contare che quello che oggi identifichiamo come corrispondente all’area metropolitana, è spezzettato in troppi comuni e ciò non ha consentito negli anni una pianificazione omogenea e coerente del territorio. Avere un vasto polmone verde al di là della necessità dei piccoli giardini di quartiere, avrebbe un utilità non solo paesaggistica visto che “Foreste urbane di dimensioni adeguate svolgono un’eccellente azione di filtro acustico e sugli inquinanti dell’aria, oltre ad abbassare di qualche grado la temperatura nelle isole di calore urbane”, spiega Barbara Maher del Lancaster Environment Centre.  Secondo una ricerca della Columbia University di New York, per ogni 350 nuovi alberi piantati per chilometro quadrato gli attacchi d’asma si riducono di un quarto. Sulla sinistra il logo della giornata nazionale dell’albero 2011 introdotto proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica all’importanza che hanno gli alberi per la salute dell’uomo!

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 890 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo! 😉

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Ciao e bentrovati al post dedicato al fine settimana padovano. L’epifania tutte le feste si è portata via e va bene così anche se alla fine, terminato il periodo natalizio si fa sotto il carnevale sicchè dai panettoni e ai pandori si passa alle frittelle e ai galani. Questo non vuole essere tuttavia un post dedicato ai dolci del carnevale ma il consueto post del venerdì, quello con il quale vi suggerisco alcune proposte su come trascorrere il fine settimana.

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

A voler essere precisi già ho iniziato nel corso della settimana a darvi qualche suggerimento: Lunedì infatti vi ho presentato la nuova stagione del Teatro de Linutile (rileggi il post “Sta per iniziare la stagione del Teatro de Linutile”) che inizierà domani sera, sabato 14 gennaio, ore 21, con lo spettacolo “Agnese di Dio” della Compagnia Officine Papage, regia di Andrea Narsi, con Cristina Cavalli, Ilaria Pardini, Lucilla Tempesti. Nato da un’idea di Luca Elmi “Agnese di Dio” racconta la storia di una giovane suora, di nome Agnese, che partorisce nella cella di un convento di Montreal un neonato, ritrovato poco dopo strangolato. La giovane – che dichiara di non ricordare né il concepimento, né la gravidanza, né il parto – viene accusata di omicidio colposo: il compito di indagare andrà a una psichiatra, la dottoressa Martha Livingstone, che nella sua ricerca della verità, si scontrerà con la madre superiora Madre Miriam Ruth, responsabile del convento dove suor Agnese vive.  Biglietto 11 euro. E’ gradita la prenotazione. Per info e prenotazioni mail to: info@teatrodelinutile.com.

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Ancora teatro con gli appuntamenti inseriti nella Stagione di Prosa 2011-2012 al Teatro Verdi. Fino a domenica 15 gennaio, presso il Teatro Verdi, ci sarà lo spettacolo “La resistibile ascesa di Arturo Ui” di Bertold Brecht! Un appuntamento  “Buffa” e mordace parabola satirica sulla corruzione del potere, La resistibile ascesa di Arturo Ui racconta la cronaca nera della Berlino degli anni Trenta invasa dalle squadracce naziste, trasferita per invenzione dell’autore in una coeva Chicago in cui l’industria magnatizia del commercio dei cavolfiori prospera all’ombra sinistra del gangster Arturo Ui, satirico “alias” di Adolf Hitler. Scritta tra il 1940 e il ’41 dall’esilio finlandese, Brecht definirà in seguito l’opera una «farsa storica», dato il piglio ironico, salace ed «epico» al contempo con cui essa ricostruisce la tragicomica epopea di un trust scalcagnato in una città corrotta, ammiccante alla situazione economico-politica in dissesto nella Germania dello stesso periodo. Con Umberto Orsini assoluto protagonista nel ruolo del titolo, affiancato da una troupe giovane e affiatata, lo spettacolo intende 
assecondare pienamente l´ispirazione grottesca del copione, e conferisce al racconto una dimensione “circense”, con “numeri” brevi ed incisivi e con una serie rocambolesca di fatti di cronaca narrati e messi alla berlina. La parabola prende così la forma di una “rivista” briosa e nitida, caustica ed elegante sul tragico nonsenso del nostro passato.  Lo spettacolo si avvale delle musiche originali di Hans-Dieter Hosalla, eseguite dal vivo, delle scene di Antal Csaba e dei costumi di Gianluca Sbicca. Per info approfondite, orari e biglietterie clicca quì alla pagina di Padova Cultura!

Per ulteriori informazioni sulla Stagione di Prosa 2011-2012, si rinvia a: “Teatro Verdi. Stagione di prosa 2011-2012”

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Per gli amanti della musica dal vivo, vi segnalo la serata di sabato sera in compagnia della musica di qualità dei SenzaOrecchio, giovane band che propone cover dei gruppi più interessanti dell’attuale scena italiana di musica pop e rock: Modà, Afterhours, Nucleo, Francesco Renga, Sugarfree etc etc. Sabato 14 gennaio, infatti, potete assistere al live dei SenzaOrecchio al Conamara Irishland, il pub irlandese in zona Torre.

Per chi vuole suggerimenti relativi alla vita notturna il portale di riferimento è PadovaByNight!

 

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Per la domenica propongo due idee per trascorrere la giornata all’aria aperta. La stagione è ancora quella fredda ma senz’altro qualche ora all’aperto fa bene e meglio ancora se la si passa svolgendo un po’ di attività fisica. Al limite poi vi potrete ristorare con una bella bevanda calda: cioccolata con panna, thè, vin brulè..fate voi! 😉 La prima proposta è “Alla scoperta della Padova invisibile in bicicletta” . Ogni domenica a partire da domenica 15 gennaio e fino al 4 marzo 2012, dalle 9.30 alle 12.30 sono in calendario una serie di appuntamenti per scoprire Padova in bicicletta, proposti dall’associazione “Amici della bicicletta” e promossi dall’Assessorato alla cultura del Comune di Padova. I percorsi previsti sono facili e di circa 10 km ciascuno, l’iniziativa è rivolta a tutti. I percorsi si snodano in città. Domenica 15 gennaio si parte con “OLTRE AL SANTO”, visita alla Loggia e Odeo Cornaro, a cura di Monica Zussa – Assoguide. La seconda proposta è quella delle “Domeniche al Parco dei Colli Euganei”. Ritorna, anche per il periodo invernale e primaverile, il cartellone di escursioni domenicali sui sentieri dei Colli Euganei organizzato dagli escursionisti di Battaglia Terme. Si inizia domenica 15 gennaio TEOLO “I BOSCHI DEL MONTE ALTORE”. Partenza da Teolo. Tra boschi e coltivi, aggirando il Monte Altore, passando attraverso antiche maronerie e case rurali. Ritrovo al parcheggio di Piazza del Mercato. Per tutte le uscite il ritrovo è alle ore 8.15 da Piazza della Libertà di Battaglia Terme e alle ore 8.45 al parcheggio presso il punto di partenza dell’itinerario. Le escursioni partono alle ore 9.00. Gli itinerari della lunghezza di circa 6 km e con un percorso su sentieri collinari, sono accessibili a tutti gli escursionisti e gratuiti. E’ consigliato l’uso di scarponcini. In caso di avverse condizioni meteorologiche le escursioni potrebbero non essere effettuate a discrezione degli organizzatori. Lungo il tragitto, le guide del Parco ne descriveranno gli aspetti rilevanti. 

turismo padova terme euganee,padova,teatro de linutile,senza orecchio,live musica padova,nightlife padova,padova cultura,padova eventi,turismo veneto,blog di padova

Per gli appassionati di arte, invece, c’è il ricco programma di  RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“) la rassegna culturale “invernale” dedicata all’arte contemporanea. Fino al 12 febbraio sarà possibile visitare l’altrettanto bella mostra de   “Il Simbolismo in Italia” presso Palazzo Zabarella della Fondazione Bano e  “L’Hermitage a Padova. Un omaggio a Rembrandt”, frutto di una “partnership” culturale tra il prestigioso museo di San Pietroburgo e i Musei Civici agli Eremitani. Sul sito “Padova Cultura” è possibile scoprire tutti gli appuntamenti culturali in programma!

padova,turismo padova terme euganee,padovacard,gran teatro geox,ram padova,veneto: spettacoli di mistero,novecento privato,teatro de linutile,lingue d'italia,premio linutile del teatro,turismo veneto,travel blog,urban blog,uefa futsal cup,palafabrisLa mia è solo una stringente selezione delle molte proposte per il weekend  ma molte altre sono le iniziative per questoinizio d’anno, in giro per città e provincia, per tutti i gusti e tutti gli interessi. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana non mi stancherò mai di segnalarvi il portale Padova Eventi. 

Per finire segnalo come sempre ricordo due riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere questo o i prossimi week end: il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie!

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di oltre 870 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,comune di padova,progetto "south east european mobility management scheme,mobility manager,mobility center,turismo padova terme euganee,mobilità sostenibile

In attesa della partenza del nuovo servizio di bike sharing (di cui ho parlato il mese scorso in questo post), da un paio di settimane in stazione è attivo il nuovo servizio front office del Mobility Center. Collocato all’interno dell’ufficio turistico IAT (gestito da Turismo Padova Terme Euganee), il nuovo sportello “Mobility Center” offre informazioni sulla mobilità integrata a Padova e nello stesso tempo vuole trasmettere cultura sulla mobilità sostenibile proponendo tutte le modalità di spostamento rispettose dell’ambiente che l’amministrazione mette a disposizione di cittadini e turisti.

Si tratta di una prima iniziativa frutto del progetto comunitario “South East European Mobility Management Scheme” (SEE MMS) di cui il Comune di Padova Settore Mobilità e Traffico è partner assieme ad altre città dell’Unione Europea sud-orientale il cui obiettivo principale è comunicare in modo efficace come un cittadino o un turista, possa spostarsi velocemente e in sicurezza, usando i mezzi pubblici. Presso il front office del mobility center un operatore dà informazioni complete sulla mobilità, sugli spostamenti delle persone con i mezzi alternativi all’auto, sulla criticità temporanee della viabilità a causa di lavori o manifestazioni. Ma il servizio è anche web grazie al sito: mobilitycenter.comune.padova.it.

padova,comune di padova,progetto "south east european mobility management scheme,mobility manager,mobility center,turismo padova terme euganee,mobilità sostenibile

Nel corso degli ultimi anni è stato evidente, almeno per me, come il tema della mobilità sostenibile sia stato sviluppato e promosso concretamente in città. Basti pensare alla flotta degli autobus Aps a metano (a proposito, avete visto i nuovi display con la segnaletica dei tempi di arrivo alle fermate degli autobus? finalmente il gps anche a bordo dei bus!) al grosso investimento del tram, servizio apprezzato e largamente utilizzato in città (nonostante qualche problemino di troppo) che nei prossimi anni si amplierà grazie a nuove linee, la realizzazione di piste ciclabili, l‘ufficio mobilità ciclabile del comune che negli anni ha dato contributi ed incentivi per l’acquisto di bici a pedalata assistita o elettriche, servizi di custodia, noleggio e marcatura delle bici, iniziative culturali e ludiche come “alla scoperta della Padova invisibile in bicicletta“. E’ recente anche l’introduzione del servizio di car pooling e di car sharing, grazie al quale si può avere a disposizione un’auto senza spese di gestione e manutenzione e, come detto all’inizio il servizio di bike sharing, GoodBike , che sarà attivo a partire da marzo. Tutte proposte di mobilità sostenibile rivolti ai cittadini e a chi frequenta la città alle quali vanno aggiunte quelle a supporto dell’economia cittadina per il trasporto merci come l’introduzione da diversi anni ormai dei mezzi elettrici o a metano CityPorto e il recentissmo Triclò, il triciclo per la consegna merci in centro storico di cui pure ho scritto in questo post.

padova,comune di padova,progetto "south east european mobility management scheme,mobility manager,mobility center,turismo padova terme euganee,mobilità sostenibile

Tornando al Mobility Center le principali prestazioni sono le seguenti:
– fornire un nuovo servizio informativo per il turismo e per chiunque deve muoversi a Padova;
– sviluppare nei cittadini la coscienza dell’utilizzo della mobilità sostenibile;
– riequilibrare i modi degli spostamenti della persone attraverso i vari servizi di mobilità alternativi all’auto;
– informazioni relative al traffico nella tangenziale e nella rete autostradale locale.

Il Mobility Center si distingue dagli altri servizi informativi esistenti per le seguenti caratteristiche fondamentali:
– concentrazione delle informazioni di tutti i servizi esistenti per la mobilità e fornitura di elementi di comparazione e di integrazione fra i vari servizi;
– inserimento in rete internazionale con conseguente arricchimento di esperienze e di best practices;
-strumento di diffusione per servizi innovativi e comportamenti virtuosi.

padova,comune di padova,progetto "south east european mobility management scheme,mobility manager,mobility center,turismo padova terme euganee,mobilità sostenibile

Il Mobility Center è aperto dal lunedì al sabato dalle 9 alle 14 e in occasione di alcune feste: 06 gennaio, 19 febbraio, 8,9 e 25 aprile, 1 maggio e 13 giugno (festa di S.Antonio)

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di 848 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton

 

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatro

Ciao! Come da tradizione con il rogo della “vecia” dello scorso 6 gennaio abbiamo archiviato l’anno vecchio e spalancate le porte a questo 2012. Diverse, in questo periodo dell’anno, anche le iniziative culturali e le manifestazioni che daranno freschezza e una ventata di aria fresca alla vitalità della città e tra di queste c’è senz’altro la nuova Stagione del Teatro de Linutile. Dopo il successo del Premio Linutile del Teatro dello scorso novembre inizierà infatti sabato 14 gennaio la Stagione teatrale de Linutile con 5 appuntamenti mensili fino al 21 aprile. La scelta della direzione artistica, per questa stagione, è caduta su storie di passione: una passione che fa vivere e morire, che crea e distrugge e riporta sulla scena le vite di personaggi straordinari, oggi più che mai legati alla nostra contemporaneità. Per lo spettatore, un viaggio alla scoperta di quello che si è stati e di cosa si può diventare. Di come ci si può trasformare.

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatro

Ad inaugurare il cartellone, sabato 14 gennaio andrà in scena “Agnese di Dio” della Compagnia Officine Papage, regia di Andrea Narsi, con Cristina Cavalli, Ilaria Pardini, Lucilla Tempesti. Nato da un’idea di Luca Elmi “Agnese di Dio” racconta la storia di una giovane suora, di nome Agnese, che partorisce nella cella di un convento di Montreal un neonato, ritrovato poco dopo strangolato. La giovane – che dichiara di non ricordare né il concepimento, né la gravidanza, né il parto – viene accusata di omicidio colposo: il compito di indagare andrà a una psichiatra, la dottoressa Martha Livingstone, che nella sua ricerca della verità, si scontrerà con la madre superiora Madre Miriam Ruth, responsabile del convento dove suor Agnese vive. Sabato 14 gennaio, ore 21.00.  Biglietto 11 euro. E’ gradita la prenotazione. Le prenotazioni restano valide fino a 30 minuti prima dell’inizio degli spettacoli

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatro

A seguire nei sabati successivi si svolgeranno gli altri spettacoli in programma (nella foto sulla destra di Sabrina Cazzola, un momento di uno spettacolo del Premio de Linutile). Sabato 11 febbraio sul palco de Linutile sarà di scena “Camilla” della Compagnia Il Sipario Strappato con Alessandra Caviglia, Davide Mancini, Marco Taddei per la regia di Lazzaro Calcagno. Sabato 10 marzo sarà la volta di “Madama Bovary” della Compagnia Teatro della Caduta, scritto e interpretato da Lorena Senestro e liberamente ispirato a “Madame Bovary” di Gustave Flaubert, con brani tratti da Guido Gozzano e Cesare Pavese. Sabato 31 marzo si ritorna alla contemporaneità  con “Finzioni in tre capitoli e una premessa” prodotto dalla Compagnia Teatro Minimo, di e con Fulvio Pepe: un serrato monologo di 50 minuti che offre al pubblico la particolare percezione di cui gode l’attore interpretando la vita e il mondo che ci circonda, lavorando alla costruzione di personaggi sempre nuovi nati da testi e contesti diversi. 
La stagione si chiude sabato 21 aprile con una nuova produzione del Teatro de Linutile: “Maria Stuarda”, liberamente tratto da Maria Stuart di Friedrich Schiller con Marta Bettuolo e Stefano Eros Macchi, per la regia di Stefano Eros Macchi. 

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatro

Oltre agli spettacoli serali, il Teatro de Linutile offre nel corso del 2012 altre proposte per bambini e famiglie, il sabato alle 16.30: si parte sabato 21 gennaio con lo spettacolo della Maga Gaia, che tra una risata e un colpo di bacchetta magica, trasporterà i bambini in un mondo fantastico dove tutto accade per una sola ragione: quella di farli sorridere, stupire e sentire gli unici veri protagonisti di un’avventura incredibile. Sabato 3 marzo il Teatro de Linutile presenta invece la sua prima produzione per bambini con lo spettacolo “Grimm Story” interpretato da Marta Bettuolo, Silvia Aufiero e Stefano Eros Macchi (che ne cura anche la regia). Lo spettacolo narra le vicende del fedele segretario dei Fratelli Grimm, a cui è affidato il compito di trascrivere i loro appunti per una nuova esilarante raccolta di fiabe della tradizione. 

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatroAnche la musica avrà il suo spazio: due infatti gli appuntamenti proposti per il 2012 rivolti a grandi e piccini, sempre il sabato alle 16.30: il 28 gennaio sarà la volta di “Progetto Don Quichotte”, uno spettacolo di musica, letture e danza ideato dal baritono Stefano Lovato. Incentrato sulla figura del Cavaliere della Mancha, con brani dal “Don Quichotte” di Manuel Cervantes e musiche di Massenet, Ravel, Ibert e Leigh. Sabato 25 febbraio andrà in scena invece “Il “Vaga Luna” si diverte…” a cura di Stefano Lovato con l’ensemble femminile “Vaga Luna” in un pout-pourri di musiche (tra il serio e lo scherzoso) di Rossini, Mendelsshon, Brahms, Schumann, Faurè, Hahn, Holst, Chabrier, Copland. Al pianoforte Alvise Pellegrini che accompagna l’ensemble composto da Morena Pezzetti, Marina Burri, Cristina Costalonga, Monica Voltan, MariaGrazia Cusin, Resi Marcassa, Anna Maria Zorzi, Chiara Muraro, Annarita Bastianelli, Annalisa Gaddo, Antonia Sopelsa. Dirige Stefano Lovato.

padova,padova cultura,padova eventi,teatro de linutile,turismo padova terme euganee,il blog di padova,padova urban blog,virgiliocittà,virgilio.it,veneto teatro

Prosegue inoltre la campagna abbonamenti del Teatro de Linutile: fino a venerdì 13 gennaio sarà possibile prenotare via mail un abbonamento per i cinque spettacoli della Stagione 2012 del Teatro de Linutile, dal 14 Gennaio al 21 Aprile, al prezzo di 50 Euro. Gli interessati possono mandare una mail a info@teatrodelinutile.com con i dati (nome, cognome, data e luogo di nascita, indirizzo email) e ritirare poi l’abbonamento direttamente in biglietteria la sera del primo spettacolo, sabato 14 gennaio 2012. 

 

Teatro de LiNUTILE
Via Agordat, 5 – 35138
Padova Tel. 049/2022907

Abbonamento a 5 spettacoli: 50 euro
Biglietto unico: 11 euro
Possessori “Studiare a Padova Card”: 9 euro
Spettacoli per bambini: 7 euro
Per info e prenotazioni mail to: info@teatrodelinutile.com  
Sito web www.teatrodelinutile.com
Linutile Blog: http://teatrodelinutile.wordpress.com/ .
Linutile è anche su facebook

Riguardo alla proposta di grande qualità e all’offerta che il Teatro de Linutile esprime vi ricordo l’Accademia de Linutile, la prima scuola professionale di teatro per ragazzi a Padova partita quest’inverno e di cui ho scritto nel post “Accademia de Linutile: apre la prima scuola di teatro per ragazzi a Padova!”

Agnese di Dio from ilaria pardini on Vimeo.

PS: Sto cercando di far crescere la pagina facebook che ha raggiunto comunque il considerevole numero di 848 “fans” o amici. Mi date una mano? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se ne avete voglia condividete pure questo post così come tutti quelli che pensate possano interessare ai vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

  My facebook: Alberto Botton 

My Twitter: albertobotton