padova,padova cultura,ippolito nievo,mostra su ippolito nievo,musei civici agli eremitani,musei civici padova,@italia150,150 anni italia

Ciao a tutti! Lascio spazio ad Antonella Meneghel, operatore didattico museale presso l’assessorato alla cultura del Comune di Padova (la sua prentazione a fondo pagina), che quest’oggi è “guest blogger” di Virgilio Padova e che ci presenterà la mostra dedicata ad Ippolito Nievo. Prima di lasciare la parola ad Antonella mi permetto di segnalarvi il sito della Fondazione Nievo che dal gennaio 2010 si chiama Fondazione Ippolito e Stanislao Nievo, scrittore e viaggiatore, nonchè inventore dei Parchi Letterari (www.parchiletterari.com), marchio registrato della Fondazione Ippolito Nievo, che in tutta Italia li istituisce, li avvia all’attività e ne cura il controllo. Leggi quì un articolo proprio di Stanislao che parla anche di un luogo, tra Veneto e Friuli, lungo il fiume Venchieredo amato dal suo prozio Ippolito e anche da Pasolini. per approfondire guardate anche la puntata de “La storia siamo noi” “Ippolito Nievo: inchiesta sui mille“.

padova,padova cultura,ippolito nievo,mostra su ippolito nievo,musei civici agli eremitani,musei civici padova,@italia150,150 anni italia

“Nella notte fra il 4 ed il 5 marzo 1861 il piroscafo Ercole, partito dal porto di Palermo alle ore 12 e 20 minuti e diretto a Napoli, a causa di forze metereologiche avverse, si inabissa trascinando con sé in mezzo ai flutti, oltre al carico, anche il corpo dello sfortunato garibaldino Ippolito Nievo. Nel naufragio periscono anche i suoi uomini di fiducia e tre casse piene di documenti. Tutti i passeggeri periscono, né relitti né cadaveri saranno restituiti alla terra.

padova,padova cultura,ippolito nievo,mostra su ippolito nievo,musei civici agli eremitani,musei civici padova,@italia150,150 anni italia

Questa mostra si inserisce fra le iniziative padovane per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, nel desiderio di cogliere impressioni ed idee sul periodo in cui i veneti parteciparono in maniera consistente all’impresa dei Mille. Fra loro una ventina erano padovani e fra questi il nostro Ippolito.
La Mostra, promossa dal Comune di Padova, presso i Musei Civici Eremitani, si propone di analizzare l’impegno per l’unificazione dell’Italia dello scrittore garibaldino attraverso il suo percorso umano e letterario. La nostra città è la terza sede ospitante, dopo il grandioso successo ottenuto a Roma lo scorso 16 marzo con l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Per la prima volta sono esposti in mostra alcune opere in autografo, tra cui il capolavoro Le confessioni d’un Italiano assieme a lettere, appunti, prime bozze di racconti e disegni autografi. Rare prime edizioni e una ricca sezione iconografica completano il percorso espositivo. Fra amori platonici per le cugine, racconti dei villici nei campi di sua proprietà e uno sconfinato e bruciante desiderio di esplorazione connaturato con la sua ribellione giovanile.

Il percorso ci mostra il giovane Ippolito, passato come una meteora nel dispiegarsi della storia risorgimentale italiana e nei nostri libri scolastici, finalmente analizzato con metodo compiuto e corretto nel suo mondo pubblico e privato. Il principio guida di questo progetto espositivo è il concetto che il museo può realmente rappresentare la “memoria attiva” della comunità a cui appartiene solo se viene conosciuto e compreso nella sua molteplice valenza culturale. Perché il presente è frutto del passato e costruisce a sua volta il futuro.padova,padova cultura,ippolito nievo,mostra su ippolito nievo,musei civici agli eremitani,musei civici padova,@italia150,150 anni italia
Ippolito Nievo negli scritti autografi verso l’unità d’Italia
Padova, Musei Civici agli Eremitani, piazza Eremitani, dal 15 ottobre al 13 novembre 2011. Mostra promossa dal Comune di Padova – Assessorato alla Cultura, Musei Civici
Info:
Orario: da martedì a domenica 09:00 – 19:00, chiuso tutti i lunedì non festivi
Ingresso: intero (per mostra, Museo e Palazzo Zuckermann) euro 10.00; cumulativo (mostra, Museo, Palazzo Zuckermann e Cappella degli Scrovegni) euro 12.00; ridotto euro ,8.00, scuole euro 5.00.
musei@comune.padova.it
http://padovacultura.padovanet.it
Per informazioni: Musei Civici di Padova, tel. 049 8204551 – 049 8204508

“Ippolito Nievo narratore e poeta. La fortuna all’estero”
Presso il Centro Porsche Italia (Corso Stati Uniti 35), inoltre, seconda sede della mostra, si possono ammirare una trentina di preziosissimi testi di proprietà della Fondazione Nievo.
Info: Ingresso libero. Orario: da lunedì a venerdì 09:00 –19:00, sabato 09:00-12:00, chiuso la domenica.
www.porsche.it
attivita.culturali@porsche.it”

Antonella Meneghel 

padova,padova cultura,ippolito nievo,mostra su ippolito nievo,musei civici agli eremitani,musei civici padova,@italia150,150 anni italia

“Mi chiamo Antonella Meneghel. Ho trentacinque anni e, da dieci, lavoro nel campo dell’arte e della cultura. Sono specializzata nel periodo storico medievale e ottocentesco. Fin dalla laurea, conseguita presso l’Università degli Studi di Padova, ho sentito forte dentro di me il bisogno di comunicare il ” sapere” che avevo appreso nei miei lunghi anni di studio e volevo farlo assolutamente nella mia città. Il Museo Civico è stato il “tempio” della mia formazione professionale e personale, ma mi sono altresì occupata della valorizzazione del patrimonio storico artistico dei monumenti nella Provincia di Padova , scrivendo testi per cataloghi e pubblicazioni per il settore conservativo delle Ville Venete, Villa Pisani e Villa Contarini; il mio percorso culturale non si è fermato alla collaborazione di testi, ma continuo ad esercitare come “ operatore didattico” nella città di Padova creando itinerari storico-artistici per Il Settore Attività Culturali principalmente per monumenti come Palazzo della Ragione, la Cappella degli Scrovegni e il Caffè Pedrocchi. In particolari occasioni, partecipo in qualità di collaboratore della commissione scientifica dell’Assessorato alla Cultura, con conferenze e visite guidate a particolari gruppi di utenti e nelle presentazioni ufficiali delle attività culturali. Faccio parte inoltre, della Commissione scientifica che annualmente si riunisce per scegliere la tematica dei Notturni d’Arte e per ideare i percorsi da presentare ogni estate ai visitatori.
L’amore per il teatro, sviluppato negli anni liceali, mi ha dato inoltre l’occasione per realizzare un laboratorio didattico medievale presso i Musei Civici, imperniato sulla vita quotidiana nella Padova Carrarese, ricreando come costumista, scenografie, abiti originali e oggetti della vita quotidiana, finalizzati ad un uso consapevole delle tradizioni locali padovane e dedicato in special modo agli utenti delle scuole superiori.
Dove mi potete trovare presso il Comune di Padova – progetto Impara il Museo, percorsi attivi fra le collezioni dei Musei e i monumenti della città:

Notturni d‘Arte e Incontra Padova:
http://padovacultura.padovanet.it/

Se desiderate saperne più potete contattarmi alla mia pagina Facebook, lì troverete tutto ciò che mi riguarda e molto di più: http://www.facebook.com/antonella.meneghel 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

725540060.jpeg

Ciao a tutti! Sta per iniziare il fine settimana conclusivo di questo mese di ottobre che ci traghetterà alle festività di Ognissanti e dei Morti e , come (quasi) sempre al post del venerdì con alcune proposte per trascorrerlo piacevolmente. Naturalmente prosegue la programmazione degli eventi tipici di questa stagione, l’autunno, ricca di manifestazioni ed iniziative legate al territorio, ai suoi prodotti e alla riscoperta delle sue tradizioni e della sua storia. 

Il portale Padova Eventi ha predisposto un contenitore di eventi denominato “L’autunno è da noi” all’interno del quale sono previsti molti appuntamenti ed iniziative interessanti: Rievocazioni Storiche,  Feste del Gusto e Fiere Franche sparse fra Padova e la sua bella Provincia. Ma Padova invita cittadini e gentili ospiti tra i suoi sontuosi palazzi proponendo anche una serie di appuntamenti culturali di massimo rilievo, non solo quindi feste popolari e goderecce. Scoprite le belle mostre in programma oppure gli appuntamenti con il teatro senza dimenticarci, poi, della musica!

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Vista l’imminente festività di Ognissanti e dei morti, e una valorizzazione tutta commerciale di Halloween importata dagli Usa, mi fa piacere parlare invece dell’iniziativa della regione Veneto e dell’unione delle pro loco regionali nell’allestire la terza edizione del festival “Veneto: spettacoli di mistero” per sottolineare le origini comuni della festività di halloween ma anche una sua visione più autentica, più legata alla terra e all’alternarsi delle stagioni. Saranno 213, in 83 località su tutto il territorio regionale, gli eventi che, dal 28 ottobre al 4 dicembre, coinvolgeranno piazze, ville, aie, teatri, castelli e giardini, con oltre cinquemila volontari. Per quanto riguarda il territorio di Padova sono ben 29 gli eventi in città ma soprattutto in diverse località della provincia. Si comincia oggi, venerdì 28, con la microvacanza di Monselice dove i partecipanti saranno “cullati”, per non dire terrorizzati (eheh) dalla “leggenda della crudele Donna Avalda”, che al Castello di Monselice vaga ancora tra le mura in cerca di giovani amanti da amare e trafiggere con lame d’acciaio. Per scoprire tutti gli altri eventi in programma nel weekend, a Sant’Elena d’Este, a Padova, a Valsanzibio, a Due Carrare, a Saonara, a Grantorto, leggi il mio post di presentazione del festival “Il Veneto svela il suo lato oscuro e tenebroso. Tornano gli spettacoli di mistero!” o clicca sulle località che ospiteranno gli eventi.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Qualche settimana fa ho dedicato un mio post alla grande offerta di concerti e spettacoli del Gran Teatro GEOX. Rileggi: “Padova nel circuito dei grandi eventi grazie al Grande Teatro GEOX. Riprende una nuova stagione di concerti e spettacoli!” . In questo weekend ci sono di quegli eventi che certificano questa mio entusiasmo nei confronti del Gran Teatro e del lavoro di Zed.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Questa sera, venerdì 28, lo spettacolo dei fortissimi “Fichi d’India”, “amici ahrarara, aahraarara,” :D! Divenuti una delle coppie comiche più apprezzate della televisione Italiana, i Fichi d’India hanno anticipato il fenomeno Zelig e dato vita a numerosi imitatori. Uno spettacolo con le esilaranti gags che li hanno resi famosi! Loro si chiamano Bruno Arena e Massimiliano Cavallari e sono da anni protagonisti nelle trasmissioni cult di comicità e cabaret, da Zelig a La sai l’ultima?, da Colorado, a Scherzi a parte, da Quelli che il calcio a Buona domenica fino al Maurizio Costanzo Show. I Fichi d’India proporranno uno spettacolo con le esilaranti gags che li hanno resi famosi, abili come sempre nel riproporre in chiave ironica personaggi televisivi, fiabeschi e paradossali reinterpretazioni di aneddoti tratti dal quotidiano(leggi la presentazione completa di tutte le info sul sito ufficiale del Gran Teatro GEOX). “Sabato 29 ottobre due leggende della musica rock americana saliranno sul palco del Gran Teatro GEOX: David Crosby e Graham Nash.  Solo 4 concerti in Italia (Padova, Milano, Firenze e Roma) e uno solo nel Nord-Est, proprio al Gran Teatro GEOX, che conferma la sua vocazione ad essere un contenitore di eventi di eccellenza. I due grandi musicisti hanno conquistato un posto d’onore nella storia della musica soprattutto suonando con Stephen Stills e Neil Young. La loro musica, che affonda in quel brodo primordiale folk rock da cui provengono tutti i grandi nomi degli anni Sessanta e Settanta, è considerata una risposta a stelle e strisce ai Beatles, con un tocco in più di “rivoluzione” e di beat. Il tour è organizzato e prodotto da D’Alessandro e Galli. La data di Padova è organizzata da ZED!” (leggi la presentazione completa di tutte le info sul sito ufficiale del Gran Teatro GEOX). Lunedì 31, lo spettacolo di uno dei tre migliori ballerini di tango del secolo, Miguel Angel Zotto! «Il nostro tango di Buenos Aires è un modo di vivere». Con 26 anni di tango da professionista sulle gambe, premi ricevuti, grandi coreografie, Zotto è considerato il pioniere del tango moderno nel mondo, colui che gli ha ridato linfa vitale. Al gran teatro andrà in scena lo spettacolo “Puro Tango” che si propone come l’essenza del tango! (leggi la presentazione completa di tutte le info sul sito ufficiale del Gran Teatro GEOX).

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Torno ancora una volta a ricordarvi la seconda edizione di RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“),  la rassegna culturale “autunnale-invernale” dedicata all’arte contemporanea ma non solo, anche alla fotografia, alla danza, al cinema e a molti eventi culturali che Padova offre ai suoi cittadini e visitatori. Acronimo di Ricerche Artistiche Metropolitane, RAM ha l’obiettivo di creare in città delle situazioni artistiche espressive dei nuovi linguaggi del contemporaneo, attraverso mostre, performance, proiezioni, incontri e giornate di studio, workshop, percorsi didattici. Ho anche acquistato (costo 5 euro) la tessera RAM che mi consentirà di vedere gratuitamente varie mostre (esclusa Percorsi dello sguardo. Arte del ‘900 e oltre e La Biennale del Bronzetto) + ingresso Fiera Arte Contemporanea ArtePadova. Il tema centrale di RAM 2011 è rappresentato dal valore dell‘Arte come comunicazione sociale, come esperienza finalizzata al coinvolgimento della collettività, per far dialogare la città di Padova con l’innovazione e i nuovi linguaggi artistici del Terzo Millennio. Cliccate sui link precedenti per scoprire il programma!

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Dopo l’inaugurazione, prevista per sabato 29, proprio domenica 30 ottobre aprirà la mostra “clou” del programma di RAM vale a dire “Novecento Privato. Arte Italiana con vista su Padova” a cura di Virginia Baradel, storica e critica di arte contemporanea. La mostra è come un racconto che scorre tra le pagine più famose dell’arte italiana della prima metà del Novecento. Sala dopo sala s’intrecciano le storie dei protagonisti, in particolare di coloro che ebbero, in qualche tempo e per qualche ragione, rapporti con la città di Padova.  Le opere provengono tutte da collezioni private, in prevalenza padovane, e consentono di allestire un percorso articolato che parte con la pittura moderna d’inizio secolo, abbraccia il “ritorno all’ordine” dopo la tragedia della guerra, affianca l’ideologia fascista con la classicità del Novecento di Margherita Sarfatti da un lato e con le turbolenze del secondo Futurismo dall’altro, mentre si profila all’orizzonte la reazione antagonista dei pittori di Corrente.  Saranno esposte oltre cento opere, tra quadri e sculture, di sessanta artisti. I grandi artisti del Novecento italiano come Boccioni, Balla, Gino Rossi, Sironi, Funi, Campigli, Martini, Severini, Oppi, De Pisis, Cagnaccio di San Pietro, Prampolini, Guttuso, Sassu, Birolli e molti altri racconteranno una storia appassionante che riguarda anche Padova. Per maggiori informazioni vi rimando alla pagina di PadovaCultura.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Questa è solo una stringente selezione delle molte proposte per questo weekend. Molto arte, molta cultura ma nel fine settimana ci si vuole anche divertire, uscire a ballare. Per la vita notturna delego al sito PadovaByNight   ma visitando il portale Padova Eventi  molte sono le iniziative, come sempre, in giro per il territorio di città e provincia, per tutti i gusti e tutti gli interessi. Un’idea potrebbe essere anche quella di andare a vedere la mostra dei Vini Doc dei Colli Euganei a Torreglia che aprirà sabato. In Fiera da ieri fino a domenica c’è “Auto e moto d’epoca”, una se non la più importante manifestazione del settore. Sabato ci sarà “Padova Halloween Parade”. I ragazzi dei centri diurni regalano, alla nostra città, una grande festa in maschera. L’evento prevede un festoso corteo di figuranti, accompagnati da enormi zucche (lanterne di carte realizzate all’interno dei laboratori dei centri) e preceduto dalla Banda di Selvazzano Dentro. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana vi indico il link sul portale di Padova Eventi dedicati agli appuntamenti in programma oggi venerdi 28, sabato 29 e domenica 30 ottobre, lunedì 31, martedì 1 novembre.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,veneto: spettacoli di mistero,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Per concludere ricordo ovviamente che, presso la prestigiosa sede di Palazzo Zabarella in via S.Francesco, continua la mostra Il Simbolismo in Italia, aperta ormai da diverse settimane e che vi ho presentato con questo post. Questa mostra sta riscuotendo approvazioni ed apprezzamenti sia per la qualità dell’allestimemento sia soprattutto per le bellissime opere che vi si possono ammirare.  Fino al 12 febbraio. Una mostra cui Federico Bano, con la sua Fondazione, stava lavorando da ben cinque anni, volendo proporre non opere simboliste qualsivoglia ma proprio quelle “giuste”, a dar correttamente conto di una stagione particolarmente felice dell’arte italiana tra Otto e Novecento. Per info www.palazzozabarella.it

Per finire segnalo come sempre ricordo due riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere questo o i prossimi week end: il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie.  

Buon fine settimana! 😉

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualcosa di Padova un aneddoto, presentare un evento, l’attività della propria associazione culturale, sportiva etc, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vpadovablog@virgilio.it e potreste essere il prossimo/la prossima guest-blogger. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebookdel blog? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Condividete pure questo post cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,padovacard,convegno nazionale sui musei accoglienti,musei accoglienti,castello del catajo,piccoli musei,museo della navigazione fluviale

Domani giovedì 27 ottobre, presso la prestigiosa sede del Castello del Catajo di Battaglia Terme ai piedi dei Colli Euganei si terrà il secondo convegno nazionale dedicato sui “Musei Accoglienti” e ad una nuova cultura gestionale per i piccoli musei, promosso da Turismo Padova Terme Euganee.
Il primo convegno (maggio 2010) che ha visto una grande partecipazione di pubblico aveva concluso che “un piccolo museo ha bisogno di una cultura specifica e non può essere gestito con le stesse modalità di un museo di grandi dimensioni”.

Giovedì 27 ottobre si approfondiranno aspetti legati alle Problematiche dei Piccoli Musei, con interventi di Giancarlo Dall’Ara (Consulente e docente di marketing del Turismo presso CST Assisi), Aurora di Mauro (Funzionario P.O. Musei-Direzione Beni Culturali Regione Veneto) e Giampoalo Proni (Docente di Semiotica, Università di Bologna); le Esperienze e le buoni prassi, con le relazioni di Ilaria Picardi e Chiara Marziani, Manuela Allegro e Lauretta Longagnani; la terza sessione prevede Le Proposte di Paola Zanovello (Presidente del Corso di Laurea Progettazione e Gestione Turismo Culturale), Ivana De Toni (Responsabile Centro Servizi Rete Museale Alto Vicentino), Marzia Tiglio (Consulente Museale) e Roberto Cerri (Coordinatore Rete Museale dell’Unione Valdera). Le conclusione sono affidate a Lucia Boaretto, Assessore alla Cultura del Comune di Battaglia Terme e a Flavio Manzolini, Presidente Turismo Padova Terme Euganee.

Al termine del convegno ci sarà una visita guidata al Museo della Navigazione Fluviale di Battaglia Terme. Nel sito www.piccolimusei.com potete trovare il materiale del primo convegno che si è tenuto a Castenaso e anche del materiale didattico per chi vuole approfondire il tema. 

La partecipazione è gratuita, si prega di dare conferma alla Segreteria di Turismo Padova Terme Euganee 049 8767924, segreteria@turismopadova.it. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,veneto: spettacoli di mistero,spettacoli di mistero,leggende venete,halloween,ognissanti

Siamo quasi alle porte di novembre e l’inverno pian piano si avvicina. Da sempre questo è il periodo in cui la terra si prepara all’inverno ed in cui, in tutta Europa, era necessario ricoverare il bestiame in luogo chiuso per garantirgli la sopravvivenza alla stagione fredda ed è in questo periodo che alla “morte” della terra si associa il pensiero ed il culto dei defunti e la ricorrenza di Halloween. Festività cattoliche e memorie di usanze e riti pre-cristiani si accavallano riportando alla luce l’antico e forte legame tra la vita delle famiglie contadine e la terra e tra mondo dei vivi e dei morti e perchi crede che Halloween sia una cosa tutta anglosassone legga quì.

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,veneto: spettacoli di mistero,spettacoli di mistero,leggende venete

Venerdì 28 partirà la terza edizione di“Veneto: spettacoli di mistero”, l’iniziativa promossa dall’assessorato all’Identità veneta della Regione del Veneto e organizzato da sessanta Pro Loco dell’Unpli regionale (in collaborazione con cinque consorzi e diciotto realtà territoriali tra Comuni, associazioni culturali e privati) che ci farà tornare in questo Veneto ancestrale del quale saranno svelate storie, leggende e miti che forse solo le persone molto anziane conoscono perchè trasmesse loro di padre in figlio. Un Veneto misterioso, tenebroso che potrebbe essere benissimo il set di un fumetto di Dylan Dog in cui streghe, fantasmi, folletti piuttosto che cavalieri sanguinari ci raccontano la loro storia…per cui…pauraaa!

Saranno 213, in 83 località su tutto il territorio regionale, gli eventi che, dal 28 ottobre al 4 dicembre, coinvolgeranno piazze, ville, aie, teatri, castelli e giardini, con oltre cinquemila volontari. Nelle 142 tappe previste, artisti di strada, attori, cantastorie, mangiafuoco e danzatori metteranno in scena spettacoli teatrali, visite guidate, serate di racconto e lettura, film e rievocazioni in costume, all’insegna dello slogan «Il Veneto… ti strega». «Non mancano le novità, in un cartellone ancor più ricco degli anni scorsi – ha sottolineato il direttore artistico del festival, Alberto Toso Fei – ma lo schema resta lo stesso: rievocare, riproponendolo sotto forma di spettacolo, tutte le nostre antiche storie: un patrimonio che ci appartiene da secoli» (virgolettato da articolo de “Il Corriere del Veneto”). 83 località in tutto il Veneto con eventi tutti da gustare, nel senso anche letterale del termine perchè senz’altro non mancheranno anche occasioni per godere dei prodotti del territorio e promuovere la nostra enogastronomia nei confronti dei turisti che parteciperanno a questi eventi.

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,veneto: spettacoli di mistero,spettacoli di mistero,leggende venete,halloween,ognissanti

Per quanto riguarda  il territorio di Padova, da venerdì 28 ottobre fino al 4 dicembre, sono ben 29 gli eventi in città ma soprattutto in diverse località della provincia. Si inizia il prossimo weekend! Venerdì 28 c’è la proposta di una “microvacanza” a Monselice. Una Microvacanza bella… da far paura! In collaborazione con Coldiretti Veneto, una breve vacanza a km zero cullati dalla “leggenda della crudele Donna Avalda”, che al Castello di Monselice vaga ancora tra le mura in cerca di giovani amanti da amare e trafiggere con lame d’acciaio. Ma anche Villa Draghi con i suoi fantasmi e la Torre del lago antico riparo di briganti. Terme, prodotti tipici e racconti con il misterioso “Batti Marzo”. Per info telefonare allo 330 53 71 59 www.unaltracosatravel.it. Sempre venerdì a Sant’Elena D’este “I racconti del Filò tra barchesse e ville“.

Sabato 29 a Padova c’è “Padova esoterica: alla scoperta di simboli e curiosità”, una passeggiata nel centro storico della città seguendo gli scorrimenti energetici presenti, conosciuti ed utilizzati fin dai tempi più antichi, alla scoperta di simboli e immagini che nel corso dei secoli hanno caratterizzato luoghi ed edifici della nostra città. Si potrà imparare a leggere ed interpretare simboli e segni presenti in statue, chiese e palazzi. Appuntamento sotto la gradinata della Basilica di Santa Giustina in Prato della Valle, alle ore 10,30. Si attraversa Prato della Valle soffermandosi in vari punti; si prosegue in esterna e si giunge al Caffè Pedrocchi, dove si visita il piano nobile, si conclude con la visita all’interno del Palazzo della Ragione.Durata della passeggiata c. 1 ora e 30 min. Visita guidata € 5,00. Biglietti ingresso ridotti € 4,50 (Caffè Pedrocchi e Palazzo della Ragione) enotazione obbligatoria al n. 049 – 8719255 dal lunedì al venerdi h. 9-13; 14.30 -18; 348 – 3302823. Progetto Immaginarte – Studi e progetti per la cultura.- www.immaginarte.pd.it.

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,veneto: spettacoli di mistero,spettacoli di mistero,leggende venete,halloween,ognissanti

Domenica 30 ci saranno addirittura 3 eventi. A Valsanzibio ci sarà la visita guidata “Simboli e segreti del Giardino di Villa Barbarigo”, uno dei giardini storici più belli d’Italia, portato all’attuale splendore nella seconda metà del Seicento, dal nobile veneziano Zuane Francesco Barbarigo, padre di Gregorio, che divenne cardinale, vescovo di Padova e poi Santo.  È un giardino simbolico, i cui molteplici richiami alla mitologia ed i legami con il neoplatonismo sono oggi per molti versi oscuri; tale insieme venne concepito ed attuato per simboleggiare il cammino dell’uomo verso la propria salvezza. Un percorso ricco di fascino, metafore e mistero. Progetto Immaginarte. Per info su prezzi e prenotazioni clicca quì. A Saonara invece appuntamento con “Idoli e suggestioni nel Giardino Valmarana”. Nel giardino della villa si trova la Cappella dei Templari, che costituisce ancora oggi il punto focale di uno stimolante itinerario che avanza tra acque, cascatelle e luci improvvise provenienti dall’alto della vegetazione, fino all’enigmatica statua di Baffometto, il nume protettore della setta massonica. Il giardino è stato progettato dal famoso architetto Giuseppe Jappelli, abile nell’ideare paesaggi artificiosamente naturali, per l ricco e munifico parco per Antonio Vigodarzere, proprietario terriero. Progetto Immaginarte. Per info su prezzi e prenotazioni clicca quì. A Due Carrare è prevista una domenica di “Strane presenze a San Pelagio” Il Castello di San Pelagio: il Parco, la Torre, il Museo…ospitano strane presenze. Il fantasma Pelagino accompagna i piccoli visitatori in un viaggio nei passaggi segreti del Castello dalla ghiacciai attraverso i labirinti fino alla torre medievale. La strega Holda guida i piccoli visitatori nella creazione di un orribile mostro…con strani poteri magici! Per mamma e papà: visita guidata al Museo del Volo…negli oscuri corridoi del Castello. Per info su programma della giornata, prenotazioni e prezzi clicca quì!

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,veneto: spettacoli di mistero,spettacoli di mistero,leggende venete,halloween,ognissanti

Lunedì 31 a Grantorto c’è la Festa dea Lumera.  Non aprite quel manoscritto è una piccola rappresentazione teatrale pensata in occasione della festa della lumèra, che da molti anni viene celebrata nel nostro paese. Tradizione vuole che, la notte di Ognissanti, si intagli una zucca e se ne ricavi una faccia paurosa. All’interno di essa si pone una candela; la zucca viene poi posizionata fuori dalla casa in un posto ben visibile come protezione da demoni e spiriti malvagi. Nella notte del 31 ottobre infatti, ai tempi dei nostri nonni, le campane della chiesa di Grantorto suonavano una tetra melodia fino a notte inoltrata, creando un clima di solenne rispetto, in vista delle celebrazioni dei morti del giorno successivo, che portava indubbiamente però tristezza negli adulti e spesso anche paura nei bambini. Era tradizione dei paesani portare ai campanari vino, castagne, e patata americana la sera finchè suonavano le campane.

Per tutti gli altri eventi in territorio padovano e regionale consultate il sito completo di informazioni http://www.spettacolidimistero.it ve potrete trovare il programma dei moltissimi eventi e le proposte turistiche. Guardate i video che presentano i vari eventi presentandoci i primi misteri sul canale youtube del festival. Per quanto riguarda Padova potrete scoprire la leggenda della Madonna e il gatto di Carceri (guarda il video sotto). Se il mondo dei miti, delle leggende vi affascina potrete approfondire la cosa iscrivendovi al gruppo facebook “Veneto. Spettacoli di mistero”

Buon divertimento ma soprattutto tanta PAURA! gnè gnè gnè! 😀

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

725540060.jpeg

Ciao a tutti! Già da qualche settimana vi sto proponendo il contenitore di eventi autunnale pensato dal portale Padova Eventi, denominato “L’autunno è da noi”. Molti appuntamenti ed iniziative interessanti: Rievocazioni Storiche,  Feste del Gusto e Fiere Franche sparse fra Padova e la sua bella Provincia. Ma Padova invita cittadini e gentili ospiti tra i suoi sontuosi palazzi proponendo anche una serie di appuntamenti culturali di massimo rilievo, non solo quindi feste popolari e goderecce. Scoprite le belle mostre in programma oppure gli appuntamenti con il teatro senza dimenticarci, poi, della musica!

Un paio di settimane fa ho dedicato il mio post che di solito dedico agli appuntamenti per il fine settimana alla grande offerta di concerti e spettacoli del Gran Teatro GEOX nel post: “Padova nel circuito dei grandi eventi grazie al Grande Teatro GEOX. Riprende una nuova stagione di concerti e spettacoli!” .

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo venetoDopo Alice Cooper e Mario Biondi, che hanno suonato la scorsa settimana, questa sera, venerdì 21, sarà la volta del live di J-AX. Dopo il sold out del 2010, J-AX torna sul luogo del delitto: l’appuntamento con l’hip hop è per stasera al Gran Teatro Geox di Padova. Negli ultimi anni questo mutevole artista sembra non fermarsi mai, all’inseguimento di sonorità sempre diverse, che lo hanno portato dal hip hop tradizionale, di cui, come Articolo 31, è stato il profeta, al rock. Fatto sta che sia le vendite, sia la risposta del pubblico del live dimostrano che J-AX non sbaglia un colpo, rimanendo un passo davanti agli altri. E senza dubbio, a proposito di “altri”, occorre riconoscere che la nuova validissima generazione del hip hop italiano deve ringraziare J-AX sia per la strada aperta, sia per il coraggio nel continuare a sperimentare, dando vita ad un DNA musicale italiano che non è una semplice copia del sound statunitense (dal sito www.granteatrogeox.com). 

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Questo è anche il weekend della celebre Fiera d’autunno di Noventa Padovana, meglio nota (a.k.a) “Sagra del Folpo”.  Si tratta di una manifestazione fieristica storica nota in tutto il territorio regionale, che si svolge fin dai primi anni del 1700 nei giorni che precedono e che seguono la IV domenica di ottobre, talmente degna di nota questa “sagra” che lo scorso anno ci dedicai un intero post.  Lafiera d’autunno di Noventa, nata come luogo di scambio di animali e merci, è giunta fino ai giorni nostri con la denominazione nota di Fiera del Folpo per la presenza dei chioschi caratteristici detti Folpari. Attualmente la manifestazione ha raggiunto dimensioni notevoli, sia per l’elevata affluenza di visitatori (circa 50.000 al giorno, 100.00 nella giornata di Domenica ), sia per il numero di attrazioni ed espositori che vi prendono parte: nel corso dell’ultima edizione, infatti, è stata registrata la presenza di ben 54 attrazioni viaggianti, di 228 banchi di ambulanti ed espositori, nonché una decina di stands gastronomici (le famose Bettole e Bettolini). Oltre al parco divertimenti nella Fiera si possono trovare la pesca di beneficenza e lo stand destinato all’esposizione di prodotti artigianali curato dall’Unione Provinciale Artigiani nonchè la Corte dei sapori promossa in collaborazione con la Coldiretti Padova L’edizione di quest’anno inizia, quest’oggi e proseguirà fino al giorno 25! Trovate info anche sulla pagina evento su facebook.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto Un paio di settimane fa oltre al programma del Gran Teatro GEOX vi ho anche presentato la seconda edizione di RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“),  la rassegna culturale “autunnale-invernale” dedicata all’arte contemporanea ma non solo, anche alla fotografia, alla danza, al cinema e a molti eventi culturali che Padova offre ai suoi cittadini e visitatori. Acronimo di Ricerche Artistiche Metropolitane, RAM ha l’obiettivo di creare in città delle situazioni artistiche espressive dei nuovi linguaggi del contemporaneo, attraverso mostre, performance, proiezioni, incontri e giornate di studio, workshop, percorsi didattici.
Il tema centrale di RAM 2011 è rappresentato dal valore dell‘Arte come comunicazione sociale, come esperienza finalizzata al coinvolgimento della collettività, per far dialogare la città di Padova con l’innovazione e i nuovi linguaggi artistici del Terzo Millennio. Cliccate sui link precedenti per scoprire il programma!

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,padovacard,padova card,sugarpulp festival,sugarpulp,padova eventi,padovanet,simbolismo in italia,palazzo zabarella,ram,ram padova,l'autunno è da noi

La mostra Il Simbolismo in Italia, aperta da tre settimane e che vi ho presentato con questo post, sta riscuotendo approvazioni ed apprezzamenti sia per la qualità dell’allestimemento sia soprattutto per le bellissime opere che vi si possono ammirare.  Fino al 12 febbraio presso la prestigiosa sede di Palazzo Zabarella in via S.Francesco sarà possibile visitare questa mostra. Una mostra cui Federico Bano, con la sua Fondazione, stava lavorando da ben cinque anni, volendo proporre non opere simboliste qualsivoglia ma proprio quelle “giuste”, a dar correttamente conto di una stagione particolarmente felice dell’arte italiana tra Otto e Novecento. Organizzato in otto sezioni tematiche, il percorso della mostra si svolge dagli anni ottanta del XIX secolo per giungere alla vigilia della prima guerra mondiale: un arco di tempo che segna il passaggio, nelle arti figurative, dai temi del Realismo e del Naturalismo alle poetiche del Decadentismo, alimentate, queste ultime, dalla scoperta dell’inconscio e dal suo straordinario apporto di suggestioni e immaginazioni. Per info www.palazzozabarella.it

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Come vi ho annunciato già nel post di mercoledì dedicato al programma di lirica e di prosa per la stagione 2011 del Teatro Verdi, questo weekend inizia la stagione lirica con due spettacoli, oggi venerdì 21 e domenica 23 ottobre 2011. Lo spettacolo in programma è LUCIA DI LAMMERMOOR di Gaetano Donizetti. Dramma tragico in tre atti. Regia, scene, costumi e luci: Stefano PODA. Il regista Stefano Poda è reduce dal successo ottenuto la scorsa stagione con “Rigoletto”.
Recite: Venerdì 21 ottobre, 1^ recita (ore 20.45) – Domenica 23 ottobre, 2^ recita (ore 16.00) 

Domenica 23, inoltre, Camera di Commercio e ASCOM Padova organizzano la terza edizione di “Padova e i colori dell’autunno”, in cui i commercianti dei quartieri della città ti danno appuntamento in Piazza dei Signori per l’immancabile festa d’autunno! Troverai degustazioni, esposizione di vari prodotti, la Maga Gaia, la truccabimbi e musica dal vivo! Inoltre nella mattinata verranno premiati i nuovi soci ASCOM e quelli “storici”. 

Questa è solo una stringente selezione delle molte proposte per questo weekend. Ad esempio vi ho parlato della Sagra del Folpo ma molte altre sono le fiere franche in progamma come la Fiera di Cittadella, ad esempio. Un’idea potrebbe essere anche quella di andare a vedere il Mastio Federiciano di Monselice, meglio noto come “la rocca”, riaperto dopo due anni di lavori di restauro. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana vi indico il link sul portale di Padova Eventi dedicati agli appuntamenti in programma oggi venerdi 21, sabato 22 e domenica 23 ottobre.

Per iniziare come sempre ricordo alcuni riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere un week end. Segnalo il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie.  

Buon fine settimana! 😉

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualcosa di Padova un aneddoto, presentare un evento, l’attività della propria associazione culturale, sportiva etc, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vpadovablog@virgilio.it e potreste essere il prossimo/la prossima guest-blogger. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebookdel blog? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Condividete pure questo post cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia venetaCiao a tutti, quest’oggi ho pensato di presentarvi il programma del Teatro Verdi della stagione lirica, che inizierà già questo weekend, e di quella di prosa, per gli appassionati e per chi, magari incuriosito da forme di spettacolo di cui non ha mai fruito, potrebbe decidere di fare quest’esperienza e di andare a vedere uno di questi spettacoli conscio del fatto che si tratta di eventi di grandissimo spessore culturale.

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia veneta

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova presenta ufficialmente la Stagione Lirica 2011 (dal 21 ottobre al 29 dicembre), stagione che sarà realizzata grazie al sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Regione Veneto. Due i titoli in cartellone per questa edizione: “Lucia di Lammermoor” di Gaetano Donizetti, per la regia, scene e costumi di Stefano Poda, nuova coproduzione Li.Ve tra Comuni di Padova, Bassano del Grappa-Opera Festival, Rovigo-Teatro Sociale. Secondo titolo in cartellone “La Bohème” di Giacomo Puccini, per la regia di Ivan Stefanutti. L’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta, conferma anche quest’anno la sua collaborazione. Si rinnova, infine, il tradizionale appuntamento con il Concorso Lirico Internazionale Iris Adami Corradetti, giunto quest’anno all’importante traguardo dei 26 anni.

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia veneta

Programma: 
21-23 ottobre 2011: LUCIA DI LAMMERMOOR di Gaetano Donizetti. Dramma tragico in tre atti
Regia, scene, costumi e luci: Stefano PODA. Il regista Stefano Poda è reduce dal successo ottenuto la scorsa stagione con “Rigoletto”.
Recite: Venerdì 21 ottobre, 1^ recita (ore 20.45) – Domenica 23 ottobre, 2^ recita (ore 16.00)
Dal 13 al 17 dicembre 2011: CONCORSO INTERNAZIONALE IRIS ADAMI CORRADETTI (Concerto dei finalisti: 17 dicembre 2011).

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia veneta23-27-29 dicembre 2011: LA BOHEME  di Giacomo Puccini. Scene liriche in quattro quadri.
Regia: Ivan STEFANUTTI. Il regista, nel raccontare l’intreccio di amore dolcissimo e straziante dolore di Mimì e Rodolfo, riprende il fortunato allestimento presentato per la Stagione Lirica di Padova nel 2006.
Recite: Venerdì 23 dicembre, 1^ recita (ore 20.45) – Martedì 27 dicembre, 2^ recita (ore 20.45)
Giovedì 29 dicembre, 3^ recita (ore 16.00).Per info, biglietti e prevendite vai alla pagina di Padova Cultura!  

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia venetaDalla lirica passiamo alla prosa. Il Teatro Verdi di Padova è stato inaugurato l’11 giugno 1751 con il nome di Teatro Nuovo, nell’arco di un secolo viene più volte restaurato, fino all’intervento di Giuseppe Jappelli, che progetta la sala e l’attuale facciata, il Teatro riapre i battenti il 12 giugno 1847. Il Teatro Verdi è la sede operativa del Teatro Stabile del Veneto che organizza ogni anno una Stagione di Prosa di altissimo livello.  

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia veneta

Con la prosa si inizia l’8 novembre e per i primi due spettacoli con William Shakespeare che come è risaputo ha ambientato in Veneto alcune delle sue opere più famose…A Padova “La bisbetica domata” non è tra le più famose ma comunque ha una sua rilevanza all’inizio della quale Shakespeare fa a Padova un bell’omaggio di cui i padovani possono andar fieri e per questo qualche tempo fa ho inserito il drammaturgo inglese tra i “personaggi illustri” del mio blog con il post “Shakespeare e Padova”.

“Per il grande desiderio che avevo di vedere | la bella Padova, culla delle arti sono arrivato… | ed a Padova sono venuto, come chi lascia | uno stagno per tuffarsi nel mare, ed | a sazietà cerca di placare la sua sete.” 

 

padova,turismo padova terme euganee,teatro,teatro verdi,lirica,stagione lirica 2011,lirica a padova,stagione lirica 2011 a padova,padova cultura,turismo veneto,"lucia di lammermoor" di donizetti,orchestra regionale filarmonia veneta8-13 novembre:: “Misura per Misura” di William Shakespeare con Eros Pagni, regia Marco Sciaccaluga.
22 – 27 novembre: “Romeo e Giulietta” di William Shakespeare con Mauro Conte, Riccardo Francia, Fabio Fusco, Simone Pieroni, Nicolò Scarparo,Francesco Wolf, Lucas Zanforlini; uno spettacolo di Guiseppe Marini.

Per conoscere la programmazione completa della Stagione di Prosa 2011/2012 a Padova scarica l’allegato oppure consulta questa pagina del sito dello “Stabile” del Veneto.

Buon divertimento! 😉 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaCiao a tutti! Quest’oggi torno a scrivere delle strade di Padova e nella fattispecie di questa “puntata” della rubrica de “Le strade di Padova” si tratta di strade un po’ particolari poichè non sono sempre state strade, come dice il nome. Sto parlando delle Riviere (del Businello, Ruzzante, Tito Livio e dei Ponti Romani. Clicca quì per andare alla mappa!) che fino agli anni Sessanta erano attraversate da un canale (riviera del Businello lo è ancora per la verità), poi tombinato per la scelta “modernista” dell’allora amministrazione del sindaco Crescente che le ha rese una delle principali arterie del traffico, di collegamento tra la parte sud e la parte nord della città. 

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaIn epoca antica in realtà era un vero e proprio fiume, il Medoacus, sulle cui sponde è stata fondata la città. Il Medoacus doveva essere un fiume parecchio grande e con una certa portata d’acqua se era molto temuto per le sue piene e se il ponte principale che lo attraversava, il ponte romano S. Lorenzo, era a 5 arcate. Parecchio tempo fa avevo dedicato al ponte e alla Padova romana un post intitolato “Patavium” ed il Ponte S. Lorenzo”, del quale un paio delle sue 5 arcate (a sinistra un’immagine risalente al 1938 quando furono fatti degli scavi) sono in parte ancora visibili guardando sotto alla vetrata situata all’altezza della Feltrinelli sul lato occidentale in via S. Francesco (nell’immagine sotto il ponte S. Lorenzo attraversava l’incrocio).

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Si tratta dell’unico particolare esistente (a mio conoscenza) che possa testimoniare ad un turista l’origine di questa strada e fargli comprendere del perchè dell’uso del termine “riviera”. Per un approfondimento sui canali fluviali di Padova vi rimando al bel sito “Magico Veneto”. Tutt’ora comunque le meglio note come “riviere” continuano ad essere una strada “ibrida” che se un tempo erano un po’ strada un po’ canale nel tratto fino alla Feltrinelli, con il divieto del traffico al pubblico privato ha perso il valore di strada ad alto scorrimento. Ora a dare unità all’intero percorso è proprio la linea del tram che in questo tratto conta le fermate più centrali (Santo, Tito Livio, Ponti Romani)

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Ma andiamo con ordine. Da via Luca Belludi in direzione nord svoltando a sinistra si imbocca Riviera del Businello che conduce sino all’incrocio con via Rudena. Il tratto successivo fino all Questura di Padova in piazzetta Palatucci è denominato Riviera Ruzzante. Come sempre mi avvalgo del libro “Le strade di Padova“, preziosissima fonte, di Giuseppe Toffanin il quale sosteneva che definendo queste vie, “riviere”, si sarebbe fatto un torto alle “vere” riviere e cioè a Riviera Mussato dove passa il cosidetto “Tronco Maestro”. “La Contrada del Businello occupava un tempo la strada dalla vecchia via L. Belludi a via Donatello, sino a quando si aperse la comunicazione diretta tra il Santo e il Prato della Valle. Il toponimo risale al XIV secolo: o ad una famiglia, o a “busenum”, busenellum”, condotta d’acqua.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaLungo il canale c’erano alberi, di giorno giocavano i ragazzi, alla sera, approfittando della penombra, si attardavano i fidanzati”. Il canale S. Chiara percorre la controansa dell’antico fiume Medoacus e prende il nome dal convento di suore di S. Chiara oggi scomparso. All’altezza della questura sparisce sotto ad una palazzo (vedi a destra la targa presso il sottopassaggio delle Gualchiere, ex mulino, costruito nel 1217, più volte restaurato, era sede di mulini molto attivi. Gualchiere=macchine per la follatura e il lavaggio della lana) per poi passare sotto al Ponte delle Torricelle ed immettersi nel Naviglio Interno in direzione Specola/Castello.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Lo attraversa il cosidetto Ponte della Morte (nella foto a sinistra si vede sullo sfondo in lontananza) che porta alla Chiesa di S. Daniele in via Umberto I da via Rudena, ponte ad un’arcata, risalente al XIII secolo la cui denominazione ha origine incerta: o da un crollo avvenuto nel 1422 che provocò la morte di diverse persone o dal fatto che vi furono giustiziati alcuni assassini oppure dalla vicinanza con il cimitero S. Daniele. Riviera Ruzzante prende il nome ovviamente da Angelo Beolco detto il Ruzzante (Padova 1500-1542. Vedi il post nella rubrica “personaggi illustri” dal titolo “Ruzzante e Padova“) “che visse nella cerchia di Alvise Cornaro tra Padova, Codevigo, S. Angelo di Piove e Pernumia. Questo suo contatto con il mondo contadino lo portò a comporre commedie in dialetto rustico, in pavano, dove impersonava la parte del Ruzzante, villico poltrone, spavaldo, millantatore”, da cui prese il soprannome. La Riviera si chiamava Contrada Albere e prima ancora Contrada Ortesini.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Passiamo al secondo tratto. Quello della Riviera Tito Livio (a destra foto di fine anni Cinquanta durante dei lavori di ripavimentazione) che prende il nome dal famoso concittadino, storico di epoca romana (Padova 59 a.C-17 d.C) autore della storia di Roma “Ab urbe condita” che visse a Roma ma tornò in età avanzata a morire a Padova. “La strada si chiamava Riviera S. Giorgio, trovandosi la Chiesa di S. Giorgio con il convento delle monache benedettine; ora quanto rimane della chiesa è trasformato nel teatro Ruzzante,, ora utilizzato come aula universitaria, il cui porticato ad archi si può vedere sulla sinistra all’altezza del ponte nell’immagine sotto a sinistra. Durante il fascismo vi ebbe sede la Federazione Fascista”.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Oltre al palazzo S. Stefano, sede della prefettura e della Provincia, che si trova all’angolo con via S.Francesco davanti alla Tomba di Antenore, mitico fondatore della città, nel retro c’è il giardino dove si trova un rifugio antiaereo costruito dai tedeschi nel 1944. Da quì si accede attraverso un modesto cortiletto al glorioso liceo classico Tito Livio (dove studiò tra i vari esponenti della classe dirigente anche il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano) che vi ha sede dal 1819 ed è considerato uno degli istituti d’istruzione superiore italiana di più alta tradizione. Occupa il chiostro dell’ex convento S. Stefano.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaLa strada era divisa tra percorso calpestabile e canale e agli edifici sulla sinistra si accedeva per ponticelli di legno o di ferro. Sul canale transitavano i barconi, ed era un piacevole diversivo per gli studenti prima di andare a scuola, fermarsi ed osservarli. Era l’occasione per il venditore di castagnaccio, di far più prosperi affari, e di poter svuotare il gran piatto di rame che teneva sotto il braccio. Di fronte alla piazza Antenore, dall’altro lato della strada, c’è il palazzo dello Storione, ora sede di uffici amministrativi e “urp” dell’Università e prima Albergo Storione  (vedi immagine quì sopra sulla destra da tuttocollezioni.it).

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

Da via S. Francesco e dal Ponte S. Lorenzo in avanti si passa alla Riviera dei Ponti Romani prima che questa una volta immessasi in Corso Garibaldi prosegua poi come Riviera Mugnai e Largo Europa lungo la quale il Naviglio Interno giugeva alle Porte Contarine e si collegava con il Tronco Maestro. Questo tratto delle “Riviere” ha preso questo nome nel 1959 a memoria dei tre ponti di origine romana che solcavano il canale (oltre al S. Lorenzo, c’erano il Ponte del Portelletto, tra piazza Cavour e via Anghinoni, ed il Ponte Altinate su via Altinate. Il Ponte delle Pescherie su via C. Battisti, all’altezza della Porta Comunale detta della Vacca che introduceva alla Contrada delle Beccherie, sù verso il Pedrocchi laddove c’è il negozio della “Swatch”, piena di botteghe di macellai, credo non fosse di origine romana). Le case davano sul Naviglio, quando addirittura non erano protette da giardinetti o da qualche albero. Altri edifici si prospettavano, mozzi, posteriormente.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaTra via Cesare Battisti e vicolo Anghinoni, a occidente, nel tratto tra l’edicola ed il Brek, sorgeva la Pescheria, anzi “le pescherie” (nella foto a fianco si possono intravedere sulla destra), un vivace e colorito completamento dei mercati delle piazze che apriva di primissimo mattino, rischiarato da lampade che scendevano a debita distanza sui banchi di trachite in doppia fila, stracolmi di cassette tracimanti pesce d’ogni qualità che arriva dalla laguna tramite le vie fluviali. Prima dell’elettricità doveva esservi l’illuminazione ad acetilene, quando scarivano il pesce entro capaci ceste solo le barche, un po’ alla volta sostituite dai motofurgoni provenienti da Chioggia e dalle valli. Dal Po giungevano giganteschi storioni, subito messi in bella mostra e poi venduti a tranci. Sogliole, cefali, seppie, anguille o soltanto “masenette” erano a buon mercato, alla portata di quanti, di venerdì e alle vigilie, non ammettevano altra pietanza in ossequio alle regole del digiuno.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,riviera ruzzante,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padovaIl Ponte del Portelletto si trovava all’altezza di Via G. Anghinoni, strada dedicata a Giovanni Anghinoni, studente padovano, il quale fu ucciso da una sentinella austriaca di guardia in prossimità dell’allora Ufficio Postale (attuale Cassa di Risparmio) l’8 Febbraio 1848, (episodio e giornate di cui ho raccontato più volte, in particolare nel post dedicato all‘8 febbraio e al Caffè Pedrocchi, nel post dedicato all’8 febbraio degli studenti “Gaudeamus Igitur” e nel post dedicato a via 8 febbraio 1848) Il ponte antistante, con la costruzione del vecchio Palazzo delle Poste serviva da attracco alle barche che muovevano da e verso Venezia per il trasporto della posta.

Insomma anche questo percorso fa vedere come sia cambiata la città nel tempo e come affascinante possa essere ricostruire la vita dei padovani com’era anche solo nel corso del Novecento, piene di storie individuali, vive nei ricordi e nei racconti dei nostri nonni, che rappresentano però in modo chiaro la storia e l’identità della città intera.

padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova,padova,padovacard,le strade di padova,turismo padova terme euganee,questura di padova,liceo classico tito livio,teatro ruzzante,prefettura di padova,storione,riviere di padova,riviera ponti romani,riviera tito livio,tram,antiche pescherie di padova

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

725540060.jpeg

Ciao a tutti! Già da qualche settimana vi sto proponendo il contenitore di eventi autunnale pensato dal portale Padova Eventi, denominato “L’autunno è da noi”. Molti appuntamenti ed iniziative interessanti: Rievocazioni Storiche,  Feste del Gusto e Fiere Franche sparse fra Padova e la sua bella Provincia. Ma Padova invita cittadini e gentili ospiti tra i suoi sontuosi palazzi proponendo anche una serie di appuntamenti culturali di massimo rilievo, non solo quindi feste popolari e goderecce. Scoprite le belle mostre in programma oppure gli appuntamenti con il teatro senza dimenticarci, poi, della musica!

Venerdì scorso ho dedicato il mio post che di solito dedico agli appuntamenti per il fine settimana alla grande offerta di concerti e spettacoli del Gran Teatro GEOX nel post: “Padova nel circuito dei grandi eventi grazie al Grande Teatro GEOX. Riprende una nuova stagione di concerti e spettacoli!” .

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo venetoQuesto weekend c’è un concerto che senz’altro conferma gli elogi a questa struttura e alla società Zed che organizza questi eventi. Se ieri c’è stato il “vecchio” Alice Cooper sabato 15 sarà la volta di Mario Biondi a salire sul palco del Geox, la voce più nera d’Italia! Dopo i numerosi sold out collezionati anche in Veneto, memorabile quello con Dionne Warwick a Villa Pisani, Mario Biondi ritorna. Mario Biondi, la voce più “black” del panorama musicale italiano, è un artista affermato, riconosciuto in Italia e all’estero come uno dei più interessanti talenti del soul europeo. Protagoniste assolute dello spettacolo, prodotto da F&P con la media partnership di Radio 2, saranno la musica e la sua inconfondibile voce, calda, profonda, sensuale, eppure limpida e sicura, con nuovi arrangiamenti che fanno risaltare la natura jazz di Mario Biondi. Tra le canzoni in scaletta il pubblico ritroverà quella eccezionale hit che fu This is what you are, ma anche il prezioso regalo ricevuto da Burt Bacharach: Something that was beautiful; come anche I know it’s over, adattamento in inglese di “E se domani”, tradotto da Calabrese e arrangiato dallo stesso Biondi. Un artista raffinato e divertente, che saprà sorprendere il pubblico anche con la sua capacità, tutta siciliana, di dialogare, di creare un’empatia che va al di là della musica.

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

La settimana scorsa oltre al programma del Gran Teatro GEOX vi ho anche presentato la seconda edizione di RAM Padova, (rileggi il post “L’arte ci riguarda. Al via la seconda edizione di Ram!“),  la rassegna culturale “autunnale-invernale” dedicata all’arte contemporanea ma non solo, anche alla fotografia, alla danza, al cinema e a molti eventi culturali che Padova offre ai suoi cittadini e visitatori. In RAM, rientra la mostra “

Urbanize-me exhibition” (da oggi 14 ottobre fino al 20 novembre presso la Galleria Cavour di piazza Cavour) che consiste in un’esposizione collettiva nazionale di writer, con ospiti internazionali. La mostra, curata da Teresa Iannotta e dall’associazione Ologram, propone le opere, di 20 artisti, rappresentative di diverse tecniche e filoni di ricerca sviluppati a partire dal writing. L’idea nasce da Urbanize-me, un progetto realizzato dal Progetto Giovani in collaborazione con l’associazione Ologram nell’ambito di “Giovani energie in Comune”. Durante il periodo della mostra vengono realizzati seminari e una tavola rotonda in collaborazione con il dipartimento di Arti visive e della musica dell’Università di Padova. Per approfondimenti.

Sabato 15 e domenica 16 ci saranno altri due appuntamenti con “L’Italia al Caffè”, le visite animate, intermezzi teatrali e letture di brani risorgimentali degli attori del TeatrOrtaet al Caffè Pedrocchi in onore dei 180 anni dello storico stabilimento e dei 15 anni dell’Unità d’Italia. Tutto molto bello e suggestivo poichè si viene “catapultati” nell’atmosfera della seconda metà dell’ottocento ed è come fare un viaggio in un altra epoca, basta avere la curiosità e la fantasia per volerlo fare! 😉

turismo padova terme euganee,padova eventi,padovacard,ram,ram padova,padova cultura,weekend a padova,turismo veneto

Ultimo weekend per Casa su misura, la grande fiera dedicata alla casa e all’arredamento e con essa del “fuorifiera” di “Vivere il design a Padova”  che sta portando nel cuore della città alcuni tra gli esempi più significativi del settore, con i contributi dei maggiori interpreti e teorici del design contemporaneo nazionale e internazionale. Un viaggio nella storia del design, a partire da quello firmato “made in Italy”, per ridare senso e peso al valore di oggetti e materiali che – nati dalle suggestioni creative e dalle applicazioni tecniche dei designer contemporanei – appartengono al nostro vissuto quotidiano e rappresentano pezzi unici di alto valore artistico. Teatro delle numerose iniziative (mostre, esposizioni, incontri e spettacoli) il percorso cittadino fra i luoghi simbolo della città come il Caffè Pedrocchi, il Centro culturale San Gaetano, Borgo Altinate e la Fiera di Padova. Guarda il video!

padova,turismo padova terme euganee,turismo veneto,padovacard,padova card,sugarpulp festival,sugarpulp,padova eventi,padovanet,simbolismo in italia,palazzo zabarella,ram,ram padova,l'autunno è da noi

La mostra Il Simbolismo in Italia, aperta da due settimana e che vi ho presentato lunedì, sta riscuotendo approvazioni ed apprezzamenti sia per la qualità dell’allestimemento sia soprattutto per le bellissime opere che vi si possono ammirare.  Fino al 12 febbraio presso la prestigiosa sede di Palazzo Zabarella in via S.Francesco sarà possibile visitare questa mostra. Una mostra cui Federico Bano, con la sua Fondazione, stava lavorando da ben cinque anni, volendo proporre non opere simboliste qualsivoglia ma proprio quelle “giuste”, a dar correttamente conto di una stagione particolarmente felice dell’arte italiana tra Otto e Novecento. Organizzato in otto sezioni tematiche, il percorso della mostra si svolge dagli anni ottanta del XIX secolo per giungere alla vigilia della prima guerra mondiale: un arco di tempo che segna il passaggio, nelle arti figurative, dai temi del Realismo e del Naturalismo alle poetiche del Decadentismo, alimentate, queste ultime, dalla scoperta dell’inconscio e dal suo straordinario apporto di suggestioni e immaginazioni. Per info www.palazzozabarella.it

Naturalmente la mia è solo una selezione di eventi ma tra città e provincia c’è solo l’imbarazzo della scelta in termini di eventi e manifestazioni varie. Per leggere il programma completo degli appuntamenti di questo fine settimana vi indico il link sul portale di Padova Eventi dedicati agli appuntamenti in programma oggi venerdi 14, sabato 15 e domenica 16 ottobre.

Per iniziare come sempre ricordo alcuni riferimenti utili per i turisti e per chi verrà da fuori a trascorrere un week end. Segnalo il sito Turismo Padova Terme Eugane  e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie.  

Buon fine settimana! 😉

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualcosa di Padova un aneddoto, presentare un evento, l’attività della propria associazione culturale, sportiva etc, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vpadovablog@virgilio.it e potreste essere il prossimo/la prossima guest-blogger. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebookdel blog? Si dai! Bastano due click! Il primo sul seguente link “Il blog di Padova” per entrare nella pagina e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Condividete pure questo post cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo e, sempre se si va, segnalate la pagina facebook del blog ai vostri amici o chi pensate possa essere interessato. Grazie.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

turismo padova terme euganee,turismo veneto,padova,padova jazz,storie di jazz,padova eventi,padovanet,padova musica,padova cultura,ram padova,ramE’ iniziata una decina di giorni fa, il 29 settembre e ci terrà compagnia fino a maggio del prossimo anno “Storie di Jazz”, la rassegna musicale che propone una serie di appuntamenti musicali targati Comune di Padova, Porsche e Pedrocchi. Nuove suggestioni jazz, quindi, tornano ad avvolgere la città. Dopo la fortunata programmazione della primavera e dell’estate, tornano anche in autunno gli appuntamenti con la rassegna “STORIE DI JAZZ” che rientra nel contenitore di eventi culturali RAM (Ricerche Artistiche Metropolitane), sezione “Musica, Gesto, parola” che vi ho presentato la scorsa settimana con il post “L’arte ci riguarda. Al via la 2° edizione di RAM Padova!”.

turismo padova terme euganee,turismo veneto,padova,padova jazz,storie di jazz,padova eventi,padovanet,padova musica,padova cultura,ram padova,ramConfermata anche la collaborazione con il Q Restaurant Lounge Bar (V.lo dei Dotto 3-Padova), da alcuni anni uno dei luoghi di riferimento per la programmazione musicale cittadina. Molte e importanti sono le novità nel cartellone della proposta musicale cittadina che quest’anno raggiunge l’importante traguardo della decima edizione. La programmazione del Q Restaurant Lounge Bar quest’anno propone il giovedì sera alle 21.30 tre percorsi musicali: Jazz&New (dal jazz traditional al new jazz), Giovani e Jazz e Junior & Senior (giovani talenti e big del jazz italiano insieme sul palco) e World Window ( danze dal mondo). Si potrà cenare con jazz menu a prezzi agevolati in stile Blue Note. 

Oltre ai giovedì del Q in programma i concerti aperitivo al Caffè Pedrocchi, intitolati Jazz DOCG e proposti di venerdì alle 19.00 in diverse formule: dalle esibizioni di importanti duo del panorama nazionale a DJ Set Jazz in collaborazione con i media partners Radio Padova e Easy Network che coinvolgeranno insieme in performance live djs e musicisti jazz come Marco Castelli (28 ottobre) e Ettore Martin (2 dicembre). Ai concerti del venerdì si aggiungerà un appuntamento extra lunedì 12 dicembre con The Crank Trio.

Il Centro Porsche Padova (C.so Stati Uniti 35-ZI Padova) ospiterà nel proprio salone un importante gruppo internazionale in un appuntamento dal sapore natalizio: martedì 20 dicembre, direttamente da Londra, il quintetto di cantanti Black Voices che proporrà un viaggio attraverso la musica soul e gospel. 
La sezione Eventi speciali sarà dedicata a progetti particolari (legati a mostre d’arte, proiezioni di immagini, sonorizzazioni di pellicole cinematografiche, eventi all’aperto) con l’obiettivo di portare il jazz in ogni angolo della città. 

turismo padova terme euganee,turismo veneto,padova,padova jazz,storie di jazz,padova eventi,padovanet,padova musica,padova cultura,ram padova,ramIl progetto vede la direzione artistica di Maurizio Camardi, nonché il coordinamento organizzativo della Scuola di Musica Gershwin.

Scarica il PROGRAMMA!

L’ingresso ai concerti è gratuito ma vista la capienza limitata degli spazi è comunque vivamente consigliata la prenotazione ai numeri 348/7272755 (Centro Porsche), 049/8781231 (Caffè Pedrocchi), 049/8751680 (Q Bar). Per info info@storiedijazz.com – www.storiedijazz.com

Buon divertimento!

 

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualcosa di Padova, un aneddoto, la presentazione di un evento, l’attività della propria associazione culturale, sportiva etc, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vpadovablog@virgilio.it e potreste essere il prossimo/la prossima guest-blogger. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

 

padova,turismo padova terme euganee,padovacard,palazzo zabarella,turismo fondazione bano,arte,padova eventi,padova cultura,simbolismo in italia,turismo veneto,fondazione banoCiao a tutti e buon inizio settimana! E’ iniziata a Padova già da una settimana (da sabato 1 ottobre) la mostra “Il Simbolismo in Italia“, proposta culturale di punta di questo autunno-inverno padovano. La mostra, che già vi avevo presentato brevemente nel post dedicato alle proposte per il weekend dell’altra settimana, è visitabile presso la prestigiosa sede di Palazzo Zabarella in via S.Francesco e rimarrà aperta fino al 12 febbraio 2012. Si conferma quindi la vocazione a sede espositiva del Palazzo gestito dalla Fondazione Bano

Proseguendo nel suo percorso di ricerche e approfondimenti dell’Ottocento italiano fino alle avanguardie, Fondazione Bano promuove dal 1 ottobre 2011 al 12 febbraio 2012 quest’importante mostra dedicata al Simbolismo in Italia, la prima dedicata a questa corrente (vedi la pagina di virgilio sapere-wikipedia dedicata al simbolismo), presenta una selezione di opere fondamentali che raccontano l’avvincente tramonto del secolo nel segno di uno spiritualismo estetizzante favorevole al mito, al sogno, all’enigma, al mistero. La forza di questo movimento è stata quella di interpretare e riuscire a rappresentare in pittura, penetrando anche nel territorio dell’inconscio, i grandi valori universali dell’umanità: questa straordinaria avventura artistica verrà ricostruita attraverso i quadri – capolavori ormai entrati nell’immaginario collettivo- dei suoi protagonisti tra cui Segantini, Previati, Morbelli, Pellizza da Volpedo, De Carolis e molti altri. 

padova,turismo padova terme euganee,padovacard,palazzo zabarella,turismo fondazione bano,arte,padova eventi,padova cultura,simbolismo in italia,turismo veneto,fondazione banoLa mostra sarà organizzata in sezioni tematiche e ripercorrerà la storia della pittura italiana dagli anni Ottanta del XIX secolo per giungere sino alla vigilia della Prima Guerra Mondiale.  
L’obiettivo dell’esposizione è inoltre quello di documentare i contatti dei nostri pittori con i grandi simbolisti stranieri presenti in Italia, dai ricordati preraffaelliti a Böcklin, Puvis de Chavannes, Klinger, Von Stuck, Klimt, conosciuti attraverso le Biennali di Venezia: a questo proposito costituirà un evento di sicura presa spettacolare la ricostruzione della famosa Sala del Sogno che alla Biennale del 1907 rappresentò la consacrazione ufficiale di un movimento in cui si era per buona parte riconosciuto lo spirito nazionale di fine secolo. Tra i capolavori in mostra, “Il peccato” di Franz Von Stuck che vedete quì a fianco. 

Una mostra davvero bella e ben allestita come già alcuni visitatori hanno manifestato sulla pagina facebook della Fondazione Bano-Palazzo Zabarella. Entrate e, dopo aver visto la mostra, esprimetevi, commentate e dite cosa vi è piaciuto di più o meno! 

Per informazioni su biglietteria, prenotazioni ed orari di apertura vai al sito www.palazzozabarella.it.

padova,turismo padova terme euganee,padovacard,palazzo zabarella,turismo fondazione bano,arte,padova eventi,padova cultura,simbolismo in italia,turismo veneto,fondazione bano

Considerato che si tratta di una mostra importante che attirerà turisti ed appassionati da fuori città segnalo alcuni riferimenti utili per chi volesse avere informazioni turistiche sulla città di Padova. Andate a visitare il sito Turismo Padova Terme Euganee e il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni (come l’uso gratuito dei mezzi pubblici e parcehggio auto), moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie (prezzo ridotto anche per il bus rosso a due piani, City Sightseeing Bus), compresa la mostra “Simbolismo in Italia” ad ingresso ridotto per i possessori della card.

Guardate il bel video-spot della mostra realizzato da Matteo Menapace di PDTV, la prima web tv di Padova (anche su facebook e anche canale youtube)!

Di seguito il video caricato sul canale youtube della Provincia di Padova relativo all’inaugurazione della mostra.

Una volta al mese lascio questo blog a disposizione di chi vuole raccontare qualcosa di Padova, un aneddoto, la presentazione di un evento, l’attività della propria associazione culturale, sportiva etc, o commentare quello che succede nella nostra città. Scrivetemi a vpadovablog@virgilio.it e potreste essere il prossimo/la prossima guest-blogger. 

PS: Mi aiutate a far crescere la pagina facebook del blog segnalandola ai vostri amici? Si dai! Bastano due click! Il primo sul link alla pagina facebook “Il blog di Padova” per entrare e il secondo sul “mi piace” che trovate all’interno. Se trovate interessante questo post condividetelo pure con i vostri amici cliccando sull’icona di facebook e/o twitter sopra al titolo!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton