IMG_9947.jpgQuest’oggi vi presento un evento dedicato ai giovani e a chi ama la musica e si sente giovane dentro organizzato da un marchio noto a livello mondiale che ha scelto la città di Padova come una delle città italiane degne di ospitare un evento di richiamo. Il marchio è l’Adidas e l’evento di cui vi parlerò è l’Adidas Originals Mega Party!

Il cuore pulsante della movida padovana si anima di nuove sonorità elettroniche grazie ad adidas Originals, marchio lifestyle di adidas, che ha scelto proprio la città veneta per la seconda tappa del Mega Party tour: una serie di 10 eventi a base di electro-music, divertimento e street style che invaderanno il Bastione Alicorno il 02 aprile. Ospiti d’onore il dj francese Busy P – tra i grandi protagonisti nell’ultimo spot adidas – insieme al collettivo Reset!. Ed è già partita la caccia ai free pass per l’ingresso al party! L’accesso a quello che già in molti hanno ribattezzato come uno dei party più caldi della primavera è infatti riservato soltanto a coloro che si presenteranno all’entrata dell’evento con uno dei pass gratuiti che sarà possibile richiedere presso i negozi monomarca adidas Originals o in uno dei punti vendita selezionati – qui la lista completa (www.adidas.com/originals-megaparty cliccando sull’evento di Padova e poi su “scopri gli store per ritare il tuo pass gratuito).

loc_padova_web.jpgAd infiammare la notte padovana spicca il nome di Busy P, genio indiscusso del divertimento ed icona di stile internazionale. Considerato dai tecno addicted come un vero e proprio pioniere della musica elettronica – non a caso è stato il manager dei Daft Punk per più di 10 anni – Busy P ha letteralmente rivoluzionato la scena dance mondiale collaborando con artisti del calibro di Justice, Uffie, Mr. Oizo. Ad animare la movida padovana insieme al dj francese il trifoglio ha chiamato in consolle Reset!, un vero e proprio collettivo di dj, produttori musicali e creativi che da qualche anno domina la scena house della movida milanese e che, nell’ambiente dei nottambuli, è ormai sinonimo di party memorabili e sonorità sperimentali. Adidas ha creato per l’occasione un’applicazione facebook (www.adidas.com/originals-megaparty) da cui sarà possibile non solo conoscere tutti i negozi autorizzati alla distribuzione del free pass, ma anche creare il proprio party virtuale. Tra tutti coloro che realizzeranno un Mega party online, 5 fortunati potranno diventare Mega Vip ricevendo pass per il backstage dell’evento. Con pochi e semplici clic l’app. permette di ricreare l’atmosfera di un Mega Party in perfetto street style, con tanto di dj, musica e un allestimento tutto da inventare. Ma le sorprese firmate adidas Originals non finiscono qui. Nel corso del pomeriggio del 02 aprile, Diego e La Pina coppia di inseparabili DJ, incontreranno tutti i fan presso adidas Originals Store di via San Fermo 12 in un pre party gratuito a base di musica, ironia e tanto divertimento. Adidas Originals Mega Party è il progetto più imponente dedicato ai giovani mai realizzato dal brand del trifoglio in Italia e Padova è la seconda tappa di una serie di eventi che coinvolgono 10 tra le più importanti città italiane da fine marzo a fine maggio.

Insomma pronti a scatenarvi e a ballare sulle note dell’Adidas Originals Mega Party? Allora andate a ritirare il pass gratuito! Ciao e buon divertimento!! Intanto guardatevi quà sotto un video di Dj Busy-P! 😉

 

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

768586036.jpgCiao a tutti, la primavera è iniziata e giornate più miti invitano a rimettersi in tenuta sportiva per trovare un po’ la forma fisica magari persa questo inverno per via degli stili di vita un po’ sregolati e regimi alimentari non proprio orientati al salutismo. Parlo per me ovviamente poichè molti si tengono in forma tutto l’anno…Già ieri l’argine sul canale Scaricatore era pieno di persone che passeggiavano, correvano, andavano in bicicletta e senz’altro per i prossimi mesi  quest’argine tornerà ad essere frequentatissimo dai padovani  amanti del “jogging”. Per chi ama far sport (dovremmo farlo un po’ tutti!), per maschietti e femminucce, volevo far presente che oggi riprendono le “easy activities” sui Colli Euganei e sul territorio termale circostante! Sapevatelo eh! 😉

Non è da molto tempo che parlandovi della serie di convegni organizzati dall’azienda turistica Turismo Padova Terme Euganee su Turismo@Innovazione vi ho presentato il club di prodotto ThermaeSport, un consorzio di alberghi termali ed enti turistici, sicchè un connubio tra  la professionalità degli operatori del turismo e dell’accoglienza termale euganea. Ve ne avevo parlato per le applicazioni tecnologiche quali l’uso del gps e degli strumenti google come google map ed earth a supporto delle iniziative che già erano state proposte lo scorso anno (rileggi il mio post “Turismo ed attività sportiva con “ThermaeSport” per capire di cosa sto parlando ma rileggilo veramente eh! ;)). Mi riferisco proprio alle “easy activities”, un calendario di piacevoli escursioni di nordic walking e bike in compagnia di activity leaders innovativi, nell’incantevole scenario del Parco Colli Euganei. Pensate per il turista termale ma anche per i cittadini, perchè no, le easy activities vogliono rappresentare un’occasione privilegiata per ritrovare equilibrio, benessere e bellezza. Un’opportunità per scoprire il territorio, quindi, apprezzare le sue caratteristiche e godere di quello che sa offrire facendo attività motorie per tutti per trascorrere piacevoli ore all’aria aperta seguiti da personale qualificato  e conoscendo e facendo gruppo con le altre persone che partecipano alle stesse attività.

1235631054.jpegDa oggi 28 marzo al 3 giugno e dal 29 agosto al 28 ottobre 2011 un calendario di piacevoli escursioni open air condotto da activity leaders qualificati, svolto in compagnia, in forma ludica e non impegnativa. Riprendono per il terzo anno consecutivo le Easy Activities, occasione per ritrovare forma, benessere e buon umore nel contesto del Parco Colli Euganei in un perfetto connubio con le Terme. Il ritrovo presso gli uffici turistici di Abano e Montegrotto Terme.  L’attrezzatura,  l’acqua e il buon umore sono fornite dall’organizzazione. Si consiglia un abbigliamento confortevole e scarpe da allenamento.

easy_activities (19).jpgScopri il calendario cliccando sull’“easy activity” a cui vuoi partecipare per vedere i giorni, gli orari ed i luoghi di ritrovo per la partenza! Potrai scaricarti anche il “virtual tour” su google earth ed immaginarti già il tipo di attività sportiva proposta, i luoghi che verranno attraversati, i paesaggi, e anche i dislivelli di pendenza nel caso degli itinerari sui Colli per capire il livello di difficoltà! Caricando il file sul vostro palmare o smartphone (attenti che in alcune zone potrebbe non avere campo…) potrete avere uno strumento che vi accompagna se decidete di andare da soli a svolgere la vostra attività sportiva preferita.

Potete interagire con ThermaeSport attraverso i social network! Vai alla pagina facebook di Terme Sport e diventa “fan” cliccando su “mi piace”, segui Terme Sport su twitter, guarda le foto di Terme Sport su flickr, e i video sul canale youtube di Terme Sport!

Per i turisti segnalo la pagina dell’ospitalità ThermaeSport per scegliere l’albergo dove pernottare ed avere altri riferimenti sul turismo termale e di tutta la città, come ad esempio la PadovaCard, vero lasciapassare per scoprire in modo vantaggioso e facile il patrimonio artistico di Padova, le bellezze naturali del suo territorio e gli eventi e le mostre in programma in questo periodo.  Non mi resta che augurare buon divertimento a tutti, ai padovani e soprattutto ai turisti (e magari le easy activities potrebbe essere l’occasione per fare nuove amicizie) che decidessero (e farebbero bene!!) di trascorrere qualche giorno sul territorio termale euganeo trascorrendo qualche piacevole ora praticando della salutare attività sportiva! Ciao! 😉

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

725540060.jpegCiao a tutti e ben ritrovati! Finalmente è arrivata la primavera e con questa delle belle giornate di sole sicchè è un piacere uscire e farsi una passeggiata in città come lo è senz’altro andarlo a fare altrove nel bel territorio padovano, a piedi o in bicicletta, lungo gli argini dei canali e del Bacchiglione o sui Colli Euganei!

Per conoscere tutti gli eventi in programma questo weekend vi consiglio di consultare come sempre il sito di Padova Eventi dove potete leggere le proposte e le iniziative organizzate su tutto il territorio provinciale anche quelle che io dimentico di ricordarvi…Per  quanto riguarda le mostre ad esempio potete avere una panoramica completa di quelle in programma e scoprire le prossime mostre che apriranno a Padova vi rimando a questa pagina del portale.

1238156847690_Fai2009.jpgQuesto fine settimana si celebrano le Giornate FAI (Fondo per l’ambiente italiano) di primavera (sabato e domenica) con l’apertura di 660 siti culturali, molti dei quali normalmente chiusi al pubblico, distribuiti nelle 20 Regioni italiane. Quest’anno è previsto anche un percorso dedicato all’anniversario dell’Unità d’Italia – “150 beni per 150 anni”. I visitatori possono avvalersi di guide d’eccezione, sono oltre 13.000 gli “apprendisti Ciceroni”: giovani studenti che illustrano aspetti storico-artistici dei beni, che per Padova provengono dal Liceo scientifico paritario “Rogazionisti” e dal Liceo classico statale “Tito Livio”. L’iniziativa è promossa dal Fai – Fondo per l’ambiente italiano sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica italiana. Con il patrocinio dei Ministeri per i beni e le attività culturali e della pubblica istruzione e con la collaborazione della Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento della protezione civile. Clicca quì per vedere i siti visitabili a Padova e gli eventi collegati.

438097232.jpgMa non si esauriscono certamente quì le opportunità per conoscere Padova ed il suo territorio poichè molte sono le iniziative e le visite guidate che consentono di farlo. Vai alla pagina delle visite guidate all’interno di Padova Eventi per leggere delle iniziative di “Incontra Padova” ad esempio piuttosto che le altre o visite guidate fisse ogni weekenk. “Incontra Padova” che rientra nel programma del contenitore di eventi primaverile “Universi diversi” di cui vi ho parlato lunedì scorso nel post “Universi diversi: una primavera di eventi” e del quale vi invito a visitare il sito e scoprirne il programma. Venerdi e sabato sono giornate in cui è possibile visitare la torre e l’orologio-astrario di Giovanni Dondi in Piazza dei Signori come vi ho segnalato nel post di mercoledì “Visite guidate alla Torre e all’orologio-astrario di Piazza dei Signori“. Se sabato sarà una bella mattinata di sole il mio consiglio è quello di andare a fare colazione in un bar del centro e poi gironzolare tra le piazze che di per sè è un piacere, almeno per me, e poi recarvi a visitare uno di questi spazi della città non troppo conosciuti. Per la visita alla Torre dovete recarvi sul posto un po’ prima per prenotare se già non avete prenotato telefonicamente mentre per la visita ai sotterranei la prenotazione telefonica è necessaria. Seguite i link per le info.

cpedroc.jpegSe siete appassionati di storia e volete approffittare delle iniziative per le celebrazioni dei 150 anni d’Italia vi segnalo il bel libretto “Padova per il 150” all’interno del quale potete leggere tutto il programma fatto di incontri, conferenze, mostre ed iniziative sul tema. Tra queste ricordo “L’Italia al Caffè” e cioè gli intermezzi teatrali che anche questo fine settimana animeranno il Caffè Pedrocchi per celebrare i 180 anni dello storico caffè padovano e i 150 anni dell’unità d’Italia (rileggi “L’8 febbraio, il Caffè Pedrocchi e i suoi 180 anni e l’unità d’Italia”). Sabato e domenica “Brani sull’unità d’Italia e il Caffè Pedrocchi (1848-1870)”.

 

petrarca.jpegQuest’oggi presso il centro culturale Altinate- S.Gaetano si inaugura la mostra dedicata al rugby e soprattutto al Petrarca Rugby, gloriosa società sportiva padovana ed una delle più titolate squadre rugbystiche italiane. Nata nel ’47 è stata una delle massime espressioni dello sport cittadino che con la polisportiva Petrarca si identifica molto. Leggi un mio vecchio post “Tutto lo sport del Petrarca!”. Raccontare i valori, la storia, i campioni e le tecniche del rugby attraverso le immagini. E’ l’obiettivo della prima grande mostra in Italia dedicata al mondo della palla ovale, che aprirà i battenti al Centro Culturale San Gaetano quest’oggi venerdì, 25 marzo e sarà aperto fino al 25 aprile. “Il Petrarca e il rugby. Un mondo di passioni e di valori” è un progetto articolato che si propone di consolidare, nei molti appassionati, il loro senso di appartenenza a questo straordinario universo di valori, ma soprattutto di incuriosire e di affascinare quanti ancora non lo conoscono. Per maggiori info clicca quì.

La mostra si inserisce in un momento di grande espansione per il rugby italiano, iniziata con l’ammissione della nazionale azzurra al torneo del Sei Nazioni. Per dare un’idea di questa trasformazione, basti pensare che i tesserati della Federazione Italiana Rugby sono passati, in quattro anni, da 44mila a 76mila.

Come sempre per la musica dal vivo, i concerti, i club delego al sito PadovaByNight. Non senza segnalarvi, almeno ai più giovani, l’Unwound club, locale culto della Padova underground che propone ogni fine settimana serate a tema “musicale” e concerti di qualità. Questa sera  “It’s so 90’s“, serata anni ’90 con tutta la musica di quegli anni scelta da Kais e Maby djs. Leggi le presentazioni dei concerti di questo fine settimana! e anche quello del Fishmarket che propone concerti tutti i venerdì sera mentre sabato sera Cinefish propone film a tema ovviamente musicale. Sabato 26 c’è “”VELVET GOLDMINE” (Todd Haynes, 1998). Pellicola estetizzante sull’epopea glam rock, il dandysmo ossessivo ad essa correlato, e le grandi illusioni dell’epoca. Oscar Wilde incontra la Swinging London, con le fattezze di Marc Bolan, David Bowie e Iggy Pop. Colonna sonora delle grandi occasioni, con ospiti di prestigio..Ingresso ore 22,30, gratuito per gli associati.

Tommy-Emmanuel.jpgSabato 26 al Gran Teatro GEOX, è di scena il live di “Tommy Emmanuel and his acoustic electric Band” (guardate il video promo del suo live). Lo straordinario chitarrista australiano, Tommy Emmanuel, torna a Padova, sabato 26 marzo, con un nuovo entusiasmante progetto: accompagnato dalla sua Band – formata anche dai suoi musicisti storici – intratterrà il pubblico con i brani più belli del suo repertorio. Dall’esordio dei successi elettrici a quei brani acustici che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. Una novità assoluta per il 2011 in anteprima italiana al Gran Teatro GEOX; dopo Padova solo altre due date in Italia. Fin dagli inizi viene fortemente influenzato da due grandissimi artisti: Chet Atkins ed Hank Marvin. Tra i suoi riconoscimenti spiccano una nomination al Grammy Award nel 1998 con Chet Atkins per il C.D. The Day Fingerpickers took over the world e la vittoria del Nammy (Nashville Music Award) nel 1997. Partecipa insieme al fratello Phil alla cerimonia conclusiva alle Olimpiadi di Sidney 2000. Moltissime le sue collaborazioni con artisti di fama mondiale quali Sir George Martin (produttore e guida dei Beatles), Stevie Wonder, Erik Clapton, Michael Bolton, Chet Atkins, Tina Turner, Cliff Richard, Olivia Newton John, John Denver, Hank Marvin, Bruce Welch, Joan Armatrading, Robben Ford, Albert Lee, Larry Carlton, James Burton, Tina Arena e John Farnham, I Pooh (con i quali ha partecipato al Tour 2001) e recentemente Bill Wyman (storico bassista dei Rolling Stones con il quale ha effettuato una serie di concerti in Inghilterra). La tecnica di Emmanuel ne fa un vero mostro sacro della musica contemporanea, capace di imporsi anche tra gli addetti ai lavori per la sua capacità di innovare, da un punto di vista tecnico, l’approccio con la chitarra (fonte: sito ufficiale Gran Teatro Geox).

Anche questo weekend, quindi, un evento di qualità di quelli che la Zed sta portando in città e di cui ho accennato nel post “Gran Teatro GEOX. Ma quanti spettacoli!” e vi ricordo settimana per settimana.

188037_144655548933564_8155928_n.jpgSabato 26 c’è anche un altro appuntamento imperdibile per i tifosi del Padova ma anche di interesse per i comuni sportivi visto che allo Stadio Euganeo arriva l’Atalanta, capolista del campionato di serie B e quindi la più pronosticabile squadra che ragiungerà la serie A a fine torneo. Padova – Atalanta, quindi inizio ore 20, 45. Va al sito ufficiale del Calcio Padova alla pagina dedicata alle info sulla prevendita e, in attesa, di andare a tifare per il Padova potreste leggervi il mio post di mercoledì “Calcio Padova: varie ed eventuali” e magari la categoria Calcio Padova 1910 nella quale troverete archiviati i post dedicati alla squadra della nostra città. Forza Padova!

 

Come sempre per finire ricordo alcuni riferimenti per i turisti e chi verrà da fuori a trascorrere un week end o più, piuttosto che una giornata in città e/o provincia. Segnalo il sito Turismo Padova Terme Euganee, e la pagina dei pacchetti speciali del Consorzio di promozione turistica Welcome Padova di cui ho scritto qualche post fa (Welcome Padova, il marketplace del turismo padovano!) e dulcis in fondo il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie.

Buon fine settimana! 😉

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

101-festa.jpgQuest’oggi, dopo l’attesa quanto insperata vittoria di sabato scorso a Pescara, ho pensato di parlare del Padova e di fare qualche riflessione su questo momento. Non sono particolarmente fanatico del gioco del calcio, anzi, potendo sciegliere tra una partita ed una serata al cinema preferirei il cinema ma quando si parla di Calcio Padova si rovescia tutto perchè sono un tifoso di questa squadra e solo chi ha questa passione mi può capire e lo sono da quando ho 7 anni e da quando mio padre per la prima volta mi portò al mitico Stadio Appiani. Non c’è Milan, Inter o Juventus che tenga…non mi interessa niente se non delle vicende della squadra della nostra città, la squadra dalla maglia biancoscudata, non a caso questo post finirà nella categoria dedicata “Calcio Padova 1910” in cui ho dato libero sfogo ai miei “deliri” scudati…eheh 🙂

Questo campionato, come tutti i campionati del Padova, è travagliatissimo…Non ricordo un campionato in cui poter seguire la squadra in tutta serenità o perchè si ambiva a risultati importanti, come una promozione, o piuttosto si “soffriva”, sportivamente parlando, per ottenere una salvezza nella propria categoria. Pure quest’anno, dopo un inizio spumeggiante ci siamo trovati in una fase di tracollo, un’emorragia di punti che ci ha portato ad una situazione di classifica precaria. Ora, dopo il cambio dell’allenatore, via Calori per il giovane Dal Canto, abbiamo ottenuto la prima vittoria fuori casa (vedi gli highlights di Pescara-Padova 0-2) e speriamo di risollevarci un po’ ma, come sempre, chi segue il Padova deve mettere in preventivo di “frequentare” un ambiente in cui tensione ed emozioni di natura contrastante sono all’ordine del giorno e questo, onestamente, un po’ mi ha stancato, sul piano “nervoso” e anche sul piano “sportivo”.

jpg_3416249.jpgSi dice che Padova sia una piazza con un pubblico esigente e questo è vero ma i risultati ed il sogno della serie A si raggiungono con il tempo e la programmazione che può durare più di qualche anno, tempo e programmazione che stridono con una certa isteria collettiva che fa si che dopo 2 vittorie ci si esalti oltremodo così come 2 sconfitte ci si deprima. Forse la società non ha parlato in modo univoco. L’obiettivo di quest’anno doveva essere un campionato “sereno” di transizione, come detto dal d.s Rino Foschi e forse male ha fatto il presidente ad esaltarsi ed ad illudere la piazza iniziando a parlare di play-off in modo prematuro, per quanto i risultati alll’inizio lasciassero bene sperare. Poi questi si son fatti  deludenti negli ultimi mesi ed hanno scontentato il pubblico che si era, appunto illuso, di ottenere risultati importanti, fino ad arrivare alla rabbia e alla contestazione di Cittadella che ci sta tutta, ci mancherebbe ,perchè la squadra ha giocato davvero male così come si sa che nel calcio l’allenatore che non ottiene risultati rischia il posto, così come qualunque manager di un’azienda, del restp. Il calcio però non è una scienza esatta e, come detto all’inizio, per ottenere certi risultati non si può continuare a cambiare allenatori e squadra in continuazione…L’esonero di Calori, come detto, visto il momento negativo della squadra, ci sta perchè la situazione delicata necessitava di una scossa ma il cambio continuo di allenatori e giocatori (una media di due allenatori a stagione da qualche anno a questa parte…) non dovrebbe diventare il “leit-motiv” della gestione del Padova altrimenti non si andrà mai da nessuna parte ed il tifoso dovrebbe accettarlo senza pretendere tutto e subito, altrimenti si finisce col crere aspettative deleterie, facili illusioni e conseguenti delusioni che poi, ogni anno, portano a rivoluzionare di nuovo tutto per poi dover ricominciare ogni volta daccapo.

Schermata2011-03-18a14.29.12.pngOra, da quì alla fine del campionato, sosteniamo la squadra ed il nuovo allenatore Dal Canto (foto a destra), il più giovane tra A e B (36 anni), confidando che capitan Italiano (sopra a sinistra al tiro) riesca con la sua personalità a trascinare i suoi compagni, in modo tale da raggiungere tutti assieme la salvezza e garantirci un altro campionato di serie B per poi, anno dopo anno, crescere e mettere le basi per maggiori successi perchè la pazienza che chiedo non è senz’altro sinonimo di rassegnazione o mancanza di ambizione. Padova ha le potenzialità e dovrebbe avere l’ambizione per arrivare in serie A e restarci per tanti anni, facendo campionati brillanti, nella speranza, in questo modo, di aumentare le simpatie di cui gode in città (fino a questo momento non molte o quantomeno non abbastanza secondo me)…1298396393966_stadio2.jpgPersonalmente non mi interessa fare 2 campionati di serie A da ultimi posti in classifica: l’obiettivo dovrebbe essere quello di farne 10 di serie A a buoni livelli ecco perchè è necessaria pazienza e programmazione e magari un bel restyling dell’Euganeo come quello proposto dagli architetti padovani Baracco e Camuffo che vedete nella foto a fianco (rileggi l’articolo pubblicato da “Il Mattino di Padova”), il mio vero sogno per il futuro del Padova ,perchè senza uno stadio dignitoso, anzi bello, ogni discorso ambizioso è difficile da affrontare, secondo la mia opinione, ovviamente.

acp.jpegSarà banale ma, a mio avviso, anche “snobbare” la squadra della propria città come succede in uno sport popolare e diffuso come il calcio a vantaggio delle grandi squadre più titolate, sarà anche normale come qualche amico mi ha detto, ma è secondo me espressione di un certo provincialismo di cui soffre la nostra città che invece meriterebbe un maggior “attaccamento” così come lo meriterebbe il Calcio Padova perchè, non dimentichiamocelo, il Padova ha una storia di 100 anni più che dignitosa! Sarà che tutti vogliono un po’ “viaggiare in prima” e allora si sentono più realizzati a definirsi tifosi di squadre più famose e vincenti a livello nazionale ed internazionale…

Se nei suoi primi 100 anni di storia il Calcio Padova ha fatto molta serie C, parecchia serie B e poca serie A, non c’è scritto quindi da nessuna parte che nei successivi 100 la situazione non si possa invertire e molto dipende dalla mentalità dell’ambiente per cui Forza Padova!!!..fin da sabato sera (ore 20,45) nella difficilissima partita contro l’Atalanta! (vedi info sulla prevendita)

E, per finire, come sempre, ricordo a chi “passa” da queste parti per la prima volta la pagina facebook di questo mio blog (FB: “Il blog di Padova) e magari, se vi va, di suggerirla ai vostri amici in modo tale di allargare la community. Ovviamente, la bacheca della pagina è aperta a singoli ed associazioni che volessero suggerire, segnalare eventi, iniziative e temi di discussione, perchè no? Ciao e alla prossima!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

C_1_Immagini_6424_Immagine.jpgCiao a tutti! Buon lunedì ma con questo post vogliamo soprattutto dare il nostro benvenuto alla primavera? Direi proprio di sì!! Quest’oggi ho pensato di proporvi un contenitore di eventi culturali promosso dall’assessorato al Comune di Padova, l’ennesimo che vi presento. Se quest’estate c’è stato l’ampio calendario di eventi dell’Estate Carrarese (vai al post di presentazione), quest’inverno c’è stata RAM (vai al post di presentazione), la nuova rassegna di arte contemporanea che ha avuto un ottimo successo, ora è il momento di “Universi diversi”: una serie di eventi e manifestazioni che valorizzano la città di Padova, città della Fede e della Scienza che si contraddistingue per le figure innovative e rivoluzionarie che ne hanno segnato la storia, prime fra tutti le figure di Sant’Antonio e di Galileo Galilei. Il nome dato a questa rassegna ben spiega lo spirito di quanto vuole trasmettere. Tre diversi format nell’arco dell’anno che condividono un identico riferimento ideale, quello di una proposta culturale legata all’identità cittadina della Padova del passato e di quella che, come comunità di cittadini, stiamo costruendo. Universi diversi propone un ricco calendario che si sviluppa fra mostre, incontri, proiezioni in diverse sedi espositive e spazi pubblici della città.

1550511638.JPGLeggete la presentazione di Universi Diversi di Andrea Colasio del quale il seguente è un breve brano che spiega l’idea su cui si fonda questo contenitore. “Due personalità che sono al tempo stesso metafora della duplice anima di Padova: una città con un patrimonio religioso tra i più interessanti d’Europa e, al tempo stesso, con una Università tra le più dinamiche ed innovative sul piano scientifico. Padova – simultaneamente – Città della Scienza e Città della Fede: in poche altre città è possibile trovare questa forte compresenza di “Sacro” e “Profano”. Una situazione del tutto originale sulla quale abbiamo voluto costruire un nuovo palinsesto narrativo: Universi diversi appunto che qui presentiamo come chiave di svolgimento per una nuova politica culturale cittadina.

E’ possibile scaricare il pieghevole completo “Universi diversi” e leggere il calendario. Sono compresi eventi ed iniziative molto varie che spaziano dalla musica, al teatro e alla danza, al cinema, alle mostre e molto altro ancora. Iniziative collaudate  come ad esempio Aprile Fotografia, Prospettiva Danza, lo scaffale degli scrittori, il cinema di Eced altri di nuove. Innanzitutto per quanto riguarda le mostre c’è ancora una settimana di tempo per vedere quella di Mimmo Rotella nella galleria ipogea di piazza Cavour ma l’evento più atteso sarà senz’altro l’eccezionale mostra Guariento e la Padova Carrarese di straordinare valore di attrazione turistica tant’è che viene promossa anche dal nuovo format della Padova Card 2011…ma davvero ce n’è per tutti e la varietà delle proposte accontenterà e solleticherà l’interesse di molti. Il tema più caratterizzante di Universi Diversi è però la relazione tra “mondi diversi” quali quello della fede e della scienza.

Nella sezione Padova, città delle fede, Sacre Armonie (concerti e spettacoli), con “Gli itinerari del sacro“, rappresentano alcune delle proposte più innovative, insieme sperimentali e, per la qualità e fama di alcuni degli interpreti, di grande richiamo e spettacolarità. “Gli itinerari del sacro” è un percorso, in diciotto tappe, che invita i padovani a visitare la propria città e ricostruirne la storia, attraverso le sue chiese. E le chiese sono anche il contenitore di alcuni, quelli adatti alla sacralità dei luoghi, degli eventi del programma “Sacre armonie”. Nella sezione Padova città della scienza, la quinta edizione del Premio Galileo per la divulgazione scientifica che rientra da quest’anno in Universi Diversi, una iniziativa che spinge all’analisi razionale dei problemi e invita circa 2.500 studenti di tutta Italia a misurarsi con importanti testi di divulgazione scientifica con il compito di votarli e deciderne il vincitore. Dei due universi, certamente il più “galileiano”, ma soprattutto un’occasione formativa per un gran numero di ragazzi. Il Presidente della giuria scientifica, che cambia ogni anno, è per questa edizione Mario Tozzi, il noto divulgatore de “La gaia scienza”.

Come detto, il programma è molto vario e comprende Poesia, letteratura , Incontri, conferenze , Musica , Prospettiva danzaTeatro 2011 , ,Teatro, cinema, ed IncontraPadova con il suo programma di visite guidate e passeggiate dedicate quest’anno alla Signoria dei Carraresi. Cliccate sui link sopra elencati per scoprire di cosa vi sto parlando, brochures che potete trovare all’interno di musei, teatri e spazi pubblici sottoforma di libretto cartaceo.

E come sempre, ricordo a chi “passa” da queste parti per la prima volta la pagina facebook di questo mio blog (FB: “Il blog di Padova) e magari, se vi va, di suggerirla ai vostri amici in modo tale di allargare la community. Ovviamente, la bacheca della pagina è aperta a singoli ed associazioni che volessero suggerire, segnalare eventi, iniziative e temi di discussione, perchè no? Ciao e alla prossima!

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

725540060.jpegCiao a tutti, ed eccoci all’ultimo weekend invernale! Da lunedì torna la primavera e sabato 19 è la Festa del papà sicchè ricordatevi un pensierino per i vostri “vecchi”! 🙂

Per conoscere tutti gli eventi in programma vi consiglio di consultare come sempre il sito di Padova Eventi dove potete leggere le proposte e le iniziative organizzate su tutto il territorio provinciale anche quelle che io dimentico di ricordarvi…In particolare per avere una panoramica completa delle mostre in programma e scoprire le prossime mostre che apriranno a Padova vi rimando a questa pagina del portale.

C_1_Immagini_7219_Immagine.jpgLe celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia si sono concluse ieri. Tuttavia le occasioni per celebrare questa importante ricorrenza non mancheranno fin da subito. Il calendario di msotre, incontri, conferenze e pubblicazioni è fitto e potete leggerne le informazioni anche nel bel libretto pubblicato dall’assessorato alla cultura “Padova per il 150”.  Ricordo inoltre un appuntamento che mi piace molto vale a dire “L’Italia al Caffè” e cioè gli intermezzi teatrali che anche questo fine settimana animeranno il Caffè Pedrocchi per celebrare i 180 anni dello storico caffè padovano e i 150 anni dell’unità d’Italia (rileggi “L’8 febbraio, il Caffè Pedrocchi e i suoi 180 anni e l’unità d’Italia”).

319000311.jpgVenerdi e sabato sono giornate in cui è possibile visitare la torre e l’orologio-astrario di Giovanni Dondi in Piazza dei Signori come vi ho segnalato nel post di mercoledì “Visite guidate alla Torre e all’orologio-astrario di Piazza dei Signori” e sabato mattina continuano le visite ai sotterranei del Palazzo della Ragione, visita davvero interessante di cui vi avevo scritto in questo post. Se sabato sarà una bella mattinata di sole il mio consiglio è quello di andare a fare colazione in un bar del centro e poi gironzolare tra le piazze che di per sè è un piacere, almeno per me, e poi recarvi a visitare uno di questi spazi della città non troppo conosciuti. Per la visita alla Torre dovete recarvi sul posto un po’ prima per prenotare se già non avete prenotato telefonicamente mentre per la visita ai sotterranei la prenotazione telefonica è necessaria. Seguite i link per le info.

C_1_Immagini_7198_Immagine.jpgC’è ancora tempo per visitare Antiquaria 2011 che si concluderà domenica 20. Esposizione dedicata alla compravendita delle opere antiche quali dipinti, mobili, oggetti preziosi, tappeti antichi, vetri e gioielli. Novanta gallerie, provenienti da tutta l’Italia, espongono grandi pezzi e grandi capolavori, realizzati dal Rinascimento al ‘900. La manifestazione è giunta alla sua 24° edizione confermandosi un importante punto di riferimento per collezionisti, investitori e amanti dell’arte antica. Con il patrocinio dell’Assessorato alla cultura del Comune di Padova, della Regione del Veneto e della Provincia di Padova. Biglietto intero 5 euro, ridotto per bambini fino a 12 anni e over 60: 2,50 euro. Orari: sabato, domenica dalle ore 10:00 alle ore 20:00; dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle ore 20:00.

Dal 18 al 20 marzo ci sarà Verdecittàoutdoor design, verde urbano ed educazione ambientale. L’evento, organizzato dal Settore Verde, Parchi, Giardini e Arredo Urbano in collaborazione con il Consiglio di Quartiere 3 Est, si propone di valorizzare il paesaggio urbano attraverso azioni orientate alla creatività e all’attenzione per l’ambiente. Verdecittà si articola in:

C_1_Immagini_7220_Immagine.jpg

  • Outdoor design dedicata al design per esterni e rivolta ad aziende e giovani designer impegnati nella progettazione e realizzazione di arredi per l’esterno. Gli oggetti trovano nel parco la collocazione più appropriata al fine di creare una situazione che si avvicini ad una configurazione permanente del parco.Vengono allestiti giochi per bambini illuminati da celle solari.
  • Giardini nel parco dove alcune aziende compongono aiuole nel Parco d’Europa al fine di diffondere la conoscenza della botanica e delle specie nella loro ricchezza di espressione in termini di varietà, nonchè di illustrare le innumerevoli modalità con le quali si possono comporre e associare le piante. Vengono allestite anche pareti verdi, tetti verdi e realizzato anche un giardino di piante commestibili.
  • Sedute d’artista – una selezione di artisti contemporanei invitati a decorare una serie di sedie a sdraio. Durante la manifestazione le sedie vengono vendute al pubblico; i fondi ricavati saranno utilizzati per un intervento di recupero di un’area del parco.
  • Educazione Verde – i parchi d’Europa e Venturini-Natale, collegati fra loro dalla nuova passerella su via Venezia, vengono animati da iniziative di educazione paesaggistica, attività ludico-ricreative con associazioni sportive, gare di orienteering botanico, dimostrazioni di arboricoltura ornamentale ed interventi in tree climbing, visite al Giardino di Cristallo e alla sua collezione di piante succulente.

Le aree scelte per l’evento sono il Parco d’Europa (zona di Padova adiacente la Fiera) e il Giardino Venturini-Natale: parchi che diventano una vetrina-contenitore di momenti legati all’ambito del mondo vivaistico, dell’outdoor design e dell’arredo urbano.

915346382.jpgConoscete Esapolis? Il museo/centro/insettario di Padova? Un posto davvero unico e senz’altro molto curioso…Avevo presentato Esapolis assieme alla Butterfly Arc-Casa delle farfalle nei primi tempi del blog con il post Farfalle ed insetti per tutti i gusti!

Venerdì 18 sera alle ore 21 inizieranno le nuove serate scientifiche con argomenti curiosi ed interessanti al Museo di Esapolis per gli studiosi, gli appassionati e per i curiosi. Immagino che molti bambini lo siano, almeno io lo ero riguardo alla vita di questi animaletti ma la curiosità e l’interesse per una cosa non è certo una questione di età. Vi ricordiamo che gli incontri sono gratuiti e aperti a tutti. Il primo incontro di venerdì sarà:  “Un incontro irritante. A tu per tu con invertebrati bene armati” in cui il Prof Andrea Battisti dell’Università di Padova ci introdurrà nel mondo di alcuni animali dalle difese straordinarie e ci farà vedere da vicino alcuni fastidiosi esemplari. Il secondo incontro invece si terrà il 25 marzo riguarderà il mondo sommerso: “L’uomo nell’acquario. Gli straordinari abitanti dell’acqua.. a casa nostra”. Nell’incontro, promosso da Sera Italia, il Dr. Giuseppe Mosconi ci farà scoprire le meraviglie degli acquari e come essi rappresentino ormai molto di più di un recipiente con acqua e pesci all’interno. Sabato 19 marzo in occasione della Festa del papà ogni papà accompagnato da almeno 1 bambino (fino a 13 anni compiuti) potrà entrare gratuitamente alla Casa delle Farfalle di Montegrotto Terme o ad Esapolis.

caparezza.jpegCome sempre per la musica dal vivo, i concerti, i club delego al sito PadovaByNight. Non senza segnalarvi ancora il sito dell’Unwound club, locale culto dell’underground cittadino che propone ogni fine settimana serate a tema “musicale” e concerti di qualità. Leggi le presentazioni dei concerti di questo fine settimana! e anche quello del Fishmarket che propone concerti tutti i venerdì sera (questa sera l’irresistibile cantante ballerino showman da Washington D.C. sul palco con Michele Bonivento Luca Bortoluzzi Emanuele Foglio vedi su youtube) mentre sabato sera Cinefish che proporrà film a tema ovviamente musicale. Questo sabato c’è...clicca quì al sito ufficiale per scoprirlo! Per gli spettacoli al Gran Teatro GEOX, questo weekend è previsto un concerto di quella sagoma di un Caparezza! Anche questo weekend un evento di qualità di quelli che la Zed sta portando in città e di cui ho accennato nel post “Gran Teatro GEOX. Ma quanti spettacoli!” e vi ricordo settimana per settimana.

Buon fine settimana! 😉

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

8febbraioprof150italia.jpgCi siamo. Siamo giunti alle giornate dedicate al 150° anniversario della nostra Italia, bistrattata, violentata, usata, dileggiata dal mal costume piuttosto diffuso ma paese straordinario per via dell’incredibile patrimonio culturale e artistico che tutti ci invidiano e per molte altre ragioni, paese dalle mille identità, storie e tradizioni che possono benissimo trovare “rifugio” sotto al tricolore italiano nella speranza che le specificità e le ricchezze locali vengano valorizzate come preziose gemme del nostro paese.

Nell’epopea risorgimentale molti giovani di tutta Italia hanno dato la propria vita per costruire questo paese e la valorizzazione delle identità locali non è assolutamente una contraddizione con lo spirito nazionale, anzi, almeno secondo me.

tricolore_leone--190x130.jpgAnche la bandiera adottata dalla Repubblica Veneta di Daniele Manin era il tricolore italiano con il Leone di S. Marco (vedi quì a sinistra) e, sebbene il referendum veneto per l’unità avvenne 5 anni dopo, furono molti i veneti che per questo obiettivo si batterono. Come ho avuto modo di dire non è un caso che a Padova ci sia un Museo del Risorgimento, proprio nel luogo dove ci fu il primo moto per la libertà contro l’impero austriaco l’8 febbraio 1848 in cui giovani studenti assieme ai popolani si ribellarono all’arroganza del potere asburgico (rileggi il post “L’8 febbraio, i 180 anni del Caffè Pedrocchi e l’Unità d’Italia”). Non a caso ho scelto come immagini di apertura di questo post così come immagine profilo della pagina facebook del blog una stampa di quei giorni. La storia e lo spirito risorgimentale di Padova possono essere “rivissuti” nel corso degli intermezzi teatrali al Caffè Pedrocchi che ogni fine settimana vi ricordo e che rientrano nel programma de L’Italia al Caffè. La scorsa settimana nella trasmissione “La storia siamo noi” di Rai Educational una puntata è stata dedicata ad un grande patriota, il padovano Ippolito Nievo. Clicca quì per rivedere la puntata.

188176_185576168151188_487406_n.jpgUn’Unità che unisce. Potrebbe essere lo slogan delle Celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia a Padova: “Nella nostra provincia le polemiche sono marginali mentre numerose e sentite sono le iniziative proposte da tanti soggetti” ha affermato il prefetto Ennio Mario Sodano presentando il programma delle Celebrazioni in programma il 16 e 17 marzo insieme al sindaco Flavio Zanonato e alla presidente della Provincia Barbara Degani. Il Prefetto dopo aver sottolineato la grande valenza della seduta straordinaria congiunta del Consiglio Comunale di Padova e del Consiglio Provinciale cui sono stati invitati gli 800 consiglieri comunali della provincia che si terrà mercoledì 16 alle 17.45 in Palazzo della Ragione, si è detto “orgoglioso” che a Padova il 17 marzo sia convocato in seduta straordinaria il Consiglio Regionale del Veneto” seduta che si terrà alle 10.30 nell’Aula Magna del Bo. “Questa festa è un’occasione per ritrovare le ragioni dello stare insieme, per capire che non è possibile fare tutto da soli e che quando siamo troppo critici dobbiamo ricordare che i contributi non gli ha messi l’unità d’Italia, ma noi con il nostro agire quotidiano”.

salone_tricolore.jpgMa giungiamo subito al programma di questi festeggiamenti. Padova Eventi ha creato una pagina su facebook dal titolo “Padova festeggia i 150 anni dell’Unità d’Italia” dove potete trovare le iniziative di queste giornate e la possibilità di interagire e mostrare la propria partecipazione che comunque da giorni si sta notando in città con le bandiere tricolori che via via hanno iniziato a far bella mostra di sè e con le iniziative promosse dalle varie realtà cittadine. Potete trovare su padovanet il programma completo dei festeggiamenti nelle giornate di oggi, mercoledì 16 e domani gioved’ 17 marzo.

Dolce-Garibaldi-372x279.jpgNella giornata di oggi, mercoledì 16 marzo, i commercianti potranno tenere aperto fino alle ore 24,00 e molti lo faranno. Diverse le proposte che sono emerse dai commercianti e ristoratori, rivolte alla clientela, per rendere omaggio a questo momento di celebrazione storica che tutto il Paese è prossimo a festeggiare. Menù a tema, ricette tricolore, dolci ideati appositamente per l’occasione e ancora vetrine addobbate, bandiere, coccarde lungo le vie del centro e nelle vetrine dei negozi. Avrete già visto sin dai giorni scorsi vetrine, bar e negozi addobbati con le bandiere e personalmente mi è piaciuta l’invenzione di alcuni dolci da parte dei pasticceri padovani che per le ricorrenze sono soliti creare un qualche dolce che magari nel corso degli anni diverrà famoso e di largo consumo. In qust’occasione si potrà festeggiare l’Unità d’Italia mangiandosi un “Garibaldino” (vedi immagine a destra) (la sagoma di Garibaldi in sella al suo cavallo, in pasta frolla decorata)…Clicca quì per saperne di più e vedere in quali pasticcerie si possono trovare e quali i piatti proposti dai ristoratori. Stasera è anche la “notte del Tricolore” con il grande spettacolo pirotecnico in Prato della Valle che accenderà di verde, bianco e rosso l’isola Memmia e il Foro Boario, preceduto da concerti di bande e orchestre civiche oltre che dal grande concerto dell’Orchestra di Padova e del Veneto nel Salone di Palazzo della Ragione.

P1060206.JPGGiovedì 17 marzo, giornata di festa nazionale (a sinistra una foto dell’interno del Caffè Pedrocchi) si svolgeranno le celebrazioni ufficiali a partire dalle ore 9,00 in via VIII febbraio di Fronte a Palazzo Moroni:onore ai Caduti con deposizione di due corone d’alloro. Alle ore 9,30 in Piazza dei Signori inizio cerimonia. Le autorità prendono posto in tribuna. Alle ore 9,45: rassegna ai reparti schierati; alzabandiera; saluto delle Autorità. Alle ore 10,30 in aula Magna, palazzo del Bo’, convocazione in seduta straordinaria del Consiglio regionale del Veneto. Nel pomeriggio, dalle 15,00 alle 17,00 altro momento popolare di festeggiamenti “Con il tricolore intorno al Prato“, intorno all’isola Memmia con il tricolore in mano per un girotondo a piedi, in bicicletta, con i pattini…e con tutto quello che la fantasia suggerisce. Evento organizzato dall’Assessorato alla cultura e dalle associazioni Tre Erre e Amici della Bicicletta.

Mercoledì 16 marzo dalle ore 19:00 alle 22:00 e giovedì 17 marzo dalle ore 9:00 alle 19:00; sono previste aperture straordinarie ad ingresso gratuito al:

E’ comunque tutta la provincia a festeggiare l’Italia! Guardate dal sito ufficiale 150° Festa Nazionale della prefettura il programma di tutti gli eventi in provincia, sito sul quale trovare anche utili cenni storici.

W L’ITALIA!

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

cuoredimamma.jpegCiao e buon inizio settimana! A pochi giorni dalla festa del papà di che cosa ho deciso di parlare oggi? Ma di mamme e di maternità, no? ovvio!  😀 Ma va benissimo così eh perchè ho voluto raccogliere in un unico post due occasioni ed opportunità previste tra qualche giorno che riguardano mamme e anche papà.

Marianna Martinoni, responsabile “comunicazione e fund raising” del Teatro de Linutile, mi ha segnalato lo spettacolo teatrale di giovedì 17 marzo intitolato appunto “Cuore di mamma”, spettacolo che andrà in scena tutti i giovedì al “Linutile” fino a giovedì 14 aprile alle ore 21 (biglietto unico 11 euro). Del teatro de Linutile ho presentato altre volte i loro spettacoli ma soprattutto ho presentato il teatro stesso con le loro iniziative nel post dal titolo un po’ banale “Ed ecco a voi il Teatro de Linutile!. Di certo non banale è Linutile senza apostrofo tra la “L” e la “i, stiamo attenti su questo, anzi si tratta di una delle realtà più vive ed interessanti della produzione culturale padovana, sin dalla sede di via Agordat, ricavata dagli spazi abbondonati di una ex fabbrica di semafori. Teatro, cultura, impegno sociale (leggi le “attività” dal sito ufficiale) in una location che definirei “cool” in quanto, come nelle grandi città europee, “caso” di riutilizzo di spazi industriali dismessi a favore della cultura, che a detta di molti, dovrebbe/potrebbe/speriamo di si essere la “nuova industria” della società dell’informazione. Argomento molto interessante quanto complesso che richiama approfondimenti a tutto tondo politici, economici, sociologici, filosofici, scientifici…Potete leggere riguardo al Teatro de Linutile sul Linutile Blog e seguirlo anche su facebook.

Cuore di mamma 2011.jpgTornando a “Cuore di mamma”, si tratta di una produzione che piace alle donne ma è utile agli uomini, così dicono quelle/i de Linutile: “Cuore di Mamma” scritto da Michela Salice, interpretato dall’attrice padovana Marta Bettuolo (nella foto a sinistra), per la regia di Stefano Eros Macchi. Lo spettacolo è l’occasione per parlare in modo ironico, critico e disincantato di maternità oggi. “Un figlio cambia la vita!”, da questo pensiero semplice e disarmante parte il racconto della protagonista – interpretata dall’attrice padovana Marta Bettuolo – che in scena scopre e racconta la gioia, la pienezza e la soddisfazione di essere mamma… ma anche le mille fatiche quotidiane, la stanchezza e la frustrazione di non poter condividere con chi le sta attorno piccole e grandi responsabilità. L’occasione per questa riflessione nasce mentre la neo mamma si organizza, o tenta di farlo, per trascorrere una serata con le amiche di un tempo. La protagonista attraversa un vortice di ricordi e avvenimenti che svelano non solo i cambiamenti fisici degli ultimi mesi, ma anche un diverso rapporto con suo marito, ora devoto e apprensivo, ora sfuggente e sbrigativo; con le sue amiche, spensierate eterne ragazze, che la considerano ormai un’aliena; con sua madre, che indiscreta chiede l’attenzione di una figlia madre a sua volta. Ma soprattutto la protagonista si scontra con il resto della società, che la vuole come tutte le “mamme moderne” un’acrobata e una super donna, invincibile e mai stanca; una società facile al giudizio e tanto cieca da non accorgersi che le mamme hanno bisogno di cure e di attenzioni esattamente come i figli che mettono al mondo. Lo spettacolo viene presentato in modo approfondito nel corso di un’intervista televisa alla direttrice Marta Bettuolo e a Michela Salice, la scrittrice dello spettacolo che potete vedere cliccando quì.

Per info e prenotazioni: Teatro de LiNUTILE Via Agordat, 5 – 35138 Padova Tel. 049/2022907 Mail: info@teatrodelinutile.com Le prenotazioni restano valide fino a 15 minuti prima dell’inizio degli spettacoli.

——————————————————————————————————————————————————————–

logo_cinemamme_home.jpgDal teatro al cinema con l’iniziativa “Cinemamme, Il piacere di andare al cinema anche durante l’allattamento“. La felicità e l’orgoglio di essere neomamme vanno condivisi e premiati, tenendo lontano il pericolo di sentirsi diverse, sole. Contro il “baby blues” Cinemamme offre nuovamente a chi ha “cuccioli” da zero a 12 mesi il piacere di andare al cinema, senza chiedere aiuto alla nonna o alla baby sitter. Un momento per stare insieme coccolati e rilassati. L’appuntamento con ”Cinemamme”  è nei  venerdì mattina alle 10.15, dal 25 marzo al 6 maggio, al CINEMA PORTO ASTRA (Bassanello), proprio davanti alla fermata del tram (ma per chi usa l’auto, c’è un comodo, grande parcheggio). In programma tanti film novità: prime visioni altrimenti  fuori portata per chi deve giostrarsi tra poppate, cambio di pannolini e nanne. Durante le proiezioni i bambini non verranno disturbati né svegliati dal dolby surround perché il volume sarà più basso del solito; i genitori potranno portare in sala latte e biscotti, a disposizione  fasciatoio per il cambio e chi vorrà allattare lo potrà fare in assoluta tranquillità. Ma l’appuntamento con “Cinemamme” riserva altre occasioni  imperdibili per i neogenitori. Prima e dopo le proiezioni, il Porto Astra mette a disposizione i suoi spazi per rilassarsi e chiacchierare, ma soprattutto per partecipare agli incontri tematici organizzati a cura di  2000OASI. Psicologhe, pedagogiste ed esperti affronteranno i temi “caldi” della primissima infanzia e della maternità, spaziando dai cambiamenti d’umore postparto ai benefici dell’acqua, dal rimettersi in forma dopo la gravidanza alle prime regole educative contro i capricci.

cinemamme2011.JPG“Cinemamme”, che gode del patrocinio del Comune di Padova, è sostenuto da Tigotà e vede la collaborazione del Cinema Porto Astra, dell’Agis Triveneto e di Aps Advertising. Organizzazione Citta delle mamme – Angela Bigi. Film e conferenze sono tutti  ad ingresso gratuito. Il primo appuntamento è venerdi 25 marzo ore 10.15, Film “La verità fa male”, di Ron Howard. Con Vince Vaughn, Kevin James, Winona Ryder, Jennifer Connelly, Queen Latifah. Usa 2011. A seguire l’incontro:”I cambiamenti fisici e personali che avvengono con la gravidanza e l’allattamento”, condotto dalla dott.ssa Cristina Paroni, psicologa e psicoterapeuta. Vai al programma completo delle propiezioni e delle conferenze.

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

725540060.jpegCiao a tutti, ed eccoci al post del venerdì che come i lettori più affezionati sanno è quello dedicato alle proposte per il fine settimana.

Come sempre ricordo ai turisti e a chi verrà da fuori a trascorrere un week end o più piuttosto che una giornata in città e/o provincia il sito Turismo Padova Terme Euganee, e la pagina dei pacchetti speciali del Consorzio di promozione turistica Welcome Padova di cui ho scritto qualche post fa (Welcome Padova, il marketplace del turismo padovano!) e dulcis in fondo il sito della PadovaCard che consente numerose agevolazioni, moltissimi ingressi gratuiti a musei e monumenti, riduzioni per mostre ed esposizioni varie ecosì come l’ho presentata nel mio post di lunedì scorso. Per conoscere tutti gli eventi in programma vi consiglio di consultare come sempre il sito di Padova Eventi dove potete leggere le proposte e le iniziative organizzate su tutto il territorio provinciale anche quelle che io dimentico di ricordarvi…In particolare per avere una panoramica completa delle mostre in programma e scoprire le prossime mostre che apriranno a Padova vi rimando a questa pagina dal portale.

logo_big.jpgSi avvicina il 17 marzo, 150° anniversario dell’Unità d’Italia ed è attivo il sito ufficiale delle celebrazioni a Padova ed in provincia.  In attesa di pubblicare un post dedicato, presumibilmente, il giorno 16, vi ricordo intanto un appuntamento che mi piace molto vale a dire “L’Italia al Caffè” e cioè gli intermezzi teatrali che anchequesto fine settimana animeranno il Caffè Pedrocchi per celebrare i 180 anni dello storico caffè padovano e i 150 anni dell’unità d’Italia (rileggi “L’8 febbraio, il Caffè Pedrocchi e i suoi 180 anni e l’unità d’Italia”).

319000311.jpgRicordo che venerdi e sabato sono giornate in cui è possibile visitare la torre e l’orologio-astrario di Giovanni Dondi in Piazza dei Signori come vi ho segnalato nel post di mercoledì “Visite guidate alla Torre e all’orologio-astrario di Piazza dei Signori” e sabato mattina continuano le visite ai sotterranei del Palazzo della Ragione, visita davvero interessante di cui vi avevo scritto in questo post. Se sabato sarà una bella mattinata di sole il mio consiglio è quello di andare a fare colazione in un bar del centro e poi gironzolare tra le piazze che di per sè è un piacere, almeno per me, e poi recarvi a visitare uno di questi spazi della città non troppo conosciuti. Per la visita alla Torre dovete recarvi sul posto un po’ prima per prenotare se già non avete prenotato telefonicamente mentre per la visita ai sotterranei la prenotazione telefonica è necessaria. Seguite i link per le info.

C_1_Immagini_7198_Immagine.jpgDa sabato 12 al 20 marzo ci sarà Antiquaria 2011. Esposizione dedicata alla compravendita delle opere antiche quali dipinti, mobili, oggetti preziosi, tappeti antichi, vetri e gioielli. Novanta gallerie, provenienti da tutta l’Italia, espongono grandi pezzi e grandi capolavori, realizzati dal Rinascimento al ‘900. La manifestazione è giunta alla sua 24° edizione confermandosi un importante punto di riferimento per collezionisti, investitori e amanti dell’arte antica. Con il patrocinio dell’Assessorato alla cultura del Comune di Padova, della Regione del Veneto e della Provincia di Padova. Biglietto intero 5 euro, ridotto per bambini fino a 12 anni e over 60: 2,50 euro. Orari: sabato, domenica dalle ore 10:00 alle ore 20:00; dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle ore 20:00.

bocephus.jpegCome sempre per la musica dal vivo, i concerti, i club delego al sito PadovaByNight. Non senza segnalarvi ancora il sito dell’Unwound club, locale culto dell’underground cittadino che propone ogni fine settimana serate a tema “musicale” e concerti di qualità. Leggi le presentazioni dei concerti di questo fine settimana! e anche quello del Fishmarket che propone concerti tutti i venerdì sera (questa sera il live di Bicephus King, il songwriter di Vancouver (vedi foto a destra) da molti paragonato a Tom Waits ritorna in italia con la sua band canadese per presentare l’ultimo l’atteso CD. Imperdibile) mentre sabato sera Cinefish che proporrà film a tema ovviamente musicale. Questo sabato12 marzo c’è “DREAMGIRLS” (Bill Condon, 2006). Musical pluripremiato con un cast d’eccezione. E’ la storia romanzata delle Dreamettes, trio di cantanti (palesemente ispirato alle Supremes), che negli anni ’60 diede un importantissimo contributo all’affermarsi della musica afroamericana negli USA e nel mondo. Con un’eccellente Beyoncé Knowles, e Jennifer Hudson al suo debutto sul grande schermo.”

locandinaweb.jpgPer gli spettacoli al Gran Teatro GEOX, questo weekend è previsto un doppio appuntamento! Anche questo weekend altri spettacoli di qualità che la Zed sta portando in città e di cui ho accennato nel post “Gran Teatro GEOX. Ma quanti spettacoli!” e vi ricordo settimana per settimana. Stasera, venerdì 11 marzo e domani sabato 12 marzo c’è “Aggiungi un posto a tavola” che ritorna a 35 anni dal suo debutto. Si tratta di una delle commedie musicali più amate. La regia è curata dal primo protagonista, Johnny Dorelli. Il figlio Gianluca Guidi raccoglie il testimone nel ruolo di Don Silvestro. Lo spettacolo firmato dalla premiata ditta Garinei e Giovannini, con le musiche di Armando Trovajoli, è stato rappresentato per la prima volta nel 1974. Ritroviamo in questa nuova versione le coreografie di Gino Landi. Fin dalla sua prima rappresentazione “Aggiungi un Posto a Tavola” ha conquistato il cuore del pubblico che ha applaudito i suoi personaggi in ogni angolo del mondo. È uno dei pochi casi di commedia internazionale, rappresentata in 50 versioni, in Russia, Inghilterra, Brasile, Cecoslovacchia, Austria, Argentina, Messico, Perù e Spagna.La storia, è liberamente ispirata a “After me the deluge”, commedia letteraria di David Forrest. Don Silvestro, giovane parroco di un paese di montagna, riceve la telefonata di Dio che lo avverte dell’imminente arrivo di un secondo diluvio universale. Don Silvestro dovrà quindi costruire una seconda arca aiutato dai suoi parrocchiani. Il Sindaco del paese, l’ateo Crispino, cerca di ostacolare l’impresa. Prima del diluvio un cardinale convince la gente del paese a non seguire Don Silvestro che viene così considerato pazzo. Sale sull’arca solo Clementina, la giovane figlia del sindaco, innamorata del curato. Tra i personaggi più noti della storia c’è anche Consolazione, una prostituta che distrarrà gli uomini del paese dai loro doveri familiari.

Buon fine settimana! 😉

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton

2025488338.jpgDella Torre dell’Orologio di Piazza dei Signori ho parlato più volte in varie occasioni. Quando la scorsa estate si sono conclusi i lavori di restauro del’orologio astrario con il post “La notte del tempo, l’orologio restaurato e Giovanni Dondi“, Giovanni Dondi, padovano illustre, che oltre a progettare l’orologio e astrario, pare, secondo la leggenda, colui che importò dalla Polonia la famoga gallina padovana. Dell’orologio- astrario ho parlato anche nel mio post di presentazione della realizzazione dell’orologio-astrario da polso firmata “Morellato” nel post Padova nel mondo con l'”astrario” da polso“.

Torno a parlarvi di questa icona di Padova, la torre dell’orologio, di Piazza dei Signori perchè sabato mattina sono stato a visitarla. Non è possibile fare foto vi avverto sicchè non andate lì con attrezzatture fotografiche varie perchè non si può anche se mi sarebbe piaciuto. Comunque sia la visita è molto interessante ed è un “must” per un padovano che voglia conoscere la propria città. Davvero c’è da stupirsi di quanti piccoli grandi tesori la nostra città sia in grado di offrire. La torre dell’orologio di Piazza dei Signori è infatti visitabile dall’interno dopo che, lo scorso giugno è tornato a funzionare dopo oltre 30 anni!!

168162826.jpgLe visite guidate sono realizzate dai volontari di Legambiente Salvalarte grazie ad una convenzione con l’Assessorato alla cultura del Comune di Padova ed è presente anche uno degli esperti orologiai dell”associazione Arass Brera, associazione per il restauro degli antichi strumenti scientifici, che ha realizzato concretamente il restauro assieme alla ditta Nonfarmale Ottorino srl, che si è occupata della mostra meccanica esterna, mentre l’intervento sulla torre è stato affidato alle ditte Palladio restauri srl e Tecnob.

L’Orologio attuale è la riproduzione di quello originale costruito nel 1344 da Giovanni Dondi, distrutto in un incendio. L’orologio astronomico, uno dei primi in Italia, mostra informazioni relative alle posizioni del Sole e della Luna rispetto allo Zodiaco grazie ai suoi particolari quadranti e meccanismi. Questi meccanismi sono contenuti in tre dei cinque piani interni della Torre, alta 30 m e costruita nel 1428. Dall’appassionata esposizione delle guide ho appreso come l’orologio originale fosse rivolto verso piazza Duomo che era la piazza centrale della città su cui si affacciavano i palazzi del potere temporale (la reggia carrarese con il suo ingresso principale laddove c’è l’Arco Vallaresso) e quello spirituale rappresentato appunto dal Duomo. Con la venuta dei veneziani,cancellati i simboli del potere carrarese la piazza centrale divenne l’attuale Piazza dei Signori e fu così che venen decisa la costruzione di una torre orologio rivolta su questa piazza.

C_1_Immagini_6991_Immagine.jpg

Riguardo la tecnologia dell’orologio le parole di una guida hanno ben reso l’idea quando ha definito l’orologio-astrario di Giovanni Dondi come l’ipad2 in copia unica! In Europa, davvero, non ha avuto eguali per anni ed è stato il primo ad utilizzare questa tecnologia che era all’avanguardia per i tempi. C’è da rimanere increduli ad apprendere come quegli ingranaggi, mossi da un pendolo collegato ad un peso di oltre 150 kg, mettessero in moto un complesso “gioco” di fili e leve in grado di scandire il tempo e le fasi lunari per secoli. Ora la ricarica è automatica ma il peso è presente e funzionerebbe ancora ma gli ingranaggi continuano a muoversi e a funzionare nella stemma maniera in cui funzionavano nel XIV secolo! L’orologio restaurato è ora il più antico orologio funzionante d’ Europa (anno di costruzione 1424)!

Tornati al piena terra, siamo stati accompagnati da un’altra guida di Legambiente Salvalarte (che meritano l’offerta libera che si può dare nel corso della visita per l’associazione) all’interno di quello che rimane della Reggia Carrarese dalla quale si staccava il “traghetto”, la via di fuga che collegava la reggia al castello a garanzia della sicurezza della corte in caso di pericolo, di rivolte o invasioni. All’interno della reggia sono visibili gli affreschi del Guariento, un’anticipazione della grande mostra “Guariento e la Padova carrarese”, evento accompagnato anche dal lancio della Padova card 2011 di cui ho scritto nel post di lunedì.

E’ possibile visitare la Torre dell’Orologio tutti i venerdì e i sabato. Fasce orarie delle visite: 10:00 – 10:30 – 11:00  – 11:30.

Le visite sono ad ingresso libero ma è necessario prenotare. Si sale sulla torre a gruppi di 10 persone. Le guide invitano a presentarsi all’appello 10 minuti prima rispetto all’orario di inizio della visita così da non ritardarle. le visite durano una mezzoretta circa. Per prenotare è necessario recarsi presso la Torre dell’Orologio, nei giorni e negli orari di visita. Per informazioni: Legambiente Padova Telefono 049 8561212.

PS:Come sempre lo spazio commenti è aperto per dire la vostra e commentare. Ricordo inoltre la pagina facebook “Il blog di Padova” sulla quale potete interagire, esprimere opinioni su quanto avviene in città e postare foto o video che la riguardano. Basta cliccare su “like” nello spazio “fb” a fondo pagina.

My facebook: Alberto Botton

My Twitter: albertobotton